Studentesse Usa stuprate a Firenze. ​Condannato uno dei carabinieri

Concluso così la prima parte del processo abbreviato contro Marco Camuffo. Pietro Costa rinviato a giudizio

Il primo capitolo del processo contro il carabiniere Marco Camuffo, 48 anni, e Pietro Costa, 33 anni, si conclude rispettivamente con una condanna per stupro di 4 anni e 8 mesi e un rinvio a giudizio per lo stesso reato.

I due ex militari sono accusati di aver violentato due studentesse americane che avevano accompagnato con l’auto di servizio a casa il 6 e 7 settembre del 2017. Oggi, Marco Camuffo è stato processato con rito abbreviato e per questo ha beneficiato di un sconto di un terzo della pena. Mentre per Pietro Costa, che è stato rinviato a giudizio (prima udienza 10 maggio 2019), si apre un processo ordinario sempre per stupro. Dopo la giustizia ordinaria Camuffo e Costa dovranno anche sottoporsi al giudizio di quella militare.

Il processo

Il pm Ornella Galeotti aveva chiesto 5 anni e 8 mesi per Camuffo e il rinvio a giudizio per Costa. Le difese dei militari avevano chiesto l'assoluzione e il proscioglimento di entrambi. L'avvocato Giorgio Carta, legale di Costa, ha anche annunciato una denuncia per calunnia nei confronti delle due studentesse americane che ieri non erano presenti all’udienza e hanno appreso la notizia della condanna e del rinvio a giudizio dai loro avvocati italiani.

Ma durante l'udienza è arrivato anche un colpo di scena. Camuffo, l'unico presente dei due imputati, ha fatto una dichiarazione spontanea affermando che non fu sua l’idea di accompagnare le due ragazze a casa ma del collega. Il militare, quindi, si è proclamato innocente sostenendo che la studentessa era consenziente e che l'idea di offrire un passaggio non è arrivata da lui.

Sempre nel corso dell'udienza, i legali dei due imputati, oltre ad essersi battuti per l’innocenza dei loro assistiti, hanno ripetuto che non vi fu violenza perché le ragazze sarebbero state consenzienti. I due ex militari, quindi, hanno sempre ammesso di aver avuto rapporti sessuali con le due ragazze, ma hanno sempre negato la violenza.

Il legale di Camuffo

"Leggeremo le motivazioni fra 90 giorni. E di sicuro faremo appello. L'accusa ha puntato su una violenza in senso proprio, ma ritengo che questi elementi non ci siano", ha Filippo Viggiano.

I fatti

I fatti risalgono alla notte tra il 6 e il 7 settembre dello scorso anno. Marco Camuffo e Pietro Costa quella notte accompagnarono con l'auto di servizio, una Fiat Bravo, le due ragazze appena uscite dalla discoteca Flo di Firenze. Secondo quanto ammesso dagli stessi carabinieri, dopo aver offerto un passaggio alle due giovani, avrebbero avuto un rapporto sessuale consenziente con le due ragazze. Questo racconto, però, non corrisponde a quanto invece sostenuto dalle due studentesse americane che hanno accusato i due agenti di abuso sessuale.

Secondo le rilevazioni alcoliche effettuate alle 6.51 del mattino del 7 settembre, le due giovani erano in stato di ebrezza alcolica, particolare fondamentale per l'accusa perché dimostrerebbe che in quel momento le ragazze erano dunque incapaci di decidere.

Commenti

Altoviti

Gio, 11/10/2018 - 19:00

Se stupra un marocchino viene rilasciato a piede libero, se è un italiano viene condannato: 2 pesi 2 misure! La condanna ci vuole per tutti due!!!!!!!

killkoms

Gio, 11/10/2018 - 19:18

inguaiarsi per due ubriacone yankee!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 11/10/2018 - 19:44

https://www.facebook.com/hatharom/videos/285445518944674/ MAGARI ERANO DUE DI QUESTE

simone64

Gio, 11/10/2018 - 19:49

meridions ??

FRANGIUS

Gio, 11/10/2018 - 20:13

GIUSTO PER CARITA'...ANCHE SE LE "STUPRATE" ERANO CONSENZIENTI VISTO CHE NON SONO RISULTATE LESIONI DI ALCUN GENERE....MA 4 ANNI E 8 MESI AL CARABINIERE E AI MOLTEPLICI CLANDESTINI CON VIOLENZE PALESI...LI DENUNCIAMO E AL MASSIMO DIAMO LORO I DOMICILIARI.W LA GIUSTIZIA PIDIOTA ITALIANA !

