La Sea Watch a Licata. ​Indagato il comandante

La Sea Watch 3 ha attraccato al porto di Licata e di fatto il comandante adesso si triova sotto indagine. Domani l'interrogatorio

Dopo lo sbarco e il sequestro della Sea Watch scatta l'indagine. La procura di Agrigento ha deciso di iscrivere nel regsitro degli indagati il comandante della Sea Watch3, Arturo Centore. Il provvediemnto che di fatto dà il via all'indagine è stato notificato dalla stessa Guardia di Finanza allo stesso Centore. Il pm Luigi Patronaggio già nel corso della serata di ieri aveva valutato le responsabilità della stessa ong. Centore verrà interrogato domani dalla Procura di Agrigento.

E il ministro degli Interni dopo l'inchiesta a carico del comandante ha esultato sottolineando la posizione del Viminale in merito a questa vicenda: "Non sono io il cattivo con le Ong - ha aggiunto - e questo conferma quello che sostengo da mesi e cioè che favoriscono l’immigrazione clandestina e aiutano gli scafisti. E se c’è una procura che lo conferma, il mio lunedì è un bel lunedì", ha affermato Salvini. Intanto il pubblico ministero della procura di Agrigento, Cecilia Baravelli, ha convalidato il sequestro della Sea Watch 3. Il comandante verrà interrogato domani alle 12:00 in procura davanti all'Aggiunto Salvatore Vella che insieme al capo dell'ufficio Luigi Patronaggio e al pm Alessandra Russo, sta coordinando l'inchiesta. Centore ha scelto i suoi legali che sono Leonardo Marino e Alessandro Gamberini. L'accusa è di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Al comandante nel dettaglio viene contestato di aver "trasportato illegalmente in Italia 65 extracomunitari soccorsi in acque libiche". Solo dopo l'interrogatorio del comandate si potrà avere un quadro chiaro su quanto accaduto nelle ultime ore in quel tratto di mare che di fatto divide l'Italia dalla Libia.

Commenti

MOSTARDELLIS

Lun, 20/05/2019 - 14:50

E' la barzelletta del secolo. Patronaggio che indaga il comandante della nave e l'equipaggio della ONG. Siamo su scherzi a parte. E lo sanno tutti gli italiani.

Anticomunista75

Lun, 20/05/2019 - 14:55

finirà come al solito?

Chanel

Lun, 20/05/2019 - 14:59

Verrà interrogato, dirà che lo ha fatto per motivi umanitari, chissà perché solo davanti alle nostre coste si minaccia il suicidio, poi verrà rilasciato libero e con tante scuse. Il comandante ha le spalle ben coperte, viene da noi, ma non avrebbe avuto gli attributi di violare le acque territoriali di altri paesi compreso il suo. “Ahi serva Italia di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello” I nemici degli italiani sono altri italiani. Poi se siamo fascisti xenofobi e razzisti perché ci considerano l’unico porto sicuro?

venco

Lun, 20/05/2019 - 15:17

La nave Ong aveva tutto il tempo di scaricare in qualsiasi porto del mondo al di fuori dell'Italia.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 20/05/2019 - 15:19

@Chanel...ottimo commento e splendido finale!

giovanni951

Lun, 20/05/2019 - 15:30

la solita buffonata che finirá a tarallucci e vino.....che vergogna

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 20/05/2019 - 15:45

state sereni a breve,il pm srchivierà tutto e dissequestrerà la carretta del mare in odo che ricominci il traffico pardon il salvataggio!!

Ritratto di malatesta

malatesta

Lun, 20/05/2019 - 15:52

Per la forza della logica piu' elementara il comandante aveva un tacito accordo con la procura di Patronaggio , altrimenti non avrebbe avuto la forza di sfidare il governo italiano. A me sembra che questa vicenda sia un gravissima ingerenza nei poteri dello stato(indipendentemente da Salvini) e Mattarella dovrebbe intervenire e farsi sentire.

antoniopochesci

Lun, 20/05/2019 - 16:33

E chissà se al posto del comandante indagato non scioglierà le vele il cardinale elettricista!

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 20/05/2019 - 16:47

@malatesta Non so come funzioni la sua logica ma so per certo che nessun membro del governo ha il potere di comminare alcuna sanzione o pena a chicchessia, essendo attribuita in via esclusiva alla Magistratura tale competenza. Ne consegue che delle opinioni del Governo italiano o anche solo di un suo membro, al comandante della Sea Watch, non solo non gliene frega niente ma, soprattutto, non gliene deve fregare nulla. L'unica sua preoccupazione è se ha violato una qualche specifica legge o trattato o regolamento scritto e vincolante (quelli raccontati in piazza o su twitter - Bacioni! -, anche rosario alla mano, non contano)

effecal

Lun, 20/05/2019 - 16:49

il comandante dei trafficanti è un idolo dei sinistri che hanno festeggiato con fumate di canne e bevute di rosso il tutto accompagnato da sugna di maiale igp

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/05/2019 - 16:49

MOSTARDELLIS: vuoi rovinare il "bel lunedì" di Salvini? Per dire queste cose aspetta almeno fino a domani!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/05/2019 - 16:51

Chanel: ed è qui che sbagli!!! Il comandante della Sea Watch3 e l'italianissmo ARTURO CENTORE originario (credo) del Lazio. Ex ufficiale della Guardia Costiera.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/05/2019 - 16:53

malatesta: ci spieghi in cosa ARTURO CENTORE (onore al suo senso di umanità) avrebbe sfidato il governo italiano? Quando leggete ciò che scrive (o dice) Felpapig dovete stare molto attenti. Perché è li che vi frega!

