Video di decapitati sui cellulari: arrestato afgano diretto a Roma

Fermato su un Tgv proveniente da Parigi: ora è recluso al Cie di Torino

Sale l'allerta alla frontiera italo-francese. Un afgano di 22 anni è stato fermato a Bardonecchia, mentre viaggiava su un treno Tgv proveniente da Parigi e diretto a Milano. Le manette sono scattate perché l'immigrato aveva addosso 23 schede sim e di telefonini su cui erano salvate foto di guerra in Siria e Iraq, una delle quali ritraeva due miliziani con sei teste appena tagliate. Ma quello che più allarma l'intelligence italiana è la destinazione dell'afgano: Roma. Cosa voleva fare nella Capitale? Chi voleva incontrare? E, soprattutto, da chi sarebbe stato accolto? Domande che difficilmente troveranno una risposta.

Secondo quanto ricostruito dalla Stampa il 22enne afgano, che è stato condotto al Cie di Torino, era stato arrestato per ricettazione ma in seguito è stato scarcerato da un gip perché era riuscito ad accertare il reato. Il pm Andrea Padalino ha comunque disposto degli accertamenti. "Il mio cliente - ha spiegato l’avvocato d’ufficio Andrea Battisti - non è stato in grado di dire dove e come aveva trovato o acquistato i cellulari". Il ventiduenne ha raccontato di avere vissuto dieci anni a Londra e avere deciso di trasferirsi a Roma per chiedere asilo politico. "Ero fuggito dal mio Paese - ha spiegato davanti al giudice - perché ho uno zio talebano e voleva obbligarmi a combattere". Ma sulla sua versione restano troppi dubbi. A chi erano destinate le 23 schede telefoniche attive? A chi i telefoni cellulari? E soprattutto: perché aveva salvato video sulle decapitazioni dello Stato islamico?

Mappa

Commenti

buri

Sab, 28/11/2015 - 10:53

spero che sia stato arrestato con cprtesia senno l'UE sanzionerà i poliziotti

oicul44

Sab, 28/11/2015 - 11:09

che ci voleva fare è chiaro ! voleva fsre il regalo di natale alla boldrini ed ad alfano

Ritratto di MetalMusic666

MetalMusic666

Sab, 28/11/2015 - 11:25

Espulso o in carcere, subito!

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Sab, 28/11/2015 - 11:56

sicuramente dirà che i filmati delle decapitazioni sul cellulare li ha per "ragioni di studio"

claudio63

Sab, 28/11/2015 - 12:19

adesso RP confutera' l'illegale arresto in quanto uno e' libero di essere afgano, 22 enne in possesso di 23 schede telefoniche attive delle quali non ne conosce la provenienza,e documentazioni che per altro sono fotomontaggi commerciali di esecuzioni provenienti da zone di guerra. tutte queste sono illazioni e non proverebbero nulla... dimenticavo, in viaggio per roma e residnte a londra da piu'anni... coincidenze, solo coincidenze , che diamine.

27Adriano

Sab, 28/11/2015 - 12:42

E' abbastanza semplice. Alcune delle schede telefoniche erano per Boldrini, Alfano, Renzi, oltre ovviamente a qualche sua amico jadista e coadiuvante della guerra santa. Sarebbe interessante sapere chi andava a decapitare a Roma!

Tino

Sab, 28/11/2015 - 12:46

ho capito bene? asilo politico dall'Inghilterra? Ma per favore ....

claudio63

Sab, 28/11/2015 - 13:50

ho dimenticato di sottolineare (per aiutare il veneranda RP) che per afgano intendo un individuo che proviene da una zona di guerra senza alcun riferimento razzista;nel caso il profilo descritto dovrebbe quanto meno far sorgere spontanee delle domande agli inquirenti, se no che tipo di INQUIRENTI sarebbero?

Ritratto di Ropolas

Ropolas

Sab, 28/11/2015 - 17:25

Secondo Alfano i Servizi Intelligence Italiani sono i migliori del mondo… Ma a questo punto, identificato afgano e sapendo dove era diretto (per questo bastava mandare un controllore e vedere la destinazione sul biglietto). Perché non è stato seguito? Perché con tutti i soldi destinati all’Intelligence non hanno collocato sul sospettato un cimice, un gps.. ect) Perché non sono state organizzate più squadre per pedinarlo sia sul treno che al suo arrivo a Roma? Forse perché sono incapaci? Quello che non hanno ancora capito che IS è una organizzazione ben strutturata, le tecnologie servono, ma bisogna cambiare il metodo investigativo e di analisi intelligence, bisogna uscire, ricreare quella rete d’informatori…”SPORCARSI”. Queste criminali hanno un ottimo addestramento sia militare che intelligence, va bene adoperare la tecnologia, ma questi adoperano i pizzini, poi lasciano tracce per depistare le indagini.

Ritratto di Ropolas

Ropolas

Sab, 28/11/2015 - 17:27

Il Presidente del COPASIR due giorni fa a detto che bisogna assumere professionisti, belle parole, peccato che continuano ad assumere “Raccomandati”…. Dei veri professionisti esperti e preparati in Italia si trovano, ma sicuramente non si farebbero manipolare come burattini, tantomeno accetterebbero compromessi…. “Chi ha orecchie per capire capisca”

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Sab, 28/11/2015 - 18:05

@ MetalMusic666 figuriamoci.....qualche rosso provvederà a scarcerarlo al + presto con tanto di scuse

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 28/11/2015 - 18:16

ho capito che oltre i giudici dovremmo sostituire anche i poliziotti cn gente determinata. Parla? No?Tortura! Si ribella e dice che li denuncia? Visto che non si riuscirà farne uscire un ragno dal buco, lo portano fuori e lo eliminano. Tanto è solo un pericolo se rilasciato.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 28/11/2015 - 18:17

se siamo in guerra e ce lo hanno dichiarato allora in tempo di guerra si può giustiziare.