L'assist di Patronaggio alle Ong: "I porti libici non sono sicuri"

Il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio a Roma risponde in audizione alla Commissione Affari Costituzionali della Camera: "I porti libici non possono essere considerati sicuri". Intanto l'indagine su Carola Rackete va avanti

Carola Rackete, la capitana di SeaWatch

Mentre la procura di Agrigento è ancora una volta sotto i riflettori sul caso Sea Watch ed all’interno del palazzo di giustizia proseguono le indagini su Carola Rackete, il procuratore della città dei templi Luigi Patronaggio è chiamato a parlare a Roma nel corso di un’audizione presso la Commissione Affari Costituzionali della Camera.

Un’audizione importante per il magistrato impegnato nell’ultimo anno con alcuni dei casi più spinosi riguardanti il fenomeno dell’immigrazione: dal mancato approdo della Diciotti al braccio di ferro con la Mare Jonio, fino all’ultimo episodio che riguarda per l’appunto la nave Sea Watch 3 e che fino a ieri tiene impegnato Patronaggio per via dell’interrogatorio alla Rackete.

È per questo forse che la Commissione Affari Costituzionali vuole sentire il procuratore di Agrigento sul decreto sicurezza bis. E di certo lo stesso Patronaggio non manca di dare spunti non indifferenti, alcuni dei quali riguardano per l’appunto il caso Sea Watch.

A partire da un passaggio importante dell’audizione del magistrato, inerente la considerazione da attribuire ai porti della Libia: “Quelli libici – dichiara infatti Patronaggio, così come riporta l’agenzia Agi – Non possono essere considerati sicuri. Non sono porti dove il migrante possa avere garantiti tutti i diritti fondamentali della persona”.

Una frase che subito crea “rumore”: proprio nel corso della conferenza stampa immediatamente successiva all’interrogatorio di Carola Rackete, Patronaggio afferma che la sua procura è impegnata nella verifica della sicurezza dei porti libici. Questo perché gli inquirenti vogliono verificare i motivi per i quali la Sea Watch è presente in acque Sar libiche e, conseguentemente, capire se vi sono contatti tra la Ong e gli scafisti.

Un passaggio importante dell’inchiesta, un binario parallelo rispetto all’indagine che vede coinvolta Carola Rackete per lo speronamento della motovedetta della Guardia di Finanza avvenuto nella notte tra sabato e domenica a Lampedusa. Un filone che vede la stessa Rackete indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La procura di Agrigento, in questi giorni, sta acquisendo tutto il materiale necessario per proseguire lungo questo sentiero delle indagini, i cui contorni vengono tracciati soprattutto nelle ore a cavallo dell’interrogatorio della ragazza tedesca.

Ecco quindi perché la dichiarazione di Luigi Patronaggio suona come molto importante sotto un profilo mediatico e non solo. Una considerazione, quella sui porti libici, in linea con quanto affermato dal ministro degli esteri Enzo Moavero Milanesi, secondo cui scandagliando il diritto internazionale “si riscontrano oggettivi elementi che non possono far considerare la Libia come porto sicuro”.

Ma è anche vero che l’affermazione di Patronaggio sopra riportata può in qualche modo essere rilevante solo in minima parte per quanto concerne l’inchiesta attualmente in corso su Carola Rackete.

Lo stesso procuratore infatti, proprio poco dopo l’interrogatorio della capitana della Sea Watch, fa sapere di non riscontrare al momento elementi che possano portare ad un qualche stato di necessità volto a giustificare non solo la forzatura della Rackete di entrare a Lampedusa, ma anche la presenza stessa della Sea Watch in acque di competenza libiche.

I porti libici possono anche considerarsi non sicuri dunque, ma è la stessa procura di Agrigento a voler verificare il motivo della presenza del mezzo dell’Ong nella Sar libica. Anche perché, a prescindere, la Sea Watch si vede rigettare, nel corso dei 15 giorni di permanenza in alto mare, sia un ricorso al Tar e sia uno alla Cedu in cui ad essere chiesto in entrambi i casi è il via libera all’ingresso in acque italiane. Un indizio che porta la procura agrigentina a non ravvisare gli estremi dello stato di necessità per l’approdo a Lampedusa.

Commenti
Ritratto di LEGIONECRISTIANA

LEGIONECRISTIANA

Mar, 02/07/2019 - 13:44

Ma serviva Patronaggio per saperlo? Il porto di un Paese in guerra può essere sicuro? Lo stesso porto dove chi è partito ha passato mesi sequestrato e torturato? Chi nega questo è invaso sa Satana!

Italiano_medio

Mar, 02/07/2019 - 13:47

Gravissimo. A me sembra che stanno cercando di considerare NON sicuri i porti libici per giustificare le prossime ONG.

