Vietato curarsi negli ospedali migliori

Stretta sui rimborsi alle Regioni virtuose contro il «turismo sanitario»: ci rimettono i pazienti

Una bozza di poche pagine ma dai contenuti dirompenti. Un testo che, se approvato, assesterebbe un colpo gravissimo al diritto alla salute di migliaia di italiani e toglierebbe a uomini e donne del Centrosud la possibilità di curarsi nei più importanti ospedali del Nord. Una rivoluzione silenziosa, che avanza inesorabile come una talpa sottoterra e che ora è arrivata al tavolo decisivo: quello della strategica ma defilata Conferenza Stato-Regioni. Qui, alla chetichella, si è arrivati, per strappi successivi, fino all'ordine del giorno della seduta di ieri: la mobilità sanitaria da una regione all'altra. Un servizio che vale circa 4,6 miliardi di euro e che coinvolge quasi 800mila italiani, pronti a partire in treno o in aereo da Napoli o da Reggio Calabria per farsi operare nei poli d'eccellenza in cui si ha la garanzia di standard più elevati e si corrono meno rischi. Le statistiche parlano chiaro: Lombardia ed Emilia Romagna attraggono malati come calamite, 14 regioni sono invece in rosso. I numeri, impietosi, registrano la migrazione, e in qualche caso la fuga, verso le cliniche all'avanguardia sull'asse Milano-Bologna.

Ora, nel silenzio generale, si corre ai ripari con una logica da ragionieri e con una soluzione all'italiana: le regioni più arretrate invece di alzare l'asticella della qualità si sono coalizzate per chiudere le porte. I pendolari di oggi dovrebbero rassegnarsi, usiamo il condizionale, a rimanere a casa. E adattarsi ai reparti di Napoli, Bari, Foggia.

Sembra impossibile, ma l'Italia che si apre all'Europa sta ripristinando una sorta di linea gotica per arginare i viaggi dei pazienti che non si accontentano. Il tutto in una camera di compensazione, la Conferenza Stato-Regioni, che in questo momento è politicamente scaduta come una confezione di yogurt rimasta troppi giorni sugli scaffali.

Il governo Gentiloni è all'epilogo, due pesi massimi come Lombardia e Lazio sono in una delicata fase di transizione. Eppure il meccanismo non si è fermato: il primo passo è stato il taglio del 50 per cento sull'incremento di attività sui fuori regione successivo al 2014. Una formula burocratica e anodina che nasconde la volontà di ridurre trasferte e debiti delle regioni più deboli. Penalizzando cosi i sistemi più avanzati e aumentando il disagio di chi già soffre e alimenta i flussi inarrestabili del turismo sanitario: la Lombardia, in testa al ranking dei virtuosi, importa 161.000 pazienti l'anno e vanta un credito di 808,6 milioni di euro; all'opposto la Calabria è in rosso per 319 milioni. A seguire, in questa black list, la Campania che deve saldare prestazioni, tecnicamente Drg, per 302 milioni fuori dai propri confini, e il Lazio che la tallona a quota 289 milioni.

«Stiamo scivolando verso una situazione inaccettabile - lancia l'allarme Gabriele Pelissero, presidente dell'Aiop, l'Associazione italiana ospedalità privata che mette insieme cinquecento esperienze -. Invece di migliorare il livello medio nelle regioni che più zoppicano, si vogliono introdurre filtri e blocchi contro le realtà all'avanguardia. E in questo modo, senza che l'opinione pubblica sia stata informata, si toglierà a migliaia di pazienti il potere di scegliere i centri più evoluti. Penso alle migliaia di persone che oggi puntano a Nord per farsi impiantare una protesi all'anca o al ginocchio».

L'ortopedia, da sola, vale il 28 per cento di questo pendolarismo e la stretta ai rubinetti porterebbe al ridimensionamento o addirittura, in prospettiva, al crollo di questo fenomeno. Insomma, l'Italia che dice di andare avanti farebbe invece un salto all'indietro di vent'anni. Per di più a fari spenti. Lontano dai riflettori dei media. Trascinando nel baratro anche l'indotto sorto a ridosso delle cittadelle della salute: alberghi, negozi, appartamenti. Il copione oggi in discussione è già disegnato: i tagli costringerebbero le regioni a non pagare più gli ospedali che a loro volta finirebbero per non accogliere più i malati, divenuti un costo insostenibile. Uno scenario da incubo. Preparato da mesi, anzi da anni. Ora però la Conferenza Stato-Regioni vuole fare sul serio, impugnando la scure al posto del bisturi. Ai supplementari di questa legislatura.

Commenti

lento

Gio, 22/03/2018 - 08:34

Questo e' razzismo puro !

daniel66

Gio, 22/03/2018 - 08:35

SEMPRE MEGLIO, SEMPRE MEGLIO.

Ogliastra67

Gio, 22/03/2018 - 08:36

Mi sembra che di morti, grazie alla poca preparazione e al menefreghismo dei medici che lavorano al sud, ve ne siano stati già abbastanza. Non accusiamo sempre la sanità in generale. Qui è anche una questione di preparazione professionale. Per cui se dovesse andare in porto questa proposta....amici miei del sud .....vi ho tanto voluto tanto bene...

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 22/03/2018 - 08:40

In buona sostanza il governo Gentiloni ha operato dei tagli alle regioni che non si potrebbero più permettere la sanità "differita". E poi il PD di interroga perché ha perso elettori ?

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 22/03/2018 - 08:58

prima delle elezioni avevate una "linea editoriale" più soft contro il sud, ora il voto è stato espresso e il sud non vi serve più, dovete ritornare sull'orientamento leghista. aspettate almeno che salvini vada al governo come "presidente dei consigliori" visto che per fare quello che "anelate" ci vuole una legge dello stato, ma voi "sparate anestetico per allattare il popolo leghista che è poco avvezzo al ragionamento.

jenab

Gio, 22/03/2018 - 09:05

i buoni dottori ci sono anche al sud. La colpa è interamente delle amministrazioni locali, c'è poco da lamentarsi....e non parliamo poi di chi lavora negli ospedali....ed è sempre asente...

mariolino50

Gio, 22/03/2018 - 09:07

IO ho due protesi all'anca, fatte nel piccolo ospedale dove abito, senza rompere le scatole alla famiglia, e mi sono trovato veramente bene, invece gente che è andata in centri di cosidetta eccellenza ha dovuto essere rioperata per infezione o altre magagne. Non sempre tutto quello che luccica è oro, il turismo sanitario può anche essere inutile, o dannoso, oltre alle difficoltà logistiche.

Luprotts70

Gio, 22/03/2018 - 09:11

Giovinap, hai letto i numerini??!! O anche a sto giro la Campania traina il paese...??!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 22/03/2018 - 09:11

Il SUD,non ha ancora capito,che senza il NORD,non va da nessuna parte!!!L'"assistenzialismo" diffuso,non può reggere,se non si lavora tutti,se il costo,e la qualità dei servizi non è uguale,se i flussi fiscali(a livello di un vero salasso continuo..) continuano ad avere una stessa direzione.Da Bologna in su,votano 27 milioni di Italiani,e da Bologna in giù 33 milioni….e si è visto come hanno votato!...Però vengono al Nord a curarsi,e non pagano.....Forse è ora che ciascuno decida in casa propria,per il proprio futuro!!!

