Ventimiglia in balia dei migranti. Ma i buonisti linciano la polizia

Un poliziotto caccia uno straniero dalla stazione e finisce sotto accusa. Ma la situazione in città è ormai insostenibile

A Ventimiglia l'emergenza continua. Oggi non è più la scogliera dei Balzi Rossi a creare problemi, ma il greto del fiume Roja, invaso da centinaia di stranieri che a turno cercano di varcare il confine con la Francia. Una bomba ad orologeria dal punto di vista sanitario. Migranti che potrebbero essere ospitati nel vicino centro di accoglienza del Parco Roja (recentemente ampliato e in grado di ospitare fino a seicento persone), ma che preferiscono vivere in condizioni estreme, nel timore che laggiù la polizia li identifichi, costringendoli a chiedere asilo in Italia. Tra quelli ospiti del campo autorizzato, quelli che vivono nella vicina chiesa delle Gianchette (soprattutto donne e bambini) e quelli sparsi lungo la vallata del Roya, si stima che siano un migliaio gli immigrati presenti in città.

E così la tensione cresce giorno dopo giorno. Nei mesi scorsi alcuni migranti hanno dato fuoco ai boschi nel tentativo di superare il confine con la Francia. Il presidente Emmanuel Macron tiene le porte chiuse, impedendo a chi non ha i documenti di lasciare il Belpaese e trasformando Ventimiglia nella "Lampedusa del Nord". Qui la criminalità aumenta: risse tra immigrati, accoltellamenti, proteste dei residenti. La polizia fatica a tenere le redini dell'ordine pubblico, abbandonati come sono ad un servizio sempre più difficile da espletare.

Anche i cittadini si sono divisi: da una chi chiede sicurezza, dall'altra chi si schiera al fianco di clandestini. Tra quest'i il "Progetto20k", un collettivo di attivisti "no border" che lotta per la libera circolazione dei migranti in Europa. Oggi Progetto20k ha pubblicato sulla pagina Facebook un video con tutti i presupposti per far scoppiare nuove polemiche. Soprattutto dopo il caso dell'agente della Polstrada sospeso dal servizio per aver criticato le politiche migratorie della Boldrini.

Nel video si vede uno straniero (sprovvisto di biglietto) braccato da due soldati e due poliziotti che provano a convincerlo ad abbandonare la stazione. Tutto inutile: il migrante oppone resistenza e il suo comportamento altezzoso irrita non poco le forze dell'ordine. Il filmato ripreso dagli attivisti pro-sbarchi non racconta le premesse, ma solo ciò che accade da quel momento in poi. "Non ci devi stare, non ci devi venire qui", dice uno degli agenti. "Ti devo chiedere scusa? Tu qui non ci devi stare. Adesso esci fuori". Parole al vento. Il ragazzo rimanere immobile sotto la sguardo vigile di due soldati. Ribatte, protesta, resite. Il poliziotto allora perde la calma. "Me ne fotto! Esci dalla stazione", urla mentre afferra il migrante e lo invita a scendere le scale del sottopassaggio. Passano pochi secondi. Lo straniero è ancora lì, noncurante delle indicazioni delle forze dell'ordine. La tensione sale alle stelle. Solo in un secondo momento il giovane si avvicina lentamente alle scale che portano lontano dai binari: un passo dopo l'altro, replicando colpo su colpo agli inviti degli uomini in divisa. Non si capisce cosa dica, ma non è escluso siano insulti. A questo punto, sconfortato da tanta arroganza, l'agente lo epiteta: "Fuori, fuori, cammina: vai al tuo paese. Vai in Africa. Torna nel Burundi e fuori dalle palle" (guarda il video).

Immediatamente i buonisti si sono lanciati nella corsa al linciaggio del poliziotto. "I toni, il linguaggio utilizzato e l'atteggiamento del funzionario di polizia sono indice del clima di costante ostilità che circonda i migranti in transito per la città di frontiera", scrivono gli attivisti di Progetto20k. Ma la cose non stanno proprio così. "Nel video si vede solo una seconda parte di quanto accaduto - spiega Stefano Cavalleri, segretario provinciale del Sap di Imperia - Quella persona era stata più volte cacciata dalla stazione eppure continuava a tornare". Anche la Questura conferma la ricostruzione: l'immigrato, fermato per un controllo, era senza titolo di viaggio e si rifiutava di fornire le generalità opponendo resistenza passiva. Un'ordinanza impone alle forze dell'ordine di allontanare dai binari chiunque non abbia un biglietto valido. "I colleghi hanno fatto il loro dovere", precisa Cavalleri.

