Quelle voci sulla divisione tra Francesco e Benedetto

Dopo la pubblicazione degli appunti di Ratzinger non è arrivato alcun commento da parte di papa Francesco. C'è chi parla di "forte irritazione"

Papa Francesco, dopo la pubblicazione delle 18 pagine di Joseph Ratzinger sul "collasso morale" della Chiesa cattolica, si è recato a visitare il papa emerito presso il Mater Ecclesiae - era lo scorso quindici aprile - per il suo novantaduesimo compleanno, ma questo gesto, che il papa fa di consueto, non ha affatto placato le voci e le opinioni che danno i due "papi" distanti almeno sulla spiegazione da dare alla "crisi di credibilità". Quella che ha investito alcuni ambienti eccleastici, specie negli Stati Uniti, in Cile, in Francia e in Australia, con gli scandali legati agli abusi.

Gli "appunti" del teologo tedesco, insomma, avrebbero stupito chi, specie nella squadra comunicativa del Santo Padre, non si sarebbe aspettato questa nuova ridiscesa in campo da parte di un uomo - è stato sottolineato in più circostanze da certi commentatori progressisti - che aveva promesso di non esprimersi più. Più di qualche traccia di questo presunto dissapore provato in Vaticano è rintracciabile nel'analisi presentata da Sandro Magister, che ne ha scritto sul suo blog de L'Espresso . Lo stesso racconta pure di una "forte irritazione" da parte di Jorge Mario Bergoglio.

Separare - afferma spesso il pontefice argentino - è un atteggiamento proprio del diavolo. Ma in questo caso è difficile, per chi se ne occupa, non far notare come l'ex arcivescovo di Buenos Aires non abbia dato modo di comprendere quale sia la sua visione rispetto al testo ratzingeriano. Il Santo Padre, insomma, condivide o no quanto scritto dal suo predecessore? Qual è - ancora - l'origine di questo mancata presa di posizione? Forse per spiegare quello che sarebbe un vero e proprio disaccordo tra i due è utile segnalare come Bergoglio abbia ascritto il dramma degli abusi al "clericalismo", mentre Benedetto XVI ha fatto della questione soprattutto un problema di carattere storico, culturale e strutturale. Esiste, tra di loro, una differenza di vedute?

Padre Federico Lombardi - come si legge su La Voce e il Tempo - ci ha tenuto a bollare come "sbagliato" l'atteggiamento di chi interpreta le due visioni in maniera contrapposta: "Benedetto - ha aggiunto l'ex direttore de la Sala Stampa - riconosce naturalmente che Francesco deve continuare a impegnarsi con nuove riforme e sviluppi, e dice che il suo successore lo sta facendo. Benedetto non ha fatto tutto, ha aperto una buona strada e le piste più importanti".

I "due papi", per usare un'espressione impropria, sono insomma in continuità tra di loro secondo Lombardi. Eppure il noto vaticanista Sandro Magister, che vale la pena citare testualmente, si esprime così dopo aver elencato una serie di punti: Su questo - (riferito al motivo che ha scatenato la crisi degli abusi, ndr) la divaricazione tra Francesco e Benedetto resta intatta. E dagli sviluppi imprevedibili". C'è, in poche parole, chi sembra ritenere che le acque in Vaticano possano essere agitate e chi invece pensa che nulla di strano sia accaduto.

Commenti
Ritratto di navajo

navajo

Gio, 18/04/2019 - 17:22

Infatti Bergoglio separa sempre gli italiani sotto la soglia di povertà, di cui non parla mai, dagli immigrati, di cui parla sempre.

Altoviti

Gio, 18/04/2019 - 17:32

Ci sono 150 milioni di europei che vivvono sotto la solgia di povertà, mai sentito che Francesco ne abbia parlato!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 18/04/2019 - 18:20

Francesco torna in argentina,se ci fai questo favore te ne saremo grati.

Holmert

Gio, 18/04/2019 - 18:57

La crisi di credibilità? Non c'era mica bisogno dello scritto di Ratzinger. Bergoglio ci riesce bene da solo.

baronemanfredri...