Italianocattolico2

Mar, 02/07/2019 - 13:47

E ti pareva che questo "magistrato" non avrebbe trovato un motivo per liberare la trafficante di schiavi coperta dal suo partito ??? Inoltre siamo tutti assordati dalle urla di sdegno di Mattarella e del CSM !!!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 02/07/2019 - 13:50

Vista la composizione "non attualizzata" da alcun voto popolare,della "attuale" magistratura(non elettiva),difficilmente uscirà una condanna "attualizzata" con il senti to popolare "attualizzato"....(anche se, a dire il vero,ancora a Marzo 2018 avevamo il 78% della popolazione che ha votato partiti,sfacciatamente "pro-invasione"(PD & soci di merende"),sostanzialmente "pro-invasione"(M5s),e moderatamente "pro-invasione"(FI)!!

Aleramo

Mar, 02/07/2019 - 13:50

In realtà secondo il diritto marittimo un porto è "sicuro" se consente un approdo sicuro ai naufraghi, non se il governo è democratico o dittatoriale. Ciò è logico, perché le leggi del mare hanno come scopo appunto la salvaguardia della vita umana, non i "diritti" di questo e di quello. I porti libici sono sicuri nella misura in cui consentono di attraccare in modo sicuro, la politica non dovrebbe contare niente.

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Mar, 02/07/2019 - 13:57

Scusate: se i porti libici NON SONO SICURI per APPRODARE… come mai SONO SUPER-SICURI per partire?

killkoms

Mar, 02/07/2019 - 13:57

e quelli tunisini?

stopbuonismopeloso

Mar, 02/07/2019 - 14:01

i porti sono sicuri, è il paese che non è sicuro, ma se il paese non è sicuro, perchè ci vanno i clandestini? semplice, perchè se partono da li, sanno di trovare le navi negriere delle ONG pronte a caricarli, e nessuno che li rimanda indietro, in Libia c'è l'UNHRC che deve prenderli in carico e rimpatriali, non ospitarli sino alla prossima nave negriera in partenza

ESILIATO

Mar, 02/07/2019 - 14:02

Se cio che dice Patronaggio e' vero perche qutta questa gente del SubSahara e' andata volontariamente a Tripoli? Non fatevi ingannare da questi profittatori che fanno i soldi ingannando questi poveracci.

Lucio_Valerio

Mar, 02/07/2019 - 14:06

Diciamola tutta, quando uno sta affogando tutti gli approdi terrestri sono porti sicuri. Quindi riformulare diversamente: i porti africani non sono "sicuri" perché lì il migrante non viene mantenuto a tempo indeterminato, tantomeno se clandestino, ma viene invitato a girare sui tacchi e far ritorno a casa. Nonostante la perdita economica del biglietto di 3000 dollari circa.

Giorgio Colomba

Mar, 02/07/2019 - 14:07

Già finita l'apparente terzietà del procuratore agrigentino: basta grattare la toga e sotto il nero spunta sempre il rosso.

pricar

Mar, 02/07/2019 - 14:11

il solito teatrino per favorire l'invasione ....

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Mar, 02/07/2019 - 14:11

Non avevamo dubbi!!!

Ritratto di babbone

babbone

Mar, 02/07/2019 - 14:12

I porti libici non sono sicuri, ahahahah, però sono sicuri quelli: Tunisini, Alderini; Maltesi, Spagnoli, Francesi, oppure quelli di bandiera: Olandesi/Te(t)eschi. Basta scegliere per non rompere.

45WO708

Mar, 02/07/2019 - 14:16

A prescindere dalla mia scarsa simpatia per signore in questione, non lo considero un assist per carola, secondo gli standard europei la Libia non è un porto sicuro. Sarei curioso di capire come mai tutta l'Africa vi si dirige a prezzo di viaggi definiti allucinanti, ma questa è un'altra storia… Mi risulta però che la Tunisia, meta di oltre otto milioni di turisti nel 2018 e molto più vicina di Lampedusa, non venga mai presa in considerazione per gli sbarchi! Senza scomodare Satana od altre amenità comunque, mi domando anche come i traghettati entrino in possesso, alla partenza, di telefoni cellulari (come più volte visto agli sbarchi) e addirittura di satellitari (con i quali più volte entrati in contatto con le ong bighellonanti al largo), visti i costi non indifferenti degli stessi apparati! Chissà perché i torturatori li privino di tutto meno che dei telefoni!

Una-mattina-mi-...

