La Ue sulla scuola: "Sessualità e imprenditoria, lezioni sin dalle elementari"

L'Europarlamento approva due risoluzioni che potrebbero rivoluzionare il panorama della pubblica istruzione in tutti i Paesi dell'Unione

Lezioni di imprenditoria e di "educazione sessuale e sentimentale": è questa la "strana" coppia che l'Unione Europea si batterà per far entrare nei programmi scolastici dei vostri figli.

Come ricorda Italia Oggi nell'edizione di stamattina, nei giorni scorsi l'Europarlamento ha approvato a maggioranza due risoluzioni -sia pure non vincolanti, poiché i programmi scolastici rimangono competenza degli Stati - che potrebbero rivoluzionare l'intero sistema scolastico dell'Unione.

La parlamentare popolare ceca Micheala Sojdrovà ne ha presentata una per incentivare "l'educazione imprenditoriale" promuovendo l'inserimento nei curricola delgi studenti di materie come finanza, economia e funzionamento dei mercati. Già otto Paesi dell'Unione hanno messo in atto strategie didattiche in tal senso, mentre in Italia è la riforma della "Buona Scuola" ad aver incluso le discipline economico-finanziarie tra quelle da incentivare.

Da Bruxelles inoltre arriva un'altra direttiva, questa volta sull' "Emancipazione delle ragazze", basata sulla relazione dell'eurodeputata lusitana Liliana Rodrigues. I Paesi Ue "potrebbero considerare di rendere obbligatoria, in tutti i programmi della scuyola primaria e secondaria, l'educazione sessuale e relazionale sensibile, adeguata all'età" e dovrebbero "insegnare il valore delle relazioni basate su consenso, rispetto e reciprocità", avendo come riferimento la Convenzione di Istanbul per la prevenzione della discriminazione di genere.

Commenti

Gianluca_Pozzoli

Mar, 29/09/2015 - 10:45

ecco i danni della SINISTRA è finita e come dice Allam : "la guerra è già persa"

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 29/09/2015 - 11:10

Tante belle parole per dire: i genitori pensino a mantenere i propri figli; ad educarli secondo il pensiero unico ci pensa lo stato. Dimenticano gli effetti disastrosi delle dittature che si appropriano delle giovanissime generazioni per tirarle su a propria immagine e somiglianza. I genitori possono commettere errori educando i propri figli, ma supplisce l’affetto. Le dittature del pensiero unico, come quella imposta, spesso, dalla UE, non sbagliano: massificano i cervelli fin dalla più tenera età. Cosa vogliono, dopo la moneta unica realizzare anche la cultura unica? No, grazie l’ € basta ed avanza.

Mechwarrior

Mar, 29/09/2015 - 11:20

Esimio Mr Pozzoli, nella guerra ci sono almeno due parti che combattono............qui nessuno combatte ci siamo arresi prima delle ostilità

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 29/09/2015 - 11:42

D'accordo con i commenti di:@Mechwarrior,@Chichi,@Gianluca_Pozzoli...Anche io,non credo che queste "conoscenze" a quell'età siano opportune,ma diventino "conoscenze morbose",che distraggono dai temi tipici,meravigliosi di un'infanzia e di una adolescenza,vissuti in modo spensierato,senza queste "ossessioni".Ci sarebbero altri TEMI "essenziali" invece su cui lavorare,sin da questa età,che sono il BULLISMO,lo stimolo a PENSARE CON LA PROPRIA TESTA,la FACILONERIA,la IRRESPONSABILITA',LA VIGLACCHERIA,il rapporto CAINO/ABELE,senza coccolamenti "psicologici" del primo(tutto sommato vivo),il DOVERE prima di PRETENDERE",l'uso di TUTTE le "droghe e sballi",il tutto condito,con altrettanti "libretti"(non cavolate come queste..).Questi noNon vanno bene.Non sono argomenti "politically correct"!!Saluti.

sorciverdi

Mar, 29/09/2015 - 11:44

Credo proprio che la se la UE venisse disintegrata non mi metterei a piangere!

macchiapam

Mar, 29/09/2015 - 11:59

Sull'educazione sessuale, purchè impartita nei modi seri ed equilibrati, sono pienamente d'accordo. Quanto all'imprenditoria, per cominciare basterebbe insegnare ai piccoli il gioco del Monopoly, molto educativo.

Gianni11

Mar, 29/09/2015 - 12:01

Cosi' la sinistra vuole distruggere i figli, specialmente le femmine. E' ora di farla finita con la sinistra, e con l'Ue.

Zizzigo

Mar, 29/09/2015 - 12:32

Ma, se invece insegnassero il rispetto della famiglia, della persona e delle idee, sarebbe certamente un enorme passo verso la civiltà di quegli esseri viventi che si dichiarano "UMANI"!

Prameri

Mar, 29/09/2015 - 12:33

La presenza dei genitori viene consigliata o richiesta (non proprio bene, ma almeno con una piccola dichiarazione) davanti a film con possibilità di essere percepiti con ansia, dubbi e interpretazioni sbagliate da parte dei bambini. Genitori devono essere presenti quando si parla di informazioni importanti come la sessualità. Possono insegnare maestre/maestri non specialisti qualificati come sessuologi e psicologi infantili o insegnanti con preparazione fai da te, liberamente schierati in una particolare scuola di pensiero? Ciò che si insegna dovrebbe comunque essere tutto registrato, se non subito con telecamere, almeno per iscritto.