Ragusa: il bambino è stato strangolato

Andrea Loris Stival ha subito una violenza sessuale prima di essere ucciso? Il procuratore di Ragusa: "Notizia infondata". Caccia all'uomo

Andrea Loris Stival, il bambino di 8 trovato morto sabato pomeriggio a Santa Croce Camerina (Ragusa), è stato strangolato. La conferma arriva dall’autopsia conclusasi questa mattina, che parla di "asfissia da strangolamento con precipitazione". Dopo averlo strangolato l'assassino lo ha lanciato nel canale da un’altezza di circa 2-2,5 metri. "Al momento risulta infondata la presenza di segni di violenza a scopo sessuale", afferma il procuratore di Ragusa, Carmelo Petralia. Aperto un fascicolo contro ignoti per sequestro e omicidio: "Indaghiamo a 360 gradi, non trascuriamo nessuna ipotesi, ma ci sono delle piste privilegiate". Il cacciatore Orazio Fidone, che sabato ha trovato il corpo di Andrea, è sentito come persona informata sui fatti e non come indagato.

Il primo elemento su cui si erano concentrati gli inquirenti è la distanza tra la scuola (dove Loris non è mai entrato) e il luogo di ritrovamento del corpo, circa 3 km, con una strada difficilmente percorribile a piedi (c'è molto traffico e non ha marciapiedi). Molto probabilmente, quindi, è arrivato in quel posto accompagnato da qualcuno. Sotto la testa della vittima, inoltre, sono state trovate tracce di sangue, quasi sicuramente dovute alla caduta dal ponticello di cemento del canalone.

C'è poi lo zainetto che non si trova: Loris lo aveva con sé quando sua mamma l'ha lasciato davanti a scuola. Non si trova, gli inquirenti lo cercano ovunque. Il corpicino è stato trovato in una zona molto isolata, dietro un canneto. Lì vicino un anziano di 87 anni, ex carabiniere, possiede una casupola: l'uomo la usa quando va a coltivare il proprio orto. Anche la mattina di sabato, tra le 8 e le 11, si trovava lì. Ma sostiene di non aver visto né sentito nulla di anomalo. La morte del piccolo risalirebbe alle prime ore della mattina di sabato.

La Procura di Ragusa conferma che tra le ipotesi al vaglio dell’inchiesta oltre a quella di omicidio volontario c’è anche quella della pedofilia. "Abbiamo bisogno di approfondire alcune analisi - ha detto il procuratore Petralia - prima di poter dire con certezza cosa sia accaduto. Stamattina vedrò il medico legale e gli investigatori per fare il punto sulla situazione".

Davanti alla scuola elementare che frequentava Loris i bambini non parlano d'altro: "La tv ha detto...", "sul web ho letto che...". I genitori accompagnano i ragazzi per mano con lo sguardo fino al loro arrivo al cancello d’ingresso. Altri ragazzi prima di entrare comprano panini e brioche da un chiosco dalla vicina piazza. Tra di loro dubbi e paure: "Ma cosa è successo, ma chi è stato?", sono le domande più frequenti. I genitori dei ragazzi sono restii a parlare anche perché prende corpo l’ipotesi dell’orco: "Come ci si può difendere da una cosa del genere - dice una mamma - io ho due figli e ho paura. Speriamo che chiunque sia stato gli investigatori lo prendano presto perché abbiamo paura". Intanto i compagni di scuola di Loris riceveranno sostegno psicologico.

Una bambina di 10 anni, che era tra le amichette di Loris, ha raccontato di aver "visto Loris sabato mattina quando è sceso dall’auto della mamma ed è andato verso il chiosco per comprare il panino. Poi mi sono allontanata e non l’ho più visto". La piccola ricorda così il compagno: "Era molto sorridente, tutti gli volevano bene".

