Trump, il giudice e Davigo a piede libero

Un giudice americano, James Robart, ha annullato il decreto di Donald Trump che blocca l'ingresso negli Stati Uniti di cittadini provenienti da sette Paesi sospettati di complicità con il terrorismo islamico. È il primo braccio di ferro tra il potere giudiziario e il neopresidente che non demorde e parla di «decisione ridicola di un cosiddetto giudice che sarà presto ribaltata». Come andrà a finire lo vedremo, ma è comunque bello vedere che il detentore del potere esecutivo non si faccia intimorire e alzi la voce di fronte allo sconfinamento del potere giudiziario, che le leggi le deve applicare e non contestare, quest'ultimo compito - nei sistemi democratici - spetta al Parlamento e alla Corte costituzionale.

La sindrome di onnipotenza dei magistrati è purtroppo cosa a noi nota. La differenza con quello che sta succedendo in America è che dalle nostre parti nessuno osa contrastarla a dovere. La politica si è arresa ed è di fatto commissariata dalle toghe. Non dico un Trump, ma mi sarei aspettato, per esempio, un sussulto di fronte alle parole pronunciate l'altra sera a Porta a Porta da Piercamillo Davigo, noto manettaro di Mani pulite e oggi presidente dell'Associazione nazionale magistrati. Di fronte a un allibito Bruno Vespa, ha sostenuto che un imputato assolto non è un innocente ma solo un colpevole che l'ha fatta franca e che gli errori giudiziari non sono colpa dei giudici ma degli inquirenti, cioè polizia e carabinieri, che non sanno fare il loro lavoro e che «estorcono false confessioni con la forza e a volte la tortura». Detto alla Marchese del Grillo: «Noi siamo noi e tutti voi non siete un cazzo».

C'è chi si chiede: chi ci difenderà da Trump? Io sono molto più preoccupato perché non vedo nessuno che difenda noi e la democrazia da Piercamillo Davigo. Pensavo che finita la trasmissione fosse caricato su una ambulanza e sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio. Mi dicono invece che l'uomo è a piede libero e che continua a fare il capo dei magistrati, senza che nessuno abbia da eccepire. Forse è proprio vero che i colpevoli a volte la fanno franca, Davigo ne è la prova. E siccome nessuno ha il coraggio di dirglielo, ci provo io: si vergogni, signor presidente, e comunque si ricordi che «noi siamo noi» e il «nessuno» è lei.

Commenti

ohibò44

Dom, 05/02/2017 - 13:08

Non ricordo quale alto magistrato (D’Ambrosio forse), dopo l’ennesima assoluzione di un inquisito, disse che il 24% di errori giudiziari è “fisiologico”: secondo costui se oggi a tavola siete in 4 è ’fisiologico’ che entri un carabinieri e ne arresti uno.

Zizzigo

Dom, 05/02/2017 - 13:08

Scoprire d'essere in balìa di simili elementi, in quest'Italia così malridotta, toglie la possibilità di chiudere occhio. La politica è ricattabile e ha la coscienza enormemente lordata, se non ha bloccate le devianze.

Anonimo (non verificato)

ilbarzo

Dom, 05/02/2017 - 13:46

La penso esattamente come illustrato dal Direttore Sallusti in merito al signor e giudice Davigo,al quale un tso non guasterebbe assolutamente,anzi ritengo che sia proprio necessario.Evidentente anche quel magistrato è in carca di gloria e sopreattutto popolarità.Infine credo che il nessuno sia proprio lui.

AndyFay

Dom, 05/02/2017 - 13:52

Grandissimo Sallusti! Ci insegna ad aver coraggio, grazie. Grande stima.

Valvo Vittorio

Dom, 05/02/2017 - 13:53

Ben detto Sallusti. Considerare la giustizia come infallibile e qualcosa fuori dall'umano e gli errori giudiziari sono all'ordine del giorno. Tutto lo scibile umano è costellato di errori, di ricerche e di sacrifici. Ci siamo inventati anche il divino, ma quanti crimini sono stati commessi nel nome di un dio? Credo che le esternazioni di Davigo facciano parte di un delirio di onnipotenza e pertanto patologico!

killkoms

Dom, 05/02/2017 - 14:31

negli Usa,un tipo del genere in un tribunale non pulirebbe nemmeno i cessi..!

patriziabellini

Dom, 05/02/2017 - 14:41

Polizia e Carabinieri fanno il loro lavoro e purtroppo ci rimettono anche la vita. Sono i giudici che vanificano i loro sforzi. Naturalmente il soggetto si riferiva a Berlusconi

antipifferaio

Dom, 05/02/2017 - 14:45

Concordo egr. Direttore e aggiungo che ho l'impressione che la magistratura sinistrorsa mondiale sente il terreno franare sotto i piedi per cui sta reagendo male, anzi malissimo visto che va contro le necessità dei popoli. Abbassa i muri per stranieri potenziali terroristi e non li alza invece per difendere i concittadini potenziali vittime dei primi. Credo a questo punto, tra non molto, la magistratura americana ed europea, perdendo pezzo dopo pezzo i punti di riferimento politici, rimarrà orfana dei partiti cosiddetti "democtatici" tanto loro cari e tanto loro munifici.........

