Toghe e giuristi cattolici uniti in nome del "giudice ragazzino"

Nasce il centro studi intitolato a Livatino contro il pensiero unico della sinistra. L'obiettivo è contrastare le sentenze che aprono la strada a eutanasia, teorie gender e unioni civili

È intitolato al «giudice ragazzino» sulla via della beatificazione Rosario Livatino il Centro studi che vuole costruire una piattaforma culturale contro il pensiero unico della sinistra. Magistrati, avvocati, docenti universitari di stampo cattolico che già da un anno lavorano sul web e in workshop per contrastare, in punta di diritto, sentenze che aprono la strada a ideologia gender , unioni civili, adozioni di coppie gay, utero in affitto, eutanasia...

Un think tank , lo chiamarebbero oggi, che ieri ha fatto la sua prima uscita ufficiale in pompa magna, nell'aula dei gruppi della Camera, con il convegno «25 anni dopo. Rosario Livatino, diritto etica e fede». C'erano solo posti in piedi, nella grande sala per 300 ospiti, e accanto agli alti magistrati di diverse correnti sedevano tanti giovani con la toga nuova nuova o studenti che si preparano ad indossarla.

«Vogliamo approfondire - spiega Alfredo Mantovano, uno dei tre vicepresidenti del Centro studi, con Domenico Airoma e Filippo Vari - i temi del diritto alla vita, della famiglia, della libertà religiosa, in un'ottica che non è quella dominante oggi nella magistratura. Non scegliamo il terreno politico della polemica e degli slogan, preferiamo far emergere un'area culturale alternativa».

Le istituzioni erano presenti per lodare la figura straordinaria del giudice 37enne, assassinato ad Agrigento da sicari mafiosi il 21 settembre 1990 mentre si occupava delle prime confische dei beni dei boss: dal presidente del Senato Pietro Grasso al ministro della Giustizia Andrea Orlando, dal vicepresidente del Csm Giovanni Legnini al questore della Camera Stefano Dambruoso, al presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi. Hanno anche parlato il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, l'ex presidente dell'Anm Mario Cicala, il professor Mauro Ronco, il postulatore della causa di beatificazione Giuseppe Livatino.

Doveva esserci anche il capo dello Stato Sergio Mattarella, ma poi il Quirinale ha ripiegato su un messaggio: «Livatino grande esempio morale per i giovani e per il Paese». Sembra che le implicazioni politiche di questa nuova lobby culturale, certo non in linea con il governo né con le correnti di sinistra delle toghe, abbia suggerito al presidente di defilarsi.

«Si può diventare santo facendo il giudice?», ha chiesto Airoma nella sua introduzione. Se la risposta è sì, certo riguarda il giovane Livatino, uno che siglava ogni documento con il misterioso Std, decifrato dopo la sua morte in «Sub tutela Dei» e il cui rigore morale contribuiva a isolarlo. Uno che aveva evitato di iscriversi all'Anm e rifuggiva i riflettori, che si è espresso solo in due conferenze, ma in quelle ha scritto una summa de lla figura del magistrato. «Il giudice non può e non deve essere un protagonista occulto dei cambiamenti sociali e politici. L'indipendenza del giudice non è solo nella propria coscienza, nella incessante libertà morale, nella fedeltà ai principi, nella sua capacità di sacrificio, nella credibilità che riesce a conquistarsi con le sue decisioni. L'indipendenza del giudice è anche nella sua moralità, nella trasparenza della sua condotta dentro e fuori delle mura del suo ufficio. Solo se il giudice realizza in sé stesso queste condizioni, la società può accettare ch'egli abbia sugli altri un potere così grande come quello che ha».

Niente protagonismo né impegno politico, indipendenza e terzietà assolute, no al conformismo giudiziario che indebolisce l'autonomia di giudizio, forte tensione etica. Livatino compirebbe lunedì 63 anni, non c'è, ma la sua lezione scuote le coscienze.

Commenti

vinvince

Sab, 19/09/2015 - 08:52

.... gli italiani in generale non credono più a niente e nessuno, giudicheranno i risultati ...

filder

Sab, 19/09/2015 - 09:25

Sarebbe anche ora che le toghe quelle con la T maiuscola si danno una scossa per svegliare la parte "rossa" caduta in un sonno letale che sta distruggendo con le loro anomalie il tessuto civile Italiano.

Luigi Farinelli

Sab, 19/09/2015 - 09:44

E' una buonissima notizia, segno che i sintomi mortiferi delle ideologie relativiste fatte passare da ONU e EU a insaputa dei cittadini stanno travalicando i limiti del buonsenso e della sicurezza per la nazione. Per esempio, l'ideologia gender, senza alcuna base scientifica, è già stata rinnegata dalla Norvegia uno dei Paesi intrisi di radical-femminismo fra i più attivi sostenitori perché dopo decenni è balzato evidente che, nonostante il tentativo di plagio dei cervelli e i milioni spesi per diffonderla, uomini e donne continuano a comportarsi come natura comanda: così, dalla sera alla mattina, pseudo-scienziati del gender mandati a zappare e Istituto studi gender chiuso. Nel resto dell'Europa si fa il contrario e in Italia (forse la meno infettata dalle ideologie basate sulla "discriminazione") i tentativi per introdurre ideologie anti-umane "progressiste" sono all'ordine del giorno. Questo è finalmente un tentativo serio per contrastare la deriva relativista.

gianrico45

Dom, 20/09/2015 - 20:25

Speriamo che adesso non incomincino anche i guai per loro.per il resto era ora.