Tariffe telefoniche, la furbizia degli operatori e i ritocchi fino al +40%

È capitato praticamente a tutti di cambiare operatore e/o piano tariffario con la promessa di risparmiare. Poi però, tra un ritocco "in corsa", le spese sono cresciute progressivamente. Arrivando a toccare, in alcuni casi, un +40%

Rincari, rincari e ancora rincari. Da quando c'è stata l'esplosione di internet e degli smartphone, in pratica non c'è utente che si sia salvato dagli aumenti "in corsa" delle tariffe decisi dagli operatori telefonici. Tra i quali ognuno di noi può scegliere liberamente, al punto da passare in continuazione da un provider all'altro per approfittare dell'ultima offerta. Che però, salvo rare eccezioni, non rimane fissa. Ma è soggetta a "ritocchini" all'insù che, a lungo andare, finiscono per danneggiare i consumatori.

È successo (quasi) a tutti. Una sensazione diffusa che ora viene confermata da una ricerca di Repubblica, che ha analizzato l'evoluzione dei piani tariffari di alcuni dei principali gestori presenti nel mercato italiano, senza pietà nell'effettuare, previa comunicazione ai clienti che sa tanto di beffa, le cosiddette rimodulazioni.

Il primo provider preso in esame è Vodafone. Il pacchetto Iperfibra per la casa, che nel 2017 costava 25 euro al mese, è stato rincarato due volte tra il 2018 e il 2019. La prima di 2,50 euro, la seconda di 2,99 euro. Per un 21,96% di aumento netto. Stesso discorso, se non peggio, Fastweb Joy Fibra 200. Subito era offerto a 39,90 euro al mese, diventati 44,90 nel 2018 e 47,90 quest'anno (+31,2%). È andata un po' meglio a Tim Smart Casa. Partito da 39,90 euro al mese, è aumentato due euro e mezzo nel 2018, poi più niente (per ora). Discorso simile per Absolute Fibra di Wind . 29,95 euro al mese divenuti 31,95 nel 2019.

Capitolo mobile. La tariffa Vodafone Smart, uscita nel 2017, all'inizio costava 10 euro al mese. Aumentati, nel giro di un biennio, di 1,49 e 1,98 euro. Stessa cosa è successa a Vodafone Pro, che dai 15 euro del 2017 ha subito esattamente lo stesso rincaro della tariffa consorella. Con l'unica consolazione, per gli utenti, di 20 giga in più al mese di connessione. Forse è andata addirittura peggio ai clienti di Tim Special Medium: 11,90 euro nel 2019, aumentati di 1,99 euro nel 2018 e nel 2019. Idem Tim Young&Music: 9 euro nel 2017, diventati 10,99 l'anno scorso e 12,98 quest'anno. Il 44,2% in più rispetto all'inizio: un salasso.

Non si salva neppure Wind 3. All Inclusive Unlimited, dai 12 euro del 2017 è passata ai 13,49 del 2019, mentre All in Star e All In Prime 3 sono cresciute di 2 euro solo quest'anno. Insomma, il fenomeno dei rincari alle bollette tocca un po' tutti.

Ma non bisogna fare drammi. Secondo Alessandro Voci di SosTariffe, è vero che"variazioni di prezzo causano aumenti mensili che negli ultimi due anni ammontano mediamente a 2,32 euro al mese (circa 28 euro in un anno)". Fortuna che però si può cambiare provider. In questo modo, assicura Voci, "il risparmio è assicurato, anche grazie al fatto che gli operatori devono, a fronte di una rimodulazione, consentire un cambio provider o offerta senza penali", con un risparmio annuale che si avvicina ai 160 euro.

Cambiare, dunque, può essere la soluzione. Anche perché per legge, una volta che il rincaro viene comunicato al cliente, quest'ultimo ha 30 giorni di tempo per passare a un altro operatore. Prepararsi a perdere del tempo, in fila al negozio - o in attesa al telefono/su internet - per la sim o il modem e in attesa della loro attivazione. Per la quale trascorre sempre qualche giorno.

