La rucola killer che ha già ucciso due persone e ne ha infettate 150

In diverse parti dell'Inghilterra viene venduta la rucola in busta che diffonde un batterio mortale. Già 150 persone sono rimaste infettatate

Non si può star tranquilli nemmeno mangiando un piatto di insalata: sembra che la rucola in busta abbia diffuso un batterio che ha provocato la morte di due persone e il ricovero di moltissime altre.

Centinaia di persone sono state colpite da una nuova epidemia provocata dal batterio E.coli. Il batterio si troverebbe nelle buste prefonfezionate di rucola che vengono servite nei ristoranti e che sono vendute nei supermercati. Due persone sono già morte e più di una decina sono state ricoverate.

Il batterio si è diffuso principalmente nel Regno Unito, spiega il Telegraph. Ma quello che allarma è che il prodotto viene importato dal Mediterraneo. Quindi potremmo trovare anche noi, sulle nostre tavole, la rucola "killer". Il ceppo di E.coli in questione è lo 0157 e ha già infettato oltre 150 persone.

Le autorità sanitarie hanno ordinato ai grossisti che riforniscono ristoranti e catene di supermercati del Regno Unito di interrompere l'importazione del prodotto dal Mediterraneo. Per capire meglio cosa sta succedendo sono iniziate le indagini nella zona di Bristol e Bath dove sono morte le due persone.

Ma solo qualche giorno fa, l'epidemia si è diffusa anche in altre zone dell'Inghilterra, in Galles e in Scozia. Perciò la situazione si complica e le indagini si fanno sempre più fitte. I consumatori, intanto, sono stati messi in guardia e la Food Standars Agency ha raccomandato tutti di lavare accuratamente le verdure destinate ad essere consumate crude, compresa la rucola incriminata.

Commenti

risorgimento2015

Lun, 18/07/2016 - 11:37

Probabilmente robaccia` proveniente dal nord Africa .

cgf

Lun, 18/07/2016 - 12:01

Mia moglie una volta si beccò questo virus (0157) in Egitto... ma non l'Egitto il paese mediterraneo di provenienza della rucola, ma di un altro più a nord, presente quello a forma di stivale? Proprio quello e non certo a corto di persone che NON si preoccupano poco di controllare l'acqua con la quale innaffiano (come in Egitto).

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 18/07/2016 - 12:20

risorgimento2015: non è escluso che invece provenga dall'Italia... ( http://www.affaritaliani.it/cronache/grave-epidemia-di-e-coli-a-causa-di-insalata-e-rucola-432271.html ).

venco

Lun, 18/07/2016 - 12:38

Sicuramente non la lavano prima di mangiarla, l'insalata non viene lavata alla raccolta perché si marcisce subito.

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 18/07/2016 - 13:13

ci mancava solo la rucolisis.

Raoul Pontalti

Lun, 18/07/2016 - 14:01

La GB non è ancora uscita dalla UE e pertanto etichetta gli alimenti secondo le norme UE e ne consente la tracciabilità: l'insalata de qua non viene "dal Mediterraneo" ma da uno o più precisi paesi, mediterranei o meno, e se l'insalata è mista ciascun paese per ciascun componente della preparazione deve comparire in etichetta. Ciò detto va ricordato che il paese europeo con la più vasta diffusione di ceppi verocitotossici di Escherichia coli sia O157 che non-0157 è proprio la GB con focolai ricorrenti e in particolare in Scozia e Galles vent'anni fa vi fu un'epidemia con dovere centinaia di persone colpite e oltre una ventina di decessi (quasi tutti anziani) e molti esiti invalidanti (dialisi). In GB più che la verdura sono pericolose le carni macinate per difetti di trattamento dei prodotti che originano dal macello e si perpetuano sui banchi di preparazione.

