Salerno, abbraccio vietato a coppia gay: lido accusato di discriminazione

Arcigay denuncia un episodio di discriminazione in un lido di Salerno: a una coppia gay è stato vietato di abbracciarsi. Ma il gestore replica: "Stesse regole di buon costume per tutti"

L'ennesima denuncia di discriminazione omofobica arriva da Salerno: il bagnino avrebbe vietato a una giovane coppia gay di abbracciarsi in pubblico.

È successo nello stabilimento balneare "Lido Arcobalenò" di Salerno lo scorso venerdì, 4 agosto. La denuncia arriva dall'Associazione Arcigay e riportata da La Repubblica. A raccontare l'episodio è stato uno dei ragazzi coinvolti: A. I., 17enne casertano attivista nel Gruppo Giovani di “Rain Arcigay Caserta” onlus, che venerdì era in piscina con il fidanzato salernitano, 18enne.

“Eravamo in piscina come tutti gli altri: anziani, famiglie, adolescenti come noi e tantissime coppie eterosessuali e come facevano tutte le coppie eterosessuali presenti, anche noi ci siamo abbracciati mentre eravamo in acqua, ma non è stato gradito, qualcuno ci ha additato e il bagnino si è avvicinato per dirci che nella struttura c'erano dei bambini - ha riferito il giovane - Ad un certo punto il bagnino si avvicina pacatamente e ci rimprovera di essere più "composti", usa questo termine, con la motivazione che lì ci fossero bambini”.

“Provando profondo disagio nel sentirci definire "disturbatori dei bambini" abbiamo preferito uscire dalla piscina e allontanarci - ha continuato A.I. - ll bagnino nel vederci allontanare ci viene incontro iniziandoci a dire che si sarebbe rivolto così anche ad una coppia eterosessuale: peccato che lì ce ne fossero decine intente a baciarsi e abbracciarsi e nessuna è stata importunata come è accaduto a noi”.

Alla solidarietà espressa da Rain Arcigay Caserta per i due ragazzi, si aggiunge quella di Arcigay Salerno che ha definito l'episodio "increscioso": "Ci spiace dover assistere nuovamente ad episodi che rasentano espressioni di discriminazione e che senza dubbio sono palesano un clima di intolleranza e difficile riconoscimento sociale e culturale delle diversità”. Secondo l'associazione si tratta del "terzo caso di omofobia da parte di esercizi del settore turistico, dopo quanto accaduto alla coppia gay che voleva prenotare una camera in Calabria, e si è vista rispondere che non si accettavano gay e animali, e il caso della villa in Salento che affermava la stessa cosa in un annuncio”.

Ma i gestori del lido non ci stanno e ribattono che "ai due giovani è stato riservato lo stesso composto e rispettoso atteggiamento che negli anni abbiamo adottato con coppie etero che si erano dimostrate particolarmente espansive e calorose all’interno della nostra struttura", ha spiegato la famiglia Iavarone, titolare del Lido. "Nessuno è stato cacciato così come nessuno s’è accorto di quello che stava succedendo, perché siamo soliti rispettare i nostri clienti - precisano dal Lido Arcobalenò - Abbiamo applicato le regole di buon costume che valgono per tutti, a prescindere dal loro orientamento sessuale, che noi rispettiamo nella sua totalità".

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 06/08/2017 - 15:53

gli omosessuali, salvo eccezioni, sono esibizionisti ed hanno comportamenti eccessivi, cercando sistematicamente provocazioni per poi fare le vittime. personalmente, vedere due maschi che si baciano come Romeo e Giulietta mi blocca la digestione

Divoll

Dom, 06/08/2017 - 16:09

Non abbiamo piu' neanche il diritto di provare repulsione, vero? E in spiaggia ci sono tantissimi bambini... Ecco perche' la legge contro le esibizioni gay in pubblico che si e' data la Russia e' una legge SACROSANTA. Spero che il governo futuro la introduca e la regola di questa spiaggia diventi la norma.

gcf48

Dom, 06/08/2017 - 16:10

anche a me E poi l'arcigay ecc che la smettano di gridare all'omofobia. è vero a me due uomini che si baciano fanno schifo. E allora non posso dirlo?

istituto

Dom, 06/08/2017 - 16:21

Attivista gay con il " fidanzato" ? Ma anche il Giornale si arrende all'ideologia GENDER ed alla sua terminologia ? Potevate scrivere con il suo amico. Così vi siete " adeguati" a loro. Ed inoltre quei due non sono disturbatori di bambini ma CORRUTTORI di bambini. Gesù ha detto che " chiunque scandalizzera' uno di questi piccoli è meglio che si metta una macina al collo....."

framarz

Dom, 06/08/2017 - 16:23

gli omosessuali sono l'1% della popolazione; sanno benissimo che al restante 99% (esclusi i radical chic) le loro effusioni in pubblico danno fastidio; peraltro, per me dovrebbero evitarle anche gli etero.

