Scuola, la Corte di giustizia Ue condanna l'Italia: "Stabilizzare i precari"

Per i giudici della Corte di giustizia Ue: "La normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’ Unione"

La Corte di giustizia europea dà ragione ai precari e boccia il sistema delle supplenze utilizzato nella scuola statale italiana. "La normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’ Unione", si legge in una nota della Corte di giustizia Ue di Lussemburgo pubblicata oggi. "Il rinnovo illimitato di tali contratti per soddisfare esigenze permanenti e durevoli delle scuole statali non è giustificato, la normativa italiana non prevede alcuna misura che limiti la durata massima totale dei contratti o il numero dei loro rinnovi, la normativa italiana non prevede alcuna misura diretta a prevenire il ricorso abusivo a una successione di contratti di lavoro a tempo determinato".

I giudici europei poi aggiungono: "Le norme europee non ammettono una normativa che, in attesa della espletamento delle procedure concorsuali dirette alla assunzione di personale di ruolo delle scuole statali, autorizzi il rinnovo di contratti a tempo determinato per la copertura di posti vacanti e disponibili di docenti e di personale amministrativo, tecnico e ausiliario, senza indicare tempi certi per l'espletamento di dette procedure concorsuali ed escludendo il risarcimento del danno subito a causa di un siffatto rinnovo".

A seguito di questa sentenza, duecentocinquantamila precari della scuola potranno chiedere la stabilizzazione e il risarcimento per due miliardi di euro, oltre agli scatti di anzianità maturati tra il 2002 e il 2012 dopo il primo biennio di servizio e le mensilità estive su posto vacante.

Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Mer, 26/11/2014 - 11:08

Non possiamo dire che in Norvegia si mangi come in Italia, perciò, che il Parlamento Europeo, assecondi e rispetti gli usi e i costumi, di ogni paese !!!

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Mer, 26/11/2014 - 11:35

i soldi per l'assunzione e il mantenimento di 250mila precari e i due miliardi di risarcimento ce li dà l'Europa? l'ennesima dimostrazione che quest'Europa di merda vuole farci affondare.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mer, 26/11/2014 - 11:36

Questa sarà la mazzata finale che condurrà l'Italia verso un default peggiore rispetto a quello della Grecia. Adieu monde cruel!!

Ritratto di indi

indi

Mer, 26/11/2014 - 11:36

Non bastano le svalvolate toghe italiane, ora legiferano anche i parrucconi della unione europea. Veramente troppa droga in circolazione!

Démos_Cràtos

Mer, 26/11/2014 - 12:42

@indi vorrei capire cosa avrebbe di sbagliato questa sentenza. Perché mai dovrebbe essere possibile rinnovare infinite volte un contratto a tempo determinato? Se gli insegnanti non servissero, perché gli viene rinnovato il contratto ogni volta? Non credo che un insegnante meriti di essere precario per tutta la vita. Solo per uno spunto di riflessione: e se la droga circolasse non in Europa ma in Italia, e ad assumerla fossero tutti coloro che hanno il dovere di riformare e ammodernare la scuola, unica possibilità di salvezza per il Paese?

agosvac

Mer, 26/11/2014 - 12:50

Mi meraviglia che la corte europea si occupi di quel che succede in Italia e non di quel che è normale in cruccolandia, dove la maggior parte degli "occupati" sono o precari o sottopagati!!!

igiulp

Mer, 26/11/2014 - 12:53

Assodato che vogliono farci fare la fine della Grecia, cominciamo con trattenerci il contributo che versiamo all'UE, almeno fino a concorrenza dei due miliardi che servono.

onil

Mer, 26/11/2014 - 13:15

Allora anche i ricercatori, che sono laureati e che non sono certo meno importanti degli insegnanti, avrebbero diritto a non essere precari. Ma chissà perché nessuno li difende. e si preferisce che vadano all'estero. Saluti.

Sise

Mer, 26/11/2014 - 13:34

Via da questa Europa. A gran velocità!

Ritratto di moshe

moshe

Mer, 26/11/2014 - 13:34

Ma questa ue di me... si rende conto di quanti dipendenti statali dobbiamo già mantenere? Vuole mandare l'Italia in fallimento per il godimento e lo sfruttamento successivo da parte della germania! FUORI DA QUESTA UE DI ME..., SUBITO !!!!!

sbrigati

Mer, 26/11/2014 - 13:49

L'unione europea ci impone le sue direttive solo quando fanno comodo a "qualcuno". Perchè non obbliga gli stati membri ad adottare una aliquota di tassazione e contratti per gli statali, giusto per citarne due, uguali per tutti?

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 26/11/2014 - 13:51

altri inutili statali nello stipendificio sinistro della scuola pubblica.....

