Acciaio, Riva ferma tutti gli impianti in Italia

Il provvedimento, si legge in una nota, "si è reso necessario poiché il sequestro preventivo, ordinato dalla Magistratura di Taranto e notificato a Riva Acciaio lo scorso 9 settembre, impedisce la normale prosecuzione operativa della società

In una nota la società "Riva Acciaio" conferma la cessazione da oggi di tutte le attività dell’azienda, esterne al perimetro gestionale dell’Ilva. Si tratta di sette stabilimenti in cui sono impiegate circa 1.400 persone. La decisione viene motivata con il sequestro preventivo penale del Gip di Taranto. Nel capoluogo ionico l’unica società interessata sarebbe "Taranto Energia", che conta 114 dipendenti. L’azienda ha già convocato per domani i sindacati di categoria, prospettando problemi per il pagamento degli stipendi. Gli stabilimenti che saranno chiusi sono quelli di Verona, Caronno Pertusella (Varese), Lesegno (Cuneo), Malegno, Sellero, Cerveno (Brescia) e Annone Brianza (Lecco) e di servizi e trasporti (Riva Energia e Muzzana Trasporti).  La decisione, comunicata al custode dei beni cautelari, Mario Tagarelli, e illustrata alle rappresentanze sindacali dei diversi stabilimenti coinvolti, "si è resa purtroppo necessaria - continua la nota - poiché il provvedimento di sequestro preventivo penale del Gip di Taranto, datato 22 maggio e 17 luglio 2013 e comunicato il 9 settembre, in base al quale vengono sottratti a Riva Acciaio i cespiti aziendali, tra cui gli stabilimenti produttivi, e vengono sequestrati i saldi attivi di conto corrente e si attua di conseguenza il blocco delle attività bancarie, impedendo il normale ciclo di pagamenti aziendali, fa sì che non esistano più le condizioni operative ed economiche per la prosecuzione della normale attività".

Riva Acciaio fa sapere inoltre che impugnerà "nelle sedi competenti il provvedimento di sequestro, già attuato nei confronti della controllante Riva Forni Elettrici e inopinatamente esteso al patrimonio dell`azienda, in lesione della sua autonomia giuridica, ma nel frattempo deve procedere alla sospensione delle attività e alla messa in sicurezza degli impianti cui seguirà, nei tempi e nei modi previsti dalla legge, la sospensione delle prestazioni lavorative del personale (circa 1.400 unità), a esclusione degli addetti alla messa in sicurezza, conservazione e guardiania degli stabilimenti e dei beni aziendali".

La confisca dei beni

È di 916 milioni di euro il valore di immobili, disponibilità finanziarie e quote societarie confiscate ieri dai militari della Guardia di Finanza di Taranto a 13 società riconducibili al Gruppo Riva. Le attività di sequestro sono state eseguite principalmente nella sede di Milano e Taranto ed hanno interessato anche le città di Roma, Genova, Cagliari, Modena, Parma, Reggio Emilia, Sondrio, Varese, Potenza, Bolzano, Savona, Bergamo, Brescia, Verona, Napoli, Salerno, Bari, Vercelli, Coma, Massa Carrara, Lecco, Cuneo. L’operazione rientra in un dispositivo del Gip del Tribunale di Taranto che ha "esteso" il decreto di sequestro preventivo già emesso nello scorso mese di maggio, fino alla concorrenza della somma di 8,1 miliardi di euro, nei confronti delle società "Riva - F.I.R.E.", "Riva forni elettrici" e "Ilva", tutte con sede a Milano. Tale "estensione" , in pratica, ha riguardato le società "controllate, collegate o comunque sottoposte all’influenza dominante" dalle predette "ex articolo 2359 c.c.". L’importo di 8,1 miliardi di euro era stato commisurato al vantaggio economico goduto dal citato gruppo industriale, derivante dalla mancata messa in opera delle strutture necessarie all’ambientalizzazione della nota azienda siderurgica tarantina.

Federacciai: è accanimento giudiziario

"Il drammatico provvedimento preso e comunicato oggi da Riva Acciaio - commenta il presidente di Federacciai, Antonio Gozzi - rappresenta l’esito annunciato di un accanimento giudiziario senza precedenti, da me ripetutamente denunciato già in tempi non sospetti. È la conseguenza - aggiunge a margine del funerale di Steno Marcegaglia - di un braccio di ferro tra magistratura e Governo, con la magistratura che ha prevalso vanificando, di fatto, ben due leggi dello Stato, la legge 231 e quella successiva sul commissariamento". Gozzi sottolinea che "di fronte a questo dobbiamo con ancor più urgenza e forza chiederci quali strumenti possiamo mettere in campo per garantire nel nostro Paese una reale libertà di impresa. Strumenti a cui Riva Acciaio non ha potuto fare ricorso".

