Roma, un ristorante su 4 ospita gli scarafaggi

In base ai dati raccolti dai Nas, a Roma, da novembre 2015 a oggi, la metà dei ristoranti e locali del centro ospita topi o scarafaggi e non è in regola per via delle scarse condizioni igieniche cibi contaminati

A Roma un ristorante su 4 è a rischio chiusura per motivi igienici e uno su 2 ha varie irregolarità. È questa la situazione descritta dai Nas sulla base dei dati raccolti tra novembre 2015 e ottobre 2016, in pieno Giubileo.

Come riporta il Corriere su 727 locali ispezionati, prevalentemente nel centro storico, solo il 51% era completamente in regola, mentre per il 49% (ossia in 357 casi) l’ispezione ha dato “esiti non conformi”. Sono state fatte 521 multe per un valore di 658mila euro e tra olio e prodotti di carne e pesce sono stati sequestrati beni alimentari del valore di 20mila euro. Ben 349 titolari sono stati denunciati alla Asl e altri 33 sono stati denunciati penalmente per il mancato rispetto delle norme sulla sicurezza nel posto di lavoro oppure per la vendita di prodotti adulterati.

Tra i locali sanzionati più famosi, nel quartiere Prati, ci sono Franchi, dove gli scarafaggi popolano le cucine e scorrazzano dentro il registratore di cassa, e la storica cornetteria di via Barletta, dove a farla da padrona sono le blatte. In zona Testaccio, invece, è eclatante il caso di Oishi Sushi che ospitava le feci di topi nell’area di preparazione dei pasti e in magazzino. Per fortuna, in molti casi, locali come questi si sono rapidamente messi in regola ma quel 49% di locali non perfettamente a norma c’è chi l’ha sfangata per un pelo. Sono ristoranti in cui può capitare di vedere i disinfettanti accanto ai fermenti lattici oppure gli insetti sui prosciutti. “La precarietà non è più una costante della nostra ristorazione e l’offerta è in linea con gli obiettivi qualitativi della norma”, dicono i Nas. Esistono però meccanismi di autotutela come l’ Haccp) in cui il ristoratore si sottopone una tantum al controllo esterno di un ente certificatore che supervisiona il luogo di lavoro ed eventualmente si adeguano apportando dei piccoli cambiamenti. Ma un 25% di quei 324 locali risultati non conformi non si è ancora adeguato e, pur non avendo scarafaggi, ha una bassa qualità.

Commenti

Gianca59

Dom, 23/10/2016 - 12:54

Basta passeggiare per Roma per potersi facilmente immaginare cosa c' è dietro facciate che si presentano sporche, grigie, piene di scritte, strade bucate, marciapiedi sgarrubati, monnezza raccolta per modo di dire, caos imperante, metropolitana che cade a pezzi, ....La più bella città del mondo in mano a degli incapaci che non la sanno gestire ! VERGOGNA !

manfredog

Dom, 23/10/2016 - 12:55

..il fatto è che i proprietari di quei ristoranti (uno su quattro) sono tutti animalisti e vegani, quindi non hanno nulla contro gli scarafaggi e non li possono né uccidere, né..cucinare, come magari avviene in altri ristoranti nella stessa zona..!! mg.

Ritratto di Tristano

Tristano

Dom, 23/10/2016 - 14:00

"...un ristorante su 4 ospita gli scarafaggi..." Ehhh!!! Che notiziona !! Roba da Pulitzer. Avete dimenticato di scrivere nel titolo "...quindi la colpa ricade sulla Raggi che in ben 3 mesi non ha saputo governare la Capitale".

linoalo1

Dom, 23/10/2016 - 17:23

Potete multare finchè volete,ma,il risultato,sarà sempre lo stesso!!!Subito dopo,non sarà cambiato nulla!!!Bisogna ricorrere a Punizioni Drastiche!!!Alla Seconda che mi fai,ti Licenzio e te ne vai!!Ossia,dopo due Verbali,si Ritira la Licenza!!!

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 23/10/2016 - 18:41

Ospitano blatte e gli scarafaggi perché sono neri. Ed oggi i neri bisogna accoglierli amorevolmente ed ospitarli a nostre spese.

timoty martin

Dom, 23/10/2016 - 18:43

Si consiglia ai coraggiosi turisti di portarsi anche "Mastro Lindo" Pero'... che schifo In quale ristorante mangia la Raggi ?

jeanlage

Dom, 23/10/2016 - 19:01

1 su 4 ha scarafaggi. Gli altri, hanno parlamentari.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 23/10/2016 - 19:02

Cornetteria o blatteria? Anagrammando il nome della via (barletta) per una I mancante viene fuori proprio "blatteria e,data la presenza dei medesimi in cucina,come insegna non stona.

nunavut

Dom, 23/10/2016 - 20:00

@ Tristano che triste conclusione ha escogitato!!! Nessuno ha o vuole criticare la Raggi.I ristoranti citati non hanno rispettato le regole prima e neanche al momento del controllo.Ora si sono adeguati alle regole ed esenti da insetti e rispettando le regole alimentari di base, per quanto tempo????

il sorpasso

Lun, 24/10/2016 - 07:38

Basta pubblicare i nomi di questi ristoranti e la punizione avviene in tempo reale: stesso discorso vale anche per gli altri ristoranti dell'Italia.

routier

Lun, 24/10/2016 - 11:42

X il sorpasso 7,38 Condivido! Tuttavia la denuncia per calunnia è sempre in agguato, e anche se a rigor di logica non dovrebbe trovare accoglimento per palese inconsistenza, con la magistratura che ci ritroviamo, è meglio andarci cauti.