Vercelli, profughi in protesta per cibo e wifi

All'asilo Arcobaleno di Vercelli, due ore di protesta dei profughi ospitati nella struttura: chiedevano cibo migliore e internet

Profughi in protesta davanti all'asilo Arcobaleno di Vercelli, struttura che li ospita da qualche mese. La contestazione è durata circa due ore, necessario l'intervento di polizia e carabinieri che hanno prontamente bloccato la strada che permetteva l'accesso alla struttura.

I migranti provenienti da Nigeria, Ghana e Afghanistan si sono lamentati per l'insufficenza di cibi e di abiti, inoltre, come spiega un nordafricano: "il cibo è di scarsa qualità, viviamo in condizioni igieniche precarie e ci servirebbe il wi-fi per comunicare con le nostre famiglie".

Oltre a queste cause, il sit-in pare sia scattato per velocizzare le pratiche di rilascio del permesso di soggiorno. Oltre alle forze dell'ordine, è servito anche l'aiuto dei responsabili della cooperativa che hanno dovuto intavolare una mediazione per porre termine alla protesta.

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 02/11/2015 - 16:37

Certo che dalle loro parti internet è come il pane,non sapevo fossero così avanti.Forse il parolaio aveva visto giusto definendole risorse,siamo noi che non riusciamo a capire l'importanza di queste "umili" persone venute a pagarci le nostre pensioni.Bravo Renzie e bravi trinariciuti.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 02/11/2015 - 16:46

Avanti SAVOIAAAAA, scappano dalle guerre e chiedono il Wi-Fi per comunicarsi con i parenti che stanno facendo la guerra con il WI-FI sul mitra!!!!lol lol. Siete FRITTI ITALIANI!!! Preparate la valigia. Pace e bene dal Nicaragua FELIZ

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 02/11/2015 - 16:56

Hanno ragione. Ormai avere Wi Fi è un diritto di tutti. E non solo, anche fare sesso (anche di questo si sono lamentati di recente)è un diritto di tutti, quindi procurategli anche le donne; che siano belle e disponibili. E garantite un menu vario e che rispetti i loro gusti e preferenze. Un menu à al carte. E, mi raccomando, che la carta igienica sia soffice, morbida; hanno il culetto delicato, come i neonati. Nient'altro? Per il momento no, ma poi vediamo.

paolonardi

Lun, 02/11/2015 - 17:04

Sarebbero quelli che scappano dalla fame e dalle guerre! Ma fatemi il piacere....... Buonisti ciechi e rin......niti.

Happy1937

Lun, 02/11/2015 - 17:11

Infatti nelle loro capanne in Africa avevano lo WiFi ad alta velocità! Ritornino là se da noi stanno tanto male. A noi farebbero un segnalato favore.

elena34

Lun, 02/11/2015 - 17:34

@giano una cosa importante manca : la piscina riscaldata e' una delle necessita' essenziali, nel loro paese tutte le abitazioni ne sono provviste. Forza vercellesi adeguatevi , rispettate le loro abitudini ne trarrete vantaggio ,scambio di idee e modi di vivere

roberto.morici

Lun, 02/11/2015 - 17:35

Questi sono scappati dalle guerre in atto nei loro Paesi. Mi sembra giusto che abbiano la possibilità di essre informati in merito alle battaglie che le loro donne ed i loro vecchi stanno combattendo. Il wi-fi è indispensabile.

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 02/11/2015 - 17:36

Questa foto andrebbe pubblicata su' La settimana enigmistica con il titolo: "Trova l'uomo che scappa dalla guerra".