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 05/02/2017 - 14:47

Davigo é la espressione della intoccabilitá dell´apparato mafioso e fascista che detta al Paese la sua piú fetida e rivoltante oppressione.

Blueray

Dom, 05/02/2017 - 14:47

Condivisione e apprezzamento per l'articolo del Direttore. Null'altro da aggiungere, ha già detto tutto lui.

MOSTARDELLIS

Dom, 05/02/2017 - 14:53

E' proprio vero, la follia associata all'arroganza non hanno limti. E soprattutto in Italia.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 05/02/2017 - 14:56

SI CREDONO ONNIPOTENTI E INTOCCABILI QUESTE TOGHE ROSSE SCHIFOSE. SONO LA ROVINA DELL'ITALIA, TUTTO IL DEGRADO, IL MARCIUME E LA DELINQUENZA CHE OGNI GIORNO VEDIAMO E' COLPA DI QUESTA CASTA SCHIFOSA. DAVIGO E' SOLAMENTE UN POVERACCIO IGNORANTE ESALTATO SOLO PERCHE' HA UNA POLTRONA.

cgf

Dom, 05/02/2017 - 15:07

Se fanno tutto gl'inquirenti, compreso prendersi le colpe, perché i meriti li prendono i giudici? anzi, a quel punto sarebbe curioso sapere cosa ci stanno a fare. [lungastorianonchiedeteperché] Mi è venuta in mente una frase del [suo] kompagno Nenni: A fare a gara a chi è più puro troverai sempre uno più puro di te che ti epurerà.

sergio_mig

Dom, 05/02/2017 - 15:11

Abbiamo politici scoreggioni servili zerbini con ex magistrati ai vertici istituzionali; oramai è chiaro che l'anm è un covo dove chi tocca i fili muore e quindi, per me, sono dei sovversivi che non accettano neppure i nuovi termini X il loro pensionamento e X questo che questa associazione dovrebbe essere messa al bando. Negli altri paesi europei ci sono associazioni dei magistrati politicizzati??

agosvac

Dom, 05/02/2017 - 15:18

L'anomalia della magistratura italiana richiede alcuni passi fondamentali. La totale ristrutturazione del Csm( è assurdo che l'organo di controllo dei magistrati sia composto quasi esclusivamente da magistrati!!!) e l'eliminazione dell'Anm( è assurdo che esista un sindacato che protegga la categoria più protetta d'Italia!. Poi ci vuole la separazione delle carriere( un Pm non può appartenere alla stessa categoria dei giudici perché sennò nessun processo potrà mai essere equo), i Pm devono essere semplicemente "avvocati dell'accusa" ed essere allo stesso livello degli avvocati della difesa!!! Infine nessun magistrato può arrivare in politica senza essersi previamente dimesso "definitivamente" dalla magistratura. Non ultimo: un magistrato che "fa" politica deve essere messo in galera senza neanche processo.

Ritratto di malatesta

malatesta

Dom, 05/02/2017 - 15:23

In una cosa ha ragione Davigo..nelle leggi che sono poco chiare e che danno la possibilita' di infinite scappatoie utilizzate poi da abili avvocati prezzolati.Vedasi le ultime leggi sfornate dal PD sulla criminalita'.Ma su una cosa ha torto marcio..gli errori di tanti magistrati rimangono impuniti.E questo e' sbagliato.

Dordolio

Dom, 05/02/2017 - 15:27

Lei è molto coraggioso, Sallusti. Temo forse troppo. Ieri ho acquistato due cassette di ottime arance. Una è sua (me le faranno passare - spero - alla porta di San Vittore).

alox

Dom, 05/02/2017 - 15:27

Sig Direttore e' l'opposto di quel che scrive: e' il potere giudiziario che si oppone al potere esecutivo perche' fuori legge! Trump ha dato un ORDINE...poi arrivano le conseguenze.

alox

Dom, 05/02/2017 - 15:33

Non conosco Davigo; ma Trump ha usato i Suoi poteri e il giudice i Suoi perche' i poteri di Trump sono andati fuori legge: andra' a finire alla corte suprema...ma sappiamo gia' che Trump ha torto perche' IGNORANTE!

Silvio B Parodi

Dom, 05/02/2017 - 15:35

agosvac... quanta verita' hai scritto, purtroppo non serve a niente, nessuno ascolta, o non vuole ascoltare!!!!!!!!!!

abocca55

Dom, 05/02/2017 - 15:44

Ma fi andreotti che volle il sindacato di Polizia e dei magistrati.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Dom, 05/02/2017 - 15:54

^°@°^ un'espressione ricorrente per questi esseri è : SI SENTONO ONNIPOTENTI. In realtà lo sono davvero !!!Ma solo nel pollaio Italia s'intende, se solo uscissero in un cortile civile e non sottosviluppato come l'italico verrebbero trattati e considerati meno di 0 ZERO. Onnipotenti dicevo, ma certo che è così ,altrimenti come si spiegherebbero queste loro infinite porcate , immancabili, puntualissime specie per certe persone vedi l'ON. BERLUSCONI tanto per non fare nomi, porcate che filano sempre via lisce come l'olio senza che nessuno osi mai alzare un dito per fermarle. Che nessuno critichi la magistratura indiana per il caso Maró, se confrontata alla nostra fa un figurone.

hectorre

Dom, 05/02/2017 - 16:07

quale politico ha il coraggio di riformare la giustizia italiana???...nessuno, un qualsiasi magistrato in qualsiasi momento può distruggergli la carriera, quindi esiste una vigliacca complicita tra politica e magistratura...che spesso si tramuta in candidature e ministeri....prodi con di pietro il caso più eclatante..

