Scuole di arabo e romeno pagate dal comune Pd

A Romano di Lombardia un cittadino su cinque è straniero e per promuovere l'integrazione il sindaco di centrosinistra apre due scuole di lingua

Sotto il campanile di Romano di Lombardia, poco meno di ventimila anime nel mezzo della pianura bergamasca, quasi un quarto dei residenti è di origine straniera: 1.184 albanesi, un migliaio di romeni, centinaia di marocchini e indiani.

Per questo il sindaco Sebastian Nicoli, eletto con una lista civica di centrosinistra appoggiata dal Pd, ha proposto l'istituzione di due scuole per l'integrazione degli immigrati, una di lingua araba e una di lingua romena. Da quanto si legge nella delibera di Giunta è "raggiungere nei prossimi 5 anni una progressiva partecipazione delle Comunità migranti e della Comunità rom alla vita attiva della cittadinanza": ad incaricarsene sarà il consigliere comunale Chiara Longhi che, come spiega L'Eco di Bergamo, "ha specifiche esperienze nel settore, la delega per la coesione sociale e l’integrazione dei cittadini stranieri".

Una decisione che ha suscitato le immediate, furibonde, della locale sezione della Lega Nord. "Vediamo un’esaltazione delle diversità a senso unico - lamentano dal Carroccio - Anziché cercare di rafforzare o creare nuovi strumenti per l’insegnamento dell’italiano e delle basi di educazione civica agli immigrati che sono fondamentali per una corretta integrazione, assistiamo increduli alla fantomatica scuola di lingua araba. A chi è rivolta e con quali finalità?"

Tra le varie iniziative per promuovere l'integrazione sono previste la pubblicazione di una guida sulla raccolta differenziata edita in diverse lingue,  la promozione del "vicinato solidale e dell’animazione nei quartieri", oltre a una "giornata delle associazioni migranti". La scuola di lingua araba è in fase di pre-avvio, mentre per quella di lingua romena è già in atto un accordo interministeriale con Bucarest per organizzare lezioni presso la locale scuola elementare.

Commenti
Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mar, 09/12/2014 - 13:05

Stiamo facendo di tutto per cancellare passo dopo passo l'etnia italica. L'integrazione è adeguamento di vita al nostro paese e alla sua storia tutto il resto è fumo e spreco di danaro pubblico. Solita politica sinistroide distorta e ipocrita per aprire nuove frontiere di elettorato. - saluti

MEFEL68

Mar, 09/12/2014 - 13:05

Questo Nicoli dovrebbe dimettersi immediatamente per questa sua cervellotica iniziativa. Gli immigrati, se veramente si vogliono integrare, devono imparare l'italiano, la nostra storia e la nostra geografia. La scuola italiana deve investire nell'educazione dei ragazzi perchè loro saranno i cittadini adulti di domani. Se vogliono imparare la lingua dei loro antenati, è affar loro e allo stato non deve interessare. Questo se si parla di integrazione, altrimenti, ognuno a casa sua. Come si usava dire un tempo.

gioch

Mar, 09/12/2014 - 13:15

C'è un problema di fondo: una marea di insegnanti che non sa parlare l'Italiano,pur essendo Italiani.

moshe

Mar, 09/12/2014 - 13:25

Le sinistre rappresentano la putrefazione dello stato ..... e le destre stanno a guardare !!!!!

agosvac

Mar, 09/12/2014 - 13:28

Queste scuole, ovviamente, dovrebbero servire per insegnare l'italiano agli stranieri! Oppure ho capito male e servono per insegnare agli italiani la lingua degli immigrati?????

Mario Marcenaro

Mar, 09/12/2014 - 13:28

Povera Lombardia: a cosa sei ridotta. E poi vengono a parlarci di integrazione. Qui ormai il termine integrazione significa solo asservimento assurdo di chi soccorre e calo di braghe nei confronti di chi dovrebbe solo ringraziarci. No, questi comportamenti non sono in linea con ciò che comporta il termine integrazione, cioè con l'accettazione prioritaria delle regole e delle leggi del luogo dei soccorritori. Perché non si chiede piuttosto a chi soccorriamo anche di attivarsi perché chiedano un comportamento uguale a quello nostro nei loro confronti nei loro paesi di origine? Finché a casa loro non si potrà pregare liberamente il nostro Dio e frequentare nostri luoghi di culto, niente moschee e niente muezzin salmodianti. Tanto, visto che anche il loro dio è ovunque, lo possono anche pregare in casa. E piantiamola di sprecare soldi con chi, per la loro religione, deve , per legge divina, distruggerci. Un poco di dignità, per favore.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Mar, 09/12/2014 - 13:33