Mar, 02/07/2019 - 14:19

TIPTIO IMMONDO GIOCO DELLE PARTI: LA "GIUSTIZIA" FA FINTA DI TUTELARCI, PRENDE TEMPO, E ,COME AL SOLITO, ASSOLVE O MINIMIZZA. COPIONE STRA-NOTO NELL'EX ITALIA

oceanicus

Mar, 02/07/2019 - 14:20

Ma trasferirlo in cima ad una remota montagna, dove non possa far danni, proprio no? Prossima mossa abolire il CSM e responsabilita' civile penale ed economica per i magistrati. Voto chi la propone.

Una-mattina-mi-...

Mar, 02/07/2019 - 14:21

NON SI E' MAI VISTO NELLA STORIA QUALCUNO CHE, DOPO AVER PAGATO IL BIGLIETTO, PARTE DA UN PORTO DEFINITO "NON SICURO", IN MODO DA NON RITORNARE ALLO SCALO DI PARTENZA, E OBBLIGARE COSI' AL MANTENIMENTO AD UFO, PER ANNI, IL POVERETTO CHE SE LO PIGLIA IN CARICO. DAVVERO VOGLIAMO CONTINUARE COSI', CON QUESTE BUGIE E INFAMIE EPOCALI?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 02/07/2019 - 14:22

@pricar 14:11...certo,l'"INVASIONE-ACCOLTA" dalla stragrande maggioranza di "italiani"(vedi Maggio 2019 laddove Lega e FdI,gli unici partiti "contro" hanno preso il 38%,..da un misero 22% del Marzo 2018,...il ché la dice lunga...),e da tutto l'"ambaradam" istituzionale,irremovibile,per 10-20-30 anni,che continuerà a fare danni IRREPARABILI!

carlottacharlie

Mar, 02/07/2019 - 14:27

Santa pazienza, i giudici fanno un passo avanti e due indietro, sicuramente il passo avanti lo fanno a beneficio degli italiani tanto per dar a bere che loro difendono i nostri confini, quelli indietro perchè non hanno intenzione di condannare la fuorilegge tedesca e far fuori, a pezzi, la nave negriera. Che un giudice, i giudici, non sappiano la geografia spicciola non depone a loro favore; non sanno che dopo la Libia ci sono Tunisia, Algeria, Marocco che non sono in guerra e dove migliaia di occidentali vanno a passare le vacanze oppure a lavorare? Sembra la solita solfa: gente che se ne frega se l'Italia viene trattata da pirlona, sempre giudici di cui vergognarsi e deficienti bianchi sparsi nel paese, da mandare in Africa.

aleppiu

Mar, 02/07/2019 - 14:27

Beh ma non vi vuole un genio per capirlo,che i porti libici non sono sicuri, solo il popolo felpato potrebbe bersi le parole del loro guru senza farsi la benche' minima domanda!!!

Ritratto di ..macCatTagirone..

..macCatTagirone..

Mar, 02/07/2019 - 14:28

una FARSA (in)degna del paese di PULCINELLA

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Mar, 02/07/2019 - 14:28

E allora che li scarichino in altri paesi, come Francia, Germania o Olanda questi migranti.

bongide

Mar, 02/07/2019 - 14:28

Dai forza italiani....resistiamo! Ancora una decina di milioni di immigrati e poi anche i nostri porti come le nostre città non potranno più essere considerati sicuri e inizieranno a portarli in Francia! D'altra parte solo gli africani sono 1.3 miliardi e quelli in pericolo di vita per via delle ....guerre circa 1.299.999.999 prima o poi riusciranno a saturare l'Europa.

Demetrio.Reale

Mar, 02/07/2019 - 14:29

E' bene evitare commenti, visto il potere inquisitorio di questi soggetti....mi limito a dire che dopo che uscì la foto che ritraeva lui (patronaggio) e Renzi assieme, come minimo il Csm avrebbe dovuto spostarlo. E invece continua ad approfittare della sua posizione, privo di qualsiasi parvenza di imparzialità (la foto e i fatti lo dimostrano), minando ulteriormente la credibilità della categoria.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 02/07/2019 - 14:30

però esiste la Tunisia, l'Algeria, la Spagna, la Francia, l'Albania, la Grecia...

Blueray

Mar, 02/07/2019 - 14:31

A suo tempo avevo contato ed elencato su questi commenti oltre 20 porti africani sicuri nessuno dei quali in Libia. Se poi vogliamo farci del male continuiamo a discutere girando intorno al problema invece di dire le cose come veramente stanno

giangar

Mar, 02/07/2019 - 14:31

Ma se i porti libici sono così sicuri, perché non vi incazzate con Salvini che non ci riporta i migranti? Perché devono farlo le ONG e lui non può farlo?

