Se pure la giustizia deraglia a Viareggio

Trentatré morti aspettano giustizia e mi auguro la abbiano presto, ma non è dando in pasto lo squalo potente e antipatico che il sistema può chiamarsi fuori e l'opinione pubblica essere appagata

Fa un certo effetto sentire un pm chiedere sedici anni di carcere per quello che è ritenuto uno dei migliori manager pubblici italiani, Mauro Moretti, oggi a capo di Finmeccanica, sette anni fa amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato. Il processo è quello per la strage di Viareggio del giugno 2009: il vagone cisterna di un treno merci deraglia, probabilmente per il cedimento di un carrello, in prossimità della stazione, il gas trasportato si incendia e lo scoppio semina morte e distruzione negli edifici adiacenti. Alla fine si conteranno 33 vittime, 11 morte sul colpo le altre in ospedale per via delle gravissime ustioni. Tra di loro tante donne e bambini.

Non solo i superstiti e i parenti delle vittime, penso che tutti gli italiani abbiano diritto di sapere chi sono i responsabili di quell'incidente e pretendere che gli stessi paghino i loro errori di fronte alla giustizia. Di solito avviene che pagano i pesci piccoli e gli squali la fanno franca. Noi siamo per la caccia agli squali, ma la domanda è: Mauro Moretti, l'uomo che con l'alta velocità ha fatto dell'Italia un paese moderno, che ha disincrostato le ferrovie del sindacalismo parassita, che per questo è stato insignito dal presidente della Repubblica del titolo di Cavaliere, è uno squalo?

Moretti ha la fama di duro, e se non lo fosse non sarebbe riuscito a fare quello che ha fatto. Ma la domanda esatta è: può un manager che ogni giorno gestisce settantamila ferrovieri, quindicimila chilometri di binari e migliaia di convogli essere a perfetta conoscenza, e quindi penalmente responsabile, di ogni singola omissione, disfunzione o anomalia al punto da risponderne con sedici anni di carcere per una sorta di omesso controllo come se si trattasse di un killer che uccide per professione?

Trentatré morti aspettano giustizia e mi auguro la abbiano presto, ma non è dando in pasto lo squalo potente e antipatico che il sistema può chiamarsi fuori e l'opinione pubblica essere appagata. Sarebbe un po' come dare l'ergastolo ai padroni di Facebook o Google perché sui loro binari virtuali la libertà deraglia seminando morte, come accade coi terroristi. Le punizioni esemplari vanno bene, ma se si sbaglia obiettivo ci rimettiamo tutti. E in questo caso anche il sistema Paese, al quale Moretti ha dato e sta dando tanto.

Commenti
Ritratto di manasse

manasse

Mer, 21/09/2016 - 13:35

di sicuro non ha la tessera del pd

lavitaebreve

Mer, 21/09/2016 - 15:05

VORREI FARE UNA SEMPLICE DOMANDA A QUESTO PM : AI SUOI COLLEGHI PUBBLICI MINISTERI E AI GIUDICI GIUDICANTI , QUANDO SBAGLIANO COME HANNO FATTO CON ENZO TORTORA , QUANTI ANNI DI GALERA GLI DIAMO ?

km_fbi

Mer, 21/09/2016 - 15:10

Quando saranno indagati e perseguiti penalmente i giudici per i danni che provocano giorno dopo giorno all'Italia e agli italiani tutti, sia con le richieste spesso assurde e mal poste, come i sequestri delle risorse produttive delle aziende sotto indagine, sia con le sentenze che - partorite di norma in tempi biblici - non producono giustizia bensì mille ragioni per ulteriori ricorsi?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 21/09/2016 - 15:34

