Il raid degli alunni con il casco. Altri video choc: "Le piace il p..?"

Nel filmato all'Istituto tecnico Carrara di Lucca altre immagini choc: il professore aggredito con un casco. L'alunno: "Le faccio rapporto"

Il film completo era più lungo di quello emerso ieri sui social network e diventato in poco tempo un caso nazionale. Almeno un minuto di ordinaria follia. A puntate. Istituto Tecnico Carrara di Lucca. Il docente, inerme, è seduto alla cattedra in balia di tre alunni. In piedi, fanno ciò che vogliono durante l'ora di lezione: bestemmiano, gridano, insultano. "Ora le faccio rapporto, datemi una penna", sghignazza uno dei bulli ribaltando il ruolo professore-studente.

Una parte di questa storia l'avevamo già raccontata ieri. L'alunno che grida "non mi faccia incazzare" al insegnante, imponendogli di mettere "sei" invece dell'insufficienza. E poi quell'irriverente "si inginocchi" diventato ormai un tormentone. Ma non è tutto. Perché pian piano di filmati ne sono emersi altri.

Gli studenti a tartassare il prof sono più di uno. Già segnalati al Tribunale dei Minori di Firenze, tre sarebbero stati indagati per violenza privata mentre la posizione di un quarto non è ancora chiara. "Le piace il p...? Lo dica, le piace? Oppure preferisce altro?", domanda irriverente uno dei bulli in uno dei video. Gli insulti si riversano anche sui compagni di classe: "Levati boiler di m..", si sente rivolto ad una ragazza che improvvisamente si alza dal banco. Poi qualcuno dice: "Puzzi di merda, noi puoi stare lì", forse indirizzato ad un compagno.

Le immagini scorrono lasciando di stucco chi osserva. Lo stesso giovane col sogno di far inginocchiare l’insegnante solleva due secchi sulla cattedra e li impila: "Ecco la torre di Pisa, le piace?". In altre immagini un secondo bulletto copre il capo del professore con una giacca. Qualuno, invece, si infila un casco integrale della moto e simula di colpire a testate il docente che, in teoria, dovrebbe essere figura istituzionale da rispettare.

I fatti risalgono a mercoledì scorso. L'insegnante, ancora scosso, non ha rilasciato interviste ai giornalisti se non una laconica dichiarazione, riportata dalla Nazione: "Sono molto dispiaciuto da questa situazione. In ogni modo continuo ad andare a scuola, è il mio lavoro".

Commenti
Ritratto di roberto_g

roberto_g

Gio, 19/04/2018 - 10:31

Quelli non sono "studenti"... sono degli animali irresponsabili... sono delle bestie, come i loro genitori e familiari. Confermo anche che ho il massimo rispetto per i veri animali e le vere bestie, che non mancherebbero mai di rispetto ad una persona come fanno invece questi scarti del genere umano.

Ritratto di The_Paladin

The_Paladin

Gio, 19/04/2018 - 10:34

Insieme ad immigrati vari ed eventuali, questi giovani promettenti dovrebbero essere quelli che mi pagano la pensione...siamo ben messi...

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 19/04/2018 - 10:36

una domandina: di sicuro hanno la cittadianza italiota mahhh le origini??? Secondo me due o discendono dai soliti pdioti-comunistardi o da risorse importate,facciamo fifty-fifty???

ruggerobarretti

Gio, 19/04/2018 - 10:54

Spaccare le pietre in Gargano d'estate, h 8-20, solo pane e acqua. Dopo un mese gli passa la voglia.

timba

Gio, 19/04/2018 - 11:10

Io mi chiedo solo una cosa: ma queste immondizie hanno dei genitori? E questi ultimi possono essere chiamati genitori? Perchè a parer mio, se li avessero veramente, adesso dovrebbero già trovarsi al CTO con tutte le ossa sapientemente spezzate dal padre. Il quale, dopo aver ridotto il figlio in fin di vita, dovrebbe andare immediatamente alla scuola a scusarsi pubblicamente. Dopodichè, non appena il figlio si risveglia, lo fa apparire in televisione tutto tumefatto e gli fa pronunciare un comunicato che suona stile "ascoltatemi, non fatelo... non comportatevi come me...". Un po' come i comunicati degli ex alcolisti o drogati. Ma tranquilli, non succederà niente di tutto ciò e quel vomito di ragazzo fra una settimana avrà un cellulare nuovo con cui chattare con gli altri liquami.

