Volantino inneggia a Brigate Rosse: "Il segnale è allarmante"

Un nuovo inno alle Brigate Rosse. L'affondo di Calderoli: "Qui non parliamo di ragazzate, questo è un segnale inquietante e allarmante che arriva dalla Lombardia".

Ancora volantini a favore delle Br. La preoccupante campagna in favore del gruppo terroristico rosso sembra aver invaso Milano, visto che per la terza volta in pochi giorni sono stati rinvenuti volantini che inneggiano alla “solidarietà proletaria” verso le Brigate Rosse.

L’ultimo caso arriva da via Monza a Milano. Vicino ad un centro sociale è stata ritrovato un foglio che invita a solidarizzare con i “detenuti politici” in carcere sotto il regime del 41 bis. In particolare i nuovi simpatizzati delle Br inneggiano a Nadia Desdemona Lioce, Roberto Morandi e Marco Mezzasalma.

"La settimana scorso c’erano state affissioni analoghe di manifesti a Sesto San Giovanni e fuori dalla sede dell’Università Statale- attacca Roberto Calderoli - Qui non parliamo di ragazzate, questo è un segnale inquietante e allarmante, che arriva dalla Lombardia dove, negli ultimi due mesi, si sono verificati una serie di attentati alle sedi della Lega, con proiettili inviati alla sede di Varese a luglio, con vetrine infrante o scritte spray alle sedi in Brianza e a quella di Bergamo, fino all’attentato incendiario di sabato alla sede di Cremona”.

Il leghista parla di una “escalation preoccupante”, di “clima preoccupante”. E lo è perché "non vorremmo – dice Calderoli - che dai volantini si passi alle rivendicazioni delle azioni portate a termine”. Fa riflettere il “silenzio” della sinistra: "Sono sempre compagni che sbagliavano e che continuano a sbagliare?”, si chiede ironico il vicepresidente del Senato.

Commenti

caren

Lun, 01/10/2018 - 19:07

Sono d'accordo con Calderoli che da persona attenta segnala un problema che potrebbe sfociare in qualcosa di tragico, come ben sappiamo e che, guarda caso, consentitemi di dirlo, arriva proprio adesso, dopo tanti anni di silenzio.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Lun, 01/10/2018 - 20:08

Tutti tranquilli che noi abbiamo Raoul Bova (Felpini n.d.r.) che in men che non si dica chiude tutti i covi delle nuove BR e tutti a casa.

vince50

Lun, 01/10/2018 - 20:23

Brigate oppure altro,cosi come già accaduto se non possono dettare legge ricorrono alla violenza.Naturalmente in modo democratico e sopratutto da antifascisti,si perchè gli altri sono tutti cattivi e vanno eliminati.

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Lun, 01/10/2018 - 20:24

mi preoccupano di piu' i 2350 miliardi di debito accumulati da generazioni di politici mafiosi - il debito e' una condanna a morte per le future generazioni

Silvio B Parodi

Lun, 01/10/2018 - 22:04

Le br. sono il braccio armato dell'europa, che non ci sta' che l'Italia si ribelli ai suoi dictat.

buri

Lun, 01/10/2018 - 22:47

ecco un segnale preoccupante da non ignorare

ARGO92

Lun, 01/10/2018 - 23:00

LA SINISTRA PUR DI NON PERDERE DISPOSTA A TUTTO STORIA VECCHIA MA PURTROPPO DI ATTUALITA COSA RISAPUTA