Cassa integrazione ai lavoratori

Al termine di un vertice svoltosi al Ministero dello Sviluppo economico, a cui hanno preso parte le segreterie nazionali dei sindacati metalmeccanici insieme al ministro Claudio Zanonato e il sottosegretario del dicastero Claudio De Vincenti, il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, ha detto che "il governo stasera ha garantito a partire da domani mattina la copertura degli ammortizzatori sociali utili ai 1.400 addetti dei 7 siti e delle 2 società di trasporti e servizi facenti capo a Riva Acciaio presenti sul territorio nazionale". 

Commenti

Libertà75

Gio, 12/09/2013 - 15:54

Tutto regolare, in Italia le fabbriche non ci devono essere. Non si poteva chiudere un forno alla volta e tempo 24 mesi ristrutturare il tutto. Siamo un paese senza orgoglio e futuro.

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 12/09/2013 - 15:58

Tutto ciò è assurdo. Anzi, no. CRIMINALE. Non assurdo. Non c'è stato un PROCESSO, non c'è stata una CONDANNA DEFINITIVA. Non ci sono numeri statisticamente rilevanti a conferma delle TESI d'accusa. Non c'è NULLA DI NULLA. E questi chiudono una delle più grandi aziende italiani, mandando a spasso migliaia di lavoratori padri di famiglia, in base AL NULLA. Questi magistrati sono CRIMINALI.

killkoms

Gio, 12/09/2013 - 16:02

i giudici stanno distruggendo l'industria in Italia!

BeppeZak

Gio, 12/09/2013 - 16:05

Ecco altri disoccupati e famiglie messe sulla strada. Le imprese pian piano andranno tutte via dall'Italia.

makeng

Gio, 12/09/2013 - 16:09

IMBECILLI TOGATI!

Zizzigo

Gio, 12/09/2013 - 16:14

In Italia le cose vanno male, ma per fortuna c'è la magistratura che dà un mano alla ripresa. Infatti, in barba a tutti gli insegnamenti della tecnologia e dell'economia, blocca l'industria dell'acciaio (che i tecnici sanno benissimo che non si deve fermare!). E poi chi li manterrà i disoccupati e le loro famiglie? I soliti noti?

Efesto

Gio, 12/09/2013 - 16:16

L'importante è sopprimere l'odiato capitalista, degli operai non importa niente a nessuno. Questi son passi necessaria per la collettivizzazione delle imprese. Certo l'applicazione precisa della legge avanti a tutto, anche alla fame.

Ritratto di mark911

mark911

Gio, 12/09/2013 - 16:19

Dopo che la magistratura ha colpito Augusta con il caso india e commesse annullate e passate alla concorrenza straniera (che anche lei paga tangenti in quel paese e non solo!) ora Riva, poi troveranno il modo di eliminare definitivamente Mediaset con quei cattivoni della famiglia Berlusconi nonchè Mondadori già condannata a quella multa assurda a favore dell'amico concorrente e poi chi rimane ...a si la Fiat ma Merchionne ha già capito che deve portare il più possibile in USA prima che la magistratura faccia danni quindi alla fine saranno solo i magistrati i ricchi (vedi loro stipendi intoccabili) di questo paese e gli altri.... tutti poveracci alle loro dipendenze !

Ilgenerale

Gio, 12/09/2013 - 16:20

Concordo con Liberta75 , stiamo morendo per mancanza di orgoglio , questi animali rossi con la toga stanno mettendo in atto il loro perverso piano ideologico e noi non facciamo nulla per impedirlo!!!

Duka

Gio, 12/09/2013 - 16:30

A casa 1500 persone ILVA ma pochi ne parlano è una faccenda di sinistra come la megatruffa Monte Paschi. Zitti che forse nessuno se ne accorge.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 12/09/2013 - 16:34

giustissimo, tutti a casa spero chiuda per sempre in Italia SOLTANTO POVERTA'. MISERIA E MORTE IN NOME DELL'EURO E DEI POTERI OCCULTI DI OGNI GENERE CHE VI STANNO OPPRIMENTO E TOGLIENDO OGNI LIBERTA' CARI ITALIANI, CONTINUATE A VEDERE LE PARTITELLE DI CALCIO O GIOCARE ALLE SLOT POVERI SCHIAVI FELICI

Ritratto di venividi

venividi

Gio, 12/09/2013 - 16:41

Macché killkoms, i giudici stanno distruggendo TUTTO. Metti il potere nelle mani di gente piena di sé e che è certa di non pagare mai i propri errori, ed ecco che piano piano ti distrugge tutto.