VittorioMar

Dom, 05/02/2017 - 16:09

..DIRETTORE,avra' avuto il sostegno e il conforto dei suoi colleghi:VERO?..il "PAVIDO ORLANDO" che iniziative ha preso al riguardo?..le VERITA'esposte danno il limite e le tare di questi "Impiegati Statali".Arroganza,supponenza, prepotenza,presunzione e "INFALLIBILITA";sono altri che sbagliano se assolvono, che siano tribunali o cassazione,poco importa,SI AUTO ASSOLVONO!! ..se capita nelle loro fauci un innocente lo scarnificano sino a trovare un appiglio o un reato non codificato::"AVEVO RAGIONE"!..se sono F.dell'Ordine si assicurano il lavoro per 6,7,8 anni!..domanda:perché hanno un così basso indice di gradimento pari a "0"?..hanno anche il supporto colpevole di molti media:ASPETTIAMO LE SENTENZE...VERE!!.E' LA POLITICA CHE HA "ABDICATO" ALLA SUA FUNZIONE CONSENTENDONE LA SUPPLENZA!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 05/02/2017 - 16:10

Grazie giudice per la considerazione che ha degli italiani. Per impedire una dittatura politica, se ne crea un'altra, forse peggiore.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Dom, 05/02/2017 - 16:11

vysinskij non avrebbe saputo fare meglio

LAC

Dom, 05/02/2017 - 16:13

Diceva Totò: . Perché deve ancora arrivare la dittatura?

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 05/02/2017 - 16:59

SU IDEAZIONE DEL gen-feb 2002, il compianto ILLUMINATO VINCENZO CAIANIELLO, Emerito Presidente della CONSULTA, nel suo dottissimo articolo :-GIUSTIZIA, Torniamo alla Costituzione-: ..” .. Carlo Arturo Jemolo, la più alta coscienza morale del Novecento, ne parlò nel Convegno su ‘Lo sperpero del danaro pubblico’, a fronte di chi invocava un organo di autogoverno della Corte dei Conti. Jemolo rispondeva con riferimento al già costituito CSM -: Non nascondo che guardando la realtà italiana ogni auto-governo mi fa paura; non ho mai visto nè facoltà universitarie, nè ordini professionali non dico avere severità, ma esercitare il richiamo al senso del dovere verso gli appartenenti che sgarrano.SEGUE

steacanessa

Dom, 05/02/2017 - 18:56

cadaques: guardi che l'apparato è comunista e mafioso.

Ritratto di manasse

manasse

Dom, 05/02/2017 - 19:05

se qualcuno che può(il presidente della repubblica)non interviene altro che Orwell immaginario qui siamo nella realtà e nessuno fa nulla e indovinate chi sono i porci

honhil

Dom, 05/02/2017 - 20:45

“…si vergogni, signor presidente”. D’accordissimo. A patto, però, che si aggiunga della Repubblica. Il pesce, è cosa saputa, puzza dalla testa. Il presidente dell’ANM, si fa sberleffo della costituzione e del popolo italiano, con sempre più frequenza, per il semplice fatto che gode dell’alta copertura dell’inquilino del Quirinale.

carpa1

Dom, 05/02/2017 - 21:10

Centratissime le considerazioni del direttore, che dire! Solo una considerazione in più: col Duce siamo arrivati al FASCIO, con questa sx al comando abbiamo fatto enormi progressi e siamo allo "SFASCIO". Auguri Italia, ne hai proprio bisogno.

gian paolo cardelli

Dom, 05/02/2017 - 23:00

Qualcuno spieghi ad Alox che l'ordine esecutivo è previsto dalla legislazione americana, e che usarlo non è quindi un atto "al di sopra della legge"...

buri

Dom, 05/02/2017 - 23:08

Davigo ha fatto del suo meglio per incen,sare la magistratura arrivando al punto di affermare che le forze del'ordine sono d,egli incapaci, causa degli errori giudiziari ed ovviamente i politici degli incompetenti da tebere sotto controllo. bravo almeno saoiamo vone la pensa qurll'illuminato magistrato

DemyM

Lun, 06/02/2017 - 00:05

I magistrati sono nostri "dipendenti" ma, conttro ogni logica, non ci danno conto del loro operato e/o produzione (lavoro). Piercamillo Davigo, in quota, e' un mio dipendente ma, ahime', non mi dice quante ore lavora ogni giorno salvo (come replice, dirmi che lavora a casa ed anche di notte. Io vorrei la responsabilita' civile e penale dei giudici come esiste per altri professionisti pagati da NOI. La loro serenita' non puo' essere maggiore di un cardiochirurgo che,se sbaglia con il bisturi, va in galera. La magistratura che condiziona la politica e' un cancro che va' esttirpato alla radice! Come? Togliere a loro il potere di interpretare le leggi ma obbligarli ad applicarle senza interferenze ideologiche politiche personali. Forse, solo allora, potremmo dire di essere un Paese civile e democratico, e non un paese "gestito dai giudici di parte".