chebarba

Gio, 19/04/2018 - 11:17

sicuramente i fulgidi esempi genitoriali sosterranno che il prof e la scuola non sanno dare regole ai loro ragazzi, il problema e che i figli vanno educati a casa non a scuola, a scuola dall'asilo devono arrivarci educati al vivere sociale (non social), invece sono del tutto ineducati, non solo al sapersi comportare, questi ragazzi sono ineducati alla vita, al rispetto di sé e del prossimo, come altrettanto ineducati e menefreghisti i genitori, educazione che si da piccoli, per mettere le fondamenta, prima che arrivi quell'età difficile

nopolcorrect

Gio, 19/04/2018 - 11:26

Rimandare all'anno prossimo, cioè bocciare immediatamente tutti i responsabili. Il capo o i capi cacciarli da tutte le scuole italiane.

Reziario

Gio, 19/04/2018 - 11:56

1) Eliminare l'impunibilità di fatto per i minorenni. 2) Eliminare il concetto di "scuola obbligatoria". Non vuoi andare a scuola? Fai altro, spaccati di droga, chissenefrega, ma non disturbare gli altri alunni che sono li per imparare, ed il prof per fare il suo lavoro. 3) Tanto sono irrecuperabili, cosa vuoi perdere tempo con questa spazzatura.

fabiano199916

Gio, 19/04/2018 - 11:58

Mi spiace ma quella non è la persona adatta al ruolo che ricopre, potrebbe anche essere più intelligente di Einstein, ma se non riesce a svolgere il suo lavoro, dovrebbe cercarsi qualcosa di meglio, magari con meno contatto con alunni psicopatici

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 19/04/2018 - 12:20

Se le punizioni non fossero adeguate, i fatti si ripeteranno e con maggiore gravità. Il falso buonismo peloso, porta a questo e ancor di più.

dallebandenere

Gio, 19/04/2018 - 12:20

Ormai siamo alla violazione impunita della sacralità del corpo(la dignità umana è partita ormai da tempo).Rimango dell'idea che un essere vivente, sviluppato al punto tale da saper esercitare violenza,non vada considerato ne "un minore" ne"un ragazzo".Un paio di minuti di buone e pubbliche legnate sulla groppa risolverebbero per certo problema,ma la soluzione screditerebbe il senso stesso di scuola.Allora basterebbe una semplice e salutare bocciatura.Ma la scuola dei sindacati,dei TAR e della diversamente diplomata Fedeli ,impedisce ormai anche questo.Non resta che rassegnarsi.

emigrante

Gio, 19/04/2018 - 12:26

Condivido il pensiero di quanti auspicano un'educazione rigida. Io l'ho avuta, e benedico i miei Genitori. Quando a mia volta, senza verghe e schiaffoni, cercai di educare con giusta severità i miei figli, finii indagato (e condannato) per maltrattamenti familiari; e persi la patria potestà. Di fatto siamo costretti ad una scelta: o rassegnarci alla passività, col rischio di ritrovarci una discendenza di smidollati che crolleranno alla prima difficoltà, o di delinquenti e drogati (comunque un fallimento), o rischiare la mia fine. L'amore per i figli dovrebbe passare anche attraverso qualche salutare pedata sui glutei. Ma è un paradosso di questi tempi malati: la deresponsabilizzazione che porta alla distruzione è approvata dal "potere", il senso di responsabilità, non privo di sacrifici, teso all'affermazione dei valori tradizionali di impegno, onestà, rispetto, operosità... è disprezzato e combattuto.

Bonfa

Gio, 19/04/2018 - 12:29

tutta la mia solidarietà, carissimo collega Oltre ai ragazzi mi fanno ribrezzo anche tutti gli "adulti" intorno a loro

g.l

Gio, 19/04/2018 - 12:34

Leggendo i commenti degli adulti si capisce perchè esisostono questi comportamenti,Semplice

Pat2008

Gio, 19/04/2018 - 12:43

Sono veramente ridicoli tutti questi commenti indignati. Sono anni che la scuola è ridotta a un indegno parcheggio per disadattati da politiche "inclusive", leggi per far promuovere tutti, soppressione di ogni principio di autorità prima di tutto da parte delle istituzioni, supportate pienamente dall'opinione pubblica che odia i professori, poi dalle famiglie che non sanno educare i loro figli e non aspettano altro che l'inizio delle lezioni per toglierseli dai piedi, delinquenti come li hanno cresciuti. Vi sembrano poche 18 ore settimanali? Fatevele voi 18 ore alla settimana in mezzo a quel branco di babbuini, poi ne riparliamo. Ormai tutta la scuola è ridotta così, di che vi stupite? Tolti Liceo classico e scientifico, il resto è feccia.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 19/04/2018 - 12:46

