Senigallia, sequestrata e stuprata per ore prima di esser salvata

Richiamato dalle proteste degli altri ospiti della struttura, disturbati dalle urla provenienti dalla stanza, l’intervento dell’albergatore sarebbe stato determinante per il salvataggio della donna

Senigallia, donna sequestrata per ore all’interno della camera di un Bed & Breakfast, dove sarebbe stata violentemente stuprata, dopo, tra l’altro, aver subito un pestaggio che ha lasciato evidenti segni su tutto il suo corpo e sul viso.

La vittima è una donna di 42 anni di Ancona, che non sarebbe riuscita ad ottenere aiuto fino al momento in cui non è sopraggiunto l’albergatore, allertato da alcuni altri ospiti della struttura che avevano udito le urla. Dopo aver riferito di aver subito degli abusi, la donna avrebbe cercato rifugio in un’altra struttura ricettiva nelle vicinanze; ed è qui che sono sopraggiunti gli agenti della Polizia dopo esser stati allertati, trovando la vittima sotto shock, con segni evidenti di un pestaggio e coi vestiti strappati. Trasportata all’ospedale, la visita a cui è stata sottoposta avrebbe confermato la violenza sessuale e le percosse.

Secondo il suo racconto avrebbe conosciuto il suo aguzzino, un ex pugile di 30 anni d’origine congolese ma cittadino italiano, sabato notte; dopo aver bevuto qualcosa con lui, lo avrebbe accompagnato nel B&B dove alloggiava, con la scusa di recuperare dalla stanza qualcosa che aveva scordato al suo interno. Da quel momento avrebbe avuto origine il suo calvario, con l’inizio delle violenze e le urla disperate per chiedere aiuto, anche se invano, almeno fino al sopraggiungere dell’albergatore.

L’uomo, secondo la versione del quale quello sarebbe stato un rapporto consenziente, si trova ora nel carcere di Montacuto: dovrà rispondere delle accuse di sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni.

Commenti

istituto

Lun, 18/06/2018 - 18:31

Ma tu guarda, è stato un africano, chi mai l'avrebbe immaginato, visto che gli africani in Italia sono così casti e puri e rispettosi delle donne......Ma adesso vedrete cosa diranno i sinistroidi nei loro commenti. Diranno che: 1) l'uomo è chiaramente italiano in quanto ha la cittadinanza italiana.....e quindi daranno addosso agli italiani a cominciare da Salvini 2) che la donna se l'è cercata. È tutto questo per non demonizzare la preziosa risorsa. Detto questo ricordo le statistiche uscite a suo tempo in merito ai reati comparati, e cioè che le risorse delinquono 7/8 volte di più degli italiani. Punto.

sparviero51

Lun, 18/06/2018 - 18:38

MA BENEDETTE ITAGLIANE ,LO VOLETE CAPIRE CHE IL TORRONE AL CIOCCOLATO È SPESSO INDIGESTO ???????

giseppe48

Lun, 18/06/2018 - 18:40

Via le palle al pugile

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 18/06/2018 - 18:41

tohhhh un compaesano della kienge! XD

oracolodidelfo

Lun, 18/06/2018 - 19:27

Congolese? La signora Kashetu Kyenge non ha nulla da dire? Altro che invitare la Raggi ad aprire il porto di Ostia......Kyenge, dai una "registrata" pubblica ai congolesi in Italia...e poi ...."registra te stessa.

DRAGONI

Lun, 18/06/2018 - 19:43

KYENGE E' CONGOLESE COME TE ED E' ANCHE ITALIANO COME TE. PERFETTAMENTE INTEGRATO O NO?

Massimom

Lun, 18/06/2018 - 22:19

E' logico che il congolese si stupisca delle accuse. Lui si è comportato secondo i suoi costumi e le sue abitudini, che per i pidioti saranno presto le nostre. Naturalmente fragoroso silenzio delle femministe ormai relegate al ruolo di vallette scodinzolanti dei gentili africani. Ora subito fuori grazie alla giustizia rossa, pronto per una nuova performance ai danni delle donne italiane.

Ritratto di Lissa

Lissa

Mar, 19/06/2018 - 00:00

Questa risorsa boldriniana con cittadinanza italiana ha messo in pratica quello che la boldrina dice da anni, cioè che la loro cultura dovrà essere anche la nostra, perche e uno stile di vita migliore di quello occidentale. Boldrini PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!

Divoll

Mar, 19/06/2018 - 00:12

Ma quale donna sana di mente si accompagna a un africano, seppure con cittadinanza italiana?! Sempre un africano rimane, con tutto quel che puo' implicare.

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Mar, 19/06/2018 - 00:20

Ma davvero credete a queste notizie fasulle?

CidCampeador

Mar, 19/06/2018 - 00:33

comportamento normallissimo nelle foreste da cui proviene

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 19/06/2018 - 00:50

Sempre loro, sempre loro. Elkid, difendi anche questo?

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Mar, 19/06/2018 - 08:34

Donna Boldrini attendiamo il suo illuminato pensiero. Vorrà mai invitarLa, questa signora martire, in Parlamento a mostrare alle sinistre (tutte e sempre illuminate) gli esiti delle loro politiche? Chiederà al presidente della sua assemblea di farsi parte civile onde, con l'esempio, evitare per il futuro ... Chiederà al governo attuale (voluto e votato dal popolo sovrano) di elargire parte dei miliardi degli italiani, miliardi destinati ancora oggi all'assistenza, destinarla quella parte alla signora di cui nell'articolo? Ed infine ... è razzismo? Libertà o cara

titina

Mar, 19/06/2018 - 15:53

Come no. era consenziente a farsi pestare.per chi stupra ci vuole la castrazione fisica.