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Lun, 06/02/2017 - 02:05

Degno rappresentante di cotanta tracotante e inefficiente giustizia. Lo schifo non mi fa dire altro. Basta !

Mannik

Lun, 06/02/2017 - 07:49

Appunto, il giudice ha applicato la legge, mentre Trump ha tentato di scavalcare la Costituzione. L'hanno capito tutti ormai (visto che anche il tentativo di opposizione del Governo è stato cassato), ma il direttore, nel suo delirio autoritario da tipico sostenitore del pensiero dittatoriale, sembre essere sfuggito.

routier

Lun, 06/02/2017 - 08:10

Complimenti a Sallusti per la franchezza ed il coraggio (merce rara tra i suoi colleghi) Di giornalisti come lei ce ne vorrebbero molti, dei Davigo ce ne basta uno!

unosolo

Lun, 06/02/2017 - 08:22

un articolo completo e non lascia scampo , preciso , questo spiga ovviamente le condanne verso i tutori dell'ordine invece dei delinquenti , questo ho capito anni fa e continuamente si avvera , poliziotti costretti a risarcire ladri o delinquenti mentre difendono la popolazione tutta a costo della loro vita e sapere come la pensa un giudice cosi in alto ,,,, bello articolo completo che dice quello che il popolo ha capito , la giustizia funziona secondo chi capita sotto ,.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 08:39

3° - Continua Caianiello, Per essere organo di autogoverno, sarebbe stato necessario che i componenti del CSM fossero rieleggibili per avere il riscontro di fiducia dei loro elettori, che essi provenissero esclusivamente dal Corpo separato arroccato in se stesso, mentre la Costituzione prevede che il CSM sia composto anche da persone elette dal Parlamento ed estranee alla Magistratura. Dai lavori della Costituente emerge in modo nettissimo che questa commistione era stata concepita proprio per evitare che la magistratura si trasformasse in contropotere avulso dalle Istituzioni. Ma per porre altra barriera a questa allora solo paventata eventualità poi malauguratamente realizzatasi. SEGUE -

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 08:40

4°- La Costituzione definisce la Magistratura un ORDINE, giustapponendolo così nell’art. 104 agli altri POTERI. Cioè, a differenza dei secondi che sono un POTERE-APPARATO (in senso soggettivo), un POTERE-FUNZIONE, proprio come voleva Montesquieu. La trasformazione definita del CSM da organo di amministrazione della carriera dei magistrati, in ASSEMBLEA POLITICA, che pretende addirittura di condizionare ed interferire nella SOVRANA FUNZIONE DEL PARLAMENTO, attribuendosi compiti estranei a quelli previsti dalla Costituzione, e che, se compiuti da altri organi amministrativi, sarebbero reati (quis custodet custodes?), ha raggiunto le più alte vette per effetto della modifica del sistema elettorale a metà anni 70, da uninominale in proporzionale.SEGUE

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 08:41

5° - L’organo di amministrazione delle carriere, è divenuto così il terminale delle correnti del sindacato di categoria. OLIGARCHIA AUTOREFERENZIALE DI QUALCHE CENTINAIA DI PERSONE CUI I MAGISTRATI NON POSSONO SOTTRARSI PERCHE’ PERDEREBBERO I LORO REFERENTI NEL CSM PER I PROBLEMI CHE CONCERNONO LE LORO CARRIERE. Lo negano sempre i mestieranti di questa politica in sedicesimo, ma emblematica è la nomina di Primo Presidente della Corte di Cassazione, magistrato di eccezionale valore, NICOLA MARVULLI, avvenuta…CHI, in difesa dei magistrati, della loro indipendenza interna, del loro prestigio, osa stigmatizzare questa sconcertante occupazione della magistratura da parte dell’oligarchia sindacale, è accusato dal suo capo, come mi è accaduto in un recente dibattito radiofonico, di “fare la consueta requisitoria contro i magistrati”.SEGUE

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 08:44

6° - Frutto del delirio di onnipotenza dell’OLIGARCHIA che identifica se stessa con i magistrati. Chi difende i magistrati dall’OLIGARCHIA SINDACALE che li strumentalizza, E’ NEMICO DELL’ORDINE GIUDIZIARIO. GLI OLIGARCHI si ritengono la Magistratura, in giro perenne tra convegni, tavole rotonde, dibattiti televisivi, per precostituirsi future carriere politiche, e coloro che attendono GIUSTIZIA si chiedono insistentemente dove poi trovino il tempo per svolgere le loro funzioni. Una occupazione che somiglia a quella degli HYKSOS che stava per condurre alla rovina l’Impero dei Faraoni, che riuscirono ad un certo punto a sottrarsi al giogo dei ‘re pastori’.SEGUE

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 08:54

8° - CAIANIELLO, nelle conclusioni :- Sono questi solo alcuni degli aspetti del marasma derivato dalla difformità del modello reale rispetto a quello voluto dalla Costituzione e che bisogna immediatamente ripristinare. ORDINE e non POTERE-CORPO SEPARATO; APOLITICITA’ DELLA FUNZIONE DEI GIUDICI; DIVIETO DI ISCRIZIONE A PARTITI POLITICI E DI PARTECIPAZIONE O COLLEGAMENTO AD OGNI ATTIVITA’ DI QUESTI ULTIMI; NATURA ESCLUSIVAMENTE AMMINISTRATIVA DELLE FUNZIONI DEL CSM ELENCATE NELL’ART 105, E DIVIETO DELL’ORGANO DI OCCUPARSI DI ARGOMENTI DIVERSI DA QUELLI SCRITTI IN COSTITUZIONE.SEGUE