VittorioMar

Dom, 06/08/2017 - 16:27

...sarebbe opportuno ,per PUBBLICA DECENZA e PER COMPORTAMENTI INTELLIGENTI,DI EVITARE PROVOCAZIONI E ESIBIZIONISMI !!!...SE IN GRADO DI CAPIRLO...!!!

Ritratto di tethans

tethans

Dom, 06/08/2017 - 16:27

Commenti senza logica ; vi fa scifo vedere due che si abbracciano e si danno magari un bacio semplice dello stesso sesso , cosa dovrebbero dire le persone dello stesso sesso vedere due persone diverse ( bianca , nera , alta ,bassa , magra , grassa ) girare in spiaggia o baciarsi !! fanno schifo ? Perché non si va da una persona obesa s dirgli copriti mi fai schifo !? Perce si dice i bambini ! I bambini non sanno distinguere fanno domande e se un genitore ha cervello da una risposta adeguata e giusta .

INGVDI

Dom, 06/08/2017 - 16:49

Le effusioni degli esibizionisti gay fanno schifo. Ma il pensiero unico proibisce di lamentarsi, pena essere accusati di omofobia. E' una società dal pensiero debole, in via di estinzione, quindi senza futuro, quella che ancora domina e stiamo subendo.

tonixx

Dom, 06/08/2017 - 16:58

Tutto questo odio contro i gay non l'ho mai capito. A me e' sempre dispiaciuto tantissomo vedere tantissimi omosessuali costretti a sposarsi e fare dei figli per non essere discriminati nella vita. A chi lo dobbiamo? Forse ,agli indrottrimenti della chiesa che oggi tutti sanno essere composta da pedofili ed omosessuali in prevalenza? L'omofobia e' stata analizzata e dimostrata come una non accettazione delle proprie pulsioni omosessuali. Altro che il 10 & della popolazione....

Ritratto di duliano

duliano

Dom, 06/08/2017 - 17:04

A me danno fastidio anche un uomo e una donna (o anche due donne) che limonano in pubblico infilandosi 2 metri di lingua il gola ciascuno. Mantenere un certo contegno quando ci sono altre persone presenti è segno di educazione e di rispetto verso gli altri. E smettiamola con questo vittimismo degli omosessuali. Non è vero che tutti vi vogliono male, basta comportarsi normalmente quando si è in pubblico e nessuno dirà niente!! E questo vale per tutti: etero, omo e bisex

Ritratto di makko55

makko55

Dom, 06/08/2017 - 17:05

@framarz, concordo !

Lapecheronza

Dom, 06/08/2017 - 18:04

@tonixx - mi permetto: l'odio è un atteggiamento con il desiderio dei nuocere di proposito a qualcuno. Non dovrebbe essere confuso il disprezzo che è la totale mancanza di stima contro qualcuno ma non sviluppa il desiderio di attivarsi per nuocere a qualcuno. Esistono molti termini che possono indicare uno stato d'animo anche la fredda indifferenza. L'omofobia è una patologia clinica, personalmente ritengo che due omosessuali possano fare quello che meglio credono ma con discrezione. Molti gay condannano altri gay che manifestano, ostentano un atteggiamento che per alcuni è considerato gratuitamente provocatorio. Faccio un paragone, ci sono persone che mangiano la pupù (coprofagia), altri mangiano di tutto (il picacismo) nulla vieta loro di farlo, ma se lo facessero senza discrezione, davanti a me non diventa assolutamente odio nei loro confronti ma un sentimento del tutto diverso.

venco

Dom, 06/08/2017 - 18:07

dr. Strange, pieno atto a quanto scrivi, sei un grande.

gluca72

Dom, 06/08/2017 - 18:15

Decine che si abbracciano e si baciano? Ma che piscina è...Comunque anche io anni fa sono stato ripreso in piscina in acqua dopo qualche bacio con la mia fidanzata ma non sono finito sul giornale.

