Ecco l'istruzione tedesca:Hitler era un democratico

Una ricerca svela le lacune nell'istruzione dei giovani tedeschi. Pensano che il Führer difendesse i diritti umani. E confondono Germania est e Germania ovest

Adolf Hitler? Per un liceale tedesco su due non era affatto un dittatore. E uno su tre è assolutamente convinto che abbia protetto i diritti umani. Sono i risultati di uno studio condotto dai ricercatori della Free University di Berlino. E fanno pensare che forse nelle scuole teutoniche dovrebbero puntare un po' di più sulla storia contemporanea. Per non ritrovarsi con una generazione di persone che ignorano le proprie origini, o almeno una parte importante della loro storia recente.

Klaus Schroeder, autore dello studio, ha commentato i risultati dell'indagine definendoli "scioccanti". Su 7.500 studenti intervistati, tutti intorno ai 15 anni, due terzi non hanno saputo neppure dire se la Repubblica Democratica tedesca, crollata con la caduta del muro che divideva in due la Germania, fosse uno stato totalitario.

Solo uno studente su due sapeva che la parte occidentale della Germania era democratica. E il 40% non sa neppure in quale governo viva. E sempre un 40% degli intervistati non distingue tra nazismo, Repubblica democratica tedesca e repubblica federale.

Commenti

Cinghiale

Sab, 30/06/2012 - 11:31

I crucchi sanno bene cosa insegnare e cosa no alle loro giovani menti.

Raoul Pontalti

Sab, 30/06/2012 - 11:46

Hanno 15 anni e non 25 questi ragazzi. Certi concetti, che richiedono conoscenze, per quanto rudimentali, storiche e anche filosofiche non possono essere appannaggio dei ginnasiali che per l'età non hanno nemmeno esperienza di vita necessaria per la comprensione. Questo è solo un pretesto per fare il lavaggio del cervello.

Bruno Burinato

Sab, 30/06/2012 - 12:15

Avanti così, fra poco, se non lo hanno già fatto, arriveranno a negare l'esistenza dei lager e la così detta "soluzione finale" e i milioni di morti nelle camere a gas, e poi si permettono anche di fare la lezione agli altri alzando il ditino da saputelli

migrante

Sab, 30/06/2012 - 13:46

affrettatevi a pubblicare qualche ricerca che domostri in modo inconfutabile che i nostri studenti sono comunque messi peggio !...mi raccomando...e che non vi venga piu`in mente di togliere la bottiglia al tafazzi !!!

Gio1602

Sab, 30/06/2012 - 13:55

i tedeschi non devono permettersi di nominare la parola "cani" i cani non sono *******i! ma i tedeschi sì con un passato criminale indimenticabile e per l'umanità saranno bastradi sempre. non sanno vincere con onore, ma pretendono di vincere sempre sull'umanità, perchè si credono una super-razza!!!! gio.

Ritratto di scriba

scriba

Sab, 30/06/2012 - 14:16

ECCO L' ISTRUZIONE ITALIANA. Stalin era un democratico. Perchè meravigliarsi dell' ignoranza adolescenziale teutonica se quella omologa italiana è tale e quale? Quanti ragazzi italiani sanno cosa avvenne nell foibe carsiche? Che stalin ha sterminato ebrei in numero triplo rispetto ad Hitler? Che tutti i paese dominati dal comunismo si definiscono democratici anche se sono privi delle più elementari libertà? Che i campi di deportazione e concentramento non sono stati inventai dal folle Hitler ma dai comunisti sovietici? La non istruzione tedesca è come quella italiana e non possiamo che farcene una colpa di Stato perchè è l'ideologia ipocrita che nega la storia e fabbrica imbecilli ignoranti.

Coriolanus

Sab, 30/06/2012 - 14:33

Il discorso sarebbe molto lungo. Mi pare chiaro comunque che ancora non volete capire che quello di democrazia è un concetto astratto. La democrazia non è una formula matematica, non è definibile da un punto di vista scientifico. Quindi hanno, in ogni caso, ragione i ragazzi nel ritenere che non esiste una chiara linea di demarcazione tra la (cosiddetta) democrazia e la (cosiddetta) dittatura. Questo significa che il lavaggio del cervello cui vengono sottoposti i ragazzi non riesce ad annullare la loro capacità critica. Sarebbe stato poi interessante fare tante altre domande a questi studenti. Ad esempio chiedere loro, a proposito di difesa dei diritti umani, cosa pensano delle "democrazie" occidentali che, con il pretesto appunto della difesa dei diritti umani, hanno bombardato la Serbia prima, quindi, l'Irak, quindi l'Afghanistan, quindi la Libiya e non vedono l'ora di andare a bombardare la Siria e l'Iran? Che non hanno neanche paura di fare scoppiare la terza guerra mondiale?

ninito

Sab, 30/06/2012 - 14:44

Qualsisi somiglianza con i nostri sinistri è pura coincidenza?

druso

Sab, 30/06/2012 - 14:59

#2 Raoul Pontalti - Ill.mo dott. prof. Pontalti non e' per caso che sia il suo cervello ad essere gia' stato trattato con ipoclorito di sodio? Ossequi a lei prof.

tacitus

Sab, 30/06/2012 - 15:21

Sarebbe bene che ci occupassimo dello stato inverecondo dell'istruzione italiana, invece di fare le pulci ai tedeschi.

sorans99

Sab, 30/06/2012 - 16:28

Coriolanus e scriba, è un piacere leggere i vostri interventi.