Gio, 18/04/2019 - 19:32

NAVAJO VEDA CHE DON CICCIO, AL PARI DI BOLDRINI E ALTRI DELLA SINISTRA E CATTOCOMUNISTI PRETI VESCOVI ARCIVESCOVI ONOREVOLI DI SINISTRA ARCI PD CI VOGLIONO COME GLI INDIANI D'AMERICA DISTRUTTI E SOTTOMESSI.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Gio, 18/04/2019 - 19:48

Il Papa deve parlare di Dio. bergoglio glissa quasi sempre

carlottacharlie

Gio, 18/04/2019 - 19:59

Perchè irritazione? Si vede ad "occhio nudo" la differenza tra Benedetto e Francesco e, almeno per me, vince e stravince Benedetto che, oltre all'intelligenza innata, non disdegna d'essere servitore di Cristo. La rovina della Chiesa sono i comunisti che si sono intrufolati facendola crollare. Amen

GPTalamo

Gio, 18/04/2019 - 19:59

Il direttore e gli amministratori del Giornale devono fare qualche riflessione. Ogni giorno che passa, c'e' una notizia contro la chiesa cattolica, con implicazioni negative, e invece esaltazioni di pornostar e personaggi simili. A prescindere dalla veridicita' o meno delle notizie, mi chiedo se questa strategia giornalistica sistematica e ormai prevedibile faccia bene all'Italia e agli italiani.

STREGHETTA

Gio, 18/04/2019 - 20:30

Perché un papa del livello di Ratzinger doveva cedere il posto a un mattatore da palcoscenico come Masticazione Inversa? Teniamoci l'europeo, e rimandiamo a casa, nelle Pampas, l'extracomunitario.

Raffaello13

Gio, 18/04/2019 - 20:31

Bergoglio è andato in carcere a lavare i piedi ai detenuti di colore. Gesto sbagliato, ai tempi di Gesù si lavavano i piedi ai Discepoli, Persone Umili ma oneste; glorificare dei Delinquenti che hanno ammazzato, percosso, violentato o fatto altre violenze sui Deboli e vittime non è Amore o Amicizia, ma Cedimento a gentaglia che si sente orgogliosa della propria cattiveria. Possibile che lo Spirito di Giustizia sia stato azzerato dal cerimoniale buonista?

tosco1

Gio, 18/04/2019 - 21:25

Per quanto mi riguarda non capisco il problema.A me sembra che Bergoglio viva le sue giornate sempre con grande irritazione.Da' l'impressione di essere sempre incavolato,forse con tutto il mondo, ma come ben sappiamo, chi ce l'ha con tutti,ce l'ha anche con se stesso.Si scoglie solo quando si parla di migranti non sventi diritto, si' quelli che non ha sulle spalle lui.Che ci vogliamo fare e' fatto cosi' e qualcuno lo ha scelto per noi. Ma chi?

Una-mattina-mi-...

Gio, 18/04/2019 - 21:58

MA IL LORO DIO, DA CHE PARTE STA?

rosolina

Gio, 18/04/2019 - 22:27

Persino la Emmerick parla delle due chiese e dei due papi….e le parole di tanti santi sono state nei secoli macigni che gli eretici non potranno digerire...Rivogliamo Papa Benedetto XVI, il nostro papa...Chi vuole Bergoglio vada per la propria strada e smetta di commissariare i credenti

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Gio, 18/04/2019 - 23:04

Bergoglio deve.tenersi buoni quelli che lo hanno fatto papa ed hanno convinto Ratzinger ad abdicare.

killkoms

Gio, 18/04/2019 - 23:21

bell'affare!

diesonne

Gio, 18/04/2019 - 23:35

DIESONNE BERGOGLIO SI ACCODA AI POPULISTI BENEDETTO ANALIZZI LE CAUSE E GLI EFFETTI DEL DECADIMENTO MORALE NELLA SOCIETA' E NELLA CHIESA IN GENERALE:SCOPERTA LA CAUSA DELLA MALATTIA SI DEVE TROVARE IL RIMEDIO

Marcolux

Ven, 19/04/2019 - 01:09

Povero Papa, quello vero! Parlo di Ratzinger, costretto a dimettersi a seguito di un golpe dell'internazionale di sinistra, per far posto al primo papa (volutamente minuscolo, comunista! Contro la cultura cristiana e a favore dell'invasione e dell'islamizzazione dell'Italia e dell'Europa. Con l'unica missione di distruggere 2000 anni di storia della Chiesa.

