Rizzo: "Roberto Saviano? Radical da tastiera"

Un durissimo affondo del segretario del Partito Comunista italiano Marco Rizzo, candidato alle europee, contro lo scrittore Roberto Saviano che viene definito: "Un radical chic da tastiera che dice cose senza senso dal suo attico di New York"

Il segretario del Partito Comunista Marco Rizzo ha voluto dire la sua su Roberto Saviano definendolo con le testuali parole: "Radical chic da tastiera che dice cose senza senso dal suo attico di New York". Lo stesso ha poi estratto la falce e il martello affondando un ennesimo colpo allo scrittore e sceneggiatore: "Se si pensa a fare gli antifascisti cantando Bella Ciao al salone del libro e basta, si fa dell'antifascismo da passerella, alla Pd".

Il segretario del Partito Comunista, candidato alle europee partecipando alla trasmissione di Radio1 Un Giorno da Pecora ha voluto dire la sua sull'operato "antifascista" di alcuni personaggi dello spettacolo. In particolare, Marco Rizzo risponde ad una domanda del conduttore: "È d'accordo con un possibile ritorno del fascismo in Italia?". E il segretario risponde secco: "Qui ci sono tanti antifascisti da passerella. Il neofascismo si combatte stando nelle periferie e parlando di lavoro con la povera gente. Se si pensa di fare gli antifascisti cantando 'Bella Ciao' al Salone del Libro e basta, si fa dell'antifascismo da passerella, alla Pd". Il presentatore, insistendo va diretto alla domanda: "Quindi neanche Saviano ​secondo lei è di sinistra?". E Rizzo, di risposta: "Lasciamo perdere, sta in un attico a New York a dire cose senza senso, banali, non mi piace assolutamente è non è di sinistra".

Poi il segretario del Partito Comunista va a toccare vari temi che porterà avanti durante la sua campagna elettorale per le europee, tra cui un "male assoluto": il potere che i soldi hanno acquisito nella nostra società: "Il mercato, l'idea che una società debba basarsi sui soldi". Dice la sua sul fallimento del socialismo in alcuni paesi: "Vi spiego una cosa. Come l'Italia si confronta con paesi europei come la Germania, Cuba si confronta con paesi del centro America, come Haiti. E chi va li si rende conto che si sta molto peggio ad Haiti che a Cuba".

Soltanto una settimana fa la polizia aveva risposto ad un commento di Saviano che aveva accusato gli agenti ad essere stati ridotti a "Servizio d'ordine per le campagne elettorali".

La puntata è recuperabile dal podcast di RadioRai.

Commenti

VittorioMar

Mer, 15/05/2019 - 12:13

..povero SAVIANO è diventato un "PANDA"???..WWF ACCORRETE !!!

de barba rossano

Mer, 15/05/2019 - 12:18

e' la prima volta che leggo una dichiarazione intelligente di Rizzo, vecchio nostalgico dell' unione sovietica.

duca di sciabbica

Mer, 15/05/2019 - 12:32

Peccato che provenga da un ammiratore della Corea del nord, ma la dichiarazione di per sè condivisibilissima.

ziobeppe1951

Mer, 15/05/2019 - 12:50

Povero saviano ..prende schiaffoni da destra e da manca..ma lui non si rassegna con le sue idiozie...contento lui

ruggerobarretti

Mer, 15/05/2019 - 13:22

solo per questo lo voterei. Sto scherzando, pero' ogni tanto anche i comunisti dicono qualcosa di sensato.

Ritratto di ateius

ateius

Mer, 15/05/2019 - 13:55

forse dei veri comunisti di un tempo non ce ne sono più. almeno quelli sapevano usare il cervello.. e discriminavano il momento di parlare e quello di TACERE.- oggi i saviano i lerner e i compagni vari sono patetiche figure che fanno solo PENA. e se n'è accorto un comunista vero come Rizzo

stopbuonismopeloso

Mer, 15/05/2019 - 14:17

saviano è nulla nullità che cerca di mantenere visibilità e sopratutto reddito, tramite queste crociate mediatiche da radical chic da salotto buono, per avere rispetto, vada a sporcarsi le mani nelle periferie o in africa, altro che scorte, talkshow, attici a new york e twitter

Ritratto di malatesta

malatesta

Mer, 15/05/2019 - 14:30

Rizzo, forse l'ultimo VERO comunista rimasto..purtroppo fortemente screditato dalla intellettuale baldanza di Bertinotti che di Comunismo non se ne intendeva proprio.Una prece!

carlo dinelli

Mer, 15/05/2019 - 14:33

Guarda! Un commento sensato da qualcuno di sinistra

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 15/05/2019 - 14:36

Ahahahah....Che smacco! Adesso Saviano prende sberloni anche dai suoi? Fuoco amico? Ahiahiahiahiahi.

voiturderi

Mer, 15/05/2019 - 17:13

Da che pulpito. Ha parlato il comunista da salotto

Scirocco

Mer, 15/05/2019 - 17:45

Rizzo ha dato la descrizione perfetta del gauche caviar Saviano una nullità che vive di luce riflessa.

umberto1964

Mer, 15/05/2019 - 17:56

Sono in disaccordo con Rizzo su molte sue idee, già il fatto di avere ricreato un Partito Comunista come se facessero rinascere il fascismo a dispetto di tutti gli allarmismi dei lerner, vauro pamperi di turno , ma concordo sulla definizione di Saviano . Ed anche sul definire i soldi come male assoluto, nessuna nostalgia socialista per carità , ma è furi di ogni dubbio che sempre più potere e risorse economiche sono nelle mani di pochi se non pochissimi

Giorgio Rubiu

Mer, 15/05/2019 - 18:46

Ecco, la frase chiave è "...dal suo attico di New York…". Cosa ci fa un riccone provocatore amico degli pseudo comunisti di oggi (non di Rizzo, quindi) in un attico di New York invece che nella Corea del Nord? E' probabile che sia perché vivere negli USA, nazione capitalista per antonomasia, è molto più piacevole e libero che farlo nei "paradisi comunisti"?

Ritratto di nestore55

nestore55

Mer, 15/05/2019 - 22:55

Scossone sinistro al ciarlatano surpelato, re del copia incolla! Un uppercut da far rimanere stordito Mike Tyson!!! Cito (indegnamente) Cicerone: De scurra multo facilius divitem quam patrem familias fieri posse...E.A.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Gio, 16/05/2019 - 11:46

Nella sua drammaticità la posizione di Rizzo è quanto mai attuale e coerente: un nostalgico dell'URSS, cresciuto a pane e Capitale di Marx come potrebbe altrimenti definire un giornalettista prezzolato, peraltro pure condannato per plagio. Rizzo per quanto mi riguarda è un avversario meritevole di rispetto, ma ormai la sinistra di oggi non è il PC di ieri.