--la scuola non c'entra nulla--il 68 neppure--il 6 politico manco di striscio--tutte le menate politico-culturali rimangono al palo---qui il problema è più semplice di quanto si creda--i genitori italioti hanno smesso da un pezzo di fare i genitori--allevano i figli come i cani---uniche preoccupazioni -assicurare vitto - alloggio e vestiario ai pargoli---e stop--mancanza di comunicazione e dialogo assoluto--mancanza di ogni regola di comportamento totale---basta che i destricoli si riempano la bocca con la tutela della famiglia "tradizionale"---ma quale famiglia?--in italia la famiglia non esiste più--esistono gli alberghi e la paghetta---swag--ho un figlio di 5 anni--ho un'unica certezza --non sarà mai come gli studenti del filmato--perchè il dialogo con lui è all'ennesima potenza ma quando la fa grossa -le mie 5 dita si stampano sul suo bel viso--

jaguar

Gio, 19/04/2018 - 12:49

Certi ragazzi crescono male perché i genitori sono peggio di loro, li difendono a spada tratta anche se sono delinquenti. Certo che il docente è stato bravo a mantenere la calma.

Ritratto di Blent

Blent

Gio, 19/04/2018 - 13:00

Questi studenti devono essere interdetti a vita dalle scuole pubbliche, se vogliono continuare a "studiare" vanno in una scuola privata. Un provvedimento del genere e' doveroso e rispettoso verso chi studia sul serio ma purtroppo in questo paese non accadrà

blackbird2013

Gio, 19/04/2018 - 13:07

Caro "bandog" tu hai qualche serio problema. Fatti vedere ma da uno bravo, mi raccomando.

silvano45

Gio, 19/04/2018 - 13:15

Scuola immigrazione sicurezza giustizia ormai grazie alla sinistra buonista radical scic che non vive certo in periferia è tutto lecito permesso tollerato depenalizzato grazie grazie per questi regali

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Gio, 19/04/2018 - 13:26

S'impone un nuovo Gengis Khan, pugno di ferro in un guanto di velluto quantomeno. A partire dai troppi pseudogenitori assenti o rammolliti.

Ritratto di The_Paladin

The_Paladin

Gio, 19/04/2018 - 14:08

Elkid...per la prima volta in assoluto sono d'accordo con te

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 19/04/2018 - 15:06

Scuola d'obbligo dalla prima media fino al diploma - Parola d'ordine DIO . PATRIA . FAMIGLIA

tonipier

Gio, 19/04/2018 - 16:06

" LA GIUSTIZIA RESTA COME SEMPRE INERME?"

VittorioMar

Gio, 19/04/2018 - 16:19

...MANCANO I GENITORI!..MANCA LA FAMIGLIA EDUCATRICE DI VALORI CIVICI !!...MANCA IL RISPETTO PER LE "ISTITUZIONI" !!...RADIARE DA TUTTE LE SCUOLE DELLA REPUBBLICA !!..L'ISTRUZIONE,SE LA VOGLIONO,LA PAGHINO I GENITORI SE NON SONO CAPACI DI EDUCARE !!

Ridolf

Gio, 19/04/2018 - 16:31

queste cose sono sempre successe, i docenti hanno sempre sfogato le proprie frustrazioni personali sugli studenti, e gli studenti reagiscono. Quando nelle scuole verranno assunti docenti capaci di insegnare e soprattutto senza tare mentali, allora anche gli studenti saranno rispettosi dei loro insegnanti. tutto molto semplice.

amicomuffo

Gio, 19/04/2018 - 16:41

Questi ragazzi si danno la zappa sui piedi da soli, tranquilli che il passaparola farà il resto e che nessuno li vorrà a lavorare. Un tempo c'erano le scuole di avviamento, non vuoi studiare? Bene impari un mestiere e ti levi dalle scatole. Ma purtroppo hanno cancellato anche questo. La loro fine? Se non hanno genitori con tanti soldi, finiranno in mezzo ad una strada o a delinquere.....IL mio ha 20 anni diploma perito elettronico ( senza alcuna bocciatura) ed ha la testa sulle spalle. Sà già cosa fare come lavoro. Mosca bianca? probabile.

