Ecco dove sorgerà la MOSCHEA

Il proprietario del Palasharp, Divier Togni, martedì vedrà il prefetto di Milano e gli porterà la sua proposta per risolvere finalmente il caso della moschea. Togni mantiene il più assoluto riserbo sulla carta che andrà a giocare a Palazzo Diotti, limitandosi a dire che «è in zona». Si sa che dovrebbe essere un’area ora adibita a deposito di vecchi mezzi e attrezzi. Si tratta di un piazzale retrostante il Palasharp, ora occupato da camper, palchi smontati, automobili e camper. In via Salerio, fra via Sant’Elia e via Benedetto Croce. Facilmente raggiungibile dai mezzi pubblici, lontano dalle case. Richiederebbe una semplice copertura o una struttura prefabbricata da montare già a settembre.