Ritratto di orcocan

orcocan

Mer, 26/11/2014 - 13:53

Ah l'Europa! Da una parte ci dicono di tagliare le spese, dall'altra ci obbligano ad aumentarle. E a tal proposito, visto che l'Italia fin dalla fondazione versa all'Europa fior di miliardi ogni anno, ora con la recessione perché continuano a finanziare nazioni che stanno meglio di noi? Adesso siamo sottosviluppati... PAGATE! Om Mani Padme Hum.

vince50

Mer, 26/11/2014 - 14:02

Molto sinteticamente,ma non sarebbe ora che la Ue si facesse i cazzi suoi?.

rickard

Mer, 26/11/2014 - 14:02

Ho l'impressione che alle prossime elezioni, o Renzi manda a quel paese l'EU oppure lo farà Salvini con il 60% dei voti

Tergestinus.

Mer, 26/11/2014 - 14:11

A patire il danno maggiore saranno gli insegnanti regolarmente entrati in ruolo a seguito di pubblico concorso, che verisimilmente dovranno dire addio per sempre agli scatti di anzianità, che saranno usati dal ministero per pagare questi nuovi arrivati assunti ope legis anziché per concorso. Inoltre in questo modo sarà anche impossibile avere il trasferimento su un posto più vicino al luogo di residenza o su una cattedra più coerente con il proprio percorso di studio, perché tutti i posti saranno occupati e bisognerà perciò aspettare che qualcuno vada in pensione. E con la legge Fornero campa cavallo...

unosolo

Mer, 26/11/2014 - 14:15

n'abbasta er governo ora lo appoggia pure l'Europa , poco poco se sò accordati.

Démos_Cràtos

Mer, 26/11/2014 - 14:48

@onil ha perfettamente ragione, purtroppo anche io avrei voluto fare ricerca una volta finita l'università ma non è stato possibile, se non accettando di vivere in "miseria" per il resto della mia vita. Fino a quando si preferisce finanziare guerre (mi rifiuto di chiamarle missioni di pace) tagliando l'istruzione e la ricerca, questo Paese resterà un Paese del terzo mondo. La ricerca di fondi per rinnovare veramente sia l'intera classe di insegnanti sia il mondo della ricerca dovrebbe essere in cima a tutti i programmi elettorali. Saluti.

Lepanto71

Mer, 26/11/2014 - 15:06

La Corte di Giustizia UE non può e non deve obbligare il contribuente italiano a farsi carico di questa pletora di precari con poche voglia di lavorare e tante pretese.Si trovino un lavoro o si riconvertano facendo un corso ,ad es., da idraulico.In alternativa sia la Corte UE a pagarli!

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mer, 26/11/2014 - 15:20

VOGLIONO DISTRUGGERCI.

elalca

Mer, 26/11/2014 - 15:24

se li prendano loro e li mettano insieme a quella serqua di fancazzisti che occupa i palazzi della UE

Ritratto di indi

indi

Mer, 26/11/2014 - 15:49

@Démos_Cràtos - infatti, non ho nessun dubbio sulla scolarizzazione. Le perplessità sono altre; innanzitutto intollerabile che le toghe con la loro giurisprudenza modifichino in un modo o nell'altro la legislazione vigente. Perché un contratto a tempo determinato deve valere per il privato e non per il pubblico? Semplice, si spingere per l'indeterminato significa evitare il licenziamento. Nemmeno chi timbra 15 o 20 cartellini per i colleghi a spasso. Buona parte dei precari inoltre fa supplenze, dovrei assumere anche loro a tempo indeterminato? Ma stiamo scherzando! Ed eventualmente devo dirmelo l'Europa? Ma continuiamo a scherzare! Troppi privilegi e impunità accompagnano l'assunzione di personale statale. Facciamo pulizia e poi procediamo alle assunzioni che servono.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mer, 26/11/2014 - 15:56

Ma se i docenti sono troppi la spesa diventa insostenibile. Conoscendo l'andazzo degli statali le assenze andrebbero tutte verificate. Possibile che siano tutte giustificate? Si sono comunque dimenticati dei precari universitari.- saluti

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mer, 26/11/2014 - 16:02

A leggere i commenti precedenti sembra che per i babanas la scuola sia la cosa più inutile al mondo ....... e con gente così dovremmo uscire dalla crisi?

eloi

Mer, 26/11/2014 - 16:44

Il condominio dove abito deve assumere un giardiniere. Dall' Assemblea condominiale è passata la mozione: Chiederemo all'Europa copia del contratto

eloi

Mer, 26/11/2014 - 16:48

Questa unione Europea non ci obbliga a far lavorare gli insegnanti come lavortano nella media Europea. Al mattyino nell'aula a loro riservata prima di iniziare le lezioni si svolge il Defilee.

sbrigati

Mer, 26/11/2014 - 16:49

Goldeccetera, per avere una buona istruzione in Italia non servirebbero altri insegnanti, servirebbero INSEGNANTI PREPARATI.