Commenti

fabiotiziano

Lun, 01/12/2014 - 08:52

Sono veramente addolorato, ma non riesco a non dare buona parte della colpa alla madre... non si può lasciare un bimbo di 8 anni a cento metri dalla scuola e lasciare che ci vada da solo senza nemmeno seguirlo con lo sguardo per vedere se veramente entra. Anch'io sono padre e sono terrorizzato dai mostri che sono in giro, ma anche oggi che sono grandi, anche se non sono figli miei ma solo amici, finchè non entrano nel portone di casa, o della scuola, o ddella piscina o dovunque li accompagni, io non me ne vado.

maricap

Lun, 01/12/2014 - 09:27

Quale diritto alla vita può avere, chi commette nefandezze di questo genere? Questi mostri, sopravvivono ai loro orrendi crimini, solo perché una massa di coglioni rincitrulliti, glielo consente.

SwissPulp

Lun, 01/12/2014 - 09:59

Per chi compie atti barbari su questi fanciulli, ci vuole solo una cosa: la gogna!

Coltello_Spuntato

Lun, 01/12/2014 - 10:22

Condivido fabiotiziano. Pure io faccio allo stesso modo. Ma purtroppo non sempre quello che facciamo è sufficiente. Il pericolo può essere anche invisibile e sfuggire al controllo. Condivido anche maricap. La nazione oramai è divenuta quella che stiamo vivendo. Non ci può più vivere. O prendiamo la Bastiglia ed andiamo avanti oppure ce ne andiamo altrove.

Mr Blonde

Lun, 01/12/2014 - 10:58

Coltello_Spuntato mi sembra esagerato dare la colpa alla "nazione" come se anche qui fosse colpa della politica o della classe dirigente. Vediamo piuttosto di rinchiudere l'autore per i prossimi 100 anni

Libertà75

Lun, 01/12/2014 - 11:05

@fabiotiziano, coltello... io poco più di 30 anni fa andavo alle elementari da solo e ricordo con certezza che all'età di 8 anni facevo il tragitto di circa 500 metri da solo. Ora il problema non è la mamma che lascia il bimbo a 100 metri. Tutti in Italia hanno diritto a delinquere, questa è l'unica verità. Tra il resto, trovo difficile che un bimbo a 100 metri da scuola decida di entrare in un auto di qualcuno che non conosce o conosce appena. L'orco è qualcuno vicino alla famiglia.

marygio

Lun, 01/12/2014 - 11:07

incolpare la mamma è da poveri deficienti

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 01/12/2014 - 11:28

Finchè tutti i mostri violentatori dei bambini non saranno puniti con misure adeguate, ma anche mediante la pubblicazione dei loro volti nelle loro città, nei loro quartieri, che sia indicato sul documento di identità che la tal persona, dall'apparenza mite perchè è un nonno, o un vicino di casa premuroso è un pericoloso pedofilo, come lo sono tutti loro, non si verrà mai a capo di niente. E invece, i processi si tengono a porte chiuse e lo si condanna ai domiciliari (per salvaguardare l'onorabilità del mostro) solo dopo anni e anni affinchè possa perpetrare il suo crimine indisturbato. L'ennesima vergogna italiana.

andrea.canevari

Lun, 01/12/2014 - 11:59

Altro che pietà cristiana, chi compie queste barbarie merita solo la pena di morte.

linoalo1

Lun, 01/12/2014 - 12:26

Mi domando solo perché si usi il condizionale!L'autopsia è,forse,discrezionale?Lino.

fabiotiziano

Lun, 01/12/2014 - 12:31

@marygio: lasciare un bimbo di 8 anni a girare da solo è da irresponsabili. P.S. Gli insulti li tenga per se.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 01/12/2014 - 12:33

Libertà75 anch'io 50 anni fa andavo a piedi da tutte le parti. Le condizioni erano diverse, la vita era meno frenetica, il traffico era quasi assente e c'era più socialità tra le famiglie dei vari paesi o rioni. Oggi questo non è più possibile. Mr Blonde, gli orchi ci sono sempre stati, ma quello che manca oggi è un buon sistema investigativo in quanto tutto si è sindacalizzato per cui prevalgono i diritti economici e di carriera ai doveri. Persino la magistratura con condanne tipo "non si può non sapere" risulta inaffidabile per cui se pure viene trovato il mostro non avrà 100 anni di carcere. Di tutto questo è responsabile il paese. - saluti

atlantide23

Lun, 01/12/2014 - 12:37

cosa puo' spingere un essere a strangolare un bambino di otto anni ? E i genitori di tutte queste piccole creature stuprate e uccise DOVE SONO ?

moshe

Lun, 01/12/2014 - 12:52

... finchè ci saranno persone che manifestano contro la pena di morte ...

meloni.bruno@ya...