Le scuole in arabo e romeno - a nostro carico - fanno parte del programma di integrazione ... degli italiani. Che volete fare? Il PD è alla ricerca di voti .....

vaigfrido

Mar, 09/12/2014 - 13:45

Ma la vogliono capire i trinariciuti di sinistra che l'integrazione è una utopia irreallizzabile ! Si parli di convivenza che è tutta un'altra storia e altre regole . Invece di fare lezioni di lingua facciano lezioni di italiano associate ad una buona dose di lezioni di educazione civica italiana !

maurizio50

Mar, 09/12/2014 - 13:50

Il sindaco pseudocattoprogressista di Romano di Lombardia tra non molto aprirà pure un corso di teologia islamica per far aderire in massa i suoi concittadini al Ramadan:naturalmente, come usano i compagni, tutto a spese dei cittadini che pagano le tasse, cioè degli italiani!Ed è giusto così, visto che son gli italiani che han votato 'sto fenomeno!!!

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mar, 09/12/2014 - 14:02

Sempre più complimenti agli ipocriti e fasulli governanti italiani di sinistra! Invece di OBBLIGARE come nei Paesi civili (vedi Canada, Australia ect ) ad imparare alla perfezione la lingua del Paese che ospita, questo genio fa le scuole per il romeno e l'arabo. Ringrazio solo il Buon Dio che mi dà, seppure in età avanzata, la possibilità di andarmene fra pochi mesi da questo Paese che non sento più mio. Tenetevi pure gli Zingari, gli Arabi, gli Indiani ed i Balù di tutti i generi:io tolgo il disturbo e per lo meno i miei contributi e le mie tasse non potranno essere più usate per mantenere tutta questa rumenta.

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 09/12/2014 - 14:05

Integrazione non significa stranierizzarsi, bensi chi e ¡ straniero accetta le tradizioni e le regole del paese ospite.Ho dei contemporanei di mxxxa che stanno uccidendo il sentirsi italiani.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mar, 09/12/2014 - 14:07

...Non posso, mio malgrado, constatare che, ancora una volta, la Lega Nord ha una parvenza di ragione in più, rispetto agli Amministratori comunali. A mio avviso, sarebbe più logico l'insegnamento contestuale a studenti italiani e stranieri, della lingua italiana, araba e rumena.

Ritratto di indi

indi

Mar, 09/12/2014 - 14:12

Basta con queste $tronzate. integrazione significa assumere comportamenti e lingua del paese ospitante, prima di tutto. Sti comunisti s'inventano di 6u66o per rubare denaro e tassarci per procurarselo. PD partito fuorilegge come quello fascista.

Ritratto di Blent

Blent

Mar, 09/12/2014 - 14:15

mi sorge spontanea una domanda: ma perché continuate a votare Pd? , qualcuno avrà pur votato quel mentecatto di sindaco.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 09/12/2014 - 14:16

Qualcuno l'avrà pur votato, questo sindaco. Ergo se lo "ciùccino" tutto. Fino in fondo.

corto lirazza

Mar, 09/12/2014 - 14:24

Propongo al geniale sindaco un metodo di integrazione molto più rapido: dia ai pochi italiani rimasti a Romano di Lombardia il denaro sufficiente per scappare via, così solo lui dovrà imparare l'arabo.

Ritratto di indi

indi

Mar, 09/12/2014 - 14:26

@Blent - Chi vota PD è colluso!

gillette

Mar, 09/12/2014 - 14:38

Ma la parola integrazione ha un significato ben preciso.... non sono gli italiani che debbono integrarsi!! Capisco che si aprano scuole di italiano per arabi o rumeni, non il contrario!!!

ANTONIO1956

Mar, 09/12/2014 - 14:42

mentre in Germania stanno pensando di fare una legge che obblighi gli immigrati a parlare il tedesco anche in famiglia qui da noi addirittura si fanno scuole per imparare la loro lingua originaria; non si è mai vista una cazzata del genere. Tutti i governi, dico tutti, pretendono che chi desidera stabilirsi permanentemente nel paese debba imparare la lingua del posto che deve essere insegnata con corsi obbligatori. Signori fintanto che ci saranno i comunisti in Italia non faremo che andare indietro !!!