Vidok

Dom, 06/08/2017 - 18:28

E' solo una questione di buona educazione ... e deve valere anche per i Gay !

steacanessa

Dom, 06/08/2017 - 18:42

Ben fatto. mi hanno sempre infastidito le slinguate stradali dei giovani di sesso diverso. Ormai oltre 40 anni orsono ero con moglie e infante sul sagrato della chiesa di Assisi. Sul muretto delimitante c'erano due giovani di apparente sesso diverso (uno aveva i capelli lunghissimi) che si slinguavano. Provai disagio per la mancanza di pudore in un luogo sacro pur non essendo un bigotto. Stavo per dire loro di smetterla quando dovetti rincorrere mio figlio (4 anni) che si stava allontanando. Mia moglie era già entrata in chiesa e la raggiungemmo. All'uscita riferii a mia moglie quanto visto. Lei mi disse: guarda che erano due maschi. Rimasi di sasso. Oltre al disagio per il luogo provai un senso di repulsione. Posso dirlo senza essere perseguito per omofobia? In questo paese disastrato le persone NORMALI non sanno più come comportarsi.

GURU1979

Dom, 06/08/2017 - 18:56

No ma voi siete malati..ma lo sapete vero che chi rifugge così l'omosessualità è perché molto probabilmente ha un'omosessualità latente inconscia? Cioè..repulsione?blocco della digestione?schifo?corruttori di bambini? Il massimo lo tocca framarz..ma si che vengano punite tutte le effusioni in pubblico..ma siete sessuofobi..avete dei seri problemi.. Però poi stragi della mafia..e morti ammazzati di qualsiasi genere, morti di stento e di fame quello non vi fa indignare..per favore su..pensate a cose più importanti

frapito

Dom, 06/08/2017 - 19:03

(PARTE1)"L'omofobia è stata analizzata (da chi?) come una non accettazione ...)(???). Ma per favore !|!! Le solite bufale dei depliant della lobby-gay. Tanto per cominciare il termine "omofobia" è semanticamente sbagliato. Deve la sua divulgazione alla compiacenza (pagata) di certa stampa spazzatura. "OMO" viene dal greco e significa identico, uguale, etc. (vedi omonimo,omogeneo, omologo, etc.). Fobia è una paura persistente di origine traumatica e non credo che tutti quelli che vengono accusati di "omofobia" siano stati traumatizzati da qualche omosessuale. “Omo+fobia” significa paura di se stesso cioè è proprio omosessuale che ha paura (alias rifiuto, repulsione) di se stesso (identità, ruolo,etc.). Quello che viene contrabbandato come "omofobia" altro non è che "disagio d'identificazione". Questa si che è stata analizzata e dimostrata anche negli animali, ed é normalmente chiamata anche "normale diffidenza ".

frapito

Dom, 06/08/2017 - 19:05

(Parte2)” Il disagio d’identificazione” è uno stato psicologico NORMALISSIMO, che si instaura quando ci si trova davanti una persona, ambiente, situazione, anche animale, sconosciuto di cui non si conoscono le caratteristiche relazionali (il cane morde?). Davanti un omosessuale, un trans o peggio ancora ad una coppia omosessuale di cui non si capisce chi è la "marita" e chi il "moglio", il disagio d’identificazione è elevatissimo. So che al mondo gay la parola “omofobia” piace tantissimo, ci si riempie la bocca, ma sta anche a significare l'ignoranza e la malafede della divulgazione gay. Adesso scoppieranno le crisi isteriche, perché certe cose non si devono dire e pensare!!!. Non è politicamente-corretto!!!!!

istituto

Dom, 06/08/2017 - 19:47

Sono gli omosessuali che grazie al potere politico e soprattutto a quello economico con vari magnati tipo SOROS ,stanno instaurando la DITTATURA del PENSIERO UNICO. Comunque da che mondo è mondo le unioni omosessuali sono state sempre considerate innaturali e CONTRONATURA. Vedasi l'imperatore Nerone che "convolo'" ( si fa per dire) due volte in unioni omosessuali di nascosto perché il pur corrottissimo e vizioso popolino romano pur avendone viste di cotte e di crude si rifiutava di accettare una cosa simile e sbertucciava,irirrideva e oltraggiava il suo imperatore caduto così in basso. Chi vuole capire , capisca.

gcf48

Dom, 06/08/2017 - 20:02

tonixx e tethans omofobia è una non accettazione della propria omosessualità. Ma chi lo dice?. l'1% della popolazione non può dettar legge

il sorpasso

Dom, 06/08/2017 - 20:24

Sono contro a tutte le esibizioni anche quelle fra un uomo e una donna figuriamoci fra uomini o fra donne. Di solito in spiaggia ci sono dei bambini e credo che non sia un gran bello spettacolo.