Lun, 01/12/2014 - 13:02

Il dramma è la fotocopia della piccola Yara,e di positivo c'è che è stato ritrovato subito il corpo per poter fare le indaggini,senza aspettare a lungo,l'orco non potrà usufruire più di 4 anni di libertà perchè è stato determinante il cacciatore nel ritrovare il corpo.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Lun, 01/12/2014 - 13:21

Solidarietà ai famigliari vittime di questa orrendezza. *** Al tempo stesso SI FACCIA OBBLIGO ai giudici di LAVORARE PROFESSIONALMENTE senza lo spreco di risorse (vedi Bergamo/Yara) e senza sensazionalismi (vedi Bergamo/Yara). Non vogliamo conferenze stampa per sancire il niente, magistrati-centauri a favor di telecamera, furgoni bianchi, inquirenti in carcere e gente in carcere senza prove, corna e pedali di bicicletta che saltan fuori dopo anni! INDAGATE, LAVORATE, CERCATE I COLPEVOLI.

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 01/12/2014 - 13:26

Un ingenuità della madre non accertarsi che il bambino finisse nelle mani di un responsabile della scuola prima d'andarsene. I tempi sono cambiati in peggio, non ci si può più fidare di nessuno. Il motivo è che i valori tradizionali sono spariti ed è divenuto quasi tutto un marciume, inoltre da noi ormai girano clandestini e extra comunitari in quantità industriale, in Sicilia, poi, terra di sbarchi, vi è la punta. Tutta gente lontana culturalmente da noi e a cui la violenza fa parte integrante della loro vita abituale. Sono addolorato per i genitori e soprattutto per la vita di quel bambino.

MenteLibera65

Lun, 01/12/2014 - 13:46

Stock47: Mi domando perchè facciano le indagini , visto che avrebbero la possibiltià di rivolgersi a te che hai già individuato con certezza i colpevoli. Se poi venisse fuori che invece è un italiano, ti importerà poco, perchè tanto quello che conta è sparare fregnacce ed offese a ruota libera, dicendo sempre le stesse cose qualsiasi sia l'argomento.

Armandoestebanquito

Lun, 01/12/2014 - 14:18

Impossibile che nessuno non abbia visto niente!! Una sola cosa, un appello a voi giornalisti, non ne approffitate e portate il caso alla solita telenovella quotidiana, per favore avete rispetto del bambino. NB: CCTV camere oggigiorno sono molto utili in termini di sicurezza, ormai siamo nella giungla.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Lun, 01/12/2014 - 14:53

Oggi inizieranno gli sciacallaggi mediatici sulla famiglia del povero piccino e romperanno le palle ai cittadini con le domande più assurde. Quando si porrà un divieto assoluto di trattare i casi giudiziari sino al termine dei tre gradi di giudizio?

Ritratto di tiss59

tiss59

Lun, 01/12/2014 - 14:55

Leggere notizie così è un dolore immenso ed un sentimento di impotenza mi assale perché anche se prenderanno il responsabile non sarà mai punito abbastanza. Faccio la seguente proposta a IL GIORNALE: aprire una sottoscrizione per finanziare una squadra di investigatori privati perché la maggior parte delle indagini in Italia sono eseguite con una Consapevolezza ed un Impegno penosi. Sarò il primo a contribuire.

