Superstite di Nassiriya restituisce medaglia d'oro: ora deve pagare il conio

Pietro Sini, scampato alla strage di Nassiriya, aveva restituito la medaglia al valore per protesta. Ora gli è stato chiesto il pagamento di quanto speso per il conio

Oltre al danno, la beffa. Non solo rimase coinvolto nell'attentato a Nassiriya, nel novembre 2003, ma ora deve anche pagare quanto speso per il conio della sua medaglia al valore.

Pietro Sini, 55anni di Porto Torres, era un appuntato dei carabinieri quando, il 12 novembre 2003, un camion cisterna pieno di esposivo scoppiò davanti alla base militare italiana a Nassiriya. L'attentato provocò 28 morti, di cui 19 italiani. Pietro, invece, si era salvato e aveva cercato di aiutare i compagni feriti. Per il suo eroismo aveva ricevuto la medaglia al valore. Ma, qualche anno fa, Sini aveva restituito quella medaglia al comando generale dell'Arma, per protesta contro lo Stato, che non gli aveva riconosciuto l'aggravamento della sua invalidità, ferma al 25%. "Dal giorno di quel gesto nessuno mi ha mai chiamato per parlarmi, per chiedere il motivo della mia decisione- racconta il carabiniere in congedo all'Ansa-in compenso hanno voluto la mia presenza alle cerimonie e alle commemorazioni: 'la mia figura è importante per tutti', mi dicevano".

Poi, qualche giorno fa, alcune telefonate sono arrivate, ma non del tenore che aveva sperato Sini: "Mi hanno detto di andare in caserma a ritirare un atto della Prefettura di Sassari, mantenendo la massima riservatezza sul contenuto". E in caserma ha ricevuto un'ulteriore sorpresa sgradita: nell'atto gli viene chiesto di pagare la somma, pari a 1.410 euro, versata per il conio della medaglia d'oro da lui rifiutata. "È una cosa assurda- ha commentato Sini- sono stato io stesso, a mie spese, a restituire la medaglia portandola fino a Roma. Sono sicuro: questa è una presa di posizione contro di me, perché li ho affrontai pubblicamente".

Commenti
Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Ven, 05/07/2019 - 10:33

Non paghi nulla, in fondo adesso dopo il caso rackete, siamo legittimati in caso di necessità a disattendere alle regole e alle leggi.

krgferr

Ven, 05/07/2019 - 10:35

...."mantenendo la massima riservatezza sul contenuto"....Però un po' si vergognano, nevvero? Saluti. Piero

Maura S.

Ven, 05/07/2019 - 10:48

In Italia non conviene essere cittadini Italiani, meglio essere clandestini per ricevere le attenzioni dovute. E noi paghiamo.

Tip74Tap

Ven, 05/07/2019 - 11:21

Che vergogna... una delle tante, ma che vergogna!

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Ven, 05/07/2019 - 12:58

Gli ONESTI e i VERI EROI vengono sbeffeggiati e derisi. I DELINQUENTI vengono acclamati, osannati e gli si intitolano anche strade, monumenti e sale del Parlamento. CHE SCHIFO DI ITALIA!!!

cabass

Ven, 05/07/2019 - 14:46

Non so cosa ci sia dietro davvero a questa storia, ma il conto del conio sa tanto di ripicca infantile.

Ritratto di gringo53

gringo53

Ven, 05/07/2019 - 15:20

Sig Pietro, se proprio sarà costretto a pagare, le suggerisco di farlo con monetine di un centesimo.

