Il disegno politico del pm anti premier che militava nelle fila di Lotta Continua

Già a 17 anni Pino Scelsi militava nel movimento di Sofri. E da magistrato ha sempre rivendicato il suo stare &quot;a sinistra&quot;. <a href="/a.pic1?ID=360355" target="_blank"><strong>Bari, gli atti segreti della Procura finiscono subito su &quot;Repubblica&quot;
</strong></a>

Milano Come tanti magistrati, giornalisti e manager della sua generazione viene da Lotta Continua. Pino Scelsi entrò giovanissimo nel movimento guidato da Adriano Sofri e lì cominciò a elaborare la sua cultura politica, a forgiare le sue idee, a duellare con gli avversari. Nell’inverno del 1971, a soli 17 anni, prendeva già parte, come un politico navigato, ad assemblee infiammate e discuteva fra urla, strepiti e insulti, colonna sonora di quell’album. Il pm che oggi ha fra le mani l’inchiesta sulle ragazze squillo di cui parla tutta Italia, non era un militante qualsiasi. Dai pensieri deboli e dai colori stinti. No, ci fu un suo intervento memorabile per difendere la linea meridionalista di Sofri e la rivolta di Reggio Calabria, quella del boia chi molla. La falange dei marxisti leninisti imbufaliti quasi gli impedì di aprire bocca, ma lui imperterrito proseguì fino alla fine.
Scelsi è fatto così: la politica ce l’ha nel sangue. E da allora non ha mai smesso di aggiornare gli ideali che certa sinistra, gruppettara e non ortodossa, svincolata da una stretta appartenenza partitica, ha tenuto alti come una bandiera. Dal liceo Orazio Flacco e da Lc all’università e al Collettivo di giurisprudenza e scienze politiche. Poi, altro salto, ecco la professione e la scelta di Magistratura democratica, il grande laboratorio della sinistra in toga, la corrente ultrà, insieme ai Movimenti riuniti, dentro l’Anm e nel Csm. Scelsi ha sempre frequentato questo ambiente, è sempre stato dentro questo perimetro, ha sempre dato al suo lavoro una forte connotazione sociale.
È un po’ la cifra di Md: l’idea che la Costituzione debba essere interpretata a vantaggio dei lavoratori e contro i potenti, il concetto che la sinistra giudiziaria possa fiancheggiare quella politica per introdurre un nuovo ordine sociale, per colpire le diseguaglianze, per combattere sul fronte dell’ambientalismo, del diritto al lavoro, della trasparenza e via elencando come in un tazebao.
Difficile dire dove finisca la politica dei partiti e cominci quella delle toghe rosse, ma su questo confine e sull’ambiguità dei legami che tengono insieme le varie anime della sinistra, si è costruito un pezzo della storia italiana recente.
Scelsi appartiene a questo mondo. Nel 2005 va alla tribuna del congresso di Magistratura democratica e arringa i colleghi, come faceva nel 1971: «A nessuno di voi è sfuggito che la Puglia è cambiata. E non perché uomini o donne che si richiamano ai valori della sinistra sono al governo delle istituzioni. Non che questo non conti», precisa Scelsi consacrando così l’ascesa del governatore Nichi Vendola e del sindaco ed ex pm Michele Emiliano. «Anche la nostra corrente - rivendica lui orgoglioso -, la nostra storia collettiva e individuale si ispirano a quei valori. Ma quel che è successo in Puglia è qualcosa in più». Addirittura. E che cosa?
La Puglia per Scelsi è cambiata anche perché sono diventate patrimonio della classe politica quelle questioni che prima si agitavano negli alambicchi di Magistratura democratica. E ora sono quasi le tavole della legge: «In questa stagione politica hanno trovato rappresentanza le domande che salgono dalle vecchie povertà degli emarginati e dalle nuove povertà del lavoro dipendente, dai ceti giovanili che vivono l’angoscia di un futuro pieno di incognite, hanno trovato cittadinanza le domande di sanità, ambiente, lavoro. E anche i magistrati di Bari e di Lecce... hanno saputo cogliere i segni di questa nuova stagione politica e sociale».
Che significa in concreto saper cogliere i segni dei tempi? Forse vuol dire che la creta dell’ideologia modella le inchieste e le trasforma in missili del cambiamento e della discontinuità? Certo, i magistrati, tutti, hanno a disposizione un cesto quasi infinito di temi, notizie di reato gossip, veleni: in teoria quel cesto è quello dell’obbligatorietà dell’azione penale, in realtà, lo dicono le stesse toghe, il magistrato manda avanti le inchieste che più corrispondono alla sua sensibilità. Rallenta o ferma discrezionalmente le altre, lontane dai suoi ideali, dai suoi interessi, dalle sue passioni. È in questo spazio quasi invisibile che si giocano talvolta i destini del Paese. Intendiamoci: Scelsi è sempre stato un magistrato corretto, ha sempre svolto con rigore le sue indagini e ha sempre resistito alla tentazione di superare quel confine aperto e candidarsi in questa o quella lista come hanno fatto alcuni suoi colleghi. Questo gli fa onore, ma la sua storia resta quella di tante toghe. Rosse. Da Lc all’indagine che sfiora Palazzo Chigi.