Sprangate a moglie e figlie, poi tenta di dar fuoco alla casa: arrestato

A dare l'allarme è stata la figlia 26enne che si trovava barricata in una stanza insieme alla madre

Stava tentando di sfondare con una spranga di ferro la stanza dove avevano trovato riparo la moglie e la figlia. È stata cosi sfiorata la tragedia ieri, in via Savona a Milano.

I Carabinieri hanno arrestato un 48enne filippino ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. I militari sono intervenuti su richiesta telefonica della figlia 26enne dell'uomo, che riferiva di trovarsi barricata in camera da letto assieme alla madre 47enne e alla sorella 22enne dopo essere state picchiate dal padre.

Immediatamente giunti sul posto, i carabinieri hanno ricevuto le chiavi dell'appartamento dalla ragazza, che chiedeva soccorso da una finestra del primo piano del condominio. L'uomo è stato poi colto in flagrante mentre cercava di rompere la porta della stanza dove si trovano la moglie e la figlia.

Ubriaco, il 48enne aveva cercato di dar fuoco alla casa partendo dagli arredi, aveva poi picchiato con una spranga di ferro la moglie - che gli aveva impedito di appiccare le fiamme - e la figlia minore, che ha perso i sensi dopo essere stata percossa.

La 47enne e la 22 enne, che hanno raccontato come le violenze domestiche andassero avanti da anni, sono state condotte presso il pronto soccorso dell'Ospedale San Paolo. L'arrestato è stato condotto a San Vittore, dove rimane a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Commenti

sibieski

Sab, 28/10/2017 - 17:30

da loro si usa così..ci vuole tolleranza e comprensione per il piromane

giuseppe61

Sab, 28/10/2017 - 23:19

che cultura,che progresso e che stile di vita questi antesignani dei barbari ci stanno offrendo.A confronto,Attila era un agnellino sperduto.

restinga84

Sab, 28/10/2017 - 23:36

Probabilmente si tratta di un filippino musulmano. Ma, e`da tenere in evidenza che era ubriaco.