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 22/03/2018 - 09:13

l'importante è che i clandest..le risorse,continuino ad essere seguite e curate nel poli d'eccellenza! ACCHHH SOOOO!!!

Mborsa

Gio, 22/03/2018 - 09:16

Il commento non è del tutto condivisibile:il paziente ha diritto ad avere le migliori cure nella zona di residenza, visto che il contributo annuale per la sanità è pro-capite e regionale. La migrazione sanitaria è una penalizzazione del paziente, una "scusa" per le regioni che non migliorano il servizio e una diminuzione del servizio per i pazienti della regione ospitante.

Ritratto di Michirod

Michirod

Gio, 22/03/2018 - 09:20

Diciamo che sarebbe giusto che lo Stato centralizzi davvero la sanità e controlli i fondi che le regioni si intascano, rendendo la sanità pari ovunque in Italia... Poi finisce che chi vive al nord deve fare file di mesi per il sovraffollamento. Anche il Sud è Italia, perchè lo Stato lascia che i soliti corrotti si insacchino i soldi destinati agli ospedali del sud dove ci vive molta più gente che al nord!? Vergogna.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 22/03/2018 - 09:28

giovinap: si faccia curare da un veterinario a napule, ne ha bisogno.

venco

Gio, 22/03/2018 - 09:32

Il sud ha votato per il reddito gratuito pagato dal nord, il sud si risana solo se impara ad arrangiarsi.

giovanni951

Gio, 22/03/2018 - 09:36

mi piacciono questi giovinappisti che non fanno altro che parlare male del nord ma poi per curarsi ( e non solo) eccoli qua, al nord, col cappello in mano a chiedere assistenza sanitaria. In ospedali seri ed all’avanguardia.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Gio, 22/03/2018 - 09:37

E di tutti i lombardi che vengono a curarsi nei nostri avanzati ospedali altoatesini ce ne siamo per caso dimenticati?

Cheyenne

Gio, 22/03/2018 - 09:39

i sinistri distrutti alle urne continuano a sgovernare uccidendo gli italiani. Non esiste in nessun paese al mondo questa porcheria. Auguro a gentiloni di avere un incidente a palermo con ricovero in uno dei nostri ospedali fatiscenti. Avrebbe il 50% di possibilità e forse meno di uscirne vivo. Morirebbe contento perchè i primari hanno tutti la tessera pdiota

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Gio, 22/03/2018 - 09:42

giovinap - 08:58 Caro Giovinap, lei accusa il popolo leghista di scarsa propensione al ragionamento: è la stessa scarsa propensione che dimostra lei quando, a torto o a ragione, da meridionale si sente offeso. Da ciò che mostrano i media (io non sono mai stato in un ospedale meridionale, ma ho una sia pur breve esperienza di uno bolognese) vedo sciatteria e pressapochismo, per non dire altro, impensabili da noi. Razzismo, come lamenta Lento 8:34? Tutt'altro! Al Nord, la presenza di sanitari del Sud è altissima e molto qualificata. E allora ribadisco quanto già detto in altra occasione: è un gravissimo problema ambientale e di comportamento che affligge il Sud. Negarlo, significa nascondere la testa sotto la sabbia. E le cose rimarranno perennemente allo stesso stato...

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Gio, 22/03/2018 - 09:50

A proposito di ortopedia che "... da sola, vale il 28 per cento di questo pendolarismo..." vorrei citare quanto accaduto alle Officine Ortopediche Rizzoli di Bologna, istituto ultracentenario di eccellenza, quello che fa le protesi a Alex Zanardi e Bebe Vio per capirci, mandato in default alcuni anni fa a causa dei mancati pagamenti delle regioni del Sud, Campania in testa. Razzismo? O inefficienza al cubo?

Tommaso_ve

Gio, 22/03/2018 - 10:01

Forse questo spingerà i nostri compatrioti più a sud ad avere migliore attenzione nella scelta dei dirigenti pubblici. Non c'è divario tecnologico o intellettuale, solo nepotismo, camorra e un po' di menefregismo... tutte queste ultime cancellabili di la volontà.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 22/03/2018 - 10:13

@Tommaso_ve:concordo!@gattomannaro:concordo!

ginobernard

Gio, 22/03/2018 - 10:17

a giudicare dal livello della sanità del sud ci sarà una ecatombe ...

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 22/03/2018 - 10:20

gattomannaro, lei è sempre molto equilibrato nei commenti, questa volta il mio delle 8,58 lo ha letto troppo in fretta! dove ho negato le condizioni precarie degli ospedali del sud? se lei legge attentamente vedrà che ho espresso solo un parere sulla linea editoriale de "il giornale" prima e dopo le elezioni!

MARIOMEN59

Gio, 22/03/2018 - 10:21

CHEYENNE : SEEEE PURA ILLUSIONE IN QUEL CASO CI SAREBBE GIA' L'ELICOTTERO PRONTO PER UN VOLO IN SVIZZERA IN UNA CLINICA PRIVATA A SPESE DELLO STATO ......RICORDI LA ROSY BINDI ALL'EPOCA MINISTO DELLA SANITA'?? PER UN DITO FRATTURATO LA PORTARONO IN ELICOTTERO DAL PIEMONTE A MILANO CON 3 CAMERE A SUA DISPOSIZIONE !!!!

Luprotts70

Gio, 22/03/2018 - 10:26

L'esempio lampante della mentalità sudista è rappresentato dalle percentuali dei 5 Stelle che hanno promesso la possibilità di avere un mensile non lavorando...

Terenzio-Plauto

Gio, 22/03/2018 - 10:37

A sud si specializzeranno in medicina fintoinvalidante .

WSINGSING

Gio, 22/03/2018 - 10:40

Semaforo rosso per gli italiani del sud, semaforo verde per tutti gli extracomunitari.

michettone

Gio, 22/03/2018 - 10:41

Si pensi, che in ospedali come quello di Avellino, per conoscenza accertata personalmente, basta avere un dente cariato e ci si presenta al PRONTO SOCCORSO, perché ritenuto l'unico posto accessibile e meno costoso. Nelle capocce dei meridionali, esiste la convinzione che a loro SIA TUTTO DOVUTO, per il semplice fatto di ESSERE IN VITA! I risultati delle ultime elezioni, non hanno fatto altro che convalidare la tesi di cui sopra! In più, la loro naturale prepotenza, li ha portati a scoprire possibilità fuori del loro territorio e se ne sono fatti una ragione da sfruttare. E' ovvio, che il Paese, sia DIVISO A META'!!!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 22/03/2018 - 10:48

Un diniego ridicolo: basta migliorare la sanità al sud e nessuno cambierà regione. Se non lo fate è ovvio che la gente si fida di nosocomi meglio attrezzati o, se proprio si vuole, meno carenti.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 22/03/2018 - 10:58