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 20/05/2019 - 17:16

Omar El Mukhtaro: lo Stato costiero non può impedire il passaggio inoffensivo di navi mercantili o da guerra straniere (i sottomarini devono navigare in emersione ed esponendo la bandiera), purché tale passaggio "non arrechi pregiudizio alla pace, al buon ordine e alla sicurezza dello Stato costiero" (articolo 19 Convenzione di Montego Bay); lo stesso articolo stabilisce che il passaggio deve considerarsi "offensivo" qualora la nave straniera minacci o impieghi la forza, compia atti di spionaggio, violi le regole doganali, fiscali, sanitarie o relative all'immigrazione, interferisca con le comunicazioni costiere, inquini le acque in maniera grave e intenzionale. Il passaggio deve comunque avvenire rispettando le norme interne dello Stato costiero, in particolare quelle in materia di trasporto e navigazione;(continua)

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 20/05/2019 - 17:19

Omar El Mukhtar: (continua) lo Stato costiero non può esercitare la propria legislazione penale in relazione a fatti commessi a bordo di navi straniere, con l'eccezione di alcune ipotesi (articolo 27 Convenzione di Montego Bay): se le conseguenze del reato si estendono allo Stato costiero; se il reato è di natura tale da recare pregiudizio alla pace dello Stato costiero o al buon ordine del suo mare territoriale; se l'intervento delle autorità locali è richiesto dal comandante della nave o da una autorità diplomatica dello Stato di bandiera della nave; se l'intervento è necessario per reprimere un traffico illecito di stupefacenti.

Manlio

Lun, 20/05/2019 - 17:24

Non ho fiducia nel risultato. Se non si voleva riportarli in Libia per "ragioni umanitarie", si poteva optare per la Tunisia. Ma il problema è che "il biglietto" era stato pagato per la tratta Libia-Italia e quindi occorreva rispettare l'impegno. Voglio proprio vedere quanto i nostri giudici si lasceranno prendere per i fondelli. !

clod46

Lun, 20/05/2019 - 17:26

Caro Matteo non esultare, questa è solo una messinscena, vuoi scommettere che dopo l'interrogatorio del comandante il buon Patronaggio dirà che non ci sono elementi per trattenerlo? scommettiamo?

SPADINO

Lun, 20/05/2019 - 17:29

E' UNA PAGLIACCIATA : QUESTO E' IL NUOVO METODO PER FAR SBARCARE I MIGRANTI ...POI VIENE ARCHIVIATO TUTTO. CI CREDONO FESSI??

ilbelga

Lun, 20/05/2019 - 17:32

nave tedesca, bandiera olandese, comandante italiano e poi si lamentano di Salvini perché dice che non è legale sta roba. ma ha ragione la Meloni: arrestare e condannare tutto l'equipaggio e affondare la nave. punto. ma mi domando: dietro a tutto questo ci deve essere una manina che manovra il tutto e non a gratisssse...???

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Lun, 20/05/2019 - 17:38

Ma cos'è?? Una presa per i fondelli degli Italiani Veri? Ma figuriamoci se Patronaggio e compagnia briscola incrimineranno "veramente" il nostro caro e beneamato concittadino Arturo Centore! E' tutta una farsa: il loro vero scopo l'hanno raggiunto ancora una volta, far sbarcare clandestini in Italia. Soros e le sue ONG ringraziano.

ex d.c.

Lun, 20/05/2019 - 17:41

Per una settimana al massimo. Poi riparte e continua indisturbata il suo lavoro. La Magistratura ed il 70% del Governo sono con lei. Salvini fa solo inutili proclami ma probabilmente non si sente preso in giro come i suoi elettori

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 20/05/2019 - 17:42

@Manlio In realtà mi risulta che sia stata la Guardia Costiera libica (sulle motovedette che gli abbiamo pagato) ad intimare alla Sea Watch di abbandonare la zona SAR libica quindi l'opzione di riportarli in Libia non solo non era considerata dalla ONG ma comunque non sarebbe stata percorribile. I libici sono in guerra ed è quindi più che probabile che queste forme di "accompagnamento" saranno sempre più frequenti.

kennedy99

Lun, 20/05/2019 - 17:45

è inutile continuare ad indagare questi signori se alla fine viene tutto archiviato come al solito. e avanti di questo passo.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 20/05/2019 - 17:57

si accettano scommesse sui giorni di sequestro e sull'archiviazione

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 20/05/2019 - 18:02

el presidente de che Lun, 20/05/2019 - 17:42,hai presente la Tunisia ed ancor più il gradevole e sicuro porto di Zarzis???

