Teramo, pugno al benzinaio che va in coma: rom torna subito libero

Dopo esser fuggito dal luogo in seguito all'aggressione, il 38enne si è presentato in caserma accompagnato dal suo legale per una deposizione spontanea. L'ammissione di colpa non porta tuttavia al fermo: la vittima resta in coma e in gravi condizioni

Colpisce con un pugno in volto il gestore di un distributore di benzina di Roseto degli Abruzzi (Teramo), che nella caduta sbatte la testa e finisce in coma, ma il responsabile, un rom, ritorna a piede libero.

L'episodio si è svolto durante la mattinata di ieri all'Ip di Cologna Spiaggia, frazione rosetana sul mare. Sono all'incirca le 11 quando il gestore della stazione, il 50enne Gianfranco Pigliacampo, viene avvicinato dallo straniero, giunto a bordo della sua automobile.

Quest'ultimo, il 38enne G.D.G., una volta uscito dal veicolo, ha iniziato a discutere animatamente col benzinaio. Dalla lite verbale all'aggressione il passo è stato breve. Colpito con un forte pugno in pieno volto, Pigliacampo è caduto ed ha sbattuto la testa rimanendo privo di sensi.

Immediata la fuga dal posto del rom, che ha lasciato il rivale a terra per risalire a bordo dell'auto e sparire rapidamente. A soccorrere la vittima il suo aiutante ed alcuni altri clienti che si trovavano in quel momento nell'area del distributore.

I soccorritori del 118 si sono precipitati sul posto, ma la situazione non è apparsa fin da subito disperata. Il 50enne aveva infatti ripreso conoscenza ma, come da protocollo quando si ricevono dei colpi alla testa, i sanitari lo hanno comunque trasportato in ospedale per le verifiche del caso.

Una volta giunto al pronto soccorso di Giulianova (Teramo), Pigliacampo ha perso i sensi a causa di un serio trauma cranico che aveva prodotto una seria emorragia cerebrale. Per questo motivo i medici hanno disposto il suo immediato trasferimento all'ospedale Mazzini di Teramo, dove il 50enne è finito nel reparto di Terapia Intensiva. Al momento le sue condizioni di salute sono purtroppo gravi.

Poco dopo l'avvio delle indagini da parte dei carabinieri, il responsabile si è presentato nella caserma di Roseto degli Abruzzi in compagnia del proprio legale. La sua deposizione è avvenuta davanti al sostituto procuratore della Repubblica Laura Colica. Il 38enne ha riferito di aver raggiunto il distributore di Pigliacampo per confrontarsi con lui e vendicarsi di una discussione che il benzinaio aveva avuto con suo figlio poco tempo addietro.

Un'ammissione di colpa che non ha tuttavia portato al fermo. Dopo la deposizione spontanea, infatti, l'aggressore è stato rilasciato.

Gli sviluppi nel quadro clinico di Pigliacampo saranno determinanti per l'incriminazione ai suoi danni: l'ipotesi di reato resta il tentato omicidio.

Commenti
Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 14/07/2019 - 14:30

Fosse stato il contrario il benzinaio era già chiuso in galera! Grazie giustizia italiana, è così che si deve fare!

cesare caini

Dom, 14/07/2019 - 15:03

La nuova giurisprudenza recita : Vittime in Galera e Rom delinquenti subito liberi !

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 14/07/2019 - 15:22

è questo grazie al PD-MARGHERITA-ULIVO-PCI,sarà il futuro del paese,motivo in più per odiare SALVINI che giustamente vuole cambiare radicalmente le cose con fatti e non parole stile RENZI

titina

Dom, 14/07/2019 - 16:25

xcesare caini. Ti correggo: italiani in galera, gli stranieri e stranieri diventati italiani liberi di fare ciò che vogliono

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 14/07/2019 - 17:14

Lo stesso trattamento che hanno osservato al marchigiano che ha fatto altrettanto ad un nigeriano? NO, proprio no.

Italianocattolico2

Dom, 14/07/2019 - 17:15

Ma i sostituti PM devono avere una speciale patente di incapacità, oppure l'assoluzione di rom, parassiti, clandestini, trafficanti di droga ed esseri umani rientra nella normale gestione delle leggi ???

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 14/07/2019 - 17:18

...."non toccate Caino"!(specialmente se è un "diversamente italiano")

venco

Dom, 14/07/2019 - 17:20

Normale, rom e clandestini sono trattai meglio dei cittadini dai nostri magistrati, e non pagano niente.

VittorioMar

Dom, 14/07/2019 - 17:33

..manca il Ministro della GIUSTIZIA e qualche modifica di LEGGE !!!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Dom, 14/07/2019 - 17:34

E Salvini continua a pensare che i problemi dell'Italia siano le tasse alte e l'autonomia delle regioni. E' evidente che Salvini non ha ancora capito un tubo di quale fosse e tuttora sia la situazione italiana in balìa della Legge della Giungla.

oracolodidelfo

Dom, 14/07/2019 - 17:43

Questa Colica è incurabile......

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Dom, 14/07/2019 - 17:46

Beh, certo... per le nostre leggi scritte dai buonisti un tentato omicidio cosa volete che sia... E poi sono risorse...

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 14/07/2019 - 17:48

"Per confrontarsi con lui e vendicarsi di una discussione che il benzinaio aveva avuto con suo figlio poco tempo addietro". Quindi c'è pure la premeditazione!

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Dom, 14/07/2019 - 17:50

Zagovian: e, soprattutto, chi se ne frega di Abele!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 14/07/2019 - 17:51

Il libero porto d'armi, come in America, permette agli onesti di difendersi dai rapinatori e indirettamente anche dai magistrati all'italiana.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 14/07/2019 - 17:59

Un'altra PERLA di giudice che si aggiunge alla collana dei LIBERATORIDIRISORSE!!! AUGH

sbrigati

Dom, 14/07/2019 - 18:00

La sola omissione di soccorso, per un italiano, avrebbe comportato l'arresto.

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 14/07/2019 - 18:09

poi le toghe si lamentano se qualcuno le guarda storto!povriniiiiiiiiii

Reip

Dom, 14/07/2019 - 18:15

Soliti giudici di m.

Ritratto di iononmollo

iononmollo

Dom, 14/07/2019 - 18:48

Ecco un esempio eclatante di come funziona la giustizia in Italia. Viva la magistratura.

timoty martin

Dom, 14/07/2019 - 19:03

Poi il "povero" rom incontrerà, per caso!, un magistrato buonista molto comprensivo, che gli troverà tante attenuanti e niente colpe. Potrebbe anzi suggerire un rimborso spese da parte del benzinaio. La nostra società ormai è marcia. Lo dobbiamo ai troppi dirigenti socialisti/comunisti che hanno distrutto il Paese e svuotato le casse.

Italianocattolico2

Dom, 14/07/2019 - 19:20

E il Presidente del CSM cosa dice ?? NULLA !!! Basta non attaccare un giudice perché gli potrebbe venire la diarrea per lo spavento !!! Se poi invece l'italiano crepa è stata colpa del fato !!

killkoms

Dom, 14/07/2019 - 21:57

roms privilegiati!