I "furbetti del cartellino" ora risarciscono l'Asl

Si tratta del personale medico e di altri dipendenti delle strutture sanitarie di Molfetta e Monopoli finiti nell'inchiesta giudiziaria

Stanno risarcendo l'Asl di Molfetta e Monopoli i "furbetti del cartellino" pizzicati circa due settimane fa. Ognuno di loro dovrà restituire all'azienda sanitaria cifre che vanno da cento a mille euro. Si tratta di circa una trentina tra medici, infermieri e altri dipendenti del sistema sanitario che lasciavano il posto di lavoro per dedicarsi alle faccende della vita privata. Un vero e proprio scandalo. I reati contestati ai dipendenti sono quelli di truffa aggravata ai danni dello Stato commessa in violazione dei doveri inerenti un servizio pubblico, false attestazioni e certificazioni sulla propria presenza in servizio commesse da dipendente della pubblica amministrazione, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e peculato. Tutti i dipendenti abbandonavano arbitrariamente il luogo di occupazione, in assenza di permessi o autorizzazioni.

Ora stanno ridando quello che avrebbero "rubato" dalle casse della Asl percependo lo stipendio intero pur essendosi assentati.

A darne notizia è Massimiliano Scagliarini sul quotidiano regionale "La Gazzetta del Mezzogiorno".

Gli indagati stanno restituendo il doppio delle somme di denaro che hanno indebitamente percepito. Questo per far venir meno le esigenze cautelari ed evitare il processo dinanzi alla Corte dei conti. Certo non basta la restituzione indennitaria a scagionare i "furbetti" che verranno ascoltate tra giovedì e venerdì per poi aspettare i provvedimenti presi con la delibera del direttore generale della Asl (gli indagati rischiano il licenziamento).

Tra le persone coinvolte ci sono, come detto, anche alcuni medici per cui è scattata la sospensione da parte dell’Ordine in attesa del procedimento disciplinare. Per alcuni di loro e altri dipendenti dell'ospedale "San Giacomo" di Monopoli (erano tredici in tutto i dipendenti coinvolti nello scandalo) è stato fatto ricorso al tribunale del Riesame e i giudici si pronunceranno la settimana prossima.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 30/07/2019 - 18:14

la condanna in se sembrerebbe giusta. ma bisogna anche capire perchè troppo spesso i dipendenti si assentano, nonostante il rischio di licenziamento? come mai , nonostante i clamorosi fatti ormai noti come quelli del vigile di sanremo che scendeva in mutande, oppure questi furbetti della ASL, continuano a "giocare sporco"? io una idea me la sono fatta: nell'azienda non si fa un casso. e la colpa non è solo del dirigente ma anche del direttore, che non li mette in condizioni di lavorare. peggio: se il direttore fa quello che gli pare e si può permettere di dire a un dipendente che io sono io e tu non sei un casso.... ah beh allora....