Provvedimento condivisibilissimo: quelli del sud si curino al sud (se ci riescono). Le file per avere delle visite specialistiche sono già lunghe,ci manca pure che vengano qui da noi a curarsi.Per non parlare dei letti d'ospedale,già scarsi. In sostanza,mogli,buoi (ed ospedali) dei paesi tuoi.

gneo58

Gio, 22/03/2018 - 10:59

giovinap - sempre a piagnucolare e lamentarsi, tipico di certe regioni.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 22/03/2018 - 11:00

luptotts70(mi sbaglio o sei il "vecchio" lupry?)e gzorzi/mbferno , lo so che siete di "intelletto" incerto, ma fate un sforzo può darsi che vi esca qualcosa. non dico di intelligente, ma almeno di accettabile.invece rispondete con sbadigli(come fanno i cercopitechi quando sono fissati dagli umani)

tormalinaner

Gio, 22/03/2018 - 11:04

Il provvedimento è giusto, non è possibile sovraccaricare la sanita di una zona a discapito di un'altra in un regime di gratuità. Le disfunzioni del sud italia sono croniche da centinaia d'anni e sarà sempre così è nella natura degli abitanti del luogo. Se vuoi l'eccellenza la paghi

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 22/03/2018 - 11:16

Partiamo da un concetto che dovrebbe anzi deve essere comune a tutti. Curarsi è un DIRITTO . detto questo, vorrei provare a rispondere a certi post ( del SUD senza far nomi ) e vorrei chiedere, PERCHE' DAL NORD NON VENIAMO AL SUD A CURARCI ? Invece di inveire alle proteste, "cari " amici del SUD provate a chiedervelo il motivo per cui per essere "curati" venite su. Saluti dal Nord

Albius50

Gio, 22/03/2018 - 11:31

Diciamo che tutto sommato NON MI DISPIACE questa ipotesi GOVERNATIVA PD, ma comunque si stanno dimostrando RAZZISTI VERSO IL POPOLO ITALIANO ovvero cure x i MIGRANTI BLOCCO X GLI ITALIANI DEL SUD.

Cicaladorata

Gio, 22/03/2018 - 11:35

Gli ospedali del Sud devono diventare eccellenti ! Le Regioni del Sud devono licenziare a manetta infermieri, medici, paramedici improduttivi e che, per colpa loro, limitano al minimo la resa dell'ospedale. Se iniziano i licenziamenti per pochissima resa ed efficienza, immediatamente vedremo gente indaffarata ed operativa in ogni struttura ospedaliera del Sud. La situazione è pari a quella degli africani che sbarcano clandestinamente in Italia, perchè nel loro Stato vivono ancora a livelli di grande povertà. Il Nord fa benissimo a scegliere così, poi o il Sud si dà una mossa ed alza la sua asticella, oppure che vadano a farsi curare e trapiantare anche in altri Stati Europei dove l'assistenza sanitaria paga.

Giorgio5819

Gio, 22/03/2018 - 11:41

E con gli investimenti a pioggia peri il solito SUD come la mettiamo ? Con il buco nero dei soldi degli italiani per il MEZZOGIORNO come la mettiamo ? I parassiti meridionali hanno intascato migliaia di miliardi per non fare assolutamente NIENTE. La sanità al centro-sud è poco più che una squallida lista di macellerie.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 22/03/2018 - 11:43

Non è una questione di razzismo, è una questione di rimboccarsi le maniche e darsi da fare. Troppo comodo dare dei polentoni alla gente del Nord per poi correre su al primo acciacco. Il sistema noi ce lo siamo costruito in anni di duro lavoro e fatica. È ora di smettere di incolpare lo Stato sempre, perché nello Stato ognuno fa la sua parte e contribuisce. Ho visto e vissuto in Trentino (e le cose vanno egregiamente) poi ho visto e vissuto in altre regioni d'Italia e debbo dire che in centro Italia già c'è un lassismo e un 'lasciami stare' che non si può soffrire. Qui il problema è culturale più che di infrastruttura perché quest'ultima la crea il cittadino con il suo contributo. Non parliamo poi della malsanità del Sud... Robe da medio oriente...

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 22/03/2018 - 11:44

Con i soldi del sud hanno costruito ospadali al nord,questa è la ragione.Quando il ricco regno di napoli fu depredato, portarono tutto al nord,questa è storia e da li tutti i mali sono scesi al sud.

Luprotts70

Gio, 22/03/2018 - 11:50

@giovinap- non ho capito...???! Anyway, vorresti dire che non è vero che dal sud vengono al Nord e che al sud c'è pure l'eccellenza medica?????

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 22/03/2018 - 11:52

Una postilla al mio commento va fatta: esiste moltissima gente del Sud che viene a lavorare al Nord e lavora duro. Il problema è che lasciando il Sud, questa gente porta via dei modelli virtuosi di comportamento. Ora, non li sto criticando per la scelta, ci mancherebbe, sono italiani e vivono e lavorano dove vogliono, però COLORO che rimangono a Sud non sono proprio in buona compagnia... sarebbe ora che l'atteggiamento del 'Tutto è dovuto' soprattutto in una regione particolare (la Calabria) deve cessare, mentre deve iniziare un buon esame di coscienza sulle cause del loro infinito malessere.

Castigamatt

Gio, 22/03/2018 - 11:55

Era ora di finirla con questo turismo sanitario!!! E' possibile che io cittadino lombardo, che pago un sacco di tasse, sia poi costretto a curarmi nelle strutture private a pagamento perchè quelle pubbliche lombarde sono al collasso, ingolfate dalle migliaia di pazienti provenienti dalle altre regioni malgovernate!? Questa cosa doveva essere fatta anni fa! Che ognuno si prenda le proprie responsabilità, noi lombardi siamo stufi!

Castigamatt

Gio, 22/03/2018 - 11:58

Davvero non se ne può più di liste di attesa enormi per colpa di pazienti fuori-regione che vengono a intasare le strutture lombarde. Votate chi vi pare e fatevi curare nelle vostre regioni, non venite più a scassare al nord! Intesi?

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Gio, 22/03/2018 - 12:00

@giovinap - 10:20 Chiedo venia. Avevo previsto commenti razzisti e la sua reazione. Sono stato avventato, mi scusi. Alla prossima disputa...