Demetrio.Reale

Mar, 02/07/2019 - 14:33

LEGIONECRISTIANA (che non è cristiana) Sa che una volta per entrare in Europa (qualcuno, non milioni) bisognava convertirsi? Non lo sa ovviamente, e ripete le sciocchezze dei clerici traditori.

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 02/07/2019 - 14:33

I porti libici sono sicuri per partire ma non per approdare, che ipocrisia!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 02/07/2019 - 14:33

@Una-mattina-mi-... 14:21...quello che io e lei vediamo,ed il 38% di "ITALIANI" vede,non è purtroppo quello che vede il 62% di "italiani"e tutto l'"ambaradam" istituzionale,irremovibile!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 02/07/2019 - 14:33

Allora mi spieghi signor Patronaggio da ignorante che sono a te intelligentissimo, per quale motivo gli africani la attraversano tutta la Libia se non è sicura. Quanti ne muoiono lungo l'attraversamento. Non sono antilopi che attraversano un fiume di coccodrilli. Te lo dico io, zero, ne muoiono zero se non dal caldo, altrimenti lo sapremmo come quelli che muoiono in mare.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Mar, 02/07/2019 - 14:34

bah! è più che chiaro che chi considera i porti libici come sicuri è in malafede. sarebbe da prendere tutti questi soggetti che lo sostengono e scaricarli lì impedendogli di tornare in Italia

oceanicus

Mar, 02/07/2019 - 14:35

BASTA! SONO TALMENTE NON SICURI CHE VANNO TUTTI LÌ A IMBARCARSI! BASTA! E BASTA CON LA MENZOGNA CHE SONO NAUFRAGHI! SONO TASSE DEGLI ITALIANI QUINDI PURE LE MIE!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 02/07/2019 - 14:36

Mio intelligentissimo magistrato, si riguardi la cartina geografica. Se non la Libia ci sono altri porti pià vicini. Una volta sulla nave ong penso che possano portarli anche in America.

ginobernard

Mar, 02/07/2019 - 14:37

ho un consiglio per Salvini ... fai subito un patto di acciaio con la Meloni. Ne va anche della tua sicurezza. E chiudi assolutamente questa esperienza con i 5 stelle ... ti pugnalano alle spalle. Non sono affidabili. Basta vedere il silenzio del Ministro di Giustizia in tutto questo periodo. Completamente succube della magistratura.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 02/07/2019 - 14:41

(1)Tutta la "manfrina",ruota intorno al fatto che in "Nord Africa" non esistano "porti sicuri"...NESSUNO che osi dire che questi sono "naufraghi volontari",che "clandestinamente" PRETENDONO,ad ogni costo,di entrare in Italia(senza documenti,etc.etc.),per essere "accolti" dal nostro "welfare",e mantenuti a vita.NESSUNO che osi dire,una parola/coinvolgendo i loro "fratelli" musulmani,dei paesi arabi,NESSUNO che osi dire qualche cosa ai LORO paesi di provenienza(stabilendo accordi per il rimpatrio di questa gente)!...Tutto scontato,tutto "mascherato"(IPOCRITAMENTE),dal fatto che NESSUNO osi dire che sono "naufraghi volontari",che stanno prendendo per i fondelli TUTTI,con le più disparate "scuse umanitarie"(al loro "paese" se tornano,vengono turturati,discriminati,uccisi,per questo per quello...).LORO hanno il DIRITTO di partire,fare questi "viaggi",fare il "naufrago volontario",essere "salvati" dalle ONLUS,portati in Italia(senza documenti),etc.etc...DIRITTO!.

tosco1

Mar, 02/07/2019 - 14:41

Non vorrei che la criticita' ong, sulla linea del malaffare, tenda ad arrivare a Lampediusa per essere protetta da Patronaggio.Quindi, Patronaggio ,vhe e' cittadino come me, faccia il suo lavoro senza interessarsi di quello che non gli compete. I tempi sono critici, gli errori o protezioni del non legale posso causare brutte conseguenze, anche agli stessi Magistrati, che devono solo fare il loro lavoro onestamente ed in linea con gli interessi dello stato.Sono sul filo del rasoio,e,l'ho gia' detto, in questa situazione , o si diventa eroi, o ci si taglia a fettuccine.