Giacinto49

Gio, 19/04/2018 - 16:53

Elkid - Lo vedi a cosa serve la destra? O sei mancino?

Ritratto di Michirod

Michirod

Gio, 19/04/2018 - 17:04

Colpa dell'educazione assente e poco severa di molti genitori di oggi . Una volta c'era il rispetto, e se a casa lo sapevano prendevi pure il resto. Ci vogliono punizioni esemplari per loro, anche di reclusione, e multe alle famiglie, così saranno costrette a mettere in riga i figli. Ormai siamo un paese di pappemolli buoniste.

Ritratto di diemme62

diemme62

Gio, 19/04/2018 - 17:06

Ecco il risultato dei matrimoni che vanno a rotoli. I figli vanno a vivere con la madre, che magari a malapena riesce a badare a se stessa, e vedono il padre due weekend al mese. Educare dei figli già non è facile per due genitori uniti; per i separati è in molti casi impossibile.

Peppiniello

Gio, 19/04/2018 - 17:07

Questi ragazzi vanno "rieducati" in qualche "squola di correzzione". I genitori hanno colpe? non so , bisogna vedere caso per caso, succede di avere figli che prendono una brutta strada a prescindere dall'educazione ricevuta.

massmil

Gio, 19/04/2018 - 17:07

Io credo che (senza offesa per gli animali) questi animali, non abbiano genitori o meglio spero non li abbiano, perché in caso contrario avremmo un doppio problema. Comunque con queste bestie la lezione può essere una sola: tre randellate al mattino e tre alla sera. Senza interferenza dei media, dei commenti di giornalisti, politici o psicologi di sinistra, di trasmissioni televisive dove nel dibattito c'è sempre uno o più che asseriscono che il dialogo è la miglior cosa. Ma per favore MAZZATE e MAZZATE poi vedi se non cambiano.

TRUPY64

Gio, 19/04/2018 - 17:11

QUESTO E' IL RISULTATO DI ANNI DI GOVERNI DI SINISTRA DOVE IL MODELLO DI SCUOLA CHE RENZI AVEVA COSI' BENE PUBBLICIZZATO RAPPRESENTAVA UN ESEMPIO DI PERFEZIONE. E POI DIAMO LA COLPA AI GENITORI , ALLE FAMIGLIE CHE CERTO HANNO LE LORO RESPONSABILITA'.

Ritratto di libere

libere

Gio, 19/04/2018 - 17:15

ELKID ti permetti con le tue luride dita di dare uno schiaffone a un bambino di 5 anni? In galera! Quanto al nocciolo della questione, la scuola NON deve mai più essere gratuita dopo la terza media. Come per tutte le cose che si pagano, e si comperano, vi sarà massima cura e rispetto. Ammesse, con parsimonia, le borse di studio. Per il resto, niente sconti.

TRUPY64

Gio, 19/04/2018 - 17:21

NELL'ANTICA SPARTA I RAGAZZI DOVEVANO AFFRONTARE PROVE MOLTO SEVERE A RISCHIO PURE DELLA MORTE PER ESSERE DEGNI DI PARTECIPARE ALLA VITA DELLA CITTA'. NON DICO DI ARRIVARE A QUESTI ESTREMI MA CERTO ORA SIAMO ARRIVATI ALLA TOTALE ANARCHIA PASSANDO DAL BULLISMO SU COMPAGNI A VERO E PROPRIO VILIPENDIO DELL' AUTORITA' CHE L'INSEGNANTE IN CLASSE DOVREBBE RAPPRESENTARE.

Scirocco

Gio, 19/04/2018 - 17:40

Questo è il risultato della "buona scuola italiana" dove non si insegna nulla, della totale mancanza delle famiglie nel percorso educativo, del concedere tutto ai bambini pur di stare in pace magari per mandare messaggi alle amiche o per vedere la partita con gli amici o per andare in palestra. Se contemporaneamente viene a mancare l'educazione in famiglia e l'educazione civica a scuola i ragazzi si comportano come animali. L'unica soluzione per raddrizzare queste bestiole è la scuola militare per maschi e femmine. Finite le medie entrano alla scuola militare e ne escono dopo 5 anni con un bel diploma ed una bella sana educazione.Personalmente per questi giovanotti aggiungerei una bella dose di sane legnate che fanno sempre bene.