Ritratto di abj14

abj14

Lun, 02/11/2015 - 17:45

Provenienza Ghana e Nigeria !!! Ma è così difficile prendere accordi con questi due stati (più Senegal, Costa d'Avorio, Togo, Benin, etc) per rimpatriarli appena toccano terra ? A che titolo sono richiedenti asilo e/o "migranti" ? Sono inequivocabilmente clandestini nonché sfaccendati e probabilmente molti di loro potrebbero avere conti in sospeso con la locale giustizia. - Al loro paese avrebbero senz'altro cibo di ottima qualità, condizioni igieniche saluberrime e non occorre wi-fi per dialogare con le famiglie perché sarebbero in famiglia.

lamwolf

Lun, 02/11/2015 - 17:51

Mia cognata ragazza nadre non ha mai avuto assistenza ne uno straccio di lavoro da parte del Comune. Si adopera come può con l'aiuto dei genitori. La figlia vuole iscriversi all'università ma non ha sussidi. Li avrebbe se quei 35 euro fossero destinati per far studiare la ragazza ma non è possibile aiutare gli italiani in difficoltà. Vergogna! Stato, Governo e sinistra a questi è permesso tutto con le nostre risorse. Sveglia Italia!

giottin

Lun, 02/11/2015 - 17:54

A chi non va bene, imbarco immediato e foeura di ball per sempre.

claudioarmc

Lun, 02/11/2015 - 17:59

Ma vadano a chiederlo alla Boldrini

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 02/11/2015 - 18:01

Se gli mancano cosi tanto le famiglie da pretendere il WiFi per comunicare con loro il rimedio esiste: tornatevene a casa vostra, sarete sempre con loro, con o senza WiFi......

Maura S.

Lun, 02/11/2015 - 18:29

dovremo adottare il sistema australiano, rimandarli da dove sono venuti ma prima che approdino in Italia

semprecontrario

Lun, 02/11/2015 - 18:33

ma perche non vanno aff....lo

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 02/11/2015 - 18:35

Tornatevene a casa vostra! Sarete con la famiglia anche senza wifi....avet rott i ball

Ritratto di rodolfo47

rodolfo47

Lun, 02/11/2015 - 18:37

Ma come Italiani ignoranti non lo sapete che l'Africa è tutta cablata con la fibra a alta velocità mentre qui siamo ancora nel quarto mondo su datevi da fare per accontentarli

zen39

Lun, 02/11/2015 - 18:46

Eviddentemente qualcuno ha messo nella loro testa l'idea che il paese ospitante è "obbligato" a dar loro un trattamento da hotel 5 stelle. Ora che ci siano condizioni minime di igiene e ristoro va bene. Va anche ben se vogliono sigarette e qualche spicciolo per lo svago. Ma se verificate queste condizioni vogliono prilvilegi e trattamenti a livello dei nostri parlamentari se li facciano dare direttamente da loro se no fuori dai c............!

Cobra71

Lun, 02/11/2015 - 19:35

Oppoverini... loro che fuggono dalla guerra, che muoiono di fame, che cercano salvezza in occidente, SI LAMENTANO PERCHE' NON C'E'IL WIFI!!!!!!!!!!! Quanti calci nel cxxo!!!

acam

Lun, 02/11/2015 - 19:50

i nostri grandi giornali non dicono una parola a proposito

Paolino Pierino

Lun, 02/11/2015 - 19:53

Oggi non è il giorno dedicato ai morti? Festeggiamolo degnamente mandiamoli al creatore li avranno WIFi cibo e abiti migliori composti da vermi.

Ggbs

Lun, 02/11/2015 - 21:13

Qui si deliria.... Voglio anche io cibo e wifi gratis!!! Scusate mi dimenticavo di essere Italiano e non avere di conseguenza nessun diritto....

angeli1951

Lun, 02/11/2015 - 21:58

Chissà perchè i siti dei "giornalisti intelligenti" come il fattoquotidiano o larepubblica non abbiano saputo e non riportino questa notizia

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 02/11/2015 - 22:34

commentare ormai è inutile, sempre censurato verrei

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Lun, 02/11/2015 - 22:47

Ogni colonia dI migranti è una bomba innescata. Quando queste bombe esploderanno ci pentiremo amaramente di aver dato carta bianca ad alfano.

sorciverdi

Lun, 02/11/2015 - 23:22

@ lamwolf: fossi in lei smetterei di usare la maiuscola per le due parole "stato e "governo" perché ciò che ci propinano la maiuscola non la merita proprio!

