Taxi, proclamato un nuovo sciopero nazionale il 23 marzo

Per giovedì 23 marzo è stato proclamato un nuovo sciopero nazionale dei taxi dopo l'incontro dei tassisti a Roma. Intanto Uber scrive una lettera per proporre un incontro con i tassisti

È stato proclamato un nuovo sciopero nazionale dei tassisti che si fermeranno giovedì 23 marzo dalle 8 alle 22.

Lo sciopero nazionale è stato proclamato dai tassisti riuniti a Roma anche se saranno rispettate le fasce di garanzia e sarà assicurato il trasporto di anziani, portatori di handicap e malati.

Uber intanto ha inviato una lettera a tutte le sigle sindacali del settore taxi per proporre un incontro a porte chiuse previsto per lunedì 20 marzo al Centro congressi Frentani a Roma alle ore 12. Il general manager di Uber Italia Carlo Tursi scrive ai tassisti: "Credo sia giusto tentare la via del dialogo, aprendo una porta ad un confronto civile e onesto. In qualità di general manager di Uber - scrive Tursi - una società tecnologica che per troppo tempo è stata vista in contrapposizione al servizio taxi, vi invito a discutere di proposte concrete che possano vederci collaborare da qui in avanti. Troppo tempo è stato speso su un confronto che non guarda al futuro ma solo al passato, penalizzando anche i consumatori che di questo non hanno colpe. Noi vogliamo guardare al futuro e vorremmo farlo anche con voi".

Il portavoce nazionale di Federtaxi Federico Rolando ha però risposto immediatamente: "Solo un imberbe cadrebbe ancora in questi giochetti comunicativi, replicando".

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Lun, 13/03/2017 - 19:41

inutile discutere. i tassisti medioevali pretendono il Monopolio. alla faccia dei cittadini e del progresso. ma è lotta inutile la loro...quella contro la Civiltà. lo capiranno.

bettinoprimo

Lun, 13/03/2017 - 20:41

dovremmo noi scioperare contro i tassisti! proporrei una settimana al mese, fino a quando non saranno raddoppiate le licenze! questi signori sono i padroni di Roma, sono solo all'aeroporto a turlupinare i turisti con benemerenza di vigili corrotti (una parte non tutti).

Popi46

Mar, 14/03/2017 - 06:42

Come sono scomparse le carrozze scompariranno anche loro. Sono consci del fatto che si sta mettendo a punto un drone capace di trasportare un passeggero?

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Mar, 14/03/2017 - 07:03

tassisti medioevali arroganti per una corsa in aereoporto il prezzo di un biglietto aereo!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mar, 14/03/2017 - 07:25

Ma quale progresso ? Come si fà ad essere cosi ingen ui da pensare che una multinazionale americana voglia il bene dell'umanità ed invece i tassisti dei despoti retrogradi. Utilizzare Uber e sostenerlo dicendo che è il nuovo che avanza è come comprare in nero per non pagare l'Iva e sostenere che è "new economy". Ma vi siete chiesti come mai esistono i NCC ? Ma vi siete chiesti perchè per fare i tassisti ci vuole una licenza ?

Ritratto di ateius

ateius

Mar, 14/03/2017 - 12:23

Maximilienn1791..potrebbe anche darsi. ma i taxisti se ne fottono delle Sue argomentazioni.. dei cittadini..delle multinazionali della new economy..etc etc. a loro preme solo il valore della Licenza. e anche solo per questo sono è restano parassitari in una società che progredisce.