Roma, egiziano sequestra moglie incinta e figlia: arrestato

Aveva chiuso moglie e figlia all'interno del loro appartamento, con grate chiuse a chiave e senza telefono. L'uomo, un 30enne egiziano, è stato arrestato

A Roma, un egiziano di 30 anni è stato arrestato per avere sequestrato in casa moglie e figlia nel proprio appartamento di via della Stazione di La Storta, con le finestre chiuse a chiave, senza telefono e completamente isolate dal mondo esterno. Questa la storia di una donna egiziana di 22 anni (in stato di gravidanza) e del proprio bambino di quasi un anno.

Quando i poliziotti sono arrivati nell'edificio, per accertare la segnalazione fatta da alcuni testimoni attratti dal pianto di un bambino, si sono diretti verso l'appartamento della vittima. Da una finestra, hanno potuto intravedere un bimbo che "gattonava" sul pavimento e una donna seduta vicino ad un tavolo intenta a leggere un libro.

Quando ha visto gli agenti, malgrado la sua non perfetta conoscenza della lingua italiana, la ragazza-madre è riuscita a spiegare di non poter aprire la porta perché il marito l'aveva chiusa dall'esterno, portandosi via le chiavi. Tuttavia, grazie alle indicazioni fornite dalla donna, i poliziotti sono riusciti a rintracciare il marito.

Recuperate le chiavi dell'appartamento, gli agenti della Polizia di Stato hanno così posto fine alla segregazione della mamma e del proprio figlioletto. L'uomo, un egiziano di 30 anni, è stato accompagnato negli uffici del commissariato Ponte Milvio dove, al termine degli accertamenti, è stato arrestato per sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia.

La mamma ed il bambino invece, sono stati accolti presso una casa famiglia protetta.

Commenti

scarface

Ven, 04/08/2017 - 11:21

Questi sono i "loro costumi" che secondo la decerebrata istituzionale presidenta dovrebbero divenire "i nostri costumi".

maurizio50

Ven, 04/08/2017 - 11:36

@scarface. Condivido. Anche a me vengono in mente le demenziali affermazioni di Madame di Monte Citorio, ogniqualvolta un non italiano arrivato sul territorio nazionale mette in essere i costumi tribali tramandatigli dagli avi!!!!

buri

Ven, 04/08/2017 - 11:38

ecco il futuro se non fermiamo l'immigtszione

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 04/08/2017 - 11:48

Calma e gesso! Come si sono permessi di arrestare una risorsa???Per di più nel suo diritto islamico dettato da allah al bar di sottomettere coniuge e prole femminile??Si devono vergognare e sperare che un imam,segua i precetti del profeta(che le benedizioni cadano su di lui)e lanci una fatwa!ACCHHH SOOOO!!!

ziobeppe1951

Ven, 04/08/2017 - 13:56

Le zecche rosse non commentano neanche quando a commettere questi efferati atti delinquenziali, sono le loro splendide risorse....chi tace acconsente

risorgimento2015

Ven, 04/08/2017 - 14:44

Ma cosa ci fanno in Italia tutti questi pidocchi!?Pensate adesso solo questo caso quanto ci e` `costato,tempo della polizia che poteva essere impiegato per la nostra sicurezza,tutti giri del welfare che intascheranno,spese per la giustizia /spese giudiziare,perfino la benzina&manutenzione dell'auto della polizzia....e chi ne consca alter ne metta di spese per le

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 04/08/2017 - 14:51

Egiziano con comportamento non compatibile alla nostra cultura. Va espulso...questo in un paese normale da noi con le poltiche iper garantiste del governo non gli succederà niente.