"Tunisino minaccia attentati": a Roma parte la caccia all'uomo

Secondo un'esclusiva di Tgcom, è scattato l'allerta a Roma dopo una lettera partita dall'ambasciata italiana a Tunisi e spedita ai carabinieri di Roma

È scattato l'allerta a Roma dopo una lettera partita dall'ambasciata italiana a Tunisi e spedita ai carabinieri di Roma. Come riporta TgCom24 in esclusiva, i militari dell'Arma hanno ricevuto una missiva urgente per avvertire della possibile minaccia terroristica da parte di un tunisino indicato come possibile attentatore. Il suo nome è Mathlouthi Atef e ha 42 anni. Già noto alle forze dell'ordine per spaccio di droga e per altri reati minori, secondo la lettera, il tunisino "avrebbe manifestato l'intenzione di commettere una serie di attentati nel centro di Roma, nella metropolitana, nei caffè, nei siti turistici e i centri commerciali.

Commenti

maurizio50

Dom, 25/03/2018 - 07:57

Altro iscritto al Partito (fintamente) Democratico?????

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 25/03/2018 - 09:21

La cosa migliore quando si parla di queste bestie è come in Francia, Belgio, Germania, Uk : gia noto alle forze dell'ordine. Comincio a pensare che gli attentati facciano comodo....

gabriella.trasmondi

Dom, 25/03/2018 - 10:24

un'altra risorsa e un fratelo del papocchio argentino....

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 25/03/2018 - 10:34

basta con il maghreb vediamo di intimare a questi inutili paesacci di non inondarci con la loro feccia criminale rancorosa e incarognita, paesi dove non vi sono guerre, stabilizzati, non possono entrere cosi facilmente, se possibile erigiamo un " muro"..

paco51

Dom, 25/03/2018 - 11:00

SE vuoi garantire la nazione ( quelli senza scorta, per quello che vale vedi il caso Moro) fare come un famoso paese! esecuzioni preventive! Scusate vuol dire esser nazisti? Allora.............

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 25/03/2018 - 11:57

Ma scusate, dalla foto (segnaletica) si capisce benissimo che è una preziosa risorsa culturale! Come osiamo sminuire l'importanza del progresso che tale talento può regalarci? E' noto a tutti che la Tunisia è infestata da guerre terribili, questo "disperato profugo" l'abbiamo accolto e mantenuto, saremmo stati rassisti a fare diversamente. Grazie cattocomunisti.

Enkelejd

Dom, 25/03/2018 - 12:44

Sparargli a vista la soluzione migliore tenerlo in galera a spese nostre non mi sembra il caso

Cappio

Dom, 25/03/2018 - 13:25

Conosciuto alle forze dell'ordine ma a piede libero così delinque con la complicità della nostra magistratura comunista

soldellavvenire

Dom, 25/03/2018 - 13:41

oooooh finalmente una buona notizia per bananas, un africano da cacciare, con questa carenza di stupri