PaolodC

Gio, 22/03/2018 - 12:01

Siamo al colmo della vergogna e dell'indegnità. Burocrazie sanitarie incapaci e mafiose si tutelano negando ai malati la speranza di assistenza e cure migliori, oggettivamente migliori! Per questa casta di dirigenti indegni bisogna riaprire i gulag della Siberia.

jaguar

Gio, 22/03/2018 - 12:04

Una decina di giorni fa, tutti i media hanno dato grande risalto a un medico meridionale malato di cancro, che ha deciso di farsi curare al Nord, perché a suo dire gli ospedali del Sud non sono attrezzati per certe patologie. Mi sembra logico che se il sistema sanitario del Sud non garantisce le cure, i pazienti vengano a curarsi al Nord. Certo, poi il tutto va a complicare le liste d'attesa, che vantano già tempi biblici anche al Nord.

brasello

Gio, 22/03/2018 - 12:07

provvedimento sacrosanto. e già che ci siamo, mettiamo un limite alle assunzioni dei dipendenti pubblici alla loro regione di appartenenza. ne abbiamo le gonadi piene di maestre che a Vittuone (Milano) insegnano ai bambini a scrivere "zebbra". e di avere ogni anno mesi e mesi senza insegnanti di ruolo perchè gli insegnanti titolari (originari del sud) dopo aver vinto il concorso (in base a criteri discutibili) chiedono l'avvicinamento, lasciando le scuole del nord nello sterco e gli alunni senza insegnanti.

cabass

Gio, 22/03/2018 - 12:13

E' inutile insistere a voler modernizzare la sanità (ma anche tutto il resto) al Sud, sono tempo e soldi sprecati. Tanto vale potenziare ulteriormente gli ospedali lombardo-emiliani, l'offerta dell'indotto per i parenti (alloggi, bar, servizi, ecc.) e destinare la spesa sanitaria delle regioni meridionali al finanziamento di tutto ciò.

Pinozzo

Gio, 22/03/2018 - 12:18

Leggendo l'articolo parrebbe che sia una decisione delle regioni del sud stufe di pagare, ma leggendo tra le righe si intuisce che e' il contrario. "Crediti per 800M" e' diverso da "fatturato di 800M". Un crediti di 800M da una regione insolvente come la campania o la calabria puo' mandare in rovina un sistema sanitario, motivo per cui credo che siano lombardia e emilia r. che hanno deciso di stringere le porte d'ingresso.

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Gio, 22/03/2018 - 12:21

@jaguar - 12:04 E al Nord, verosimilmente, verrà curato anche da medici meridionali. Come sta capitando a me, bolognese. Finora assai bene, per fortuna. Quindi, ripeto, è un problema di sistema, ambiente, mentalità. Assai più difficile da rimediare che non preparare buoni medici.

piardasarda

Gio, 22/03/2018 - 12:24

beati gli africani ospitati al nord, potranno curarsi meglio degli italiani, chissà perché certi perdono le elezioni?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 22/03/2018 - 12:34

@lento - ma che razzismo? Voi komunisti sapete dire solo quello? Imparate a gestirvi senza le solite ruberie, e poi perchè le regioni virtuose devono pagare due volte per le regioni truffaldine? Mi costringi a dire che siete voi i razzisti.

dadorso

Gio, 22/03/2018 - 12:37

secondo me non è razzismo ma è logica, perche io che vivo al nordo devo avere liste di attesa lunghissime causa la gente del centro sud che viene da noi per curarsi, sarebbe ora che cominciassero a pensare di rimettere in sesto le loro strutture ospedialiere e a lavorare con serietà. Altrimenti ci riduciamo come per bollo e assicurazioni che costano il triplo perchè devono rifarsi di quelle non riscosse in bass'italia

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 22/03/2018 - 12:40

cabass, nella tua sardegna come vanno le cose meglio? anche tu sei passato dalla capanna vicino al "nuraghe" a milano quarto oggiaro e credi di essere diventato meneghino?

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Gio, 22/03/2018 - 12:42

Al sud si muore. Si muore per le industrie che emettono morte giornalmente, perché mai nessuno si è preoccupato di controllare se avessero mai installato filtri e coperture ai minerali. Si muore per l'inefficienza nelle Asl e nelle cliniche private perché non c'è abbastanza personale medico e paramedico. E ora, dopo che si è banchettato al tavolo del sud, con esosi compensi a chi realmente non produce (secondo me sono infermieri e medici che producono, non presidenti politici), volete toglierci anche il diritto di curarci? Qualcuno si sta approfittando molto degli "ovini" italiani, che non sono in grado di far rispettare i propri diritti sanciti dalla Costituzione.

Ritratto di Wheldon

Wheldon

Gio, 22/03/2018 - 12:53

Ecco che esce fuori la vera natura di molti utenti di questo sito. Gente che fino ad un mese fa "urlava" , si professava patriottica e disprezzava quelli che, secondo loro, erano "razzisti con gli italiani" e che ora, invece, getta la maschera dimostrando tutto il proprio disprezzo verso il sud. Mi fate oggettivamente pena (per non dire schifo)...

rossini

Gio, 22/03/2018 - 12:56

Mi pare giusto. I Meridionali, che hanno votato in massa per i Cinque Stelle, gli ospedali e la sanità se li facciano organizzare, come Dio comanda, da Di Maio e Beppe Grillo. Hanno voluto la bicicletta, pedalino!

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 22/03/2018 - 12:59

Le lamentele degli ammalati nel sud del paese, """HANNO FATTO PRUDERE IL CULETTO DEL MINISTRO DELLA SALUTE PER LA MALA GESTIONE DEL PERSONALE SANITARIO, DAI PROFESSORI AGLI INFERMIERI"""!!! Fosse l`Italia, un paese civile, il ministro e i suoi predecessori, avrebbero dovuto dare le dimissioni, per incapacità!!! Ma purtroppo, quando le mafie hanno libertà di introdursi ovunque, e quando l`OMERTÀ, seminerà paura e rispetto verso la delinquenza, il paese, Italia, sarà un paese di terzo mondo!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 22/03/2018 - 12:59

Elvisso carissimo 11e44, se e pur vero che i Piemontesi hanno "depredato" il regno di Napoli. E anche vero che da allora sono passati quasi 200 anni!!! 200 anni durante i quali dal Nord, partiva un TRENO al giorno con 50 vagoni pieni di soldi verso il mezzogiorno e da Roma in giu, ne sganciava un vagone O NO!!!! Cosa ci hanno fatto i dirigenti del SUD con tutti sti soldi!!! Quindi smettetela di PIANGERVI ADDOSSO!!! Buenos dìas dal Nicaragua.

giovanni951

Gio, 22/03/2018 - 13:02

@giovinap: a Quarto Oggiaro non ci sono meneghini doc ( salvo qualche mosca bianca). Tutti tuoi conterranei piú rom, rumeni ecc ecc.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 22/03/2018 - 13:06

piano kalergi. e le risorse vanno in ospedale in elicottero ahahahah

kytra1936

Gio, 22/03/2018 - 13:10

quanti infermieri e dipendenti della sanità per abitante ci sono al nord e quanti sud? qual'è l'assenteismo negli ospedali del nord ed i quelli del sud ? quanto costano le attrezzature sanitarie al nord e quanto al sud? quanti soldi per abitante spendono per la sanità le regioni del nord e quelle del sud? E così via. Prima si risponda a queste domande e poi si facciano i piagnistei sui "poveri" meridionali che in attesa del reddito di cittadinanza migrano per curarsi al nord. Chi è causa del suol mal ....