Ritratto di RindoGo

RindoGo

Mar, 02/07/2019 - 14:43

Un'analisi comunque oggettiva che non inficia le azioni nei confronti della SW3. Il problema, assieme al doveroso ostruzionismo nei confronti delle ONG che, se lasciate libere di operare liberamente, tornerebbero a rendersi responsabili dei traghettamenti organizzati del passato con migliaia di immigrati ad ogni sbarco, è ora riuscire ad intercettare scafisti "coast to coast" con arresto e incarcerazione preventiva in attesa del processo e della condanna, e il ripristino di carceri più dure, come quelle inspiegabilmente chiuse nelle varie isole tirreniche, utili anche per tenere isolati i criminali e i mafiosi in regime di massima sicurezza.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 02/07/2019 - 14:44

Ma si è fatto una domanda, questo iltelligentissimo magistrato? Perchè devono arrivare in Libia e poi prendere un gommone, ma non sarebbe più logico voltare a sx ed andare in Algeria o voltare a dx ed andare in Egitto, se scappano da qualcosa, visto che in Libia c'è una guerra? Come se volessi andare in Grecia attraversare tutta la ex Jugoslavia, ma sapendo che in Albania c'è una guerra la attraverso. Ma sono scemo?

aleppiu

Mar, 02/07/2019 - 14:46

Clastidium si li farei vivere un anno tra libia e tunisia poi si risponderebbero da soli alle loro domande!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 02/07/2019 - 14:47

@Clastidium, no che poi se torniamo non ci credi a quello che diciamo, meglio se ci vai te e tutti come te. Tanto siete amici di tutti!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 02/07/2019 - 14:48

Non perdiamo tempo, che il risultato delle Toghe già lo sappiamo, tutta la manfrina è solo fumo negli occhi per ritardare la comunicazione della decisione e intanto sfruttare al massimo il miele della propaganda buonista.

Jon

Mar, 02/07/2019 - 14:49

Il Palmeraggio non deve giudicare la sicurezza dei POrti, ma se si rispettano le leggi o no. Ne esistono molti sicuri, come la Tunisia, Marocco, Malta etc..etc..Studi un po'..

Alfa2020

Mar, 02/07/2019 - 14:51

Io di Patronaggio non mi fido Questo e anti Italiano .Gia iniza la Libia non porto sicuro i porto non si possono chiudeno ec..

BALDONIUS

Mar, 02/07/2019 - 14:51

E chi lo decide Patronaggio con Moavero Milanesi che non si è accorto nemmeno che sta al governo?

ginobernard

Mar, 02/07/2019 - 14:53

se vincesse la sinistra lo fanno subito Ministro di Giustizia ...

ulio1974

Mar, 02/07/2019 - 14:53

LEGIONECRISTIANA 13:44: per quanto ne so io, nei porti e nei campi profughi della Libia c'è personale ONU lá appunto per verificare che tutto si svolga nella leicitá. Se poi i porti sono o no sicuri, questo penso che debba essere stabilito da autorità internazionali preposte (che so, l#organizzazione Internazionale per la Navigazione ad esempio)e non da chiunque gli pare. Per me sono sicuri.

ulio1974

Mar, 02/07/2019 - 14:55

Ma non esiste una organizzazione internazionale capace di stabilire se questi benedetti porti libici sono sicuri o no?!?!? Non é possibile che ognuno li consideri come gli pare ed agisca di conseguenza.....detto questo, per me sono sicuri, sicurissimi!

hectorre

Mar, 02/07/2019 - 14:58

ha violato le leggi italiane!!!...tutto il resto è noia!!!...anche Malta non è un porto sicuro???...in 14 giorni poteva arrivare in America!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!...ha forzato i blocchi perché sapeva di trovare protezione tra i parlamentari pidioti e sinistrume vario, di porti sicuri è piena l’europa e non solo!

Hoffman

Mar, 02/07/2019 - 14:59

Questa bella gente dice che la Tunisia non è un porto sicuro. Però è sicuro per i nostri pensionati che sono residenti in quel paese, ultimamente si è aggregato anche Crocetta ex presidente assemblea Siciliana. Questo qualcuno me lo deve spiegare, perché è sicuro x i pensionati, e non x i clandestini.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 02/07/2019 - 15:01

(2)...E il nostro DIRITTO a non volerli?...Certo,che guardando i voti di Maggio 2019,dopo un inimmaginabile "esplosione",di LEGA e FdI(gli unici partiti "contro"),che hanno preso il 38%,con tutto il resto di "italiani" favorevole all'INVASIONE-ACCOLTA,e con TUTTO l'"ambaradam" Istituzionale(magistratura docet),che per i prossimi 10-20-30 anni continuerà a rappresentare l'ipocrita "commedia" del "porto sicuro",non c'è da stare allegri,come "colaborazionismo" interno!

oceanicus

Mar, 02/07/2019 - 15:02

RIPETO DA GIORNI: MATTARELLA, BONAFEDE, TRENTA, DOVE DIAVOLO SIETE?

