Salerno, spappola la milza alla moglie e viene rinviato a giudizio

Il rapporto tra i due coniugi non andava bene da tempo e a rimetterci era sempre la donna, malmenata a più riprese dal marito violento

Rinviato a giudizio per maltrattamenti e lesioni gravi nei confronti della moglie, picchiata in modo selvaggio, fino a causarle lo spappolamento della milza. Finisce in tribunale la vicenda di un uomo 60enne di Pagani, in provincia di Salerno. I fatti risalgono a gennaio del 2016, quando l’aggressore prese a pugni e a calci la consorte, come accadeva spesso, per futili motivi.

Il rapporto tra i due coniugi non andava bene da tempo e a rimetterci era sempre la donna, malmenata a più riprese dal marito violento. In una di queste liti furibonde il 60enne, con un calcio in piena pancia, provocò alla moglie la rottura della milza, che fu asportata con un conseguente intervento chirurgico.

I colpi all’addome avevano provocato un’emorragia interna. Ciò ha aggravato ancora di più la posizione dell’uomo, che adesso dovrà rispondere davanti ad un giudice della violenza gratuita perpetrata nei confronti del coniuge. Recentemente, in provincia di Catania, in Sicilia, un altro caso di violenza familiare, con un uomo che picchiava la moglie, In quel caso la donna ha chiesto aiuto sui social e il marito è stato arrestato.