accanove

Gio, 22/03/2018 - 13:10

Razzismo? Le usl del nord non sono diventate virtuose per grazie ricevuta, dietro vi sta un lungo lavoro di medici, amministratori, pazienti che sono stai educati etc etc. perchè lo stesso non avviene al sud? Problemi di clima? Perchè invece di recarsi dove le cose funzionano non vi ribellate a mentalità, metodi e sistemi gestionali obsoleti che hanno dichiaratamente dimostrato il loro fallimento? Un esempio? al nord se non hai patologie in manifestazione entro 48 ore sei dismesso tu voglia o no, non esiste il "parcheggio" è un problema di popolazione o di management? Gli squilibri si curano anche individuando le carenze e sistemandole, molto comodo accusare di razzismo gli altri che hanno fatto il loro iter di evoluzione.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 22/03/2018 - 13:14

ok la gente non si muove più. però se manca un servizio in ospedale si spezza qualcosa al primo dei dipendenti della struttura che si incontra. amici teroni vendicatevi senza pietà, per ogni muro scrostato, per ogni barella che manca, per il ritardo dell'ambulanza, per le strutture o i macchinari che non funzionano...come se vi avessero calpestato l'orto a sfregio.

ammazzalupi

Gio, 22/03/2018 - 13:38

Caro giovinappo.... sarete felici voi sud-diti... in futuro potrete farvi curare dal PD e da M5S, visto che i vostri ospedali fanno schifo sia come strutture che come preparazione ragliante degli pseudo-professionisti piazzati nelle sale operatorie dai kompagni! Vi rimangono, comunque, le cliniche veterinarie...

brasello

Gio, 22/03/2018 - 13:41

invece di mandare i malati del sud al nord, bisognerebbe mandare le amministrazioni del nord a dirigere le aziende del sud. e abolire le regioni a statuto autonomo. cosa significa avere lo statuto autonomo se non sei capace di far funzionare nulla? regioni come campania, calabria e sicilia dovrebbero essere messe in amministrazione controllata, altro che statuto autonomo.

brasello

Gio, 22/03/2018 - 13:45

@ hernando45. hai ragione. ma d'altronde, cosa vuoi, quelli sono ancora fermi a Diego Maradona dopo 30 anni. con i tempi di reazione che hanno, gli ci vorranno ancora almeno altri 200 anni per mettere da parte l'alibi dello sfruttamento del regno delle due sicilie.

Duka

Gio, 22/03/2018 - 13:45

La santità amministrata da incapaci è nel pallone questa la realtà- Mentre gli ospedali arrancano la sanità strapaga i passacarte ( medici della mutua) - CHE IDIOZIE !!!!!

Tarantasio

Gio, 22/03/2018 - 13:46

perchè la sanità al sud funziona poco e male? eppure molti di quei medici hanno studiato nelle stesse università dei loro colleghi settentrionali...

Rotohorsy

Gio, 22/03/2018 - 13:51

Dai commenti sembra che non si sia capito che sono le regioni del Sud che non vogliono il trasferimento dei propri malati al Nord (o comunque in regioni dove operano centri d'eccellenza/efficienza) perchè altrimenti sono costrette a pagare. Ovvero, vogliono che i pazienti crepino nei propri ospedali.

Ritratto di laky

laky

Gio, 22/03/2018 - 13:54

Pessimo quell'articolo 5 della Costituzione che ha permesso di dividere l'Italia in tante Regioni/Stato con la capacità di deliberare nella Sanità, nella Scuola ecc. così da creare Sanità e Scolarità diverse le une dalle altre.... ma col Risorgimento non avevamo voluto una Italia unita? Tanti staterelli, tanti parlamentini... un condominio difforme e confuso... via l'articolo 5 e torniamo uniti! (già siamo danneggiati dalle Regioni a statuto speciale).

lividanddisgusted

Gio, 22/03/2018 - 13:58

FINALMENTE! ERA ORA! al nord siamo stufi di liste d'attesa eterne perchè dal sud arrivano orde di scrocconi che ci rubano il posto. Che i sudici si facciano curare a casa loro! Vogliono essere curati bene? che smettano di rubare su tutto e i loro ospedali saranno migliori, smettano di prendere lauree finte nelle loro università di m* e i loro medici saranno migliori.

luna serra

Gio, 22/03/2018 - 13:59

al Sud abbiamo ottimi medici e ottimi ospedali che non funzionano per colpa della classe politica, in Sardegna con un accordo del primo Governo Prodi la Sanità è a carico della Regione la stanno distruggendo stanno chiudendo tutto è normale che uno vada fuori per curarsi

brasello

Gio, 22/03/2018 - 13:59

il problema del sud, è risaputo, non sono le persone, ma gli amministratori. la colpa delle persone del sud è di aver sistematicamente scelto amministratori incapaci, collusi e cialtroni. non è un caso se al nord la Lega, avendo dato prova di saper governare bene, ha mietuto consensi ed è stata riconfermata ovunque. al sud, siccome gli amministratori che c'erano non erano abbastanza cialtroni, tutto il popolino si è buttato a votare M5S. i più incapaci tra gli incapaci. il sud sprofonderà sempre più. al sud si preferisce passare dalla padella nella brace. al peggio non c'è mai fine.

luna serra

Gio, 22/03/2018 - 14:02

per Zagovian al sud abbiamo capito benissimo come funziona infatti il NORD sfrutta il sud su tutto iniziando dalla Sanità

ginobernard

Gio, 22/03/2018 - 14:03

beh nel caso del turismo di solito il turista paga il conto ... una bella differenza

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 22/03/2018 - 14:05

Era ora! Una volta la sanità al nord era un'eccellenza, anche con la trasmigranza dei malati del sud, ma con l'invasione delle cavallette, portatrici di malattie ignote e trasmissibili specialmente ai nostri bambini, un letto all'ospedale a breve te lo sogni.. e nel frattempo le centinaia di milioni di € di scoperto si rinvigoriscono.

luna serra

Gio, 22/03/2018 - 14:06

per Zagovian lo stato Italiano quindi anche il NORD alla Sardegna non da un euro per la Sanità che viene pagata TUTTA dal popolo sardo per un accordo fatto con il primo Governo Prodi siamo Governati dal PD e stanno sfasciando la Sanità chiudendo tutto quindi obbligandoci ad andare fuori per curarci quindi il NORD prende soldi da noi Sardi senza intaccare le sue TASSE perchè la sanità c'è la paghiamo NOI di tasca nostra si informi

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 22/03/2018 - 14:12

Wheldon, tutto reciproco, se non capisci problema tuo..... fatti curare ad ALGERI....... la proxy...

teoalfieri

Gio, 22/03/2018 - 14:13

mi sembra corretto... ognuno paga le tasse nella propria regione e ha il diritto e dovere ricevere i servizi dove paga!

carpa1

Gio, 22/03/2018 - 14:16

Il turismo sanitario che affligge il nord eiste e come! Tant'è che le liste d'attesa, negli ultimi anni, hanno subito un'impennata che sta mettendo in crisi tutta la sanità del nord. Turismo sanitario di provenienza dalle regioni del sud e e da anni in gran misura da tutto il mondo sotto sviluppato: il tutto gratis o quasi. Proviamo ad indovinare chi paga? Il vil denaro!!! Peccato che che non cresca sugli alberi, come credeva pinocchio, ma di riffa o di raffa provenga dalle tasche di chi lavora, paga le tasse regolarmente, per poi trovarsi davanti una lunga coda di fancazzisti di professione ogniqualvolta si reca in ospedale per visite, esami od interventi per i quali (per legge) ha già versato cospicui contributi in anticipo.