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 08:58

10° - UNA LEGGE DELLO STATO CHE DISCIPLINI I CRITERI DI PRIORITA’ PER L’ESERCIZIO DELL’AZIONE PENALE, DA ATTUARSI SOTTO L’ALTA DIREZIONE DEL PROCURATORE GENERALE DELLA CORTE DI CASSAZIONE, E ATTUATA DAI PROCURATORI GENERALI, RESTITUITI ALLA LORO DIGNITA’. TUTTO QUESTO A COSTITUZIONE INVARIATA.-..- ISTITUZIONE DI UNA CORTE DISCIPLINARE INDIPENDENTE, SEPARATA DAL CSM, COMPOSTA DA PERSONALITA’-GARANTI DI ALTISSIMO PROFILO PER GIUDICARE IL COMPORTAMENTO DEI MAGISTRATI. -SEGUE-

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 08:59

11° - UNA VOLTA “un magistrato televisivo” disse che i politici sono tutti ricattabili. Come presagiva Carlo Arturo JEMOLO, fu assolto in sede disciplinare: Il Potere Politico non reagì come avrebbe dovuto.——– HO SACRIFICATO PAGINE PREZIOSE, PER NON ABUSARE, più di tanto. DM —riproduzione riservata- 9,00 - 6.2.2017

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 10:57

7° - Prenda esempio la stragrande parte sana dei magistrati. Anche nella articolazione organizzativa dell’ordine giudiziario, la Costituzione si ispira fortemente a Montesquieu, che nella sua concezione del Giudice, non poteva neppure lontanamente immaginare uniti in una stessa organizzazione i funzionari di accusa con il giudice. UNA INNATURALE COMMISTIONE dal punto di vista organizzativo di una delle parti del processo penale con il giudice, che vanifica la sua posizione di terzietà del secondo rispetto alle parti. Sorvolo (io Dario Maggiulli) su moltissime pagine SACRE.SEGUE

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 11:00

9° - ROTTURA DEL CORDONE OMBELICALE DI QUEST’ORGANO AMMINISTRATIVO CON LE CORRENTI DI POTERE DEL SINDACATO TORNANDO AL VECCHIO SISTEMA ELETTORALE UNINOMINALE SE MAI INTEGRATO DAL SORTEGGIO; NETTA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI DI ACCUSA DAI GIUDICI, SENZA MEZZI TERMINI, PURCHE’ ENTRAMBE AMMINISTRATE DAL CSM IN BASE ALLA LEGGE ORDINARIA;..RESPONSABILITA’ SE RESPONSABILITA’ CIVILE DEL PUBBLICO MINISTERO NEL PROCESSO PENALE, ai sensi dell’art.28 della Costituzione come era prima del referendum in base all’art.74 cpc, che limitava espressamente la sua IRRESPONSABILITA’ SOLO NEL PROCESSO CIVILE.SEGUE

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 06/02/2017 - 11:17

-----caro sallusti---sono andato a rivedere la trasmissione---lei ha travisato completamente il discorso di davigo che è limpido e non fa una piega----non sono sorpreso però---perchè so benissimo che quando un giornalista diventa militante l'ultima cosa a cui è interessato è la verità---e al diavolo la propria deontologia professionale---auguri

compitese

Lun, 06/02/2017 - 11:34

Ma questi giudici oltre che a partecipare a convegni e dibattiti televisivi sono pagati anche per fare il loro mestiere?

Ritratto di paolomuro

paolomuro

Lun, 06/02/2017 - 12:10

Complimenti Direttore per il suo coraggio. Io ormai non mi meraviglio più per quello che fanno e che non fanno i competenti della "giustizia". però ora dare le colpe alle forze dell'ordine e a chi fa le indagini è il colmo. Loro in ogni caso hanno sulla coscienza tutti i reati commessi dopo le loro liberazioni facili quindi compresi gli omicidi che si potevano evitare.

giovanni951

Lun, 06/02/2017 - 12:15

è una cosa vergognosa...davigo legga li libro "l'ultracasta - inchiesta sulla magistratura"di S.Livadiotti...imparerà molte cose.

timba

Lun, 06/02/2017 - 12:30

HO sentito una volta l'intervista tappetino di Floris a questo tipino. Anch'io sono rimasto basito per come il giornalista facesse una domanda e poi si tacesse lasciando il Piercamillo rispondere frasi del genere "se noi sbagliamo e mettiamo dentro innocenti è colpa delle troppe pratiche che dobbiamo svolgere...". E il tappetino, invece di stramazzare al suolo per una frase del genere, rideva ed assentiva. Per Davigo il magistrato non sbaglia mai. Solo gli altri. Vorrei fargli io un'intervista... e ci sarebbe da ridere.

squalotigre

Lun, 06/02/2017 - 13:01

elkid- ho visto la trasmissione ed il pensiero di Davigo è stato fedelmente riportato nell'articolo di Sallusti. Il concetto che non esistono gli innocenti ma solo quelli che la fanno franca per colpa degli avvocati difensori non è nuovo nel pensiero di Davigo e di quelli come lei che considerano i giudici alla pari di Dio e depositari della verità. I magistrati possono rovinare famiglie, aziende, persone senza pagare mai perché la colpa è sempre degli altri. Mi piacerebbe che tale pensiero si applicasse anche alla mia categoria; sarebbe bellissimo che se sbagliassi un'operazione la colpa fosse dell'infermiere o della ferrista. E' tutta invidia la mia. Ma per favore..

