Terremoto L'Aquila, mazzette per appalti per la ricostruzione

I carabinieri hanno arrestato dieci persone e hanno effettuato sequestri e perquisizioni a Teramo, Pesaro Urbino, Bari e Benevento

Mazzette per la ricostruzione de L'Aquila dopo il terremoto del 2009. I carabinieri hanno arrestato dieci persone e hanno effettuato sequestri e perquisizioni a Teramo, Pesaro Urbino, Bari e Benevento. Le accuse sono di corruzione, abuso d'ufficio e turbativa d'asta, commessi in quello che è stato definito il "cantiere più grande d'Europa". L'inchiesta coinvolge funzionari pubblici, professionisti e imprenditori, tra cui alcuni nomi eccellenti. 35 gli indagati, di cui 10 agli arresti domiciliari e 5 interdetti dall'esercizio dell'attività professionale.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 19/07/2017 - 11:10

vabbè qulche settimana di arresti domiciliari e tutto ritornerà normale.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 19/07/2017 - 11:13

i comuni coinvolti sono tutti di sinistra! com'è che la sinistra si fa coinvolgere i questi fatti di corruzioni? :-) nessun tontolone di sinistra raglia? :-) oh poverini.... "fingono" di non sapere nulla! fingono.... ma lo sanno benissimo! e si vergognano di ammettere! a questo punto, molto meglio i sindaci di destra, dato che hanno almeno il buon senso di non andarsi a sporcare le mani per colpa del sistema mafioso della sinistra!!!!

Fjr

Mer, 19/07/2017 - 11:49

Ma guarda che sorpresa, e chi l'avrebbe detto tutti puri e onesti