Ritratto di laghee100

laghee100

Mer, 26/11/2014 - 16:50

altri 250.000 voti ( più i familiari) per il venditore di ombrelli !!!!

Giorgio5819

Mer, 26/11/2014 - 17:17

Per prima cosa occorrerebbe che gli insegnanti in questione fossero capaci di fare il loro mestiere, poi sarebbe il caso di fargli un esame ogni 2 anni per vedere se sono aggiornati e capaci di insegnare, poi bisognerebbe valutare le ore di assenza ingiustificate, poi i risultati ottenuti alla fine di ogni anno scolastico, poi, forse si potrebbe parlare di assunzioni a tempo indeterminato. Ma con la clausola che in mancanza di superamento dell'esame di aggiornamento o di raggiungimento degli obiettivi fissati vengano licenziati in tronco.

gurgone giuseppe

Mer, 26/11/2014 - 17:28

E chi li paga, la UE? A gà,i cosidetti precari sono clientele del PD, adesso si spiega.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 26/11/2014 - 17:36

I futuri tagli del pupazzo di pontassieve, + 250000 nella pa. Poi una bella tassa sulla casa in aggiunta e il popolo bestia paga. È lui arraffa i voti.

canaletto

Mer, 26/11/2014 - 17:42

ah ah ah siamo gli scolaretti della UE grazie a Prodi che fece i precari. I panni sporchi laviamli in casa senza ricorso alla lavatrice UE

macchiapam

Mer, 26/11/2014 - 17:49

Ma bene: da un lato ci vengono rimproverati i conti pubblici che fanno acqua, e dall'altra ci impongono l'assunzione a tempo indeterminato di duecentocinquantamila (!!) precari. Quo usque tandem?

Massimo Bocci

Mer, 26/11/2014 - 18:01

E metterli al posto degli studenti, così rientreremo nella media Oches (quelle tipo, la statistica di Trilussa) un insegnante studente (anche più preparato) per 20 cooptati (pseudo insegnati) di REGIME UNICO.....COMUNISTA!!!! Un infornata di compagni che farà impallidire,il migliore e anche gli 80€ per la compravendita dei voti di "cono gelato", la UE, visto che fa troppo tempo da moribondi SERVI!!! tardiamo a schiantare pietosa ci da.................IL COLPO DI CRAZIA

Benado

Mer, 26/11/2014 - 18:12

emmeoi1, lei non ha una figlia 42enne ( abilitata) che tutti gli anni non ha la certezza del lavoro, si ricordi che la laurea in Lettere non viene regalata questi insegnanti non servono? Lo Stato li licenzi ma non li sfrutti. Possono attendere 50 anni per essere stabilizzati,si smetta di dare stipendi e pensioni da nababbo.

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Mer, 26/11/2014 - 18:22

In Italia nella scuola statale stipendificio della sinistra ormai gli insegnanti bidelli e amministrativi superano come numero gli alunni , considerando anche il soccorso che avviene dai figli dei rom e clandestini vari.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 26/11/2014 - 21:55

Sono i comunisti nostrani che dal Parlamento europeo fanno fare pressione indiretta, sui nostri affari interni, ai loro amichetti di sinistra dell'Unione Europea, per forzare le nostre leggi come vogliono loro. Non ci riescono dall'Italia e ci provano a farlo attaccandosi agli idioti che dirigono l'Europa.

brunicione

Mer, 26/11/2014 - 23:28

Speriamo che la corte di Giustizia Europea obblighi l'Italia ad assumere tutti quelli che non hanno un lavoro, così abbiamo risolto il problema della disoccupazione...

michaelsanthers

Gio, 27/11/2014 - 01:47

e perchè solo quelli della scuola?..forse perchè sono statali

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Gio, 27/11/2014 - 08:18

L'Italia è fanalino di coda nella classifica dei 25 migliori sistemi scolastici del mondo, elaborata dal The Economist Intelligence Unit. Lo rende noto il portale Skuola.net. Quaranta i Paesi considerati e solo 25 quelli degni di approdare nella classifica. La buona notizia, secondo Skuola.net, è che la scuola italiana un posto in classifica l'ha ottenuto, la cattiva è che si è piazzata ULTIMA... e con una scuola così dovremmo uscire dalla crisi? Qui di bananas ci sono solo i disinformati di sinistra.

nino47

Gio, 27/11/2014 - 08:52

Quindi, non essendo possibile procedere

nino47

Ven, 28/11/2014 - 09:46

Quindi, non essendo possibile procedere all'assunzione a tempo indeterminato per ovvi motivi economici, si proceda al loro licenziamento,...per gli stessi motivi. Con buona pace dell'Europa e dei precari!