Martinico

Gio, 11/10/2018 - 20:19

Arriveremo al punto che prima di fare sesso o anche una semplice avance sarà necessario redarre una scrittura privata. Ormai siamo nel ridicolo. Indipendentemente da questo fatto, è inammissibile che chi si dice offesa/o o abusata/o dopo anni e anni possa rovinare la vita sociale, civile e privata di un essere umano. Siamo ormai arrivati al punto più oscuro che mai, neppure il medio evo si è visto protagonista.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 11/10/2018 - 20:50

Tempi cupi per l'Arma... Purtroppo si possono fare quanti commenti volete, anche sull'entità della pena, ma il fatto che un CC, con l'auto di servizio va a rimorchiare e poi si fa la sveltina con una tonta e ubriaca e da fessi senza se e senza ma. Mettiamoci sopra anche il caso Cucchi e quello della ragazza di Sora (FR) e ammirate il quadretto che ne viene fuori. E poi ora i CC sono scelti con il contagocce, non è più come una volta che venivano arruolati a mazzetti come gli asparagi... Onore comunque all'Arma che è una delle ultime istituzioni di cui ci si può fidare anche se...

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 11/10/2018 - 20:53

Pardon.... ho detto Sora (FR) ma intendevo ARCE (FR)

Anonimo (non verificato)

killkoms

Gio, 11/10/2018 - 21:12

@martinico,in svezia,(le cui donne una volta erano un mito sessuale) c'è già una forma di "consenso informato"!per non parlare degli Usa,nei quali, al di fuori del matrimoni,si può solo andare a donnine per non correre rischi!

curatola

Gio, 11/10/2018 - 21:27

Due zxxxxxe ubriache hanno abbordato i due cara affascinate dalla divisa e ci hanno provato. I due non hanno saputo sottrarsi. Dopo le due hanno richiesto di essere accompagnate ma una volta in auto ci hanno provato di nuovo . Arrivate a destinazione si sono fatte accompagnare per il gran finale. Le loro coinquiline forse perché rimaste a bocca asciutta le hanno istigate a denunziare lo stupro. Certo i due cara erano in servizio e devono essere puniti ma il carcere mi sembra esagerato. Vanno rieducati e devono ripartire da zero

rokko

Gio, 11/10/2018 - 21:38

Martinico, dopo anni? Ma di quali fatti stai parlando?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/10/2018 - 21:56

Strano, se invece di dichiararsi carabinieri si fossero dichiarati clandestini, sarbbero fuori subito, con il plauso di tutti i sinisrtonzi. Cheitallia di m...a.

Ritratto di wilfredoc47

Anonimo (non verificato)

killkoms

Gio, 11/10/2018 - 23:02

@curatola,anch'io sono del parere che i rapporti siano stati consenzienti, ma un carabiniere,quando è in servizio non può andare nemmeno dalla propria moglie/compagna/fidanzata!

killkoms

Gio, 11/10/2018 - 23:11

@leonida55,e le 2 ubriacone accusate di razzismo!

Totonno58

Gio, 11/10/2018 - 23:43

Mi sembra il minimo.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 12/10/2018 - 01:02

Curatola ha ragione.

Franz Canadese

Ven, 12/10/2018 - 01:21

Rokko, Martinico si riferisce forse alla Dr. Ford.

Martinico

Ven, 12/10/2018 - 07:48

Rokko 21,38 di ieri, Ho specificato indipendentemente da questo fatto, da poco avvenuto... Riferendomi poi ai fatti che saltano fuori ad anni dall'avvenimento. Spero adesso le sia più chiaro. Buona giornata.

titina

Ven, 12/10/2018 - 08:06

I carabinieri erano in servizio, dunque giusto licenziarli, ma secondo me le ragazze erano consenzienti. Sbaglio o una delle due era andata in discoteca senza indumenti intimi, dunque pronta all'uso?

rokko

Ven, 12/10/2018 - 14:07

Martinico ah ok, basta saperlo. Mi scusi e buona giornata a lei.