dado47

Gio, 19/04/2018 - 17:46

e no "elkid" il '68 centra eccome. Tutto ebbe inizo da lì enche se le radici sono lontane. Da Marcuse, forse frainteso, a B. Spock con la sua pediatria permissiva (prima di morire ebbe il coraggio di ammettere che le sue teorie avevano fatto danni irreparabili). Il '68 segnò la fine del concetto di autorità tout court, per frala breve si buttò l'acqua sporca ma anche il bambino. Il " maestro" perse il prestigio di cui godeva anche all'interno della società. Ricordo benissimo il Prof. Trimarchi butatto dalla finetra alla Statale di Milan; il Prof De Felice assediato, spintonato e sputato a Roma. Lei dice di aver un figlio di 5 anni col quale ha un dialogo molto franco: son contento per Lei, ma nel suo scritto non usa mai la parola educazione! La responsabilità è certo della società consumistica, ecco dove tra l'altro ha fallito il '68 ( a proposito io avevo 21 anni e abitavo a Milano,lei dov'era. La smetta con questri destricoli, smetta di offenendere, chi si crede di essere?

ilbelga

Gio, 19/04/2018 - 17:53

prima di tutto darei una punizione esemplare ai genitori, tipo: 5 mila euro di multa per ogni bulletto...

ilbelga

Gio, 19/04/2018 - 18:01

una volta presi due sberle da un insegnante in Belgio perché stavo venendo alle mani con un ragazzo belga che tra le altre cose mi insultava di continuo. sono arrivato a casa e sono stato zitto. se succedesse oggi in Italia mi domando: cosa succederebbe???

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 19/04/2018 - 18:19

Secondo Darwin questi esseri dovrebbero essere eliminati. In nessun allevamento un allevatore terrebbe in vita degli esseri tarati come questi. Vanno estirpati.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Gio, 19/04/2018 - 19:27

In una casa di correzione con produzione di reddito per mantenersi per parecchi anni, da fare da esempio e deterrente per gli aspiranti delinquenti teppisti.

sparviero51

Gio, 19/04/2018 - 19:42

MA ANCHE QUESTO " professore" DEVE AVERE QUALCHE PROBLEMINO SE PERMETTE TUTTO QUESTO !!!

sparviero51

Gio, 19/04/2018 - 19:44

SECONDO ME ANDREBBEREO CACCIATI DALLA SCUOLA BULLI E PROFESSORE !!!

Lapecheronza

Gio, 19/04/2018 - 20:04

Ragazzini a cui serve un'educazione da corpo militare.

Lapecheronza

Gio, 19/04/2018 - 20:08

@elkid - una delle poche volte che condivido.

CALISESI MAURO

Gio, 19/04/2018 - 20:23

emigrante .. vota destra anche estrema... le leggi verranno cambiate... e potrai partecipare dando vergate in piazza contro chi non sara' d'accordo. Semplice.

mariolino50

Gio, 19/04/2018 - 20:54

amicomuffo Io ho vissuto quei tempi e fatto quelle pseudo scuole, erano destinate ai figli degli operai, non a chi non voleva studiare, in pratica chiudevi in un ghetto bambini di 10 anni, erano rari quelli che potevano andare altrove, si legga don Milani, se lo ha già fatto lo rifaccia, perchè ci ha capito poco.

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 19/04/2018 - 20:58

ELpirl, parla per te e i tamarri russi che frequenti..la gente che conosco io si comporta da famiglia, educa i figli e gli insegna. Certo poi che uno che frequenta i cessi sociali e si fa le canne-anche se padre-e viene a insegnarci come fare i genitori, non solo e' ridicolo, ma non poteva essere che una zecca.

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 19/04/2018 - 21:06

blackbird2013 e perche' Bandog dovrebbe avere problemi?' Casomai ce li hai tu che vivi in un mondo utopico dove i figli degli immigrati son tutti studiosi e bravi. Lucca e' infestata da nord africani da decenni e i loro figli non son nuovi a queste cose nelle cronache locali. Fattene una ragione.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 19/04/2018 - 21:43

Mi sono sbagliato, volevo dire scuola MILITARE d'obbligo dalle medie fino al diploma o maturità. Regole militari tanto per raddrizzare la schiena a questi debosciati in erba.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Gio, 19/04/2018 - 21:51

@JASPER 18.19: musica per le orecchie, anche a te piacerebbe il ritorno di Gengis Khan, vero?