mila

Sab, 30/06/2012 - 16:26

#7 Coriolanus -E' vero che la democrazia e' un concetto un po' astratto, soprattutto come e' interpretata dal moderno impero americano, pero' (non so come sono state formulate le domande) dire che Hitler difendeva i diritti umani! I crimini commessi dai nazisti, specie quelli in nome della loro superiorita' razziale, della quale forse molti Tedeschi sono ancora convinti, non possono neppure essere commentati; sono un primato assoluto. #6Scriba -Le deportazioni sovietiche non diminuiscono le responsabilita' naziste. Siamo giusti anche con gli ex nemici. Stalin non voleva eliminare tutta la razza ebraica, ma solo i suoi oppositori, o presunti tali.

mila

Sab, 30/06/2012 - 16:32

#7 Coriolanus -E' vero che la democrazia e' un concetto un po' astratto, soprattutto come e' interpretata dal moderno impero americano, pero' (non so come sono state formulate le domande) dire che Hitler difendeva i diritti umani! I crimini commessi dai nazisti, specie quelli in nome della loro superiorita' razziale, della quale forse molti Tedeschi sono ancora convinti, sono inarrivabili e non possono neppure essere commentati. #6Scriba -Le deportazioni sovietiche non diminuiscono le responsabilita' naziste. Siamo giusti anche con gli ex nemici. Stalin non voleva eliminare tutta la razza ebraica, ma solo i suoi oppositori, o presunti tali.

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Sab, 30/06/2012 - 16:41

Al riguardo degli insulti per Cassano e Balotelli nessuno (che può) non dice naturalmente nulla. Gli italiani possono essere insultati o presi per i fondelli da chiunque ( vale anche per la grottesca situazione dei 2 MARO' in india ) - ragazzi se non avete le palle state a casa e non derubate gli italiani con i vostri compensi d'oro. Purtroppo la mia è resterà " vox clamantis in deserto". Gwendolin

MarioMatteo

Sab, 30/06/2012 - 17:26

il vero problema della ricerca condotta dalla Free University di Berlino non è tanto la scarsa istruzione ricevuta dai ragazzi in questione ma ciò che sia stato fatto dal 1945 in poi nell'intera Europa: oltre alla demonizzazione dei partiti di destra e delle figure di Hitler e Mussolini è stato fatto ben poco. Pensate alle vendette partigiane (in Italia), agli scandali per corruzione che si sono susseguiti senza sosta (anche fuori dai nostri confini), alle mancate riforme in ambito sociale. Gli unici che possano testimoniare cosa voglia dire mancanza di libertà posso essere i figli di coloro che hanno subito il comunismo sino alla caduta del muro di Berlino, ciò stupisce? Le difficoltà incontrate dai Paesi nel dopoguerra assieme alla situazione sopra descritta hanno creato una rivalutazione dello "stato forte": in un certo senso è la rivincita della storia nei confronti di tutti quei professori che hanno esaltato il socialismo e demonizzato la destra in generale.

astice2009

Sab, 30/06/2012 - 17:36

6scriba lei e 7coriolanus potete ringraziare di non essere vissuti 55 anni fa. Sareste giustamente finiti come i vostri amici delle SS : giustiziati.

pol

Sab, 30/06/2012 - 17:37

se fosse fatta la stessa ricerca in Italia probabilmente si scoprirebbe che la maggior parte dei ragazzi è messa peggio..nessuna guerra civile in Italia dal 1943 in poi, i partigiani erano solo rosssi, tutti brava gente e hanno liberato l'Italia alla faccia degli alleati, i gulag erano centri di formazione, in urss con il comunismo stavano tutti bene e lo stesso vale per cuba, la costituzione italiana è stata scritta da menti divine e come tale è più immutabile dei dieci comandamenti...e via di questo passo.probabilmente non basterebbero diecimilioni di caratteri.saluti

andrea24

Sab, 30/06/2012 - 21:04

(Prima parte)Avrei risposto bene alla loro età,se è questo quel che vogliono. Mi si permetta,comunque,di fare una constatazione. In che ambito possiamo inserire questi sondaggi? La loro finlità da cosa dipende ed in quale contesto può essere collocata? Non è che sono lo "specchio",questi,sondaggi,della realtà in base alla quale,oggi, il mondo(quello occidentale) vuole farsi apparire? Sono espressione indiretta di una certa cultura dominante che,non avendo neppure a cuore l'oggettività delle cose,strumentalizza comunque la storia per colpire idee sempre più mal viste alla cultura dominante,idee quali "nazionalità"(magari facendo leva psicologica su Hitler) e facendo passare,nel contempo, sempre più l'idea che l'Occidente è democratico,buono,che ci sono i "diritti"...che tutto il resto,anche su base concettuale è dittatura(compresa la religione e la morale)....

andrea24

Sab, 30/06/2012 - 21:13

(Seconda parte)Il mondo odierno non ha comunque nulla da invidiare,per certi versi,né ai nazisti né a Stalin,relitti ed embrioni di un nuovo sistema assolutistico anti-umano. Tra scientismo(religione irrazionale),eugenetica(razzismo),svalorizzazione della sfera umana(disumanizzazione),progressismo ideologico(regresso),politiche omicide(es.propaganda politica abortista),materialismo edonista,controllo delle masse,omologazione....e chi più ne ha più ne metta...

claudiocodecasa

Sab, 30/06/2012 - 22:14

tutte bufale.......la verità consiste nella consapevolezza che la germania ha una struttura governativa molto più efficente della nostra, noi siamo i servi della gleba, grazie ai comunisti che disprezzano l'italia ma mangiano nel suo piatto

cyclamen

Dom, 01/07/2012 - 00:00

Proposta: eliminare la storia come materia a sé stante e sostituirla con una specie di Bignami con domande e risposte, tipo catechismo di S. Pio X, da mandare a memoria. I risultati potrebbero essere migliori di oggi (pessimi). In Italia, come in Francia, in Germania...