Cristiano77

Dom, 06/08/2017 - 20:34

L'orientamento affettivo, omo o etero che sia, non dipende dall'educazione fornita dai genitori, e nemmeno da ciò che un bambino vede o non vede da piccolo, al mare o altrove. E' una caratteristica della persona, come il colore dei capelli o della pelle. Facciamocene una ragione e mettiamoci il cuore in pace. Lo scandalo e la malizia sta negli occhi di chi guarda, e in questo caso negli occhi degli adulti, non certo dei bambini, che, se educati da genitori evoluti e non bigotti, vedono solamente due esseri umani che si vogliono bene.

Totonno58

Dom, 06/08/2017 - 20:47

Se è vero che il lido applica lo stesso rigore a tutte le coppie, va bene così.

Ritratto di marmolada

marmolada

Dom, 06/08/2017 - 21:10

Finiamola con il vittimismo! In pubblico ci sono delle regole di convivenza, di rispetto degli altri e di pudore che vanno rispettate! Siano etero, siano gay o altri generi, in pubblico si comportino educatamente tutti. Tanti omosessuali sono dei veri esibizionisti e provocatori che poi si lamentano e lanciano accuse di omofobia alla gente che chiede loro semplice rispetto. Aspettate che prevalgano gli islamici e poi ne vedremo delle belle.....vedremo i gay volare dai tetti degli edifici...

Fjr

Dom, 06/08/2017 - 22:22

Veniva da dire , trovatevi un motel!!!!,ha gia' anche li' non son ben visti, ironia a parte ogni volta si monta un caso,ma a proposito uno dei due era minorenne o sbaglio?

Ritratto di karmine56

karmine56

Lun, 07/08/2017 - 05:15

A me fa venire il vomito.

vince50

Lun, 07/08/2017 - 08:07

Credo di avere il diritto di esprimere la mia opinione(gay permettendo si capisce).Se una coppia etero si abbraccia,tutto questo è nell'ordine "naturale" delle cose.Se lo fanno due gay NON è la stessa cosa non lo è ne può esserlo,questo se lo devono ficcare in testa una volta per tutte.Se vogliono ricchioneggiare!!lo facciano pure ma in privato,nessuno se ne occuperà.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 07/08/2017 - 08:11

Le tracimazioni erotiche in pubblico sono irritanti da qualsiasi sponda provengano. Omo ed etero si diano, pertanto, una calmata. Se, poi, l'amore scappa lo si vada a fare privatamente.

Morker83

Lun, 07/08/2017 - 08:17

Premesso che effusioni in pubblico, in un luogo ristretto come una piscina, non sono graditi nè da etero né da gay. Cmq rispondo a @framarz dicendo che gli omosessuali non sono l1% ma circa il 10% di cui il 6% dichiarati e il 4% fa la doppia vita.

giovanni951

Lun, 07/08/2017 - 08:25

@divoll: aspetta e spera.....con gente simile al governo va giá bene se non ci obbligheranno a diventare gay.

frapito

Lun, 07/08/2017 - 08:46

@cristiano77- Che l'omosessualità sia una caratteristica di una persona, entro certi limiti, può essere anche vero, ma non centrano nulla il colore dei capelli o della pelle, perché sono caratteristiche identitarie connaturate. L'omosessualità non ha proprio nulla di connaturato e di identificativo, anzi,. è un comportamento acquisito e distorto. Una cosa è volersi bene un'altra è slinguettarsi, senza alcuna dignità, in pubblico, con la precisa intenzione di sfidare e provocare. Per subire e sopportare questi spettacoli disgustosi e osceni, non mi sembra proprio che sia una questione di educazione alla "evoluzione sociale", anzi mi sembra proprio che devono essere proprio gli omosessuali ad essere "educati"!!!

