Il tramonto a 5 euro

Se voleva rendersi impopolare c'è riuscito. E ha scelto anche la strada peggiore per essere ricordato, da sconosciuto che era. Certo, potrà sempre tornare indietro. Ma già alle prime uscite, il governo del cambiamento si rivela un governo dello sfruttamento. Mai togliere un diritto acquisito. Per pochi o per molti. Il passato rimpianto si rivolterà contro di te. E i cattivi governi mostreranno il loro volto migliore. La mossa del ministro dei Beni culturali è il primo annuncio del declino. Perché toglie a tutti un bene immateriale come la gratuita contemplazione della bellezza. Cosa direste se vi facessero pagare i tramonti? Quanta poesia perderebbero? Un tramonto a 5 euro! Un'alba riservatissima a 10! Le opere d'arte, come i paesaggi, non sono beni di consumo. Non si paga per entrare in chiesa, dove troveremo Giotto, Tiziano, Caravaggio. I musei sono chiese laiche, del sapere razionale, che raccontano la gloria di Dio. È osceno pagare per vedere e conoscere le anime dei pittori nei loro dipinti. Occorre invitare, accogliere, favorire. I musei devono formare, educare alla bellezza, non fare soldi. Il beneficio verrà. E in molti piccoli musei non va nessuno, non appartengono alla comunità consapevole che bisogna coinvolgere, rendere complice. Gratuità d'accesso certa per gli italiani, tutti i giorni, trasformando i musei in laboratori delle scuole. Sfruttare le opere d'arte equivale a tradirle. Lo Stato deve, a suo e nostro vantaggio, proteggere e offrire la bellezza, non farla pagare. Mercificarla vuole dire vanificarla.

Commenti

Agev

Mer, 08/08/2018 - 16:26

Buon giorno Vittorio .. Sono allineato e in armonia con quanto afferma. In una civiltà superiore tutti i musei devono essere gratuiti . E' essenziale abituare ed iniziare fin dalla tenera età i ragazzi alla Gioia e Bellezza ..E quindi occorrono dei nuovi educatori e soprattutto portarli nei musei . Vede Vittorio .. Tutta la vera arte è viva ..Vive di suo e trasmette . Non c'è bisogno di spiegazioni intellettuali .. E pertanto penetra e trasforma indipendentemente da . Stia certo che così non nascono e cresciamo terroristi vari o pseudo Idioti . Gaetano

Agev

Mer, 08/08/2018 - 16:28

Ora non ho tempo .. Più tardi appena possibile le invio un pezzo che è una forma alta di artisticità ed arte. Gaetano

neucrate

Mer, 08/08/2018 - 17:07

Dispiace contraddirla, ma le comunico che in Europa ci sono moltissime chiese in cui si paga per entrare, ed i musei lo ho sempre pagati per poter entrare. Nella vita tutto ha un costo, ed in qualche modo bisogna pagare, non faccia come il sindaco di Riace, lui ha risolto il problema mettendo tutti i migranti a carico dello stato, quasi come fossero degli impiegati. P.S. sono un Libero Pensatore, nel caso ne avesse bisogno, sarei felicissimo di poterele dare il mio piccolo contributo, magari correggendo qualche suo pos dove afferma delle cose sbagliate

stefi84

Mer, 08/08/2018 - 17:14

Anch'io sono per la gratuità, come è per le biblioteche, dando semmai la possibilità di un contributo volontario.

Ritratto di bimbo

bimbo

Mer, 08/08/2018 - 17:16

Mah! In una società che comanda soltanto il Dio denaro cè da aspettarsi di tutto, anche 5 euro solo per tirare la catena dell'acqua del cesso. Cmq l'arte è arte, ma i bisogni primari e anche i secondari non sono da confondere con i listini prezzi, anche perché ci va di mezzo la salute.

Ritratto di Cali85

Cali85

Mer, 08/08/2018 - 17:33

Questa volta non mi convince, Sig. Sgarbi !! Se sono d'accoro con Lei che è immorale "guadagnare" sulla bellezza credo che sia giusto pagare quello che costa "la bellezza". Il tramonto oppure l'alba nessuno li custodisce, li pulisce, li riscalda d'inverno e neppure hanno un direttore da mantenere , per cui ,sarebbe osceno far pagare per vederli. Se fosse possibile che i musei non costassero niente appoggerei in pieno le sue idee .

sparviero51

Mer, 08/08/2018 - 18:31

VITTORIO,PER COMUNICARE CON QUESTI BUZZURRI CI VUOLE UNA LINGUA. HAI SCOPERTO QUALE È ???

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 08/08/2018 - 19:22

No, non la vedo allo stesso modo. La regola deve essere che si paghi e che i musei diventino centri di aggregazione culturale con ristoranti, bar , librerie, centri relax, etc. La gente va al museo pagando e poi si ferma a mangiare o bere qualcosa, oppure acquista un libro e poi entra al museo, un massaggio e poi tranquilli a vedere le opere esposte. Pagando. L'eccezione è che due volte al mese o una volta al mese sia gratuito l'ingresso. Altrimenti i musei muoiono. I musei vanno mercificati in questo senso

dank

Mer, 08/08/2018 - 19:57

Segnalo che alla Basilica di Aquileia in Friuli con i suoi splendidi mosaici...da qualche tempo si paga. Solo una piccola parte della Basilica è gratuita per la preghiera in un entrata secondaria...

Agev

Gio, 09/08/2018 - 00:30

Quindi .. Re - La gioia e bellezza che sono la vera natura spirituale e metafisica dell'universo e dell'uomo vive già il/nel mondo . Presto .. Prestissimo.. Ne soffio di un attimo - Lo Governerà . E' attraverso la gioia bellezza e il gioco che si crea la vera arte e che si accede alla comprensione della scienza/conoscenza ed essere divenire vivere il massimo della propria maestria e artisticità .. Vale a dire divenire i Potentissimi Creatori e Co-Creatori della realtà/mondo . Questo vi/ci aspetta nel cosiddetto immediato futuro . Gaetano

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 09/08/2018 - 04:13

Profonda delusione nel leggere queste righe che sono solo un mezzo per attaccare il governo. Nella nostra società se una cosa non ha un prezzo non ha nessun valore e poi seguendo il ragionamento del Dott. Sgarbi vorrei proprio sapere come mai alcuni beni avevano fruizione gratuita alcuni giorni altri erano sempre a pagamento ad esempio il Cenacolo vinciano.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 09/08/2018 - 04:14

Mi spieghi poi qualcuno per quale motivo i musei dovrebbero essere gratuiti ed invece le mostre su tal artista o movimento artistico bisogna pagarle a caro prezzo . Inoltre Dott. Sgarbi Lei sembra ignorare che la tutela e la conservazione dei beni culturali hanno un costo ingente ed allora si pone la questione se sia giusto in un momento di risorse pubbliche limitate come questo far pagare un ticket per curarsi anche ai meno abbienti ma lasciare i musei gratis per tutti , turisti stranieri compresi. Benissimo ha fatto il nuovo ministro dei beni culturali a lasciare la decisione in merito alla gratuità dei musei a chi ne è responsabile.

Ritratto di bimbo

bimbo

Gio, 09/08/2018 - 12:32

Consiglierei ai gestori dei bagni e lidi delle spiagge italiane di far pagare € 5 ai bagnanti quando passa una nave crociera, così "forse" ne passano di più.