Ritratto di cicopico

cicopico

Ven, 19/04/2019 - 03:54

Prima i clandestini islamici,gli italiani poveri e cristiani non contano,poveri noi,povero gesu.

gabriella.trasmondi

Ven, 19/04/2019 - 08:04

lavare e baciare i piedi agli islamici ne fa un grande papocchio.

krgferr

Ven, 19/04/2019 - 08:32

@GPTalamo...Personalmente penso che all'Italia ed agli italiani facciano assai peggio le ossessive intemerate che ormai giornalmente vengono rivolte nei confronti di costoro da parte di un governo "straniero" che si permette con arroganza di interferire con, ma sopratutto contro, i diritti fondamentali di cui dovrebbero poter godere anche gli Italiani come tutti i membri di qualunque Democrazia. E tutto ciò, paradossalmente, attuato da una struttura monarchica ormai stantia che peraltro continua a dichiarare per se stessa una ragione sociale di tipo ben diverso. Saluti. Piero

gneo58

Ven, 19/04/2019 - 09:00

GPTalamo - stai proprio messo male. Innanzi tutto tanti, (come si usa dire: grazie a dio) ragionano con la propria testa e quindi non c'e' bisogno di scrivere o non scrivere - le cose si "evidenziano" da sole senza necessita' di sottolineature - inoltre, al di la' di tutto bisognerebbe leggere tra le righe e guardare piu' avanti possibile e questo e' da pochi - col suo commento pare che lei non rienti ne' nela prima ne' nella seconda categoria - torni pure ad insegnare catechismo.

un_infiltrato

Ven, 19/04/2019 - 09:07

Il Papa, cioè Jorge Mario Bergoglio, avrà sicuramente usato le intempestive - quanto inopportune - notazioni del suo predecessore dimissionario, come dieci piani di morbidezza.

un_infiltrato

Ven, 19/04/2019 - 09:20

@GPTalamo (Gio, 18/04/2019 - 19:59) - Noto anch'io una certa presa di posizione del Giornale nei confronti del Papa. L'altra sera in tv, credo da Porro, uno svarione del direttore Sallusti che - scambiando Bergoglio per un quaquaraquà politicante in cerca di voti - eccepiva la "assenza della voce del Papa" sull'incendio in corso di Notre Dame.

apostata

Ven, 19/04/2019 - 09:50

non c'era bisogno di scomodare il vaticanista per arrivare a certe conclusioni, dentro il vaticano si pratica la guerra per bande ma non per questioni morali e di sesso degli angeli come gli ingenui e gli ascoltatori di radio maria pensano, ma per ragioni economiche, di potere, per gelosie deviate e poi ci sono il papasuora che ancora non si dà pace e il papa giovane (si fa per dire) con illimitata sete di plauso e ambizioni da prima donna

Holmert

Ven, 19/04/2019 - 10:35

Non sta bene dire che Il Giornale stia contro il papa,come fanno alcuni, ma bisogna dimostrare invece che il giornale dica fake news. Comunque qualcuno ci deve essere che dica la verità rispetto ai tanti turibolieri e caudatari di Bergoglio, come L'Avvenire, Famiglia Cristiana, la CEI, L'Osservatore Romano, La Repubblica e tutto l'ambaradan cattocomunista. Il Giornale è una delle poche voci libere. Questo papa fa politica spicciola e non tanto velata. Se io fossi Salvini, andrei nelle chiese a fare le omelie sul Vangelo al posto del papa.Questi fa politica e Salvini fa il papa. Chissà cosa avrebbero da ridìre.

GPTalamo

Ven, 19/04/2019 - 19:51

@gneo58, ma perche' pensi che "sto messo male"? Ho una bella carriera, una bella famiglia, sono benestante, e la mia fede mi aiuta ad essere felice nella vita di tutti i giorni. Non insegno catechismo, anzi per una parte della mia vita ero ateo e anticlericale. Pero' ho scoperto che essere agnostici o atei non fa vivere sereni e contenti, perche' invece di farci sperare in una vita ultraterrena, ci fa credere di essere polvere passeggera e insignificante. Non e' un'immagine piacevole, bisogna ammettere.