Ritratto di adonf

adonf

Gio, 19/04/2018 - 22:13

Quando ho detto alla riunione d'inizio anno che non si dovrebbero far usare i telefoni a scuola, le madri-mannare mi hanno "accoltellato" con sguardi pieni di sangue, dicendo che i loro "bambini" devono avere il diritto di chiamare a casa. Società malata e figli degni di quello che i loro genitori trasmettono loro.

uberalles

Gio, 19/04/2018 - 22:18

I miei complimenti alla "buona scuola" del PD, tanto decantata da Frottolo Renzi con l'appoggio di Mary Etruria Boschi

salvatore40

Gio, 19/04/2018 - 22:51

Uno Stato Serio e Severo : chiuderebbe questa scuola a tempo indeterminato, risparmiando soldi da destinare a famiglie bisognose con anziani e disabili. I Bovini siano rinchiusi nel Letamaio delle Stalle. Punto. E noi tornammo a rivedere le stelle !

Negan

Ven, 20/04/2018 - 00:02

Tutto questo rapprensenta il fallimento dell'educazione italiana, fallimento delle istituzioni, della chiesa, del governo, dei genitori ecc...

Divoll

Ven, 20/04/2018 - 01:24

@ elkid - Ma lei ha mai avuto a che fare con gli adolescenti? Perfino quando sono tra loro stanno con la testa ficcata nel cellulare (figuriamoci in famiglia) e lei parla di comunicazione? L'altro giorno, per togliere alla figlia questa deleteria assuefazione (come la droga) un padre e' finito in giudizio e la figlia in casa-famiglia. E' IL SISTEMA che vuole "cittadini" di questo livello, perche' gli sono utili. La gente educata, colta non gli serve, anzi, e' un intralcio.

Divoll

Ven, 20/04/2018 - 01:34

@ Diemme62 - Concordo, ne vedo tanti di casi come li descrivi tu, al punto che sono arrivato alla conclusione che il divorzio non dovrebbe essere permesso prima della maggiore eta' dei figli (se ci sono).

Ernestinho

Ven, 20/04/2018 - 07:09

Ma cosa aspettava il professore a ribellarsi ed a chiamare qualcuno?

gluca72

Ven, 20/04/2018 - 09:28

Il professore avrebbe dovuto uscire dalla classe e chiamare altri insegnanti preside ragazzi delle altre classi bidelli. E poi chiedere a questi di terminare il loro spettacolo. Farlo passare per quello che era uno show di quattro pagliacci che scambiano la scuola per il cortile di casa loro. Poi una volta convocati i genitori decidere se segnalare la cosa alle autorità e agli assistenti sociali.

perseveranza

Ven, 20/04/2018 - 09:47

Ho l'impressione che queste situazioni di studenti prepotenti e refrattari al rispetto di qualsiasi regola e norma di buona educazione sia purtroppo generalizzata in moltissime scuole italiane. I casi (quelli che vengono a galla) che le cronache riportano sono solo la punta dell'iceberg. I giovani e giovanissimi sono fuori controllo nelle aule ma anche fuori, basta vedere i numerosissimi casi di baby gang violente che imperversano nelle città. O ci si mette mano con una decisa repressione che riporti questi ragazzi coi piedi per terra o il fenomeno diverrà ingovernabile e il danno enorme.

Ernestinho

Ven, 20/04/2018 - 12:20

Inoltre sono anche stupidi! Cosa speravano mettendo in mostra per tutti le loro "imprese"?

Ernestinho

Ven, 20/04/2018 - 12:26

Bocciatura subito per i responsabili ed allontanamento per sempre dalla Scuola Pubblica!

nunavut

Ven, 27/04/2018 - 00:51

@ elkid 12:46 nel tuo commento hai scritto cose vere ma anche delle pie intenzioni.Ora tuo figlio ha 5 anni e non disdegni correggerlo fisicamente aspetta che ne abbia 12 e passa e poi riprovaci,per vedere dove ti ritroverai.Mio figlio a circa 13 anni rispose male alla madre in mia assenza quando rientrai la discussione divenne dura ad un certo momento persi pazienza e lo presi per il collo e lo sollevai da terra gridandogli in faccia che in casa comandiamo noi e non lui,lo rimisi per terra e gli indicai il telf.se vuoi puoi chiamare la polizia ma sela polizia arriva parti con loro e qui non rimetti più piede,dopo di allora tutto filò bene.@ Dado 17:46 lei ha dimeticato di menzionare che il figlio del dr.Spock si suicidò dunque ??ha fallito completamente con suo figlio.