Ritratto di venividi

venividi

Gio, 12/09/2013 - 16:42

Macché killkoms, i giudici stanno distruggendo TUTTO. Metti il potere nelle mani di gente piena di sé e che è certa di non pagare mai i propri errori, ed ecco che piano piano ti distrugge tutto.

LAMBRO

Gio, 12/09/2013 - 16:45

PASSO PASSO RIUSCIRANNO A CREARE ALTRI 100 mila DISOCCUPATI !!! SENZA RISOLVERE IL RISANAMENTO DELL'ILVA!!! BRAVISSIMI E' QUEL CHE CI VUOLE!!

obregia

Gio, 12/09/2013 - 16:46

un funzionario dello stato con la qualifica di magistrato con buone o false convinzioni estende la sua funzione(impropriamente definito potere)su tutto il territorio nazionale emettendo provvedimenti restrittivi cautelativi causando piu danni dell'inquinamento. la casta che in audita altera parte nel bene o nel male fa quello che vuole.è necessario e urgente la riforma della funzione della magistratura.

unosolo

Gio, 12/09/2013 - 16:46

bene , l'incompetenza di certi personaggi che non hanno dato possibilità di adeguare gli impianti ma solo fermi e risarcimenti ecco dove ci portano , fanno scappare imprenditori e imprese , migliaia di imprese sparite per vie giudiziarie altre per la crisi e abbiamo migliaia di persono che svuotano le casse dello stato , vorrei solo una cosa , lo stato deve prima bloccare stipendi d'oro e poi quelli più alti della casta , questo prima che l'IMPS svuoti i forzieri , fermare gli stipendi di chi ha causato anche involontariamente o per inesperienza il fermo produttivo.

franco.cavola

Gio, 12/09/2013 - 16:52

Bravi magistrati!!!!così le aziende saranno ristrutturate e rese ambientalmernte compatibili dallo spirito santo!!!!!! NAPOLITANO, STAI MANDANDO IN MALORA L'ITALIA!!!!!!

gedeone@libero.it

Gio, 12/09/2013 - 16:53

Ora gli operai senza lavoro e senza prospettive si rivolgano ai signori magistrati, al kompagno landini, alla fiom-cgl ed al sindacalista-segretario del pd. Si presentino a casa di queste belle persone e reclamino il sostentamento per le loro famiglie.

cgf

Gio, 12/09/2013 - 16:56

vogliono chiuderla, c'è nulla da fare!!! è evidente!! Ora che non sono più sicuri se i tumori ai polmoni siano causa della alta contentrazione di consumo di sigarette in Italia o Ilva, in ogni caso va annotato che PRIMA era dello Stato anche l'acciaieria, i giudici usano il metodo collaudato di bloccare i conti e costringere al fallimento, loro 'preventivamente' bloccano tutto! bye bye investimenti, bye bye occupazione, bye bye tutto.

Massimo Bocci

Gio, 12/09/2013 - 17:06

Ma secondo voi Italioti….ma un impiagato dello stato (di concetto-comunista!!!) vincitore di concorso??? Che grazie a una costituzione di REGIME STALINISTA gli concede poteri ed agi parificati a quelli di un RE (DESPOTA-COMUNISTA),oh questo deve difendere il REGIME mica storie, non vorrete per caso che un simile eletto??? COMUNISTA!!! Possa anche per caso subire danni anche minimale da inquinamento per lavoro di terzi, terzi miserabili che si fanno un mazzo tanto, portare a casa un tozzo di pane alla famiglia,miserabili metalmeccanici,che imparino a fare l'acciaio senza rompere il CAZZO??? E disturbare il loro status di REGNANTI in pectore, Se poi non è possibile che cazzo gliene frega a loro, il loro acciaio arriva puntuale in Banca ogni 23 cm,con gratifiche, premi, extra, carriera di anzianità.ecc.ecc, e loro con un simile, presente,futuro da ZECCA PARASSITARIA, non se lo possono mica far disturbare da dei miserabili, In fondo questo e’ un regime (di LADRI dal 47 fondato da Stalin o SI o SI), dunque come diceva la buonanima dell'avvocato Fiat, nelle vita ci sono le priorità e i VESSATORI che le impongono, se uno e fesso e fa il metalmeccanico se è un volpino (comunista) fa l’azzecca garbugli e si becca il 23 mc.Tanto poi c’è il Bue Italiota che PAGA!!!! Gli agi di REGIME!!!!… COMUNISTI!!!!

Felice48

Gio, 12/09/2013 - 17:12

Ancora la magistratura. Non è che il loro operato porti conseguenze disastrose? Si la situazione dell'Ilva è bruttissima e da condannare. Non si poteva trovare un soluzione più soft? Invece di portare a certi risultati?