mariobaffo

Gio, 22/03/2018 - 14:17

Bravo Lento" Abbassare la testa e lavorare come un asino ,appena l'asino alza la testa e cerca di vedere oltre diventa razzista ,va a laurà::::

Lucio_Valerio

Gio, 22/03/2018 - 14:19

Ci sono bravi e cattivi medici in tutte le regioni. Le menate tra nord e sud le lascio agli altri. Leggendo le statistiche del 2017, la Toscana è al primo posto in efficienza sanitaria, seguono Marche, Umbria, Emilia Romagna e Lombardia. Questi invece sono i dati dei ricoveri extra-regionali del 2016: Lombardia (78 mila ricoveri extraregionali) Emilia Romagna (54 mila ricoveri extraregionali) Lazio (38 mila ricoveri extraregionali) Toscana (34 mila ricoveri extraregionali) Veneto (28 mila ricoveri extraregionali) La ragione numero 1 che spinge le persone ad emigrare per curarsi è quella delle lunghe liste di attesa nella propria regione. E' qui che bisogna risolvere il problema.

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 22/03/2018 - 14:23

@luna serra... non conosco le leggi che sono in vigore in Sardegna, Regione Autonoma... ma chi mai avrà votato il PD che vi governa? Anche se è brutto da dire, ma quel "avete voluto la bicicletta, quindi pedalate", vi calza a pennello.

lorenzovan

Gio, 22/03/2018 - 14:39

@giovinapp ...""sparate anestetico per allattare il popolo leghista che è poco avvezzo al ragionamento."..ma cosa dici mai !!!! son tutti prof nell'accademia della crusca....lolololol..in alta val brembana...ora si son pure riprodotti sull' aspromonte e sulle madonie....in concorrenza con i candidati aspiranti disoccpati a vita di Grillo e Di maio

Ritratto di Wheldon

Wheldon

Gio, 22/03/2018 - 14:42

98NARE Logica ferrea, la tua.. Siccome difendo i "sud-ici" (come qualche asino li ha definiti appena poche righe più su" per te, volpone, automaticamente sono meridionale anche io e devo andare a curarmi ad Algeri... Mi spiace deluderti, ma non è così. Anzi, probabilmente mi trovo ben più al nord di te e di tanti altri qui dentro.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 22/03/2018 - 14:50

Benissimo era ora.!!!!

saty

Gio, 22/03/2018 - 14:53

Che casino! quì stiamo speculando sulla vita delle persone, è evidente che lo stato non è in grado di garantire gli stessi standard medici su tutto il territorio. Forse dovremmo far gestire gli ospedali del sud esclusivamente da personale che abbia operato almento 10 anni in ospedali del nord. La salvaguardia della salute deve essere anteposta a stupidi localismi.

lorenzovan

Gio, 22/03/2018 - 14:56

a proposito...quando c era il PD e compari ..erano inciuci..ora che sono Cdx e 5Stelle...sono democratiche "trattative"...lolololololololololololololololollllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 22/03/2018 - 15:24

Diciamo che un paese che stenta a produrre ricchezza per poter mantenere immigrati, clandestini e privilegi delle varie caste, i soldi da qualche parte li deve pur trovare, perciò si attinge da dove è più facile attingere: dai servizi. La sanità non fa eccezione e tra i servizi, senza dimenticare scuola e difesa, risulta sempre al primo posto.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 22/03/2018 - 15:33

Cara amica Sarda 14e06, li sta il problema che forse l'articolo non ha ben spiegato. I pazienti del SUD, vanno a farsi curare al NORD, dove poi le regioni del SUD dovrebbero pagare, ma NON PAGANO. Perche non pagano se i pazienti nelle loro regioni pagano le tasse??? I casi sono 2. O di tasse ne pagano troppo poche (e bisognerebbe capire il perche) O le tasse che pagano vengono SPERPERATE dai LORO amministratori!! PENSACI. SAUDOS SA NICARAGUA.

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Gio, 22/03/2018 - 15:35

@Elvissso - 11:44 "... il ricco regno di napoli fu depredato, portarono tutto al nord..." : da un indubbio fondo di verità (il Sud non ebbe certo a guadagnarci ALLORA) c'è chi, come i neoborbonici, continua a ricamare la leggenda del Regno delle Due Sicilie come della terza potenza mondiale dell'epoca. In effetti, ebbe a guadagnarci l'industria del Nord per motivi geografici e a soccombere l'industria del Sud fino ad allora protezionista. Non furono certo portati al Nord...gli ospedali! Quanto alla controversa massa di danaro, questa, semmai fu depredata, è stata restituita con gli interessi. Lasci queste leggende a chi ci lucra sopra scrivendo libri seriali, per favore. Non è il caso di alimentare divisioni basate sul nulla.....stiamo parlando d'altro.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 22/03/2018 - 15:35

Wheldon, a me non interessa di dove sei, Contesto quello che hai scritto , non mi interessa dove abiti , il problema è come la pensi. Io NON disprezzo il SUD, disprezzo una certa mentalità delle persone che abitano al sud, forse cosi' ti è piu' chiaro. SAluti

COSIMODEBARI

Gio, 22/03/2018 - 15:39

La verità credo sia un'altra. Spingere, fortemente spingere verso una delle tante polizze di assicurazioni sulla salute, che non limitano gli spostamenti e che accorsiano drasticamente i tempi di attesa. Ottobre 2017, in Lombardia, l'ospedale pubblico alla presentazione di richiesta medica prima di febbraio non può prenotare una colonscopia. Dopo meno di un'ora sempre lo stesso ospedale pubblico fissa la stessa colonscopia dopo quattro giorni perchè richiesta a mezzo compagnia assicuratrice di cui è beneficiario lo stesso paziente richiedente, di un'oretta prima. Quindi lo Stato col ministero della salute e le Regioni mettono in vita e ad arte la guerra tra pazienti del sud e pazienti del nord perchè forse in accordo con certi programmi di alcune compagnie assicuratrici della salute, che ti fanno curare spostandoti dove vuoi, persino all'estero. Insomma si fanno passi per instaurare un regime sanitario alla Americana.

titina

Gio, 22/03/2018 - 15:51

Ovvero come sterminare i meridionali. i furbi faranno prima un cambio di residenza

mifra77

Gio, 22/03/2018 - 15:52

Non conosco la situazione lombarda ma in Emilia Romagna non è poi tutto oro quello che luccica. Certo se paragonata e proporzionata alla situazione della sanità del sud,non ci sono paragoni.In Emilia-Romagna, ci sono sicuramente centri di eccellenza ma non esageriamo, la situazione con la Lorenzin è franata verso l'indecenza. Chi vi dice che per una radiografia da quelle parti ci sono solo quindici giorni di attesa, mente; ci vogliono quattro mesi. Per una densitometria ossea ci vogliono quattordici mesi e se l'operatore per problemi suoi non riesce a farti la densitometria ad ambo i lati delle anche, te ne fa due sulla stessa parte, "tanto sono uguali" C'era una volta l'Emilia Romagna!