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Lun, 06/02/2017 - 13:07

2° - Spossessare l’esecutivo, spossessare il Parlamento, mi sembra una distruzione dello Stato. Gli autogoverni generano le caste chiuse, le mentalità gelose dei propri privilegi, le paratìe stagne, per cui ci si separa dal sentire della massa, più ancora che non si resti separati in seno alla burocrazia o nell’ambito di Montecitorio. So di andare controcorrente (concludeva Jemolo) insorgendo così contro quelli che per molti miei amici sono valori della democrazia, e che per me sono gli idoli di una falsa democrazia; ma non mi è possibile tacere:-” - SEGUE

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 06/02/2017 - 14:15

---squalotigre--carissimo squalo--queste le parole di davigo: "succede che una persona viene arrestata sulla base di prove schiaccianti, come le accuse di tre testi,dopodiché questi testi magari minacciati dicono che si sono sbagliati. Le loro indicazioni non possono essere più utilizzate. È un innocente messo in carcere – si chiede retoricamente Davigo – o è un colpevole che l’ha fatta franca?--squalo visto che lei ha studiato--mi dica cosa c'è di scandaloso in queste parole---hasta

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Lun, 06/02/2017 - 14:28

E' ormai da tempo che sono assolutamente convinto che in Italia imperversi la peggiore magistratura del mondo e Piercamillo Davigo ne è il lampante esempio.

brunicione

Lun, 06/02/2017 - 14:35

E' esattamente la controfigura della Camusso, hanno ragione solo loro, e gli altri......tutti imbecilli

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Lun, 06/02/2017 - 14:45

Io direi che è la magistratura a "governare" la politica.

al59ma63

Lun, 06/02/2017 - 14:51

WOW Sallusti finalmente un editoriale con "le palle" cosa che non riscontro nell'80% dgli articoli, e' ora di metter mani alla Giustizia, una ULTRACASTA che vessa gli innocenti e libera i colpevoli, dando pene severissime a chi non ha torto neppure un capello ad alcuno e liberando o dando pene minime agli assassini. E' ora di cambiare marcia e che a riappropriarsi dei tribunali siano i cittadini con i tribunali POPOLARI e che abbiano un peso al pari del magistrato in una sentenza.

Tuthankamon

Lun, 06/02/2017 - 15:08

Io ero convinto della necessità di azzerare il nostro sistema giudiziario da quel dì! Le parole di Davigo mi hanno solo confermato quello che pensavo. Questo Paese deve essere ripensato a partire dalla "amministrazione della giustizia" (non si può certo chiamare giustizia). Il fatto che le massime cariche dello Stato (Mattarella, ma Boldrini e Grasso, FIGURARSI!!!) non abbiano replicato, almeno a parole, è molto preoccupante. Significa che "così è se vi pare!"! E ripensando il Paese dal sistema giudiziario, si risalirebbe la china rapidamente. Invece questi continueranno ad affossarci!

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Lun, 06/02/2017 - 15:52

Hanno tolto la maschera. Le dichiarazioni spregiudicate anzi, sfrontate di Davigo, sono un segnale forte della loro incontrastabile pre-potenza. Come un calzino sono riusciti a “rivoltare” lo Stato di Diritto sospendendo la nostra democrazia, e dal quale sarà arduo ora uscirne.

Renee59

Lun, 06/02/2017 - 18:04

Grande come sempre, Sallusti.

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Lun, 06/02/2017 - 18:40

No questa volta proprio non voglio entrare nel merito ti mando direttamente a fare in culo ! Grandissimo ......Lacchè !!!!

squalotigre

Lun, 06/02/2017 - 18:45

elkid- ho studiato un'altra disciplina ma riesco a capire l'italiano. A parte che il discorso di Davigo non è nuovo e le sue affermazioni vergognose sono la prosecuzione dell'Italia rivoltata come un calzino, quando tre testimoni fanno dichiarazioni che poi smentiscono, mi pare che esista una procedura che si chiama incidente probatorio nel quale la testimonianza mantiene tutta la sua validità. Se i magistrati non l'hanno utilizzata, la colpa di chi è dell'imputato o dell'avvocato difensore? Se non sanno fare il proprio mestiere i PM possono essere utili per raccogliere le arance. Anche lei. Il pensiero di Davigo che non esistono innocenti ma solo colpevoli che l'hanno fatta franca mi ricorda l'affermazione che non esistono le persone sane, ma i malati che non sanno di essere malati. Lo affermano alcuni miei colleghi per giustificare le loro parcelle.