ziobeppe1951

Lun, 18/07/2016 - 14:36

Al trombato di Trento dopo l'incidente tecnico, è tornato a funzionare wikipedia

Raoul Pontalti

Lun, 18/07/2016 - 15:23

@ziobepppe 1951 volte mona l'enciclopedia delle servette (Wikipedia) è affar tuo. Nel caso mi sono sovvenuto delle mie conoscenze in materia di alimenti, cui ho aggiunto rapida compulsazione del portale RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed) e la lettura di un paragrafo di una tesi di laurea dell'Università di Padova proprio sulle contaminazioni batteriche delle carni macinate fresche che conteneva delle interessanti notazioni epidemiologiche sugli stipiti verocitotossici di E. coli (tesi.cab.unipd.it/44748/1/Dal_Pra_Francesca.pdf: leggi anche tu da pag. 20 a pag. 22). Soddisfatto?

ziobeppe1951

Lun, 18/07/2016 - 16:07

Trombato di Trento....tutto è possibile a questo mondo....fregisti balls

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 18/07/2016 - 18:01

Raoul Pontalti: puoi chiedere di tutto al buon ziobeppe, anche la moglie sempre che, poveretta lei, ne possegga una (e sempre se hai lo stomaco di caricartela) ... ma non chiedergli assolutamente di leggere: la sola idea lo rende idrofobo! Infatti il tuo ultimo post è evidente che non l'abbia nemmeno letto (troppo lungo e complicato), e se anche l'avesse fatto a costo di indicibili sforzi non avrebbe capito nulla. Fantastica poi la sua consueta logorroica risposta: assolutamente insignificante (come lui d'altronde).

baio57

Lun, 18/07/2016 - 18:17

Pontalto dopo questo trattato scientifico/batterico/alimentare ora posso anche andare a fare l'aperitivo .

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 18/07/2016 - 18:54

.Raoul Pontalti: puoi chiedere di tutto al buon ziobeppe, anche la moglie sempre che, poveretta lei, ne possegga una (e sempre se hai lo stomaco di caricartela) ... ma non chiedergli assolutamente di leggere: la sola idea lo rende idrofobo! Infatti il tuo ultimo post è evidente che non l'abbia nemmeno letto (troppo lungo e complicato), e se anche l'avesse fatto a costo di indicibili sforzi non avrebbe capito nulla. Fantastica poi la sua consueta logorroica risposta: assolutamente insignificante (come lui d'altronde).

Ritratto di Rames

Anonimo (non verificato)

ziobeppe1951

Lun, 18/07/2016 - 22:09

Sognatore66 ....spari kazzate tipiche di chi le canne non le sogna solamente

cgf

Lun, 18/07/2016 - 23:24

@Raoul Pontalti è dal 9 luglio che questa notizia circola e con molti più particolari rispetto a questo articolo e dopo 9 giorni se ne salta fuori che serve guardare qui, leggere la... per favore!! Se proprio vuol sapere sono due le ditte fornitrici della rucola incriminata, RIPETO rucola e non insalata mista, quindi inutile cercare vari produttori diversi in diversi paesi. Quale è il Paese? ITALIA!!! perché l'Italia non è un paese mediterraneo? vero che vivere in mezzo alle dolomiti pare strano, ma è così perché l'Italia NON FINISCE A VERONA. Quale parte d'Italia sono queste ditte? glielo lascio cercare, sarà una sorpresa anche per lei.

ziobeppe1951

Mar, 19/07/2016 - 00:10

Sognatore66.....guarda che questa non si fuma va beh che tu ormai....

Sabino GALLO

Mar, 19/07/2016 - 01:07

Ci voleva anche questa! se non si dà una bella lavata a tutto, finiremo proprio male in breve tempo! Avevo ragione a non fidarmi della roba fresca lavata dagli altri. Difficile che facciano due o tre sciacqui! Ci risparmiano un po' di fatica, aumentando il prezzo del prodotto, ma ci mandano all'ospedale. e nei Supermercati ci fanno mettere anche i guanti di plastica, per non sporcare....lo sporco??

Raoul Pontalti

Mar, 19/07/2016 - 16:03

@cgf l'avevo già commentata la notizia su questo stesso Giornale (vai a vedere...), qui ho solo puntualizzato due cose: a) la scemenza dell'origine vagamente mediterranea dei prodotti in questione, b) che in GB la sindrome de qua (contemplante anche la complicanza gravissima della sindrome emolitico-uremica) è "endemica" da sempre e per le più svariate cause indigene.