audace

Gio, 22/03/2018 - 15:56

Il Turismo sanitario è un diritto per il cittadino italiano. Bisogna bloccare il turismo sanitario da parte dei non italiani. Vengono dalla Romania, Albania, Bulgaria, e da qualunque parte dell'Europa e del mondo. In Italia è sufficiente recarsi in un pronto soccorso per avere diritto a tutto e, questo lo hanno capito bene i nostri cari stranieri. Se vai all'estero, molti Stati non ti permettono di entrare, se non hai una polizza sanitaria. In Italia, tutto gratis per tutti. Obbligare gli stranieri ad fare una polizza sanitaria, prima di mettere piedi in Italia.

michettone

Gio, 22/03/2018 - 16:03

Ciò che dicono BRASELLO e l'amico HERNANDO-FORTYFIVE, è l'esatta rispondenza, di chi, certe cose le ha cercate, volute e...votate! I vari Governatori, dirigenti, capi struttura, direttori sanitari, medici, infermieri, vengono scelti da QUELLI! Il nostro voto, incide eccome sulla funzionalità della SANITA'! Ecco perché al NORD, funziona tutta ed al SUD, invece NO! Se i vari napoletan-catanzaresi-agrigentini-nuoresi, hanno scelto QUEI GOVERNATORI, si becchino QUELLA Sanità! Senza andare ad allungare le file di attesa, a Milano o Firenze e Venezia.....Come dice qualcun altro, adesso che i votati, sono stati questi comunistelli del M5S, ne vedrete delle....bellissime!

mifra77

Gio, 22/03/2018 - 16:11

In realtà in Italia ormai se sei un pensionato a ottocento euro al mese, non ti puoi permettere più neanche di curare un raffreddore con relativa tosse e naturalmente lieve complicanza bronchiale. Una cura dettata dal medico curante per grazia ricevuta a telefono, costa circa trenta euro e l'effetto è pressocchè zero. Finalmente dopo tre settimane di attesa, il medico, rilevato che la cura dettata il giorno precedente serviva solo a far guadagni per la farmacia, decide di vederti e proporti antibiotici, fermenti lattici ed un farmaco da banco che sommato agli altri fa altri trenta euro circa. A farla breve,è saltata la spesa di due giorni e chissà domani!... speriamo di fare la spesa per mangiare. Chissà se Lorenzin e Boeri hanno lo stesso problema!

emigrante48

Gio, 22/03/2018 - 16:12

Forse qualcuno non ha letto bene l´articolo!! Qui si dice che sono le regioni del centro sud, di prevalenza rette da pidioti, vedi PUglia, Campania, Lazio, Basilicata, Calabria, Abruzzo, che vogliono impedire ai loro abitanti di farsi curare in regioni dove ospedali e strutture sanitarie funzionano, solo perché non hanno piú soldi e visto anche che hanno accumulato forti debiti verso le regioni e le strutture sanitarie del nord che non sono in grado di pagare!! La colpa deve ricadere sui malgoverni e sugli amministratori del sud che hanno sperperato e continuano a sperperare denaro, con super stipendi a burocrati e funzionari regionali e provinciali!! Fatevene una ragione gente del sud, ai vostri amministratori non importa se morite in strutture fatiscenti e per mancanza di personale qualificato!! L´importante é che loro si riempiano le tasche!!

Tombolo

Gio, 22/03/2018 - 16:27

@ Buenas dias hernando45 Dalla Verga Dura che Mas Dura no se Puede, Gran Caballero de Patagonia e Asturias, Principe de Nicaragua e de Panama, Senior de Costa Rica il problema e' che quei treni di cui parli non sono mai arrivati al sud, si sono fermati a Roma e non sono piu'ripartiti. I nostri connazionali del sud che sono emigrati negli anni in tutto il mondo hanno lavorato sodo e tenuto alto il nome dell'Italia ed i loro figli sono oggi Scienziati,Medici famosi,Avvocati, Giudici, Ricercatori, Governatori e Sindaci di grandi Stati e Citta' ( Cuomo e Di Blasio per esempio )Goditi il sole ed il bel clima del Nicaragua e forget Italy, la storia del meridione d'Italia e' troppo articolata per essere capita da gente come Salvini e Grillo. Asta pronto hernando45, Take care of you Muchaco , un suave abrazo a todas le mujeres de Nicaragua.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 22/03/2018 - 16:50

Querido Tombolo 16e27, si no fuera por los 20 mil €uros que el nuestro pais me RETIENE cada año sobre mi pension, no me entereria de nada de lo que occurre en Italia!!!! Saludos desde la playa de San Juan del Sur y a noche ire en uno de los restaurantes aqui en la playa a comerme un buen pescado y tomarme una buena botella de BLANCO Español, con mi compañera de 28 años!!!lol lol.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 22/03/2018 - 17:15

@Tombolo &C:...CON TUTTE QUESTE "INGIUSTIZIE",SOPRUSI "STORICI",etc.etc.,passati remoti,prossimi,recenti,NON CAPISCO,come mai il SUD,non chieda la secessione!!!!Suona un pò strano!!!Amor di Patria?...Amor di unità?....

michettone

Gio, 22/03/2018 - 17:20

.....dopo la scorpacciata di pescado e blanco espanol with a companera de 28 anos in quel de la Playa de San Juan del Sur, SIAMO TUTTI INVIDIOSI! Altro che Berlusconi! Altro che Salvini! Altro che Di Masio! Altro che....bravi HERNANDO FORTYFIVE and TOMBOLO......

Tombolo

Gio, 22/03/2018 - 17:38

@Zagovian studia un po' di storia d'Italia nelle giuste fonti e vedrai quanto il meridione si e' battuto contro gli invasori italici che altro non hanno portato al sud che malattie, tasse, corruzione,malgoverno ed una lingua ed una cultura che gli appartiene.La secessione riguarda il nord di Salvini che altro non e' che il sud dell'Europa,

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Gio, 22/03/2018 - 17:40

@audace - 15:56 Giusto, sacrosanto! Ma noi siamo dei signori,si sa.....