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 06/02/2017 - 19:11

Ho visto la puntata di Porta-a-Porta in questione. Non trovo le parole opportune per tradurre il mio sbigottimento e la mia irritazione nell'ascoltare questo capataz mentre, con la sua abituale arrogante supponenza farcita di fiele, scagliava fulmini e saette contro i non addetti ai lavori. - Bisognerebbe effettuare una radicale disinfestazione dove abita; penso infatti ci sia qualche ragno che lo punge puntualmente rendendolo costantemente così acido e inviperito. – (3° invio)---

sparviero51

Lun, 06/02/2017 - 19:13

I NOSTRI POLITICANTI NON POTRANNO MAI RIBELLARSI PERCHÉ NON NE ESISTE UNO SENZA SCHELETRI NELL'ARMADIO .FA RABBIA,COMUNQUE , LA TRACONTANZA DI QUESTI POST SESSANTOTTINI CHE MERITEREBBERO UNA BUONA DOSE DI LEGNATE !!!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 06/02/2017 - 19:40

Mi scuso con l'Arma dei Carabinieri, con quella della Polizia che sinora ha fatto il proprio dovere ubbidendo alle Leggi; anche troppo dico io. Dai Politici sono arrivate bordate a non finire e gli stessi Magistrati se la prendono con la Benemerita; non sarebbe ora di mettere le cose a posto e far valere la vittoria sul Referendum vinto dalla stragrande maggioranza del Popolo Sovrano sulla responsabilità dei Giudici? Shalòm e Forza Italia.

3N37

Lun, 06/02/2017 - 19:41

Condivido ogni sua parola Sallusti e l' ammiro per il coraggio nello scriverle di questi tempi; ribadisco anch'io che gente come sto Davigo sono la vera essenza della lorda politica che imbratta un' istituzione.

acam

Lun, 06/02/2017 - 20:26

per tutti i detrattori il grande difetto di sallusti ü quello di essere pelato ma tanto lui se ne frega... e fa bene

giza48

Lun, 06/02/2017 - 21:02

Bravo Direttore, ma è una guerra di retroguardia la tua, non scalza un pelo della protervia degli unti del Signore della Giustizia. Tutti concordiamo, ma niente si muove nella separazione delle carriere, obbligatorietà dell'azione penale, responsabilità oggettiva come chiunque emette diagnosi, progetti, riparazioni, avanzamento per meriti, Etc..Pensare che la casta dei magistrati si autoriformi è demenziale !!! L'unica cosa possibile è una riforma costituzionale che avvenga dopo un epocale sconvolgimento rivoluzionario della politica, con l'eliminazione totale di questa inetta classe politica !!!! Patetiche illusioni le mie.

thesteve

Lun, 06/02/2017 - 21:19

@elkid la devi ascoltare tutta la trasmissione!

Antimafioso

Lun, 06/02/2017 - 23:35

Non sono d’accordo che “la colpa degli errori giudiziari e’ solo degli inquirenti e non dei giudici”, ma l’affermazione che “un imputato assolto non è un innocente, ma un colpevole che l'ha fatta franca” secondo me, se riguarda grossi politici, imprenditori ruba-milliardi, capi-massoni o ufficiali dei servizi segreti, in quei casi l’affermazione e’ verissima! Sapete trovare almeno 3 o 4 membri di queste categorie NON macchati di crimini gravi? Possono essere incastrati per uno sbagliato, ma ne hanno commessi tanti altri, provate a trovarne piu’ di un paio che non ne hanno mai commesso uno grave. Quando si tratta di ladri di milliardi e colletti bianchi mandanti di omicidi, meglio “manettari” che “garantisti”. Mettete un colletto bianco a Riina e dategli una tessera di partito, ed e’ gia’ uno “rispettabile” per voi. Voi non siete “colletti bianchi”, eppure li difendete, vergognatevi!

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 07/02/2017 - 00:39

---ecco appunto squalo --occupati di quello che sai---l'incidente probatorio che avviene in fase istruttoria prima della fase dibattimentale è strettamente regolato dalla legge---non lo si può richiedere a cavolo--è un una-tantum che viene strettamente regolato da casistiche che rientrano nell'articolo 392 del codice penale--vi devono essere cioè già segnali concreti e precisi che il teste che deve testimoniare potrebbe (in base a questi segnali già in atto)--essere sottoposto a minaccia oppure corrotto con denaro---l'imputato coadiuvato dal difensore mette in atto di solito comportamenti irreprensibili durante la fase dibattimentale in modo da eludere sistematicamente la possibilità di applicazione e ricorso aell'articolo 392 da parte del pm---hasta

MudPitt

Mar, 07/02/2017 - 08:00

Il parallelo del direttore fra il caso USA e italiano mi sorprende perché e' superficiale. In italia l'ingerenza giudiziaria si manifesta con la messa sotto inchiesta dei vari politici, spesso (ma non sempre) con ovvia tendenziosità. Non c'entra nulla con il caso specifico USA: i giudici (e sono più di uno!) eccepiscono sulla costituzionalità dell'"executive order", che e' esattamente quello che i giudici sono preposti a fare. Sul merito si esprimerà poi la corte suprema, ma non esiste nessuno sconfinamento istituzionale. Ed e' utile ricordare che almeno uno (non ho controllato gli altri) e' di nomina Repubblicana.

marzioriccio

Mar, 07/02/2017 - 09:47

Direttore si prepari a passare un po' di tempo nelle patrie galere. Quelli sono vendicativi e figli dei tribunali popolari di matrice partigiana.