Littorino64

Mar, 02/07/2019 - 15:04

Scusate, ma avevate dei dubbi su come sarebbe finita????Io no.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 02/07/2019 - 15:05

Praticamente dovrebbe valere lo stesso ragionamento che hai fatto Tu clastidium 14e34, prendendo quelli che dicono che i porti Libici NON sono sicuri per toglierli dai Parioli e portarli a vivere (per es) a Casal Bruciato!!!! E cosi in tutte altre citta Italiane, che sono state rese INSICURE indovina da chi!!!!! AUGH

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Mar, 02/07/2019 - 15:07

ALCUNI SI CHIEDONO perche' l'attraversano se e' tanto pericolosa...MA LA DOMANDA GIUSTA DOVREBBE ESSERE COME MAI NONOSTANTE TUTTI I PERICOLI L'ALTA POSSIBILITA' DI ESSERE UCCISI, fatti schiavi, violentate ecc e DI MORIRE, ESSERE TORTURATI ECC PERCHE' L'ATTRAVERSANO LO STESSO? FORSE perche' L'INFERNO DA CUI FUGGONO E' un super INFERNO quindi... O perche' SPERANO AD ALTO RISCHIO DI MORIRE DI PROVARE AD ARRIVARE IN UN MONDO MIGLIORE...deloro piccolo inferno.

carpa1

Mar, 02/07/2019 - 15:11

“Quelli libici – dichiara infatti Patronaggio, così come riporta l’agenzia Agi – Non possono essere considerati sicuri. Non sono porti dove il migrante possa avere garantiti tutti i diritti fondamentali della persona”. E che ci sta a fare l'UNHCR in Libia? Ma di cosa stiamo parlando! E dei diritti degli italiani a che vengano garantita l'integrità dei propri confini da un'invasione incontrollata e voluta da ipocriti internazionali e non che pretendono di operare una sostituzione etnica evidente come la luce del sole non ne parliamo?

tziubakis

Mar, 02/07/2019 - 15:12

E allora? Il mondo é pieno di porti sicuri. In 2 giorni li si poteva raggiungere tutti.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 02/07/2019 - 15:14

Per chiarire clastidium 14e34 anche la zona della stazione centrale di Milano e diventata un "porto non sicuro" cosi come tanti altri simili in tutte le maggiori citta Italiane, ma perche allora gli Italiani sono costretti a continuare a viverci!!!! Le ONG si organizino quindi per portare gli Italiani che vivono in "porti non sicuri" in Svizzera ad es.!!!!!!jajajajajaja.

mariobaffo

Mar, 02/07/2019 - 15:17

Mettiamo in chiaro ,la beneficenza e la carità la fa solo chi vuole farlo,L'Italia non può essere obbligata a fare assistenza a tutta l?Africa mentre gli altri si spartiscono le risorse,e men meno una biscarina che decide di scegliere a suo piacimento dove trasportare i suoi ospiti di taxi del mare , mettiamo anche in chiaro che questi non sono salvataggi un vero salvataggio nessuno lo nega neanche in terra ferma, questi partono perchè sanno che ci sono i taxi del mare.

Ritratto di Coralie

Coralie

Mar, 02/07/2019 - 15:19

Ma i porti della Tunisia e Malta si e piu' vicini di Lampedusa!

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 02/07/2019 - 15:20

Quello che non capirò mai è il funzionamento del cervello di un sinistroide. Partono sempre dal presupposto che si debba combattere l'avversario politico. Salvini vuole fermare gli sbarchi, quindi è sbagliato, è da combattere... se ne prendi uno e gli chiedi quanti africani vuole in Italia, questo nemmeno si ricorda il motivo per cui contesta Salvini, sa solo che è di destra quindi è un nemico, piuttosto che niente vorrebbe avere 20 milioni di clandestini agli angoli delle strade, solo per festeggiare la sconfitta di chi non vuol perdere il diritto di vivere in italia e non in un distaccamento africano. E poi si reputano moralmente superiori... che povera gente.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 02/07/2019 - 15:21

aleppiu carissimo 14e46. Gli Italiani che vivono nelle zone delle stazioni centrali, di tutte le citta piu importanti d'Italia, stanno gia vivendo da anni come si vive in Libia. Ma i COCOMERIOTAS come te col ROLEX che vivono in Via della Spiga o Montenapoleone o ai Parioli a Roma, non se ne sono ancora accorti!!! jajajajajaja.

Ritratto di IL_CORVO

IL_CORVO

Mar, 02/07/2019 - 15:33

La casa di Patronaggio sarebbe un porto sicuro,potrebbe sistemarsene una trentina a casa sua

frabelli1

Mar, 02/07/2019 - 15:36

Allora come mai noi facciamo turismo in Libia, in Marocco ed altri “porti non sicuri”? Questo è un dramma per l’Italia non per i clandestini.

VittorioMar

Mar, 02/07/2019 - 15:40

..il Ministro ha già anticipato qualunque decisione del GIP : ESPULSIONE !!!...tutto il resto è per i MEDIA !!