La Questura fa sapere intanto che è già stata avviata un'indagine interna per risalire all'identità del poliziotto, poi sarà informato il dipartimento centrale per la valutazione del caso. "Le parole usate devono sempre essere misurate - conclude Cavalleri - Un agente deve controllarsi, ma bisogna capire che da tre anni lavoriamo sotto stress. Abbiamo serie difficoltà a tenere fede ai nostri doveri. Non sappiamo più a cosa aggrapparci. A Ventimiglia è difficile parlare di ordine pubblico".

Commenti
Ritratto di sailor61

sailor61

Lun, 24/07/2017 - 23:09

siamo alla pazzia pura! un agente cerca di fare il proprio dovere e si deve sentire che sarà indagato e sottoposto a verifica!!! ma dove siamo finiti perché i buonisti non vanno in Francia a protestare? perché li legnano mentre da noi la sboldrina li coccola ... ma finirà, caspita dovrà finire prima o poi!

CesareGiulio

Lun, 24/07/2017 - 23:20

beh... che dire ..in italiano lo avrebbero arrestato e nessun sinistroide avrebbe detto nulla... certo che questi individui farebbero scappare la pazienza anche a un santo... ps... ma perche il " migrante" si comporta cosi? perche sa che non gli possono fare nulla....

pastello

Mar, 25/07/2017 - 00:18

Ma i cittadini di Ventimiglia per chi avevano votato ? Per i cattocomunisti ? Ahi Ahi Ahi

uberalles

Mar, 25/07/2017 - 00:18

Voglio ringraziare le Forze dell'Ordine e l'Esercito che sono l'unico baluardo contro questa orda di trogloditi, incapaci di integrarsi, adatti soltanto per esportare in Italia il peggio dell'Africa, in tutti i sensi, grazie di cuore ragazzi, sono con Voi!!

nunavut

Mar, 25/07/2017 - 00:24

Ebbé questi buonisti dovrebbero aver dei contatti personali con questa genete ma non in strada trattandoli da amici ma in posizione di chiedere a loro il rispstto di certe regole e vedrete con quale sfacciattagine vi risponderanno e per prima cosa vi diranno:LO FAI O ME LO CHIEDI PERCHÉ SONO DI COLORE (NERO).Esperienza personale e non una sola volta ma in molteplici occasioni(capo reparto).Pubblicare prego se possibile.

PaoloPan

Mar, 25/07/2017 - 00:55

Il poliziotto sta facendo il suo dovere ... sosteniamo sempre le nostre forze dell'ordine... grazie!

duca grigio

Mar, 25/07/2017 - 01:56

In un paese normale e civile sarebbe stato arrestato per essersi rifiutato di obbedire a un pubblico ufficiale. Bianco o nero che sia. In Italia i buonisti quasi quasi vorrebbero arrestare il poliziotto. Siete messi bene...

BALDONIUS

Mar, 25/07/2017 - 06:03

FINALMENTE!!! Notare l'arroganza con cui il clandestino (in torto marcio) risponde alle forze dell'ordine. Non hanno alcun rispetto della legge e delle autorità del paese dove si trovano. Lareazione doveva essere molto, ma MOLTO più dura ed "educativa". Se non hanno rispetto della polizia bisogna che comincino a temerla, altrimenti soccomberemo e diventerenno padroni a casa nostra. GRAZIE al poliziotto.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 25/07/2017 - 07:23

perchè la polizia non chiede loro i documenti e chi non li ha non li rimanda indietro? Ospitalità per chi merita ed ha i documenti in regola oppure ospitate anche i galeotti e delinquenti? La Francia fa bene a chiudere le sue frontiere.Mi sembra come quando Castro aprì le galere e tutti i delinquenti andarono in Florida, poi da là criticando il governo cubano.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 25/07/2017 - 07:33

l'unica soluzione: mandate la boldrini a ventimiglia a vigilare sulla situazione al posto dei poliziotti.

routier

Mar, 25/07/2017 - 07:46

Basterebbero alcune migliaia di poliziotti decisi a imporre legge e ordine senza il timore di assurde censure ed il problema dell'illegalita' negro/magrebina sarebbe molto ridimensionata. Ma come sempre le cose giuste sono latitanti come Igor il russo di romagna! /

Giggig

Mar, 25/07/2017 - 07:47

Maledetto comunismo, maledetta sinistra italiana, cancro della società.

veromario

Mar, 25/07/2017 - 08:10

mi prudono i piedi solo a guardare il filmato,figuriamoci al poliziotto che era li.

paolonardi

Mar, 25/07/2017 - 08:14

Che meravigliose risorse che anelano ad integrarsi facendo proprie le nostre regole, usi e costumi e arricchirci con lalora cultura. Questo e' quanto sostiene il diversamente intelligente presidente della Camera.

