Sassi dal cavalcavia, 63 episodi da inizio anno

Nei primi otto mesi del 2017 sono stati 63 i lanci di sassi contro le auto. Trenta i ragazzi fermati o arrestati. L'ultimo episodio, avvenuto nel Milanese, è costato la vita a una donna, morta per un malore subito dopo l'impatto

Purtroppo la cronaca torna a occuparsi dei sassi lanciati contro le auto, dopo l'ultimo episodio in provincia di Milano, costato la vita a una donna di 62 anni, morta per un malore dopo che l'auto su cui viaggiava, con altre persone, è stata centrata da un sasso che ha sfondato il parabrezza.

Era dal 13 agosto del 2005 che non si registrava la morte di una persona per un sasso contro un'auto. Quel giorno, un masso di 40 kg lanciato dal cavalcavia sull’autostrada Roma-Napoli vicino a Cassino, in provincia di Frosinone, costò la vita a un uomo (altre se rimasero ferite).

I lanci di pietre contro le vetture in corsa continuano a rappresentare un fenomeno non isolato, anche se in lieve diminuzione. Secondo i dati forniti dall’Osservatorio Asaps (Associazione sostenitori amici polizia stradale) nei primi otto mesi del 2017 sono stati 63 gli episodi analoghi a quello avvenuto ieri nel Milanese: sette si sono verificati sulla rete autostradale o sui raccordi, mentre 56 sulle statali e altre strade. Quattro le persone ferite. Sono 18, invece, gli episodi che hanno coinvolto minorenni e 30 i ragazzi fermati o arrestati. Quanto ai maggiorenni, sono stati 10 quelli denunciati a piede libero o finiti in manette.

Nel 2016 l’Osservatorio ha registrato ben 85 episodi di lanci di sassi dai cavalcavia, di cui 5 avvenuti sulla rete autostradale o sui raccordi e il resto su statali e altre strade. Sempre 4 sono state le persone ferite mentre 33 sono stati i casi che hanno visto il coinvolgimento di minorenni, 48 dei quali sottoposti a provvedimento di fermo o di arresto. Tredici i maggiorenni coinvolti. In passato la cronaca ha dovuto registrare altri casi mortali: ben 6 tra il 1986 e il 2002, prima della vittima di Cassino.

Commenti
Ritratto di Evam

Evam

Ven, 10/11/2017 - 14:31

Ci vuole un esempio per questi soggetti altrimenti non riescono a capire, quindi prendere quello che ha fatto centro e fargli fare la fine del sasso. La volta successiva procedere con due e via aumentando. No processi, no lagne buoniste, semplicemente pulizia sociale.

Ritratto di bassfox

bassfox

Ven, 10/11/2017 - 16:25

pulizia sociale? accendere il cervello prima di scrivere, no?

Ritratto di enzo33

enzo33

Ven, 10/11/2017 - 17:23

Sono anni che predico di ingabbiare tutti i cavalcavia, se non è "delitto" di stato, poco ci manca.