Salumi Pasini lancia la prima linea di prodotti made in Lombardia

I prodotti della filiera sono composti da carni nate, cresciute e allevate sul territorio regionale, per offrire il gusto tipico della tradizione

È la prima filiera di prodotti made in Lombardia al 100%, quella lanciata da Salumi Pasini, l'azienda storica di Trezzano sul Naviglio, che da settant'anni unisce tradizione e passione, per offrire prodotti di prima qualità, derivati da carni allevate nella regione.

La nuova linea di eccellenze regionali è nata da un'idea di Andrea Pasini, nato e cresciuto a Trezzano Sul Naviglio nell’azienda di famiglia e diventato responsabile commerciale della Salumi Pasini, e mira ad esaltare il territorio lombardo, proponendo carni altamente selezionate, derivate da suini nati, cresciuti e allevati esclusivamente in Lombardia. Come spiega Filippo Pasini, responsabile della produzione, tutti i prodotti vengono lavorati in modo artigianale, usando le tenciche della tradizione e fornendosi solamente di ingredienti altamenti selezionati, senza l'uso di glutine e lattosio. Daniela Pasini, responsabile marketing, sottolinea che ancora oggi, dopo settant'anni di storia, la terza generazione alla guida dell'azienda mantiene la stagionatura in legno, la legatura a mano e il rispetto dei dettami di un tempo.

Da sinistra: Andrea Pasini, Daniela Pasini e Filippo Pasini

Grazie alla nuova linea, che valorizza in tutto il territorio della Regione Lombardia, Salumi Pasini è riuscita ad andare incontro a quei consumatori, che sono sempre più alla ricerca di prodotti locali e della territorialità.

I prodotti della linea made in Lombardia

Giovanni Pasini (a sinistra), Angelo Pasini (al centro) e Luigi Pasini (a destra)

Dalle cosce dei suini lombardi, Salumi Pasini ha ricavato il prosciutto cotto alta qualità, mentre il lardo speziato viene prodotto a partire da tagli di carne di prima scelta, ammorbiditi con la tecnica della massaggiatura a mano e con sei diversi tipi di spezie. Un'attenta lavorazione accompagna anche la bresaola di suino, che viene prodotta grazie a un processo di salatura a secco, con aggiunta di aromi e spezie. La carne viene poi girata e massaggiata a mano, in modo da renderla morbida e da farle assorbire tutto il sapore delle spezie. Il prodotto viene poi lasciato a riposare per alcuni giorni e, dopo la seconda massaggiatura e l'aggiunta di vino rosso lombardo, è pronto per le tavole degli italiani. Nella nuova linea non mancano i salami, a partire da quello campagnolo, lavorato con l'aggiunta di vino spumante, fino ad arrivare al salame campagnolo legato a mano, composto da una combinazione equilibrata tra carne di suini, sale, pepe e aromi. Dopo un periodo di stagionatura, il salame è pronto e profumato come da tradizione.