Cyroxy80

Lun, 20/05/2019 - 18:03

Speriamo che ora venga indagato anche il PM di Agrigento, e nel frattempo sostituito.

frabelli1

Lun, 20/05/2019 - 18:21

Ora affondate la barca, NON deve mai più prendere il largo.

buonaparte

Lun, 20/05/2019 - 18:22

bandog 10 giorni tanto per far riposare l'equipaggio e riarmare la nave .è una pagliacciata lo ho scritto ancor due giorni fa .la stessa cosa di indagare una nave in acque territoriali che batte bandiera straniera è un sopruso e non si capisce perchè nessuno denunci. non lo denunciano forse perchè era già una azione studiata per poter far entrare in acque italiane e far scendere i clandestini con un finto sequestro.come scritto ieri ci vuole una magistratura sovranazionale che indaghi.sembra che ci sia una associazione a delinquere che comprende oltre i trafficanti, le ong e pezzi deviati della magistratura italiana.con le forze armate che non agiscono.dateci i giudici ed investigatori spagnoli che guadagnano metà soldi ,ma sono molto piu capaci per non dire altro......

Cheyenne

Lun, 20/05/2019 - 18:36

MOSTARDELLIS perfettamente d'accordo

Chanel

Lun, 20/05/2019 - 18:49

Omar El Mukhatar: so benissimo che il comandante Arturo Centore è italiano, infatti ho scritto che i nemici degli italiani sono altri italiani, ma lui fa parte del clan dei buoni, di quelli che stipendiati fanno i volontari. La loro umanità però finisce non appena consegnano il bottino e sono altri che devono farsene carico. Tra i nuovi ci saranno altri umanitari che ci lucreranno sopra e poi ci sarà la maggior parte dei cittadini che non vuole o non può farsene carico. La costituzione più bella del mondo che si tira fuori quando conviene sancisce che la sovranità appartiene al popolo e non distingue tra buoni e cattivi

nunavut

Lun, 20/05/2019 - 18:52

@ El Presidente 17:42 L'intimazione della guardia costiera libica fu prima o dopo aver raccolto la "merce umana" visto che "loro" pagano per il servizio e gli altri ne tirano profitto facendo pagare il popolo italiano (4 miliardi annuali).

Ritratto di malatesta

malatesta

Lun, 20/05/2019 - 20:08

El Presidente Lun, 20/05/2019 - 16:47 Egregio, secondo me il comandante era sicuro che prima o poi sarebbe riuscito nello sbarco e riscuotere il dovuto compenso per la tratta dei migranti. Secondo me, ma mi posso sbagliare, aveva benestare della procura, magari con l'OK di qualche "Fico".O pensa anche lei che le ONG facciano il lavoro per spirito umanitario?.......Per quanto riguarda l'applicazione delle leggi o dei regolamenti cui fa riferimento, deve ammettere che in Italia le leggi vengono interpretate e non applicate..in altre parole "ciascuno" fa come cavolo gli pare in funzione della propria appartenenza politica con la scusa che "e' scritto nella costituzione".E' uno spettacolo disgustoso quello a cui, come cittadino, devo assistere tutti i giorni!!...Questa e' la mia logica elementare.

Ritratto di malatesta

malatesta

Lun, 20/05/2019 - 20:20

Omar El Mukhtar Lun, 20/05/2019 - 16:53..Egregio, lei e' un ingenuo, vittima inconsapevole della politica delle sinistre e dei preti, se crede ancora nello spirito umanitario degli scafisti!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/05/2019 - 20:49

Intanto sul molo di Licata gli equipaggi delle due navi, Mare Jonio e Sea Watch, attraccate una a fianco dell'altra stanno organizzando delle partitelle di calcio. Un poco di sano svago dopo tutto lo stress creato da felpa Pig!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 20/05/2019 - 20:52

marione1944: bravissimo!!! Infatti qui l'ipotesi (perché la Procura indaga "ipotesi" non reati acclarati, altrimenti non avrebbe nulla da indagare) di reato è proprio quello di "favoreggiamento di immigrazione clandestina". Ipotesi che non potrebbe nemmeno esistere se il reato non proseguissi proprio sul territorio dello Stato. In questo caso italiano. Quindi la Magistratura, anche per invito dello sgangherato Felpa Pig, è legittimata ad indagare. Per il resto che la nave non fosse "inoffensiva" è stato detto ai giornali dalla Felpa bucata. Che però non ha competenze per dichiarare qualcosa sulla natura delle navi che transitano nelle acque territoriali.