Commenti

jaguar

Lun, 11/11/2019 - 17:05

Gli operatori telefonici si sono accorti da un bel pezzo che gli italiani sono malati di smartphone, per cui è inutile lamentarsi.

Ritratto di bimbo

bimbo

Lun, 11/11/2019 - 17:06

E pensare che i numeri verdi all'inizio erano tutti gratuiti, ma poi come sempre si rimangiano le parole e fanno sempre più schifo..

Ritratto di rebecca

rebecca

Lun, 11/11/2019 - 17:10

Ho sottoscritto a novembre 2017 un contratto con Tim con tariffa di € 25,90 AL MESE (28 gg) PER SEMPRE. Cosi era scritto sulla locandina, (i 28gg li ho evidenziati io) .Oggi mi trovo a pagare ben 32,00 € perché il mese per questi fenomeni è passato da 28gg a 30gg (come ci hanno insegnato fin dalla 1° elementare). Non ho ancora avuto alcun rimborso per quanto i gestori si sono intascati con l'invio delle bollette a 28 gg anziché 30. Penso che non avrò tale soddisfazione, in Italia vige la legge del più forte a soccombere è sempre il cittadino/utente.

titina

Lun, 11/11/2019 - 17:22

Noi cambiamo operatore quando i gestori telefonici ci aumentano le tariffe, è vero. Io chiedo solo una cortesia al gestore precedente: non state a rompere continuamente mandando messaggi di offerte per farci ritornare a voi, ci dovete pensare prima e fare in modo di tenervi il cliente.

il veniero

Lun, 11/11/2019 - 18:13

le lenzuolate bersaniane ...inutili ...

COSIMODEBARI

Lun, 11/11/2019 - 18:24

Sono tutti uguali tra loro. Una informazione ricevuta a visus un paio di giorni fa. Posso passare a Kena a 5,99 euro mese, soltanto se provengo da operatori online, ma devo pagare 20 euro una tantum e 10 euro di ricarica. A conti fatti nel primo anno pagherei esattamente quanto pago con la tariffa dell'operatore che ho in questo momento, ma senza che abbia una minima certezza sl fatto che quei 5,99 euro rimanga fissi nel tempo. Certo qualcuno direbbe che pure adesso non ho la minima certezza che il mio operatore attuale non cambi mai tariffa. Ma il colmo è che per la Tre se da cliente Tre vorresti cambiare piano tariffario anche andando verso quello più alto, devi sempre pagare 10 euro circa. Tutti gli operatori, anche sul fisso internet hanno messo in piedi un cartello a tutti gli effetti.

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Lun, 11/11/2019 - 18:25

Basta passare a ILIAD. Non ha la connessione migliore possibile, ma dà telefonate ed sms illimitati e il costo mensile è realmente fisso. In passato li ho provati tutti (TIM, Wind e Vodafone, la peggiore) e ora li ho potuti finalmente accantonare PER SEMPRE.

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 11/11/2019 - 18:41

Alla faccia di quelli che plaudivano alle privatizzazioni. Ormai quasi tutti sono convinti del "cartello" delle compagnie telefoniche sulle bollette e dell'inerzia dello Stato per la vigilanza. L'immane offerta di tariffe sono proprio alla base di sonore "fregature".

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 11/11/2019 - 19:26

quando chiamano i call center,passo direttamente alle offese

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 11/11/2019 - 23:10

@titina 17.22: io ho una promozione per 4,50 € mese per tre Giga traffico più due extra, 300 minuti e 300 msm mese ... non so cosa significhi cambiare gestore, quando paghi un tot per quello che non usi chi te lo fa fare? Ossequi.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 12/11/2019 - 07:54

Io ho cambiato gestore ma continuo a ricevere le bollette di pagamento dal vecchio. Poi col nuovo stanno facendo reclame con una cifra, ma non dicono che il modem è a parte e quindi aggiungi altri 5,99 euro circa (eggià viaggiano ancora con il x,99 per non fare cifra tonda). A proposito una legge che obblighi a fare cifra tonda e non da furbetto del x,99, ma x,00 oltre il x,90.