AmilcareTafazzi

Mar, 02/07/2019 - 15:41

Malta.Malaga,Ajaccio,Marsiglia,Palma,Ibiza . Rotterdam - Amburgo ,Kiel Tutti sicuri

Ritratto di ilmax

ilmax

Mar, 02/07/2019 - 15:41

C’è Malta e la Tunisia. Spero sia sentita anche la Guardia costiera Libica e chi opera al salvataggio in quelle acque, come Migrant Rescue Watch, dove spesso hanno denunciato la corsa delle ONG per togliere dalle mani i “rifugiati” .

cesare caini

Mar, 02/07/2019 - 15:44

Ma quelli Tunisini si !

Ritratto di ilmax

ilmax

Mar, 02/07/2019 - 15:45

Le ONG, arrivate in zona SAR Libica, spengono il transponder finché possono e spesso lo riaccendo quando gli aerei di ricognizione sono già in volo e subito dopo scatta l’SOS di Allarm Phone. Basterebbe seguire i loro profili social, visto che scrivono pure le irregolarità che commettono, e poi seguire i movimenti della nave su Marin Traffic. Spesso i “naufraghi” alla deriva, avviene quando al gommone viene tolto il motore e avvengono trasbordi e non c’ è nessun naufragio in atto. La Sea Watch 3, l’ultimo carico, lo sottrae alla Guardia costiera Libica e c’ è un video, trasmesso anche da Sky e in vari TG nazionali, dove si vede il gommone della ONG in movimento, con nave in movimento, che trasborda i “naufraghi” sulla nave. Tutto questo per scappare dalla guardia costiera Libica e mettendo così a rischio la vita dei “naufraghi” recuperati. Di materiale video è scritto c’è ne in abbondanza sui social dei diretti interessati.

Royfree

Mar, 02/07/2019 - 15:46

LEGIONECRISTIANA. Sono d'accordo ma visto è considerato che come lo sappiamo noi lo sanno, grazie al tamtam dei cellulari dei clandestini in Europa e quelli ancora in Africa, anche quelli che vorrebbero partire. Non partissero e tutto sarebbe a posto. Questa storia deve finire e se questa ochetta arrogante va in galera servirà da monito a tutte le fecce ONG che ancora pensano che la cuccagna sia possibile.

Davons

Mar, 02/07/2019 - 15:47

@Demetra.Non le spunta il dubbio che forse, disponendo di cifre non abituali, abbiano qualche ragione più pressante dei (probabili) incidenti in itinere? Sa da cosa fuggono? Ha qualche conoscenza degli obblighi penali, civili e militari di questi signori? Perchè non hanno il visto d'uscita e nemmeno quello d'entrata? Perchè la quasi totalità dei nigeriani è composta da genti yoruba, ricetto della mafia più sanguinaria del Continente?

Guerriero69

Mar, 02/07/2019 - 15:55

Ma se i porti libici non sono sicuri non è che per forza devono venire tutti in Italia. Macron non vede l'ora di accogliere i migranti a Marsiglia!

giangar

Mar, 02/07/2019 - 15:59

Non uno che risponda in modo coerente alla domanda nel mio post delle 14,31!?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 02/07/2019 - 16:01

La Libia non é giurisdizione della magistratura italiana e neanche l'Olanda. Il supponente Patronaggio usurpa il potere del Governo e deve essere sanzionato per abuso di potere.

ilrompiballe

Mar, 02/07/2019 - 16:02

Zagovian : valutare il gradimento o meno sull'immigrazione sulla base degli esiti elettorali, non mi sembra del tutto corretto, considerando l'assenteismo. Resta da stabilire se le leggi dello Stato debbano o meno essere rispettate. Ma storicamente nel nostro Paese tutto è sempre stato relativo : come vede, nella vicenda nessun supporto è stato dato dal Ministro della Difesa, cui dovrebbe competere la difesa dei confini (altrimenti cosa difende?). D'altra parte abbiamo un Ministro dell'Interno il cui motto sembra "faso tuto mi", per cui gli altri dicono "va avanti te, che a me mi vien da ridere".

