Vuole controllare il biglietto: capotreno pestato da un migrante

Il capotreno è stato picchiato soltanto per aver chiesto allo straniero che gli mostrasse il biglietto vidimato

Uno straniero 32enne ha aggredito e mandato in ospedale un capotreno di Trentino Trasporti Esercizio sul convoglio alla stazione di Borgo Valsugana. La linea ferroviaria è rimasta ferma per un’ora e due corse sono state annullate.

Il fatto, come racconta l'Adige, è successo alle 13,30 quando il treno proveniente da Bassano del Grappa è arrivato alla stazione di Borgo. Uno straniero, noto al controllore, ha cercato di salire sul convoglio ma, alla richiesta di controllore di esibire il biglietto, ha dato il via a un parapiglia. Secondo il capotreno - un quarantenne trentino - l'uomo, dopo averlo più volte insultato, lo ha gettato a terra con un pugno in faccia e gli ha sputato addosso, per poi cercare di fuggire. Il controllore ha quindi chiamato i carabinieri, spiegando che non avrebbe fatto ripartire il treno fintanto che quell’individuo era a bordo. Proprio mentre stava parlando al cellulare con i carabinieri, l’energumeno lo ha colpito di nuovo con un pugno in testa e poi con una serie di calci, facendolo cadere.

Nel frattempo sono giunti i carabinieri, che sono saliti a bordo ed hanno cercato di bloccare l'uomo che ha dato in escandescenze. Una volta che i carabinieri sono riusciti a farlo scendere dal treno, si è sdraiato sui binari della stazione di Borgo dicendo che non si sarebbe alzato se non lo avessero fatto risalire a bordo. Alla fine l’uomo è stato portato in caserma, mentre il capotreno è stato portato in ospedale dove lo hanno medicato e l’hanno dimesso con dieci giorni di prognosi. Dai carabinieri si è scoperto che l'aggressore il biglietto ce l'aveva ed era persino perfettamente valido e l'uomo è stato denunciato per questo e per oltraggio alle forze dell'ordine.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 11/08/2016 - 22:57

Sono le RISORSE che i Trentini alla Pontalti AMANOOOO!!! Come si è permesso il capotreno di chiedergli il biglietto?? Non lo sa che in Africa sono abituati a viaggiare A SBAFOOO!!! EVVIVAAA AFRITALIA!!!

fer 44

Gio, 11/08/2016 - 23:04

Cosa aspettiamo a dare in dotazione ai controllori una bella pistola taser???

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 11/08/2016 - 23:59

Ha eseguito le istruzioni delle sure del corano. Gli infedeli cristiani sono invisi ad allah perciò meritano anche la morte se non si sottomettono ai voleri dei musulmani. Con il ditino alzato ci fanno sapere che sono in contatto diretto con il loro capo. Perciò tutto quello che fanno è su ordine suo.

Raoul Pontalti

Ven, 12/08/2016 - 00:58

Il migrante de quo era da tempo residente (non c'entra nulla dunque con il popolo dei barconi e dei profughi) e ha commesso una smarronata come la commettono tanti indigeni giovinastri alcolizzati o drogati che imperversano nelle valli del Trentino. Da rilevare che il titolo di viaggio, come hanno appurato i carabinieri borghesani, lo straniero lo possedeva regolarmente e quindi è facile supporre un alterco nato da supponenza razzistica del controllore che lo straniero lo conosceva per lunga frequentazione . Inqualificabile comunque il comportamento violento dello straniero che gli dovrà costare caro. Fa notizia lo straniero che deborda, il ladro in colletto bianco e il criminale con le ghette padronali con passaporto italiano e residenza trentina invece no.

lento

Ven, 12/08/2016 - 06:04

Armare i capotreni !

routier

Ven, 12/08/2016 - 07:52

@ fer44 Concordo totalmente. Visto che episodi del genere si ripetono assai spesso, dotare il personale viaggiante di storditore elettrico e/o spray al peperoncino è il minimo, constatato che le sanzioni inflitte dalle autorità preposte sono all'acqua di rose. Accusare di razzismo gli italiani per uscire dalle panie della giustizia è un alibi perfetto. Lo hanno capito fin troppo bene perfino i "minus habens" del terzo mondo.

meloni.bruno@ya...

Ven, 12/08/2016 - 08:19

Nella p.a.della casta statale,ci sono molti personaggi del ditino facile!Lei non sa chi sono io!Io rispondo :abuso di potere nello svolgimento delle tue funzioni!Non è che giustifico il poveraccio,ma è il controllore NON all'altezza di gestire educatamente le proprie funzioni,altrimenti non si spiega la reazione del poveraccio in POSSESSO del biglietto!

@ollel63

Ven, 12/08/2016 - 08:49

capitreno e bigliettai siano dotati di armi da fuoco da usare quando chiedono il biglietto agli invasori e mussulmani.

rudyger

Ven, 12/08/2016 - 08:50

ora gli faranno il processo per direttissima, gli chiederanno scusa e lo lascerebbero libero. certo le carceri sono strapiene anche se ce ne sono 50 vuote perché la signora sinistra con la buonanima di pannella non le voleva far utilizzare e ciò per aumentare il caos in itaglia.Sinistra diabolica. evidentemente ai trentini gli sta bene così dato che votano sempre a sinistra

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Ven, 12/08/2016 - 08:54

il problema è che questa mattina un giudice sinistrat lo rimetterà in liberta con obbligo d firma sul treno...Secondo me dobbiamo solo vedere fino a che punto il PD - nonno golpista la boldrini la boschi alf-ano e Bergoglio vogliono tirare la corda...xchè prima o poi a forza di tirare si romperà...e dovranno iniziare a correre...e non credo che i servitori dello stato saranno così compassionevoli con chi non lo è stato con Loro...

Jron

Ven, 12/08/2016 - 10:24

Come si è permesso quel razzista di controllore a chiedere il biglietto? Ma da quando i controllori chiedono il biglietto? È un chiaro atto discriminatorio e razzista, le risorse utilissime vanno protette Spero che la povera risorsa sia stata risarcita con tanto di scuse e ringraziamenti per non aver usato il machete e il controllore quantomeno multato. I biglietti sono per gli italioti mica per le risorse che già ci degnano della loro onorevole presenza

MARIOMEN59

Mer, 24/08/2016 - 02:38

HAI CAPITO IL PONTALTI ANCHE SE NON ERA PRESENTE RIESCE A SUPPORRE IL COMPORTAMENTO RAZZISTA DEL CONTROLLORE ......NEMMENO IL MAGO OTELMA RIUSCIREBBE A FARE CIO' !!!!!!