FRANZJOSEFF

Mar, 09/12/2014 - 14:48

JIUSMEL ANCORA LEI NON HA CAPITO NULLA (IN BUONA FEDE LO DICO). L'ETNIA ITALICA E' DA ALMENO 35 ANNI CHE HANNO INIZIATO IL CAMMINO DI DISTRUZIONE. L'INTEGRAZIONE (COME IL CAVALLO DI TxxxA), NON E' CHE QUESTI CHE SONO STATI CHIAMATI E INVOGLIATI AD INTEGRARSI, E' IL CONTRARIO LORO IMPONGONO A NOI LE LORO USANZE TANTO CARE AI SINISTRIE CATTOCOMUNISTI. LE SCUOLE ARABE NON SONO ALTRO CHE LA CONFERMA UFFICIALE E GIURIDCA CHE DEVONO FARE QUELLO CHE VOGLIONO. ITALIANI CHE AVETE VOTATO SINISTRA COLPA VOSTRA. I SINISTRI SARANNO CONTENTI CHE LE LORO MOGLIE AVRANNO IMPOSTO LA PEZZA IN TESTA DIMENTICAVO SE I MUSSULMANI MOLTO PRESTO AVRANNO IL POTERE BUTTERANNO FUORI DAGLI UFFICI LE DONNE E NON SCHERZO CIO' CHE HO DETTO MOLTI ANNI FA SI E' AVVERATO.

Romolo48

Mar, 09/12/2014 - 15:07

Non ho capito chi deve essere intregrato: gli stranieri o gli italiani?

Iuchi

Mar, 09/12/2014 - 15:23

Questo sindaco è peggio di Pisapia e Marino messi insieme! Se fa una cosa del genere vuole dire che accende la miccia di una bomba nucleare che devasterà l'intero paese e oltre. Se si vogliono integrare queste persone non devono ghettizzarsi in una scuola ma frequentare le scuole ove vanno gli altri scolari del posto. Facendo una scuola di lingua queste persone si ghettizzano e sarà sempre più difficile il loro integro con gli Italiani.

Bodrus

Mar, 09/12/2014 - 15:33

Puttana Eva ! Ma chi è che si deve integrare loro con noi o noi con loro ? Cioè io dovrei imparare l'arabo per far integrare un beduino .. sinceramente preferisco trombarmi una romena ...che tanto non c'è bisogno di parlare !

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mar, 09/12/2014 - 15:45

La notizia è incommentabile!!! Per chi sarebbero istituite queste scuole? E' chiaro che un romeno conosca la sua lingua, così pure un arabo.Non vorrà il sindaco in questione far diventare multilingue i suoi cittadini? Non sarebbe più necessario istituire corsi di lingua italiana per gli stranieri residenti? Devono essere gli italiani a integrarsi, ma con chi? Idiozie tipiche di una sinistra velleitaria e fuori di testa!!!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 09/12/2014 - 16:38

LA STUPIDITA DELLA POLITICA NON HA FINE!!! AMEN Requiem per l'Italia!!! Buenas noches dal Leghista Monzese

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 09/12/2014 - 17:00

Non ho parole,se non dire:questo sindaco è stato votato,quindi significa che alla maggioranza dei cittadini,va bene così(sotto sotto ci sarà un motivo,legato a qualche convenienza spicciola,per esempio il massiccio "uso" di manodopera a buon mercato in agricoltura....).Questa è la forza della "democrazia",che si impone quando il vento,le idee(rigorosamente "progressiste"),soffiano da sinistra.Quando capita che soffino da "destra",anche se suffragate da qualche maggioranza "bulgara",trovano subito una "piazza" altrettanto "democratica",che vi si oppone...Purtroppo la "destra" italiana,in questo senso non ha le "P".

Marina75

Mar, 09/12/2014 - 17:25

e chi risarcisce le persone indicate nell'articolo spazzatura per le n.mila condivisioni di notizia falsa e per scelta non ancora cancellata? vergogna!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 09/12/2014 - 17:37

@Bodrus:perfetto!!

Beaufou

Mar, 09/12/2014 - 17:39

Ah, bel modo di intendere l'integrazione...vuol dire che io, in Italia, devo imparare l'arabo per farmi capire dagli immigrati, per lo più clandestini? Eh no, sindaco della razza degli idioti. Agli stranieri offro semmai una scuola (differenziata) dove imparare l'italiano, e pretendo che lo imparino, se vogliono restare e integrarsi. Altrimenti, aria. E, direi, aria anche a un sindaco ixxxxxxxe. Ne abbiamo già troppi, e han già combinato troppi guai. Le reazioni furibonde della Lega Nord, se ci sono state, sono sacrosante.

baio57

Mar, 09/12/2014 - 18:14

Io invece lo trovo più che giusto. Corsi di Romeno e Arabo per tutti gli studenti Italiani,con esame finale. E per i bocciati ,revoca della cittadinanza ed espulsione ?