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 02/07/2019 - 16:04

Purchè non si cerchi di giustificare la capitana che poteva pure andare in Tunisia e non inventarsi la chiamata al governo olandese per un approdo: una balla grossa come tutto il mediterraneo smentita da quel governo.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Mar, 02/07/2019 - 16:04

@davanos...perche' non con i visti ecc documenti in regola? servono timbri e passaporti, non ha idea di quanto sia difficile per un extracomunitario sbarcare nel Vecchio continente. Le code nei consolati sono lunghe quanto la lista dei documenti da presentare anche solo per un visto turistico. Estratti conto, certificati del datore di lavoro, dichiarazioni di stato di famiglia, dei redditi, fedine penali, e poi la prenotazione dell’albergo con pagamento anticipato, il biglietto andata e ritorno, l’assicurazione medica e i contanti sufficienti per tutta la durata del soggiorno. Se invece di essere turisti si viene invitati, si aggiungono documenti del cittadino o dell’ente ospitante (con l’impegno ad assumersi tutte le spese, incluso il rimpatrio), e corrispondenza personale, in base alla quale i funzionari stabiliranno se il legame con chi vi invita è sufficientemente profondo da giustificare il viaggio. PS UNA SPERANZA SEPPUR CONTROLLATA BISOGNEREBBE DARLA Visti piu' Facili.

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Mar, 02/07/2019 - 16:10

Accettiamo per assurda ipotesi che il porto di Tripoli non sia sicuro. Che dire della Tunisia? Mentre scrivo, migliaia di pensionati italiani se ne stanno tranquillamente a bersi un te' alla menta sulla promenade a mare di Tunisi, dopo essere scappati in quel paese per sfuggire alla rapina fiscale dei compagni di fede politica del Sig. Patronaggio.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 02/07/2019 - 16:11

Patronaggio carissimo. Anche la stazione centrale di Milano ed a seguire TUTTE quelle delle maggiori citta Italiane, sono diventati PORTI NON SICURI!!! INDOVINA PERCHÈ!!! AUGH PS Si dovrebbe fare come fanno negli USA!!! Se vuoi fare domanda per essere considerato un RIFUGIATO, devi portare i documenti atti a provarlo. Se entri INDOCUMENTATO col cavolo che puoi fare la domanda di rifugiato!!! E se non lavori non magni e non hai diritto all'assistenza sanitaria. RI AUGH!!!

oceanicus

Mar, 02/07/2019 - 16:16

Cito enciclopedia Treccani "Sommersione o perdita totale di una nave per grave avaria del suo scafo, dovuta all’azione degli elementi naturali, a urto contro un ostacolo o a collisione con altra nave, a incendio o altra causa di forza maggiore". ERGO, trasbordo da nave madre, danneggiamento intenzionale del motore NON SONO DA CONSIDERARSI NAUFRAGIO E NON CI SONO NAUFRAGHI SA SALVARE! Piccola delucidazione per magistrati, ministri e presidenei della repubblica

mariolino50

Mar, 02/07/2019 - 16:26

LEGIONECRISTIANA Allora dovete cambiare frase, porto sicuro vuol dire solo dove una nave può attraccare normalmente, se poi interessa cosa cè fuori dle porto bisognerebbe dire paese sicuro, speriamo di non dover far diventare l'Italia un paese tipo Libia, di questo passo e arrivi potrebbe anche succedere, co dovuto tempo. Studiate come è successo che i serbi del kossovo se ne sono dovuti andare dalla loro patria originaria.

agosvac

Mar, 02/07/2019 - 16:44

Vorrei chiedere al PM: come mai i porti libici diventano non sicuri dopo che i barconi li lasciano e le navi ong trasbordano i clandestini, ma non prima????? In fondo nessuno costringe i fasulli ad andare in Libia, ci vanno di loro volontà.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 02/07/2019 - 17:25

Patronaggio, va bene, ma ci sono mille altri porti in Africa e in Europa sicurissimi, anzi, almeno a parole, dicono di voler accogliere a braccia aperte tutti i migranti, sempre e comunque, all'infinito, fossero anche miliardi. In Italia basta.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 02/07/2019 - 17:44

No_sinistri 14:33...non per "approdare",per essere riportati "indietro"!LORO vogliono andare AVANTI,...in Italia!L'essere "salvati" dai loro "naufragi volontari"(e riportati INDIETRO),non è quello che a loro interessa!La "commedia" come ultimo atto deve prevedere il "salvataggio" di qualche ONLUS,che li porti in Italia!

Yossi0

Mar, 02/07/2019 - 20:42

tocca dare a questo signore, grande genio italico, il premio nobel ha scoperto finalmente l'acqua calda

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 02/07/2019 - 21:12

Ma avevamo qualche dubbio su Patronaggio?

HARIES

Mar, 02/07/2019 - 21:36

Certo che la Libia non è sicura, e nessun porto della sua costa sarà sicuro. Dopo il bombardamento a Gheddafi (sponsorizzato anche dall'Italia con l'OK di Napolitano), adesso paghiamo le conseguenze.

Trinky

Mar, 02/07/2019 - 22:07

Spiegate a questa specie di magistrato dove sta Tunisi.......... Chissà come avrà fatto a laurearsi........