Ritratto di camerata.ghigno

camerata.ghigno

Mar, 25/07/2017 - 08:18

Solidale alla Polizia. A calci via!!!

VittorioMar

Mar, 25/07/2017 - 08:18

...E'UN LAVORO ALIENANTE...STRESSANTE...UMILIANTE..INSODDISFACENTE CONTINUAMENTE DERISI..SBEFFEGGIATI ..VANIFICATO IL LORO LAVORO...SONO POCHI...MAL PAGATI.. DOVREBBERO ESSERE AIUTATI DALL'ESERCITO...CHI E' SEDUTO ALLA SCRIVANIA "COMODAMENTE" NON PUO' CAPIRE...SI DOVREBBE STARE UN GIORNO CON LORO E FORSE....NON LO CAPIREBBERO UGUALMENTE !!!!...ONORE ALLE FORZE DELL'ORDINE...SEMPRE...!!!

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Mar, 25/07/2017 - 08:35

ESPRIMO TUTTA LA MIA SOLIDARIETA' ALLE DONNE E AGLI UOMINI DELLE FORZE DELL'ORDINE CHE IN PRIMA LINEA COMBATTONO UNA GUERRA DOVE SONO BERSAGLIO DELL'ODIOSO"FUOCO AMICO".

Doc47

Mar, 25/07/2017 - 08:36

In teoria se non fossimo sotto una dittatura politically correct, le convinzioni politiche, religiose, umane di ciascuno dovrebbero essere rispettate ed ascoltate; purtroppo non è così. Tuttavia ognuno è potenzialmente libero di intervenire, a titolo personale, per aiutare coloro che ritiene ne abbiano bisogno. Attenzione questi interventi debbono essere fatti nel rispetto degli altri cittadini e delle Istituzioni, soprattutto della Polizia che svolge un compito importante. Quindi i no borders possono sfamare, vestire, consolare e soprattutto portarsi a casa loro qualche migrante, ma non osteggiare o accusare la Polizia nello svolgimento del proprio compito. In caso contrario dovrebbero essere indagati per eventuali reati commessi.

AndyFay

Mar, 25/07/2017 - 08:38

La Poliziotto si è trattenuto anche troppo. In un paese normale il rifugiato lo avrebbero portato via di peso e sbattuto in cella insieme al cretino che ha fatto il video.

gneo58

Mar, 25/07/2017 - 08:46

attendiamo con annsia le prime cospicue alluvioni.

gneo58

Mar, 25/07/2017 - 08:49

bastava caricar di peso il clandestino e portarlo a forza in casa di uno dei sedicenti buonisti.

unz

Mar, 25/07/2017 - 08:52

Nell'attesa del rimpatrio, sequestro delle proprietà dei cosiddetti attivisti no borders, e alloggio gratuito nelle loro case ai clandestini.

Ritratto di ALEX FORTY

ALEX FORTY

Mar, 25/07/2017 - 09:06

Poveretto !!! si vede chiaramente che è un disperato denutrito e molto educato !!!! Se prova comportarsi in quella maniera nel suo paese come minimo gli fanno saltare i denti con un solo colpo, ma lui sa bene che qui in Italia gli è consentito qualsiasi tipo di comportamento arrogante !! Alla fine se al poliziotto saltano i nervi e gli urla semplicemente "" VAI NEL BURUNDI"" , i buonisti nostrani ritengono altamente offensiva la fraseal punto da richiedere l'incriminazione del poliziotto stesso per avere insultato ""UN OSPITE"" !!! Siamo alla paranoia !!!

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Mar, 25/07/2017 - 09:26

I buonisti sono buonisti finche' fai quel che vogliono loro, altrimenti si trasformano in cloni di Carlo Giuliani. Oramai siamo alla dittatura del Politicamente Corretto, chi se ne discosta e' trattato peggio di un lebbroso. Ma quando le risorse andranno al potere e imporranno la sharia, peserà piu' ai pidioti e ai radical kik che a chi ora invoca ordine e disciplina. Per non parlare dei gay che, come in Iran, finiranno direttamente appesi alle gru o precipitati dai palazzi. Li hanno voluti loro, nel nome dell'accoglienza.

Abit

Mar, 25/07/2017 - 09:28

Bisognerebbe applicare le leggi dei paesi africani : i senza documenti ed entrati illegalmente in un paese sono messi in gattabuia ed espulsi. La Boldrini lo sa molto bene.

dagoleo

Mar, 25/07/2017 - 09:35

Chi hanno votato i cittadini di ventimiglia, i sinistrati ? ok perfetto ed allora siano sinistrati anche loro, con buona pace di tutti.