Ritratto di nordest

nordest

Gio, 22/03/2018 - 17:45

Ben fatto così i primari saranno i meritevoli e non i raccomandati; come si usa al sud.

lorenzovan

Gio, 22/03/2018 - 18:02

@zagovian...beh dopo essere stati deprdati per un secolo...sarebbe il colmo che ora chiedessero la secessione lololololo...magari se gli si ritornassero la flotta..i cantieri navali..le ferrovie e il tesoro borbonico..ci farebbero un pensierino...lolololol...in propsettiva futura il sud con la sua arte ..le sue bellezze naturali ...e la sua relativa densita' popolazionale..avrebbe tutto da guadagnare..mengtre il nord collesue industrie ormai in costante declino...avrebbe tutto da perderci

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 22/03/2018 - 18:24

@Tombolo,@lorenzovan:...se ho ben capito,il SUD,con tutto quello che ha "subito",continua a "credere nell'unità",e come rivincita,continuerà a pretendere di essere mantenuto dal Nord,pur "con le sue industrie in costante declino"....Che prospettiva allettante!!!Mi sembra una prospettiva da "zecca"!!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 22/03/2018 - 18:35

Per chi non è convinto del mio messaggio vorrei aggiungere che il regno di napoli(banco di napoli) allora aveva in cassa 9 milioni,tutto il resto d'italia,vaticano compreso, racimolavano 3 milioni.Era il regno piu' ricco d'europa e treni pieni di soldi da nord non se ne sono visti,all'inizio della vittoria di un re che non parlava neanche l'italiano,anche un francobollo doveva venire da torino,il porto di napoli era uno dei piu' importanti,e la prima ferrovia d'europa fu la napoli portici.Quando da noi c'era la civilta' voi dormivate sugli alberi.Non ve la prendete,ma questa è la verita'.

portuense

Gio, 22/03/2018 - 18:37

era ora... a parte il fatto che le liste di attesa si allungavano per i residenti al nord, ma quanti euro le regioni del sud devono alle asl del nord ? le regioni del sud non rimborsano le regioni del nord e cosi aumentano i debiti ed i ticket vari per i residenti del nord. FARE FUNZIONARE LA SANITA' NELLE REGIONI SUDISTE....

killkoms

Gio, 22/03/2018 - 18:47

invece di migliorare la sanità al sud,commissariando le asl inefficienti!

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Gio, 22/03/2018 - 18:52

Poveri terroni che dovranno fare a meno delle moderne cure dei lombardi....

fabiano199916

Gio, 22/03/2018 - 19:00

La conseguenza e' semplice, piu' morti in ospedale...l' articolo dice quindi che in Italia ci sono troppe persone e i piu' deboli saranno terminati in ospedale.

zen39

Gio, 22/03/2018 - 19:33

Quell'eccellenza internazionale che è il Gaslini di Genova è superintasato per l'accoglimento veramente generoso dei bambini di tutte le regioni italiane e stati esteri. Gli abitanti della città quasi fanno fatica ad essere accolti per tale affollamento eppure questo ospedale non ha mai tradito i principi della sua missione umanitaria. Accoglie tutti con un amore infinito e con sacrificio che ha dell'inverosimile. La prima necessità dell'essere umano è la salute. Le priorità dovrebbero partire di lì. Ed lì che dovrebbero essere concentrate le risorse che spesso si disperdono in mille rivoli per soddisfare bisogni inesistenti e capricci di certi politici.

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 22/03/2018 - 19:45

@Zagovian, "da Bologna in giu'" puoi anche escludere la Toscana. Non abbiamo bisogno di niente dal nord, siamo sempre stati autonomi e ci siamo anche sempre liberati dagli invasori da soli. E' bene chiarire a futura memoria.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 22/03/2018 - 19:46

@lorenzovan - sicuro? Allora chiedete voi sudisti saputelli l'indipendenza? Difatti vediam ocome siete conciati. Dove si firma? Sono in ansia.

Ritratto di Wheldon

Wheldon

Gio, 22/03/2018 - 19:54

98NARE A te interessa eccome di dove sono, altrimenti non mi avresti consigliato di andare ad Algeri dando per scontato che io sia "africano" (come molti commentatori qui presenti considerano i meridionali). Poi, contestare de che? Non ho scritto nulla riguardo al contenuto dell'articolo. Ho semplicemente fatto notare l'ipocrisia e il razzismo - per altro tangibile, basta leggere i commenti - di chi fino ad un mese fa la menava col "prima gli italiani" o morali patriottiche e che invece, ora, scrive messaggi offensivi e razzisti nei confronti di propri "compatrioti". Cosa c'è da contestare ad uno che ha semplicemente riportato un dato di fatto? Saluti...

ziobeppe1951

Gio, 22/03/2018 - 20:26

Perugini ...che centri tu con la sanità italica...non ci sono veterinari all’acquario di Lisbona?

Tombolo

Gio, 22/03/2018 - 22:06

@Caro Michettone il primo ad essere geloso dell'amico hernando45 Dalla Verga Dura che Mas Dura no se Puede, Gran Caballero de Patagonia e Asturias, Principe de Nicaragua e de Panama, Senior de Costa Rica sono io. Lui e' al caldo in Nicaragua con un bimba di 28 anni ed io sono sotto 60cm di neve in New York State. Ma e' giusto che dimentichiamo tutti Salvini,Renzi,Berlusconi,Di Maio e soprattutto Re Giorgio e brindiamo a quello che di bello c'e' nella vita " LES MUJHERES DE TODO EL MUNDO " Asta pronto mes amigos, Arriba Italia !

Ritratto di Nordici o Sudici

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Nordici o Sudici

Nordici o Sudici

Gio, 22/03/2018 - 22:19

giusto

Tombolo

Gio, 22/03/2018 - 22:22

@ Ah Zagovian prima di parlare di secessione sarebbe opportuno che il nord restituisse il mal tolto. Ma se tu non conosci la storia e' difficile parlare con te'. Quella del Sud d'Italia e' stata una vera e propria invasione militare del Nord. Nessuno al Sud volela l'unione con il Nord e la distruzione dell'economia del Sud fu' pianificata per favorire l'industrializzazione del Nord. Quindi i Nordisti hanno premedittatamente affamato il Sud distruggendone la allora florida economia. Ciao big boy studia studia studia.

brunog

Ven, 23/03/2018 - 00:14

Invece di gridare allo scandalo, la soluzione e' di rendere le regioni meridionali efficienti al pari di quelle settentrionali e questo e' compito e responsabilita' dei meridionali soltanto. E' ora di finirla che sia sempre il nord a farsi carico dei problemi del sud.

Ritratto di ErmeteTrismegisto

ErmeteTrismegisto

Ven, 23/03/2018 - 00:43

Ancora con sta storia del Sud defraudato e depauperato come la Libia di Gheddafi che chiedeva dopo 70 anni soldi per il colonialismo... Solo in Italia esiste questo concetto per cui si pretendo di andare a saturare strutture già sotto stress. Questa cultura dei diritti acquisiti senza pagare pegno deve finire. Ogni popolo (anche le regioni) deve/devono organizzarsi e garantirsi i servizi e non pretendere di usare quello che di buono è fatto da altri con il lavoro di generazioni.

Ritratto di magicmirror

magicmirror

Ven, 23/03/2018 - 07:37

devono pur svilupparsi anche al sud. se vengono via i malati come fanno gli ospedali a lavorare? se devono pagare (sempre che lo facciano) le altre regioni come fanno a pagare i propri costi?

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Ven, 23/03/2018 - 07:38

come dico io ci sono due Italie..cosa c'entra il razzismo qui, in USA sono razzisti i democratici contro i repubblicani? mavalà...

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Ven, 23/03/2018 - 07:40

un muro alto 3 metri alla frontiera Svizzera non in Mexico.