Il vescovo che plaude a Orban e a Salvini: "Aiutiamoli a casa loro"

L'arcivescovo Bottari de Castello ha dichiarato che un intervento mirato, in materia d'accoglienza, sarebbe quello di aiutarli a casa loro. Le battaglie di Orban, almeno in buona parte, sarebbero condivisibili

L'arcivescovo Alberto Bottari de Castello si schiera dalla parte di chi vorrebbe vedere qualcosa di diverso rispetto alla promozione di un'accoglienza indiscriminata dei migranti.

Il dibattito è cresciuto di tono subito dopo la pubblicazione della copertina dell'ultimo numero di Famiglia Cristiana. Se tanti ecclesiastici sono sembrati favorevoli all'associazione pubblicata in bella vista dal settimanale cattolico, qualcuno ha invece rilasciato dichiarazioni critiche. Tese, magari, a sostenere l'operato dell'inquilino del Viminale. Com'è successo nel caso del vescovo di Chioggia. Bottari, del resto, ha anche un trascorso in Ungheria come nunzio apostolico. "Le sue idee sono in gran parte condivisibili, alcune poco. Ma va capito", ha dichiarato riferendosi a Viktor Orban, che tra i leader europei è forse quello che si è dimostrato più deciso in relazione all'introduzione di politiche restrittive sull'immigrazione.

Come riportato dal Corriere del Veneto, l'arcivescovo si è anche soffermato sugli appelli fatti dai presuli africani, quelli mirati a far sì che i giovani restino all'interno del continente di provenienza. L'episcopato africano, questo è un fatto abbastanza noto, ha più volte ribadito la necessità di "chiudere i rubinetti". In principio era stato il cardinale Turkson a usare quest'espressione. Poi sono stati tanti gli uomini di Chiesa che si sono appellati all'occidente affinché venga posto un freno alla "tratta di schiavi". "I vescovi dell’Africa - ha scandito monsignor Bottari - ci chiedono di aiutare questi giovani a non scappare. È importante farli studiare e lavorare". Il futuro dell'Africa, per qualcuno, deve rimanere nelle mani degli africani. Poi il virgolettato sui migranti destinato, con ogni probabilità, a far discutere: "Aiutiamoli piuttosto a casa loro".

La presa di posizione dell'arcivescovo è particolarmente piaciuta a Silvia Rizzotto, capogruppo della Lega in Regione Veneto, che ha parlato di "un discorso chiaro e senza fronzoli", che è stato "pronunciato da un pastore che porta l’odore delle pecore, come esorta quotidianamente Papa Francesco, e che quindi tocca con mano ogni giorno i problemi, le attese e le speranze delle comunità di credenti affidate alle loro cure". Un altro presule, insomma, ha evidenziato la necessità di mettere in pratica interventi che tutelino e garantiscano il "diritto a non emigrare", così come lo ha chiamato, in una sua storica riflessione, l'allora papa Benedetto XVI.

Commenti

VittorioMar

Mar, 31/07/2018 - 12:32

...altro PRELATO avveduto vittima della SINDROME DI (STOCCOLMA ?..NO!)SALVINI !!!

Assisi

Mar, 31/07/2018 - 12:43

Finalmente, un vescovo intelligente!

rise

Mar, 31/07/2018 - 12:57

Se non cominciano a capire che gli africani devono cominciare ad aiutarsi da soli e che la pretesa che 60 milioni di italiani possono far posto a un miliardo di africani, vuol dire che sono proprio degli idioti.

Savoiardo

Mar, 31/07/2018 - 13:03

Delenda Cartago: oggi Delenda Vaticani Urbs.

baronemanfredri...

Mar, 31/07/2018 - 13:04

NON TUTTO E' PERDUTO GIA' SI SENTE LA VOCE CON QUESTO SEGNO VINCERAI

baronemanfredri...

Mar, 31/07/2018 - 13:05

ELKID NON HAI NULLA DA DICHIARARE?

Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Mar, 31/07/2018 - 13:23

No, prete. Basta aiutare gli altri.

buri

Mar, 31/07/2018 - 13:35

almeno ogni tanto un prelato che ragiona, ce ne vorrebbero di più

Reip

Mar, 31/07/2018 - 13:52

..TROPPO TARDI! A PARTE CHE IL PARERE DELLA CHIESA IN ITALIA E IN EUROPA CONTA POCO E NULLA, DOVEVATE PENSARCI PRIMA! ADESSO GRAZIE ALLA SINISTRA E AL PD L’ITALIA E’ INVASA DA VIRULENTE BELVE INFEROCITE: AFRICANI AFFAMATI, TROGLODITI CANNIBALI, STUPRATORI, PEDOFILI, TERRORISTI ISLAMICI, AVANZI DI GALERA E TAGLIAGOLE, CHE NESSUNO CACCERA’ PIU’ VIA! PER CHI NON LO AVESSE ANCORA CAPITO, PER LEGGE I FINTI PROFUGHI CLANDESTINI RESTERANNO IN ITALIA! INFATTI GRAZIE AL VOSTRO OBSOLETO E INADEGUATO SISTEMA GIURIDICO GARANTISTA DI SINISTRA, GRAZIE ALLA CORRUZIONE CELATA DIETRO IL BUSINESS DEL SISTEMA DI SINISTRA GLI AFRICANI RESTERANNO A CASA VOSTRA A VOSTRE SPESE PER SEMPRE! L’ITALIA E’ UN PAESE DEBOLE E CORROTTO, DAL DNA CATTOCOMUNISTA, TANTO MAFIOSO QUANTO ANZIANO E OTTUSAMENTE NEMICO DI SE STESSO. UN PAESE CON UN POPOLO AMBIGUO, SECOLARMENTE DIVISO E DISUNITO DA NORD A SUD, DA SEMPRE ASSOLUTAMENTE INCAPACE DI REAGIRE IN MODO UNITARIO ED EFFICACE.

nopolcorrect

Mar, 31/07/2018 - 14:23

Complimenti a questo Vescovo intelligente.

baronemanfredri...

Mar, 31/07/2018 - 15:03

REIP C'E' SEMPRE LA RAPPRESAGLIA METODO USATO NELLE TERRE D'ITALIA DA MILLENNI. NON MI PARE CHE OGGI CI DOBBIAMO DIMENTICARE DI QUESTA BENEDETTA PAROLA.

SpellStone

Mar, 31/07/2018 - 15:36

io non sono per aiutarli per "skerzo" ma sul serio... con investimenti... quindi benvenga questo vescovo, nell'attesa che la chiesa passi ai... fatti...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 31/07/2018 - 15:37

Io "tifo" Benedetto XVI° che ha parlato, a ragione, di diritto a non emigrare.

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Mar, 31/07/2018 - 15:57

Bene, un altro... forza, lo sappiamo che la maggior parte dei vescovi ha buon senso, solo che hanno paura della vendetta del pampero!

Reip

Mar, 31/07/2018 - 21:38

@baronemanfredi... Lei ha ragione, ma chi in Italia avrebbe il coraggio di manifestare e opporsi? Non so se ha notato che TUTTE le manifestazioni e cortei di piazza sono a favore di questa immigrazione illegale e fuori controllo di finti profughi clandestini, semplicemente per il motivo che ci sono molte “parti” cioe’ centri di interesse, privati e pubblici con le mani in pasta.