Valeria Fedeli e le critiche dello studente: "Cambiare i programmi"

Un curioso siparietto tra uno studente e il ministro Valeria Fedeli ha aperto un dibattito sui programmi scolastici

Un curioso siparietto tra uno studente e il ministro Valeria Fedeli ha aperto un dibattito sui programmi scolastici. A segnalere l'accaduto è stato Mattia Feltri nel suo "Buongiorno" de La Stampa. Il ministro ha ricevuto una critica abbastanza diretta da Bernard Dika, presidente del parlamento degli studenti della Toscana. Il ragazzo di fatto ha affermato, parlando col ministro che a scuola in questo momento si studiano più gli assiri e i babilonesi e poca attualità. Insomma una critica diretta ai programmi didattici che di fatto, soprattutto per quanto riguarda la Storia, si fermano spesso alla seconda guerra mondiale. In realtà, come sottolinea lo stesso Feltri, approfondire ad esempio la storia di Babilonia o degli antichi greci dà gli strumenti ai ragazzi per capire e comprendere meglio ad esempio tutta la realtà dell'Europa e del Medio Oriente e tutte le implicazioni di questi avvenimenti nella nostra contemporaneità. Al ragazzo che ha mosso le sue doverose critiche, la Fedeli ha promesso di interessarsi alla modifica dei programmi. Una mossa abbastanza azzardata, secondo Feltri: "Un ragazzo ha il diritto di essere un ragazzo, mentre un ministro ha il dovere di essere un ministro". L'attualità è possibile comprenderla solo studiando la Storia, dalle guerre puniche allo sbarco in Normandia...

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 20/04/2017 - 20:31

l'attualità è cronaca, non storia. si presta ad interpretazioni politiche e le fonti non sono molto attendibili. sulla seconda guerra mondiale, per dire, solo ora si scoprono nuovi documenti e si aprono archivi. se l'alunno è interessato all'attualità (benissimo) legga i giornali, ascolti i telegiornali e si documenti sul web (ci sono cose interessanti e siti seri). Historia magistra vitae (Caio Giulio Cesare)

leserin

Gio, 20/04/2017 - 20:48

Anch'io da giovane la pensavo così e oggi rimpiango di non aver studiato più a fondo certe materie, come la storia, che ritenevo poco attuali. E invece conoscere il passato è fondamentale per capire il presente.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Gio, 20/04/2017 - 22:17

Che autorevolezza può avere un ministro che non è neanche laureato; che senso ha porgergli delle osservazioni? Solo tempo perso..tanto la Fedeli mica capisce...

grazia2202

Ven, 21/04/2017 - 12:25

ma se si studiasse storia moderna tutti capirebbero quanto siano bufale le panzane recitate dai Koministi ed il falso storico che rappresentano. si scoprirebbero troppi altarini. megli studiari gli assiri e babilonesi , stessa epoca di un ministro non laureato.