polonio210

Ven, 05/07/2019 - 16:53

Non conosco gli oscuri e diabolici meandri dell'italica burocrazia ma desidero esprimere il mio modesto parere.Pietro Sini è un eroe che non ha chiesto nulla,ciò che ha fatto non è stato dettato da convenienza o da mero calcolo:ciò che ha fatto e stato un autentico atto di eroismo,messo in atto a rischio della propria vita,per aiutare dei commilitoni feriti.La medaglia d'oro al valore gli è stata conferita,non l'ha richiesta lui.Il trattamento che ha subito e subisce è indegno di uno stato democratico verso un proprio servitore. Propongo,al Giornale,di lanciare una sottoscrizione a favore di Pietro Sini un eroe italiano ed un esempio per tutti noi.Grazie Pietro.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 05/07/2019 - 16:57

07.05 – pulisce – 15.17 Dal Suo articolo: ""risolvibili con le buone o con le cattive"". Ecco, la soluzione è questa. Disdicevole che sia, a questo ci hanno portato gli sfascisti di sinistra, gli utopisti dei 5S. E allora che qualcuno intervenga e prenda il toro per le classiche corna. BASTAAAAAAAA !

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Ven, 05/07/2019 - 18:54

Bel paese l'Italia e con "belle" istituzioni, non c'è che dire: può fare concorrenza alla Germania, altro paese orribile.

Cheyenne

Ven, 05/07/2019 - 19:47

PAESE DI MxxxA. Soloistic69 è vero ma all'eroe faranno quell'affare tanto non è certo un delinquente

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 05/07/2019 - 20:14

Burocrati parassiti e schifosetti anzichenò.

GeoGio

Ven, 05/07/2019 - 20:35

Be' se la medaglia lui non la ha chiesta, potra' bene rifiutarla no? Che caduta di stile da parte dell'Arma...

Ritratto di antomuz

antomuz

Ven, 05/07/2019 - 20:38

Ecco l'Italia che ci ritroviamo per colpa di pidioti che pur di emergere dal loro anonimato, vanno contro le leggi dello Stato disattendendo altri problemi ben più gravi. Caro collega non paghi nulla ed invece di mantenere la massima riservatezza come "gloriosamente" le hanno suggerito, vada avanti e non paghi nulla .Ci stanno insegnando che disattendere alle leggi in caso di necessità non è reato.

maxxena

Ven, 05/07/2019 - 21:24

gent.mo antomuz Ven, 05/07/2019 - 20:38, se lei è collega di questa persona,per cortesia lo contatti e gli porti la solidarietà di tutti i cittadini onesti, di quelli che insegnano ancora ai figli la differenza tra il bene ed il male ma che soprattutto onorano gli eroi positivi e chi è caduto nell'adempimento del proprio dovere per difendere ognuno di noi. Alle persone per bene, quella ferita non si è mai richiusa e non dimenticheranno quelle terribili immagini dell'inferno che ha inghiottito 28 persone.Gli "altri" intanto non capiranno mai i valori di cui stiamo parlando. Con grande rispetto nei confronti dell'Arma e sperando di rappresentare molte persone con i medesimi pensieri, cordialmente la saluto.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 05/07/2019 - 23:10

Una soluzione ci sarebbe se dovesse essere costretto a pagare:visto che deve pagare il conio la medaglia è sua di diritto, se la riprende e la cede ad un compro-oro così recupera i soldi e si disfa comunque dell'indigesto "omaggio"......

Ritratto di antomuz

antomuz

Sab, 06/07/2019 - 01:20

per il sig. maxxena. La ringrazio per le Sue parole. Non credo che ci sia bisogno di contattare Pietro Sini per esprimere la solidarietà di noi tutti. Credo che legga i nostri commenti. Ed ancora per "GeoGio", nessuna caduta di stile da parte dell'Arma che sicuramente avrà soltanto rappresentato a chi di dovere il gesto dell'App.Sini. Se c'è qualche colpa da attribuire, credo sia solo ed esclusivamente a livello oltre che sociale anche ministeriale.

rioka

Sab, 06/07/2019 - 08:44

Un consiglio: rinunci alla cittadinanza italiana, prenda quella di qualche paese dell'Africa, rientri in Italia come clandestino... Sarà accolto con tutti gli onori!