Dordolio

Lun, 07/08/2017 - 09:02

Con gli omosessuali ci lavoro. e devo dire che quelli con cui tratto sono estremamente composti nei loro comportamenti. In una località turistica ne ho visti però due "in azione" e la cosa mi ha infastidito moltissimo. Perchè si tratta di comportamenti innaturali, visto che i sessi sono solo due e quel che è al di fuori è solo vizio o malattia. La natura è stata molto precisa su questo. E che dei bambini possano esserne turbati è semplicemente ovvio. Perchè nella natura delle cose.

donald2017

Lun, 07/08/2017 - 09:53

bravi,bene ,bis avanto così gli amanti della g....a sono sempre più discriminati

nerinaneri

Lun, 07/08/2017 - 10:02

...facciamo che per 6 mesi, non si parli più di gay/gaye?....

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Lun, 07/08/2017 - 10:04

Non mi pare che un abbraccio possa far sollevare questioni. Sopprattutto l'abbraccio è una forma di espressione che appartiene a tante sfere sociali senza scandalizzare nessuno: calciatori, biker, giocatori di rugby, solo per citarne alcuni. Siamo sicuri invece che uno dei protagonisti, attivista di “Rain Arcigay Caserta” onlus non cercasse solo un po' di fama e pubblicità, decidendo di andare ben oltre "l'abbraccio" e provocare la sensibilità delle persone circostanti evidentemente non abituate a strusciamenti ed effusioni gay?? Ha fatto bene il bagnino, la libertà di esprimere la propria sessualità finisce dove comincia quella di chi la considera un oltraggio. E' solo questione di rispetto. Ricordo di una coppia normale denunciata per effusioni proprio in una piscina... ma non ci fu questo polverone!!!

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 07/08/2017 - 11:36

---gli omofobi sono solitamente pavidi conigli---in questo caso se ne ha la certezza notando come usano com maestrìa l'alibi strumentale della presenza dei bambini--ai quali bambini non frega proprio nulla di vedere due che si baciano o al massimo si incuriosiscono --ed i genitori pavidi hanno il terrore di dover rispondere ad eventuali domande dettate dalla curiosità dei figli--a me personalmente vedere due tipi che si baciano mi lascia indifferente --se sono con la mia tipa ci guardiamo e magari ci scappa pure un mezzo sorriso---se poi quelle che si baciano sono due ragazze--vi confesso che la cosa non mi dispiace affatto---sarei tanto curioso di sfruculiare nelle cache dei pc e dei device degli omofobi---se ne vedrebbero delle belle---swag ganja

gcf48

Lun, 07/08/2017 - 14:30

elkid venga a vedere il mio pc, ovvio in contropartita del suo. Perché pavidi? io ho e purtroppo avuto amici gay. Questo non vuol dire che non li ami particolarmente, specialmente ad esempio quando fanno i vari pride. Non capisco perché ciò mi configura omofobo. Attendo risposta. grazie

Cristiano77

Lun, 07/08/2017 - 19:34

@Frapito.L'omoaffettività è una caratteristica innata: precede la nascita, allo stesso modo dell'eteroaffettività: nessuno sceglie di essere etero/omoaffettivo, e nessun genitore determina l' orientamento del figlio. Perciò qui non ha senso parlare di distorsione/deviazione, allo stesso modo per cui non ha senso parlarne riguardo ad albinismo, daltonismo, o mancinismo.Esserlo non è nella norma, ma questo non vuol dire niente dal punto di vista morale.In Africa gli albini vengono considerati l’incarnazione di demoni, discriminati o uccisi per la loro caratteristica“innaturale”.Non molto tempo fa i mancini venivano costretti a scrivere con la destra.Questi esempi dovrebbero far capire cosa si intende per “evoluzione sociale”. Infine, l'articolo non parla di “slinguettarsi”, ma di abbraccio, che è una delle manifestazioni di affetto più naturali che esistano e testimonia il bisogno di contatto umano che è connaturata a tutti gli esseri umani.

massimo.augusto

Lun, 07/08/2017 - 21:40

Caro Guru1979, le tue sono le solite teorie del cavolo messe in giro da qualche psicologo interessato; ma sono tutte da dimostrare. Concetti come "omosessualità latente" o cose del genere non hanno nessun valore scientifico. Sappiamo solamente che le tendenze omosessuali esistono e sono molto spesso un prodotto culturale. In un epoca in cui assistiamo alla progressiva femminizzazione del maschio metropolitano ecco che la cultura gay si espande e pretende non solo di essere riconosciuta, ma anche di fare proseliti. Lasciando da parte tutte le pastoie intellettualistiche sull'argomento, si tratta di una cosa molto semplice da capire: l'ideale della cultura gay è un mondo gay. Capito questo hai capito tutto perché, come al solito, la verità è sempre molto più semplice di quel che si creda.