Tra cucina e ambiente un mese di sapori nuovi

La manifestazione quest'anno collega il letterato ai temi caldi dell'Expo. In programma anche molti spettacoli per i più piccini

C'è perfino Alessandro Manzoni tra coloro che aspettano con impazienza il taglio del nastro di Expo 2015. D'altra parte un milanese come lui non poteva non dire la sua in un'occasione così, tanto più che il papà di Renzo e Lucia scomparve (1873) proprio alla vigilia della grande stagione delle fiere milanesi, iniziata con l'Esposizione Nazionale del 1881.

«Manzoni aspetta l'Expo» è il tema che il Comune di Cormano, promotore dell'iniziativa, ha scelto per la decima edizione dell'«Ottobre manzoniano», in programma da ieri al 26 ottobre con più di 60 eventi, spettacoli, feste, concerti e convegni a Brusuglio e dintorni.

Si parla di Expo e quindi di cibo e alimentazione, vero filo rosso di questa edizione a partire dall'evento inaugurale, con l'apertura straordinaria di Villa Manzoni (visita guidata condita da tanti aneddoti e curiosità) e l'incontro con lo chef stellato Davide Oldani, un orgoglio della Milano ai fornelli, che ha presentato il suo libro «Che facile», inno alla «cucina pop» e alle tradizioni locali.

La dice lunga anche il titolo dello spettacolo messo in scena nel pomeriggio: «Dolce da morire», a cura del Teatro Periferico.

Da non perdere invece l'appuntamento di venerdì con Luca Mercalli, l'apprezzato climatologo di «Che tempo che fa», alle 21 a Bi' con il titolo «Dal manzoniano assalto ai forni all'assalto alle risorse del pianeta: quali limiti alla crescita?». Sempre alla Bi' sono in programma, per i più piccini, tante attività e spettacoli: letture animate, laboratori creativi, «merende allegre».

L'11 ottobre, ad esempio, va in scena «Cibiamo la natura» (Spunk Teatro), e il 19 «Lupo, valigia e capretti» (Teatro del Buratto), entrambi alle 16. Sempre per i ragazzi, dagli 8 ai 14 anni, è aperto fino al 30 settembre il concorso «Orto-grafia», che premia il più bel racconto su agricoltura e ortaggi.

I più grandi, invece, potranno riflettere con «Mafie in pentola» (4 ottobre, ore 21), una performance di teatro civile-gastronomico che abbina recitazione, denuncia sociale e degustazione di prodotti coltivati nei terreni strappati alle mafie.

Tutti al femminile gli eventi alla biblioteca, come le conferenze «Hänsel e Gretel. Il femminile e il cibo come veicolo di emozioni», della psicoterapeuta Silvana Nicolosi (27 settembre, ore 16), e «La donna e il cibo nella famiglia e nella società», del sociologo Daniele Martinez (3 ottobre, 21).

Molto attesi gli incontri con l'autore: il 10 ottobre (Bi', ore 21) Franco Stefanoni presenta il libro-inchiesta «Le mani su Milano» insieme a Pippo Civati e Mario Portanova.

Come da tradizione, non mancheranno le parodie manzoniane e i momenti gustosi della rassegna «Sapori» dell'«Ottobre Manzoniano».

Si chiude il 25 ottobre, con il convegno «Manzoni, il cibo, la fame, la storia», in collaborazione con il Centro Studi Manzoniani, e domenica 26 con la sagra «Brusuglio in festa» tra bancarelle e negozi aperti tutto il giorno.