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 03/11/2015 - 07:13

MI ASSOCIO, anche io non ho il WI-FI e per questo mi devo pagare una linea ADSL. Per il cibo ed il vestiario, poco da dire, basterebbe mi rendessero tutte le T-Shirts che ho dovuto lasciare in omaggio ai vari poliziotti di frontiera, anche in uscita, in occasione dei miei viaggi a casa loro. Per le condizioni igieniche sono però perplesso, visto che a Lagos le fogne sono a cielo aperto, spesso usate come latrine, e le strade non centrali generalmente senza asfalto. Sarà forse nostalgia di casa ? Ma allora perché non ci tornano ?

StefanoArmani

Mar, 03/11/2015 - 07:14

I clandestini, profughi o come si usa rinominarli, altro non sono che dei Codardi. Si, VIGLIACCHI. Anziché combattere per la libertà del proprio Paese, organizzandosi e lottando –come ad esempio gli italiani durante la guerra – questi mollano tutto e scappano. Passi per le donne e i bambini, ma sti giovani beduini coi cellulari che succhiano la mammella degli europei, ciondolando in terre che non gli appartengono, hanno la coscienza sporca. Scappando, disonesti, lasciano i loro connazionali a combattere da soli. Vigliacchi, disertori dentro.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mar, 03/11/2015 - 07:20

Davanti al bar dove qualche volta prendo un caffé c'é un signore almeno 1,85 per 100kg che mi saluta con il deferente "Baba" e mi augura salute e felicità, che ricambio. Una volta mi ha chiesto un euro per mangiare, ed io l'ho invitato ad entrare e far colazione a spese mie. Rifiuta, vuole l'euro. Nasce una conversazione e mi racconta essere profugo dalla Nigeria (paese NON in guerra). Alla domanda come si trova qui risponde: Male. Chiedo perché non torna a casa sua, sua gente, suo clima, sua lingua, suo cibo, risponde non avere soldi per il viaggio. Ma quando l'informo che se va dalla Polizia e chiede essere rimpatriato lo fornirebbero di foglio di via, a spese degli italiani, quello finge di non capire e si allontana. Forse mi ha raccontato "Le favole del Bosco Nigeriano" !

maurizio50

Mar, 03/11/2015 - 07:37

Qualcuno a caso tra le menti eccelse della sinistra, che ogni tanto sparano idiozie ideologiche anche su questo giornale, me lo deve spiegare:per quale motivo dobbiamo continuare a tirarci in casa e a mantenere questi selvaggi? ostoro sono solo parassiti che hanno trovato un popolo di idioti (cioè NOI) da gabbare!! E imperterriti continuano...

Ritratto di magicmirror

magicmirror

Mar, 03/11/2015 - 07:44

che paese di fessi. dateci orban.

precisino54

Mar, 03/11/2015 - 08:17

Signori miei, ha ragione madame la Presidenta! occorre acquisire dagli immigrati cultura e costumi! La loro richiesta di wifi evidenzia una loro assuefazione a certe “necessità”, ergo nonostante quanto sappiamo del loro modo di vivere, evidentemente non ci siamo resi conto di quanto sono avanti a noi nella tecnologia: certamente sono in possesso di apparati sopraffini e di fibra ottica anche nella savana. Che figura di meringa stiamo facendo noi che eravamo la settima potenza economica e li definivamo quarto mondo!

marcomasiero

Mar, 03/11/2015 - 08:35

per comunicare con le famiglie tornino a casa loro !!! fine della festa !!! hanno rotto !!!

linoalo1

Mar, 03/11/2015 - 08:41

Ma,se al loro Paese avevano il WiFi,perchè sono venuti via???Rimpatriamoli,così avranno quello che vogliono!!!!

Giorgio5819

Mar, 03/11/2015 - 10:33

WI-FI ? Una scarica di 380 e un calcio in culo. L'Italia pensi ai propri anziani, disabili, malati, non a queste bestie che i comunisti importano per seminare il proprio bacino elettorale futuro.

korovev

Mar, 03/11/2015 - 13:59

come sappiamo tutti bene il wi-fi è un diritto umano. vergogna a chi lo nega a chi scappa dalla fame e dalla guerra!