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 01/12/2014 - 15:39

Storie come quella di Andrea Loris, sono orrribili ed inaccettabili. Ma mi chiedo se il bambino fosse tutelato dalla famiglia. Sembra che spesso non "entrasse" a scuola, ed una madre a conoscenza di ciò può lasciarlo con l'auto dinanzi la scuola senza accertarsi che vi entri? Povero bambino

Pinozzo

Lun, 01/12/2014 - 16:17

Ma quanta imbecillita' nei commenti.. Quello che propone la sottoscrizione per investigatori privati quando la polizia sta svolgendo un lavoro egregio, quello che getta la croce sui clandestini quando si sospetta sia stato qualcuno vicino alla famiglia, quell'altro che da' la colpa alla madre perche' non lo accompagnava fino al cesso, quello che dice che i tempi son cambiati come se 20, 50, 100 anni fa non accadesse anche di peggio. Siete una manica di miserie umane.

alev

Lun, 01/12/2014 - 16:18

In un articolo viene descritto come un bimbo riservato che non parlava con nessuno, nell'altro come un bimbo socievole che dava confidenza a tutti.. Incominciamo bene..

michele lascaro

Lun, 01/12/2014 - 16:42

Mia ipotesi, il padre ha compiuto uno sgarro nei confronti di qualcuno, visto che non ci sarebbe neppure la violenza carnale. (Non si sarebbe mai permesso, il padre, di pronunciare la frase di vendetta personale. Conosce l'assassino?)

Ritratto di tiss59

tiss59

Lun, 01/12/2014 - 18:05

Egregio Signor Pinozzo, non ho mai espresso giudizi sui commenti perché sono personali. Desidero esprimere, se posso, una opinione personale: 1. non l'unico a dubitare della Consapevolezza e dell'Impegno di chi coordina e svolge le indagini, ogni giorno i fatti di cronaca lo sottolineano e da anni; 2. i genitori di questo bambino hanno sì delle responsabilità ma certamente non sarò io a ricordargliele ... lo sanno già; I commenti, che le ricordo sono opinioni personali, possono anche non piacere ma oltre che "scorrere lo sguardo sulle mere parole" è necessario fare uno sforzo intellettuale prima di dare delle patenti. Cordiali saluti.

atlantide23

Lun, 01/12/2014 - 18:43

@pinozzo,leggendo il suo triste intervento mi sembra chiaro che lei non accetti che chiunque possa esprimere la propria opinione. Il consiglio di ricorrere a investigatori privati e' comprensibile, visto che i nostri inquirenti, brancolano nel buio, per gli omicidi piu' efferati, il riferimento ai clandestini e' logico, visto che l'italia e' diventata la patria di tutta la feccia europea e africana,e in un fatto di violenza non c'e' nulla di strano nel far riferimento ai clandestini, infine non si puo' negare che chi deve vegliare e proteggere i bambini piccoli sono proprio i genitori, che hanno tanta, troppa responsabilita' in casi del genere. Pertanto qua, l'unica imbecillita' che si puo' ravvisare e' proprio quella contenuta nel suo intervento .

lorenzovan

Lun, 01/12/2014 - 19:45

mi sbagliero' icuramente...maq non credo sia storia di mostri...vedo piuttosto o giochi tra ragazzini finiti male...o una forma di mobbing sempre tra ragazzi finita altrettanto male la scomparsa dello zainetto...l'anonimit0'a della scomparsa o del presunto rapimento mi parlano piu' di giochi o sfide tra ragazzini..i giornali anche quelli stranieri ne sono pieni gli adulti..fosrse perche dimenticano spsso e volentieri la loro infanzia...sembrano a volte i piu' sorpresi e increduli di fonte a certe situazioni

lorenzovan

Lun, 01/12/2014 - 19:50

io a partire dal 47 facevo quattro km a piedi e da solo per andare a scuola..mi ci accompagno' mia madre la prima volta..e poi andavo da solo o in compagnia di altri ragazzini del quartiere per le scuole medie i km diventaro0no 8...andare e 8 ritornare e devo dire mi facevano bene fisicamente e mentalmente ..in quanto aiutavano e aguzavano le mie capacita' mentali altri tempi...ora li portano in macchina sin dentro l'istituto

lorenzovan

Lun, 01/12/2014 - 19:53

x fabio0tiziano...io benedico i miei he mi abituarono sin da picccolo ad essere indipendente e a sbrigarmela da solo...a 10 anni..prendevo il tram...ndavo al centro di Genova a comprare francobolli per la mia collezione e ritornavo a casa ...dal fossato onde abitavo alla fermata del tram erano 4 km circa.. tutto cio' mi ha solo che aiutato e fortificato per la vita futiura in un mondo di lupi e pescecani

lorenzovan

Lun, 01/12/2014 - 19:57

car pinozzo...questa e' l'italia e questi sono gli itagliani...se cosi' non fosse...mica saremmo sempre l'ultima ruota del carro europeo....