Marina75

Mar, 09/12/2014 - 18:17

é una notizia FALSA! la testata non si smentisce mai! siete solo capaci di disinformare! e chi risarcisce le persone indicate nell'articolo spazzatura per le n.mila condivisioni di notizia falsa e per scelta non ancora cancellata? vergogna!

Marina75

Mar, 09/12/2014 - 18:19

é una notizia FALSA! la vostra testata non si smentisce mai! https://www.facebook.com/pages/Comune-di-Romano-di-Lombardia/1452608251668808?fref=nf sapete solo disinformare e incattivire le persone! vergognatevi!

plaunad

Mar, 09/12/2014 - 18:21

PORCI e poi non ci sono i soldi per i cittadini

Ritratto di stenos

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 09/12/2014 - 18:47

@Marina75:se è falsa,mi scuso per quello che ho detto.In tale senso,se "fosse stata vera",lei sarebbe stata d'accordo sul mio commento,e sulle "proteste" di quasi tutti?....Ce lo confermi.Grazie!

Ritratto di Amsul Parazveri

Amsul Parazveri

Mar, 09/12/2014 - 19:36

Io credo che la notizia che il Giornale ha pubblicato sia vera! la vera disinformazione è sui giornaloni di sx che fanno finta di non sapere di chi sono i panni sporchi.

Marina75

Mar, 09/12/2014 - 19:43

la verità:scuola di arabo per chi vuole, tenuto in lingua italiana. costo zero per la cittadinanza. insegnate italiano. libri del consolato marocchino. unico problema: la richiesta di uso degli spazi viene da un'associazione culturale marocchina con scopo integrazione e scambio. il corso di italiano per stranieri é anni che si fa, forse 15 in un territorio come il nostro in cui l'immigrazione é abbondante e già da anni si convive. Per il giornalista é stato facile sganciare la bomba FALSA x scatenare i soliti stupidi commenti, invece che verificare l'informazione sulla pagina ufficiale del comune. cordialmente

killkoms

Mar, 09/12/2014 - 20:14

siamo noi a doverci adeguare a lor,e non il contrario come negli altri paesi che accolgono migranti!

vanni1944

Mar, 09/12/2014 - 20:35

Gli altri 3/4 sono contenti di pagare le tasse per queste scuole ? perchè non se le pagano gli stranieri ! è loro dovere imparare l'Italiano se vogliono vivere in Italia, mio figlio lavora a new york e l'americano l'ha imparato a sue spese non certo coi soldi dei cittadini americani

Seawolf1

Mar, 09/12/2014 - 21:59

il solito sindaco sinistrorso... posso solo immaginare la contentezza dei cittadini (che, invero, l'anno votato) che dovrebbe rappresentare...

leo_polemico

Mar, 09/12/2014 - 22:38

Un comportamente del genere dalla sinistra non è nuovo. Già qualche anno fa, direi una decina, nel comune in cui abito, "paradiso" di sinistra, erano state organizzati, ovviamente a nostre spese, corsi di arabo per gli arabi affinchè, come sosteneva l'assessore competente, anzi "incompetente", gli immigrati non perdessero la loro idendità...Ho letto che in Germania stanno pensando di fare una legge che obblighi gli immigrati a parlare il tedesco anche in famiglia qui da noi addirittura si fanno scuole per imparare la loro lingua originaria: semplice,emte scandaloso.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 10/12/2014 - 00:52

Possiamo ormai dire che per essere di sinistra occorre avere un cervello di gallina? Tra presidi che vietano il presepe e sindaci che istituiscono scuole di arabo e rumeno dobbiamo pensare CHE ABBIAMO A CHE FARE CON GENTE CHE HA PERSO IL LUME DELLA RAGIONE. Fare la cosa più logica, cioè scuole di italiano per facilitare l'inserimento dello straniero nella nostra società, evidentemente non sfiora quelle menti di gallina. QUESTI STOLTI STANNO CREANDO GHETTI ETNICI NELLA NOSTRA SOCIETÀ.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 10/12/2014 - 09:10

...e la Boldrini non dice nulla???????

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mer, 10/12/2014 - 09:20

FRANZJOSEFF intendevo dire semplicemente ciò che scrivi ma con toni diversi. saluti

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 10/12/2014 - 09:31

@Marina75:questa iniziativa a "costo zero" per la cittadinanza,mi può anche andare bene.Non crede però, che in modo prioritario,si sarebbe dovuto iniziare PRIMA,con altrettanto corso di Italiano "a costo zero" per la cittadinanza?Tutto sommato,chi dovrebbe avere più bisogno di questi corsi di "integrazione" gli Italiani o gli stranieri?