Sollecito: "La Knox e io siamo le altre vittime del caso Meredith"

Intervistato dalla Bbc alla vigilia dell'uscita del documentario di Netflix spiega: "Sento il bisogno di far sapere alla gente che sono un bravo ragazzo"

“Amanda Knox e io siamo stati le altre due vittime del delitto di Meredith Kercher”. Lo ha detto, intervistato alla Bbc, Raffaele Sollecito. Il caso della giovane inglese uccisa a Perugia, la notte di Halloween del 2007 è tornato prepotentemente d’attualità, in tutto il mondo anglosassone, perché il gigante Netflix ha deciso di produrre un documentario sul caso e sulla vicenda, intitolato proprio “Amanda Knox” e che uscirà nel pomeriggio di oggi, che per anni ha diviso in due l’opinione pubblica tanto in Italia quanto all’estero.

Sollecito, come riporta il Daily Mail che rilancia l’intervista, ha spiegato: “Ho bisogno di ricostruire la mia immagine e la mia vita, ho la necessità di raggiungere il più vasto numero di persone per dire loro: ‘Ehi, sono un bravo ragazzo’. La gente non ha davvero capito quale fosse la verità sul caso. Non hanno mai voluto conoscere nulla di noi. Sì, la vittima è stata Meredith Kercher ma ci sono altre due vittime in questo caso e sono vive”.

Racconta la sua come una vita alla giornata: “Non penso al mio futuro, alla mia vita, a nulla. Riesco a pensare solo a ciò che farò entro un mese. Dal mese dopo, cascasse pure il mondo, non mi interesso. Non riesco a pensare all’anno prossimo”.

Sull’attuale rapporto con la Knox, Sollecito dice: “Abbiamo un buon rapporto anche se non parliamo molto, a causa della distanza che ci separa”.

Mesi fa, in Italia, fece scalpore la puntata di “Storie Maledette” che Franca Leosini dedicò al “terzo uomo” del caso Meredith, Rudy Guede. Le dichiarazioni dell’ivoriano scatenarono la furia proprio di Sollecito che lo accusò di dire bugie e annunciò azioni legali.

Commenti

Luci60

Ven, 30/09/2016 - 14:43

taci

veromario

Ven, 30/09/2016 - 15:02

siete una bella coppia di graziati e fate pure gli offesi.tu e quella losca della tua amica,la giustizia l'avete fregata la gente no.

agosvac

Ven, 30/09/2016 - 15:10

In realtà mi sembra che l'unica vittima, oltre la povera Meredith, sia Rudi Guedè, condannato per avere ucciso la Meredith in concorso con amanda e sollecito e unico rimasto condannato mentre gli altri sono stati, inspiegabilmente, assolti!!!

1VULCANO

Ven, 30/09/2016 - 16:25

ma x favore taci che intanto nessuno ti può credere ! Il povero GUEDE ha pagato x tutti e 3 !

michele lascaro

Ven, 30/09/2016 - 18:22

Sì, vittime inconsapevoli!

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Ven, 30/09/2016 - 18:27

Non ci credo che sono innocenti neanche se me lo dicesse domineiddio. Non so se per essere assolti abbiano corrotto i giudici o che altra porcheria abbiano fatto, ma sono stati loro!! Come pure sono convinto che il Bossetti sia innocente.

Abraracourcix

Ven, 30/09/2016 - 19:11

Ha già avuto una botta di c..o di quelle rare, abbia almeno il buon gusto di tacere. E i giornali abbiano il buon gusto di non dare spazio a questo genere di informazioni (informazioni???).

venco

Ven, 30/09/2016 - 20:11

Io metterei in galera a vita i giudici che li hanno assolti questi

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 30/09/2016 - 21:10

Ma che squallore!! Gli è andata bene che i giudici italiani sono degli incapaci ed ora lui era sua indegna compare fanno pure gli offesi dopo che sono stati assolti ingiustamente. Delle due o Guede è stato condannato per omicidio in concorso oppure se i due lestofanti sono innocenti perché Guede è stato condannato? Si certo la colpa è di quella poveretta della Meredith che si è uccisa da sola. Più sono colpevoli e più si agitano.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Sab, 01/10/2016 - 00:34

Cari giustizialisti dei miei stivali, trovatevi sul web uno scritto dal titolo "la strega di Perugia" e forse vi renderete conto di parecchie cose. L'unico scandalo qui è il Guede che invece di essere all'ergastolo per omicidio ha fatto solo sedici anni (nominalmente, tra poco esce tra buona condotta e sconti automatici di pena) e per giunta solo come "concorso in omicidio" e non è stato nemmeno difficile: gli è bastato aderire alle tesi di chi voleva a tutti i costi che quella notte ci fosse stata un'orgia satanica et voilà, il gioco è fatto

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 01/10/2016 - 12:02

Forse non sarebbe meglio tacere? E ringraziare che è andata bene così, per te, non certo per gli altri.