Stop voli Delta: sistema in tilt Aerei a terra anche a Fiumicino

A causa di un blocco nel sistema di computer della Delta Airlines, le operazioni di check-in della compagnia sono ferme a livello internazionale

Il blocco dei voli della compagnia aerea Delta Air Lines "è revocato" e "stanno riprendendo le partenze, seppur limitatamente", mentre i viaggiatori devono ancora aspettarsi ritardi e cancellazioni, con lunghe attese. Lo ha annunciato il vettore statunitense su Twitter, dopo che il suo sistema informatico si era bloccato causando disagi a livello mondiale. A causa di un blocco nel sistema di computer della Delta Airlines, le operazioni di check-in della compagnia sono state ferme a livello internazionale. Secondo quanto si apprende la compagnia ha dovuto effettuare manualmente i check-in dei quattro voli intercontinentali previsti questa mattina per Detroit, Minneapolis, Atlanta e New York. Centinaia i passeggeri della Delta Airlines in attesa al terminal 5 dell’aeroporto di Fiumicino. Sul posto è presente personale di Adr che stadando assistenza ai passeggeri fornendo informazioni e distribuendo acqua. Non è la prima volta che accade un episodio del genere. Di fatto qualche settimana fa alcune operazioni per il check-in erano state sospese al terminal 3 per un blocco del sistema di accettazione delle compagnie aeree. Si muovono già, dopo i primi disagi per i passeggeri le associazioni per i consumatori: "E' la compagnia aerea che deve informare i clienti, contattandoli attraverso il numero di telefono e le email lasciate dai consumatori. E' loro dovere mandare un sms per avvisare tutti i viaggiatori. Hanno anche l'obbligo di informare i passeggeri in merito alle forme di tutela previste dalla normativa comunitaria", afferma Massimiliano Dona, segretario dell'Unione nazionale consumatori, commendanto la sospensione dei voli di Delta Airlines in seguito a un guasto al sistema informatico del vettore. "A differenza di quanto successo ad Orio al Serio nei giorni scorsi, inoltre, in questo caso i consumatori hanno diritto anche alla compensazione pecuniaria, oltre che all'assistenza e, a scelta del consumatore, al rimborso del biglietto non usato oppure alla riprotezione su un volo alternativo", segnala Dona.

Commenti

Tamagorà

Lun, 08/08/2016 - 13:47

Attenti ragazzi ! QUESTA e' la vera guerra che sta x scatenarsi: la ciber-guerra, che tra poco paralizzera' mezzo mondo e solo potra' sopravvivere chi avra'i migliori hacher !