tonipier

Mar, 07/02/2017 - 10:01

"SONO D'ACCORDO CON LEI"Spett.le Direttore, L'illecito è un fenomeno sociale che nella soluzione dirompente, perturbatrice, dell'ordine comunitario che esso implica, suscita, sia pure idealmente e moralmente, la reazione collettiva, alimentata dal sentimento della necessità della sua repressione, sentimento che nella sua espansione costituisce il campanello di allarme della integrità dell'organismo sociale. Il dolo del giudice si risolve nella esteriorizzazione di una volontà inficiata da intento malizioso e capzioso; può essere realizzato attraverso disparate modalità e forme di dissimulazione della sua essenza e della sua carica di fraudolenza.

david71

Mar, 07/02/2017 - 10:06

Numero commenti censurati:5. elkid, infatti si chiama appunto "incidente", cioè un eccezione alla regola. D’altronde qua si spacciano tutti per esperti avvocati. Pensa che in un altro topic un altro utente sosteneva la colpevolezza di un magistrato che non aveva disposto la custodia cautelare ad un imputato allo scopo di tutelarlo dalla possibile ritorsione di un parente di una vittima. Sai com'è... i giudici sono quelli che hanno condannato B!

Gibulca

Mar, 07/02/2017 - 10:07

E non dimentichiamo una cosa: lo sconfinamento della magistratura nel campo politico avviene quasi sempre a vantaggio della sinistra, che de facto è pappa e ciccia con le toghe.

alox

Mar, 07/02/2017 - 12:02

@gian paolo cardelli ma sei capace di leggere? Bestia Il bando oggi OGGI e' bloccato BLOCCATO perche' crea solo confusione e disagi a imprese e famiglie... andra' a finire alla corte suprema se farlo passare, modificarlo o meno.

squalotigre

Mar, 07/02/2017 - 12:10

elkid - si metta d'accordo con se stesso, se ci riesce. L'esempio dei tre testimoni che minacciati cambiano la deposizione l'ha fatto lei e sempre lei ha affermato che l'art.392 si applica quando i testimoni possono essere minacciati o corrotti. Se si mette in dubbio l'innocenza dell'assolto in quanto l'assoluzione è dovuta all'abilità del difensore si contravviene: a) alla presunzione di innocenza prevista dalla Costituzione; b)alla funzione della difesa in un processo; c) alla funzione stessa del processo che prevede il confronto tra accusa e difesa. Che scopo avrebbe fare un dibattimento? La sentenza facciamola fare direttamente al PM. Anzi direttamente al funzionario di polizia che per primo interroga i testimoni. Lei è completamente fuori di testa e non potrebbe fregarmene di meno. Mi turba e mi indigna che fuori di testa sia una persona che anziché cogliere arance presiede una corte e rappresenta anche il sindacato dei magistrati.

Giorgio Colomba

Mar, 07/02/2017 - 12:17

L'italico strapotere giudiziario ha radici antiche. L'ormai cinquantennale snodo fu il varo del concetto vagamente leninista di "magistrato antisistema", sorta di contraltare giudiziario del legislatore – i cui tratti non sarebbe peregrino definire eversivi – teorizzato durante il congresso ANM di Trieste nel lontano 1970. “Il significato concreto delle leggi dipende in primo luogo dalla scelta di valore fatta dall’interprete”, recitava il leit motiv tra non pochi addetti ai lavori. Assioma su cui diverse toghe conversero, adombrando una “vocazione legislativa” che certi magistrati avrebbero dovuto perseguire mediante una relativistica interpretazione del momento attuativo delle norme. Una conclusione autoreferente e propedeutica ad una discrezionalità giudiziaria i cui cascami minano ancora oggi la credibilità della Giustizia.

geronimo1

Mar, 07/02/2017 - 12:35

Cose mostruose.....homo homini lupus...!!!!! Una vergogna...!!!! Strano pero', c'e' una volonta' sociale, politica di perpetuare questa onnipotenza... strano, ad esempio nella medicina rispetto al passato vi e' stato un miglioramento, cosi come , complessivamente nella scienza...!! Nella giustizia invece ci siamo fermati all' Inquisizione che metteva al rogo le streghe...!!!! Probabilmente fa comodo a molti...!!!! Senno' come fai a far fuori ad es. un politico che non riesci a battere con i voti???????????????????

david71

Mar, 07/02/2017 - 14:09

La cosa buffa è che qui si discute di custodie cautelari e successivi procedimenti di assoluzione. Una cosa assolutamente negativa e non ci piove. Però in questo giornale e specialmente tra i sostenitori della destra spesso si strilla:” Ha commesso il delitto ed è già fuori” riferendosi alla custodia prima del processo. Ricordo di un indiano accusato di rapimento di minore che non fu sottoposto a custodia cautelare. Su questo giornale si scatenò la curva sud contro il magistrato che lo liberò. Al termine delle indagini risultò però che non aveva nessuna intenzione di rapire il bambino. Secondo me per quelli di destra non è tanto importante la corretta applicazione della misura cautelare piuttosto a chi la si irroga. Prova ne è che né i commenti successivi alla notizia di assoluzione, né il tono del giornale erano di scuse nei confronti del giudice che bene operò, bensì di sconforto perché non era stato arrestato un extracomunitario, ancorché fosse innocente.