Sesto San Giovanni "modello di sicurezza": 600 i daspo urbani

La polizia locale di Sesto rende noto che nel Comune è stata raggiunta quota 600 daspo, dall'insediamento dell'amministrazione Di Stefano

"Sesto San Giovanni modello di sicurezza". Il Comune alle porte di Milano, amministrato dal giugno 2017 da Roberto Di Stefano, ha raggiunto quota 600 daspo. Infatti, dall'insediamento dell'amministrazione comunale di centrodestra, sono state allontanate dal centro urbano 433 persone, ottantuno delle quali recidive.

Da quanto si apprende, dei 600 daspo urbani, 226 sono stati emessi nel corso di quest'anno, mentre sono 205 quelli del 2018 e 169 nel 2017. Del totale, 246 allontanamenti sono stati pronunciati per bivacco, 208 per mendicità, 78 per intralcio pedonale e 68 per commercio abusivo.

Si tratta per lo più di extracomunitari africani - 90 nigeriani, 40 senegalesi, 25 egiziani -, asiatici bengalesi (59 bengalesi) e sudamericani (42 peruviani, 24 ecuadoriani).

L'assessore leghista alla Sicurezza, Claudio D'Amico, commenta così i dati sulla gestione dell'ordine pubblico: "La nostra operazione continua a dare risultati importanti e per questo ringrazio e faccio i complimenti agli agenti della Polizia Locale perché dietro a tutto questo c'è un grandissimo lavoro"."Abbiamo tolto dalle strade di Sesto parecchia gente che importunava i cittadini e ci siamo resi conto che l'Italia è diventata terra di conquista da parte degli stranieri come dimostrano le oltre quaranta nazionalità dei soggetti sottoposti ad allontanamento – continua l’esponente del Carroccio, che infine chiosa: "Un terzo dei fermati è pure finito in questura perché ricercati o clandestini con precedenti ordini di espulsione: noi abbiamo scoperchiato tutto ciò".

Il sindaco Roberto Di Stefano plaude alle forze dell'ordine per il "costante presidio del territorio e per il raggiungimento di questo altro importante traguardo. In tutta Italia, e non solo, si parla di modello Sesto in tema di sicurezza e di questo ne siamo molto orgogliosi. Il fatto che ci sia una recidiva così bassa negli allontanamenti dimostra che lo strumento dei daspo funziona al meglio". Il primo cittadino, dunque, chiosa così: "Persino la sinistra, vedi Milano, è stata costretta a darci ragione, seppur con colpevole ritardo. Gli allontanamenti sono una misura indispensabile per garantire sicurezza e decoro ai cittadini".

Commenti

Italianocattolico2

Mar, 22/10/2019 - 11:19

Questo dimostra la complicità del PD con l'immigrazione clandestina e con lo sperpero di denaro pubblico per le coop di accoglienza. Le Forze dell'Ordine e la Polizia Locale sono gli stessi che c'erano prima dell'amministrazione di centro-destra. Perché con il controllo della sinistra non potevano cacciare via nessuno ?? Semplice, perché il PD ci guadagnava tanti soldi !!!! Vero Salah ???

Papilla47

Mar, 22/10/2019 - 12:01

Va bene ma tutti questi non è che spariscono andranno ad occupare altre strade, altre città e tutti quelli in arrivo continueranno ad invadere e infine, quando raggiungeranno il 30% della popolazione italiana sarà troppo tardi per correre ai ripari. E vissero tutti felici e contenti alla faccia delle future generazioni.

dagoleo

Mar, 22/10/2019 - 12:45

mandateli a Milano da Sala. a lui piacciono tanto e li accoglierà con affetto.