Fjr

Mar, 25/07/2017 - 09:39

Quando è troppo è troppo avrà pensato l'agente ,per 1300 euro al mese essere considerati dei criminali perché fanno un lavoro che pochi vorrebbero fare e in aggiunta si vedo messi alla gogna dai soliti fancazzisti di Roma che dovrebbero solo dire grazie a questi uomini e donne ,ricordo loro che sono gli stessi che ogni giorno curano la sicurezza degli "onorevoli" e degli ex presidenti ,non meritandosela,sono le scorte

lavieenrose

Mar, 25/07/2017 - 09:58

ultimamente ho avuto a che fare con vari poliziotti per problemi legati a ripetuti tentativi di furti in azienda: li adoro, sono dei ragazzi meravigliosi e mi dispiace vedere come vengano poco considerati. Qualche cafoncello l'ho trovato anche tra loro, ma poca cosa, di molto minore alla cafonaggine intrinseca della maggior parte degli italiani. FORZA RAGAZZI. L'ITALIA E' CON VOI

jaguar

Mar, 25/07/2017 - 10:18

Immagino che questa associazione accogliente di Ventimiglia paghi di tasca propria gli aiuti ai migranti. Questo poliziotto ha solamente esternato ciò che pensano la stragrande maggioranza degli italiani

dinross

Mar, 25/07/2017 - 10:26

Questi buonisti e i loro amici zecche rosse, pronti a scagliarsi contro i nostri poliziotti, carabinieri, e altre forze dello stato. I clandestini ? che sante persone, buoni, bravi, rispettosi delle leggi italiane. Questi buonisti e le zecche rosse, pronti a difenderli ad oltranza, qualunque cosa facciano, hanno il diritto di venire qui da noi, purchè....purchè non vadino ad abitare vicino a loro.

Fjr

Mar, 25/07/2017 - 10:41

Nowhere,ottima analisi, in effetti chi ha gli anticorpi perché ha sempre combattuto questo stato di cose, forse sopravviverà e magari darà vita a una nuova resistenza, per i cattoradicalcomunisti e i gay ,si preannunciano momenti davvero difficili ,un nuovo Medioevo rischia di azzerare secoli di cultura di bellezza di arte ,una civiltà,la nostra che rischia seriamente l'estinzione,speriamo di non finire in qualche libro di storia alla voce "popolo estinto per imbecillità "

PiazzaAntonio2016

Mar, 25/07/2017 - 11:03

SE FOSSE STATO IN UNA QUALSIASI STAZIONE DELLA GERMANIA IL CLANDESTINO SI SAREBBE BECCATO UNA MANGANELLATA IN TESTA....IN ITALIA GLI DOBBIAMO CHIEDERE SCUSA E CONDANNARE IL BRAVO POLIZIOTTO. GRAZIE ALLE TANTE ANIME BELLE RADICAL CHIC.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 25/07/2017 - 11:08

Per ottenere un po' di rispetto alla polizia e alle forze dell'ordine in genere non resta che una cosa, l'obiezione di coscienza quando comandati a fare da scorta a politici, magistrati e quant'altro!

Ritratto di MisterDD

MisterDD

Mar, 25/07/2017 - 11:16

Anche io mi schiero dalla parte dei No Borders.. Almeno loro conbattono per toglierceli dai maroni e mandarli in Francia. CUM GRANU SALIS.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 25/07/2017 - 11:24

Guarda caso c'è sempre, al posto ed al momento giusti, qualche "anima bella" disposta alla delazione mediatica. Auguro a lei ed alla sua famigliola di poter presto usufruire delle attenzioni, non ultime quelle sessuali, dei poveri migranti vilipesi dalle nostre ultracotanti forze dell'ordine.

Razdecaz

Mar, 25/07/2017 - 11:45

Le forze dell'ordine sono ridotte a puro simbolo. Sempre sotto processo mediatico e penale dai sinistroidi, qualsiasi cosa fanno o dicono contro clandestini e zingari è sbagliato, mentre contro l’italiano tutto ok. In un futuro non troppo lontano, quando avremo bisogno delle forze dell’ordine, è non verranno, ci incazzeremo di brutto. sinistroidi buonisti e ciechi, siete il cancro della società.

gneo58

Mar, 25/07/2017 - 12:05

in francia (c9me altri paesi tipo olanda ecc ecc) se non hail il titolo di viaggio (biglietto) in stazione non entri.

gneo58

Mar, 25/07/2017 - 12:08

per misterDD - magari ci riuscissero invece e' tutto tempo perso quindi.........

routier

Mar, 25/07/2017 - 17:23

Il poliziotto ha usato parole "decise" ma bisogna tener conto che il linguaggio politicamente corretto è il catechismo dell'imbecillità di massa!