L'Amministratore delegato è quel parafulmine su cui si scaricano tutte le negligenze dei sottoposti. L'A,D. dev'essere quella persona incaricata a rappresentare il suo "padrone" di fronte alla Legge e coadiuva la Magistratura, la Finanza e le Autorità nelle loro funzioni e predispone che si chiariscano e si identifichino le cause e le persone nel caso si dovesse giungere a una azione penale ... tutto il resto è normale amministrazione.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mer, 21/09/2016 - 16:22

Qualcuno pensa davvero che ci sia stato del dolo a causare il disastro ? Cioè che qualcuno volutamente ha messo a rischio la sicurezza pubblica per risparmiare qualche migliaia di euro su controlli e maunutenzione ? Qaulcuno pensa veramente che Moretti finirà in galera ? Tra la gestione tedesca e quella italiana della giustizia in casi come questo ritengo che la prima sia meglio per tutti , a cominciare dalle famiglie delle vittime visto tra l'altro i tempi dei processi in Italia.

cgf

Mer, 21/09/2016 - 16:27

Oltre tutto quel vagone non era nemmeno di proprietà delle FS. Scusate... se tanto mi da tanto... per i morti sulle strade andrebbero incolpati sindaci, presidenti delle regioni, primo ministro? sarebbe la stessa logica. Dicano molto + semplicemente che hanno trovato un modo per mettere chi pare a loro (renzi) in Finmeccanica e svendere quello che è rimasto.

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 21/09/2016 - 17:03

Questo giudice è un genio. Lui arriva sulla scena del crimine e scopre che la vittima è stata uccisa con una Smith & Wesson e cosa fa? Naturalmente corre a far arrestare i signori Smith & Wesson... Invito il signor Beretta e il signor Fiocchi a non dormire sonni tranquilli con questo giudice in giro. Poi quando qualcuno diceva che bisognava sottoporre i giudici a perizia psichiatrica prima di poter operare, veniva pure schernito...

sparviero51

Mer, 21/09/2016 - 17:52

MA DOVE LI RECLUTANO QUESTI "00" ???

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Mer, 21/09/2016 - 18:16

Un'infamia! Naturalmente. Ma, per avere più visibilità, per fare più rumore, si sparano delle c...ose immensamente grosse!

maricap

Mer, 21/09/2016 - 18:18

Per quanto sopra, non si capiscono le accuse rivolte ai vertici delle ferrovie, se non nell'ottica di una loro connivenza (Correità) nel disastro, con il Padreterno. Le cosiddette " Merci pericolose" hanno sempre viaggiato per ferrovia, e il deragliamento della cisterna, è semmai da addebitare agli addetti alla manutenzione.(Officina) Che poi sia finita contro il picchetto, li piantato da sempre, in quanto facente parte dell'armamentario ferroviario, è stata solo una questione imprevedibile, imponderabile, insomma una sfiga megagalattica. Su tante migliaia di chilometri percorsi, quella cisterna doveva deragliare proprio li, in mezzo all'abitato,dove la stava aspettando il picchetto che l'avrebbe squarciata, mentre le scintille sprigionatisi dall'attrito, innescavano la “ Fine del mondo”

Ritratto di Svevus

Svevus

Mer, 21/09/2016 - 19:08

Propongo di intestare ad Enzo Tortora tutti i piazzali davanti ai Tribunali italiani !

Giua

Gio, 22/09/2016 - 09:10

Non e` la riforma della costituzione che mantiene gli investi stranieri lontano dall'Italia ma barzellette come questa.

Michele Calò

Gio, 22/09/2016 - 10:51

7 anni per arrivare ad un richiesta simile senza fondamento giuridico? E dov'è l'habeas corpus, quella "cosina" che a Giurisprudenza si impara al 1º anno? E se tanto mi dà tanto RenI dovrebbe essere squartato vivo per le sue responsabilità oggettive e personali. Moretti mi è antipatico ma non lo posso ritenere colpevole di qualcosa che non ha fatto. Il PM, lupo NON solitario di questa nociva casta di toghe rosse, è uno dei motivi per cui dall'Italia scappano investitori e manager.