lorenzovan

Lun, 01/12/2014 - 20:03

errata corrige...nel precdente post ho parlato di mobbing...evidentemente la parola esatta era bullyng

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 01/12/2014 - 21:06

MenteLibera65, avrai anche la Mente Libera ma non sai leggere.

vince50

Lun, 01/12/2014 - 21:07

Il bambino può essere stato strangolato(se così è)per due semplici ragioni.Perchè violentato e quindi non avrebbe dovuto parlare,oppure per vendetta nei confronti dei genitori.In ogni caso il grandissimo bastardo che ha fatto questo,non è degno di far parte della società quindi se non altro galera a vita e senza sconti.

Vorreidirelamia...

Lun, 01/12/2014 - 21:11

In questi casi lo Stato dovrebbe soltanto trovare l'assassino per poi lasciarlo nelle mani dei parenti del piccolo lavandosene le mani.

giseppe48

Lun, 01/12/2014 - 21:35

mi sembra impossibile che nessuno abbia visto,nel meridione non passa un ago senza che sia visto (FATE SEMPRE LE TRE SCIMMIE)

Ritratto di tiss59

tiss59

Lun, 01/12/2014 - 22:12

per Pinozzo 1. non sono l’unico a pensare che le molte indagini, in Italia, hanno tutto fuorché essere Consapevoli ed Impegnate 2. i Genitori, tutti, compreso il sottoscritto, hanno precise responsabilità e ci convivono fino alla propria fine 3. per leggere i commenti serve anche uno sforzo intellettuale, scorrere gli occhi sulle parole non è sufficiente 4. i commenti sono opinioni personali e se non piacciono non danno il diritto di dare patenti ad altri

rokko

Mar, 02/12/2014 - 02:40

e ti pareva che per qualcuno non fosse colpa dei genitori.. che idioti

ema49

Mar, 02/12/2014 - 13:33

rokko, più che di idioti io parlerei di minus habens, gentuccia per la quale il cervello è solo un inutile peso. Ammesso ma assolutamente non concesso che possa esserci qualche colpa da attribuire ai genitori, vi sembra questo il momento per ricordarglielo? Andate a lavorare e fatevi visitare...ma da uno bravo, mi raccomando.

rokko

Mar, 02/12/2014 - 13:50

ema49, sono d'accordo con lei. Io sono genitore e so benissimo che, per quanto puoi essere attento e vigile, dei momenti in cui tuo figlio o tua figlia non ce l'hai davanti agli occhi capitano sempre. Senza contare poi il problema principale: non è che si possano tenere i figli dentro una cassaforte di acciaio da 10 cm per proteggerli dai pericoli, altrimenti sarebbero sì protetti dai pericoli ma nella migliore delle ipotesi diventerebbero dei disadattati, nella peggiore dei delinquenti a loro volta perché repressi.

atlantide23

Mar, 02/12/2014 - 17:30

@ rokko e ema49 ignorano che la responsabilita' dei minori, in ogni caso, E' DEI GENITORI. Percio', leggendo i loro interventi mi auguro che non abbiano figli piccoli !!E cmq, se sapessero leggere avrebbero capito che nessuno ha dato la colpa ai genitori ma LA RESPONSABILITA' DI AVER LASCIATO UN BAMBINO DI OTTO ANNI , DA SOLO, PRIMA CHE ENTRASSE A SCUOLA E' DI CERTO DELLA MADRE. E poi non posso credere che un genitore non noti, nei propri figli, soprattutto quando sono piccoli, segnali e comportamenti che dovrebbero metterlo in allerme. Se i succitati intelligentoni , non capiscono questi semplici concetti, mi spiace per loro.

rokko

Gio, 04/12/2014 - 07:09

atlantide23, lei è il solito professorone con gli occhi foderati di prosciutto. Un bambino di 8 anni non può essere guardato a vista per 24 ore al giorno, è impossibile.