Felice48

Gio, 12/09/2013 - 17:13

Così non è che favoriamo altri colossi stranieri dell'acciaio?

Giacinto49

Gio, 12/09/2013 - 17:14

L'economia, specialmente la sua crescita, non si sostiene a forza di sentenze ma, intanto con gente che lavora, poi con leggi che, proteggendo i lavoratori, contemporaneamente li obblighino alla produttività. Magistrati inadeguati per orientamento politico ed incapacità personale saranno la rovina del Paese. Forza Silvio!!!

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Gio, 12/09/2013 - 17:18

Chissà com'è, da quando a rischiare sono le aziende del nord che si occupano principalmente degli indotti o di lavori esterni all'ilva di Taranto, tutti che protestano! Ora Taranto è diventata il motore dell'economia italiana! E dove ca..o erano tutti, quando da ANNI si chiedeva a quei mafiosi schifosi merdosi di Riva & co. di rispettare le direttive europee in materia ambientale? Perché NESSUNO di dx e di sx ha realmente preso posizione? Tutti bravi a far visita alla città e allo stabilimento, tutti bravi a far comizi mentre la gente moriva e muore! Sarebbe bastato multare salatissimamente i padroni (ah, lo sapevate? Riva è imparentato col sig. Dini) tutte le volte che non ha rispettato le leggi. Sarebbe bastato migliorare, modificare, risanare, un poco per volta l'acciaieria, e ora non saremmo in queste condizioni. Questa è una delle rarissime volte in cui la magistratura fa il suo dovere, ai pm sebastio e todisco dovrebbero fare un monumento. Vergogna! Andate a fare certi discorsi ai bambini nati col tumore alla gola o alle mamme con il latte alla diossina!

rossini

Gio, 12/09/2013 - 17:18

E' evidente che l'azienda è costretta a chiudere. Se i Giudici le sequestrano i conti correnti come fa ad effettuare i pagamenti (stipendi, materie prime, energia ecc. ecc.)? O forse i nostri Magistrati credono che gli zecchini d'oro nascono sugli alberi? Ringraziamo dunque questa Magistratura irresponsabile e priva di senso comune e andiamo tutti a firmare i referendum radicali sulla Giustizia Giusta.

rossini

Gio, 12/09/2013 - 17:21

Aggiungo. Se i magistrati che hanno disposto quel sequestro dei conti correnti dell'azienda avessero saputo che vi è la possibilità di essere chiamati a rispondere in sede civile per i danni provocati da un provvedimento così dissennato, forse, prima di emetterlo, ci avrebbero pensato due volte.

Mr Blonde

Gio, 12/09/2013 - 17:29

Kayleigh per una volta (a parte il solito stucchevole riferimento alle vicende personali del vs capo) sono pienamente d'accordo con te. E considera infatti che se è vero che la famiglia è imparentata con i Dini ovvio che prima a dx e poi a sx se ne siano fregati. Tanto il patrimonio sarà già all'estero. Gli altri commenti sono da delirio, dragon lord massi bocci ma che dite? se non sapete neanche di che si parla lasciate stare no? ogni motivo ogni occasione si spara su napolitano l'euro letta e i fantomatici komunisti, io direi che la colpa è la ministra di colore ve la siete scordata?

Ritratto di Markos

Markos

Gio, 12/09/2013 - 17:30

Ma dove sta il problema ? saranno tutti assunti nella Guardia Forestale . Lo stipendio si può' attingere dal debito pubblico , miliardo più' o meno ormai..

G_Gavelli

Gio, 12/09/2013 - 17:33

...e il cosidetto Bel Pese perde la Siderurgia ed i suoi mercati sull'intero pianeta: Brava Magistratura!

gedeone@libero.it

Gio, 12/09/2013 - 17:34

Ma gli operai dell'Ilva e degli altri stabilimenti credono che la cassa integrazione e la mobilità dureranno in eterno? Perché non protestano verso il loro vero nemico, questi magistrati intoccabili vanagloriosi ed incapaci???

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Gio, 12/09/2013 - 17:34

Povera famiglia Riva... Costretta a vivere senza i miliardi nascosti all'estero... Chissà se pensano ancora che la morte dell'ennesimo malato i cancro è (cito testualmente) "una minchiata"...

acquario13

Gio, 12/09/2013 - 17:44

INCAPACI e PARASSITI!!!

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 12/09/2013 - 17:54

@ Kayleigh Complimenti non hai capito un cazzo. Dimostra, carte alla mano, una correlazione diretta tra ILVA e tumori. Uno solo. Aspetto.

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Gio, 12/09/2013 - 17:55

@acquario: hai ragione. Incapaci e parassiti i governi che si sono alternati e non hanno fatto nulla per evitare l'inevitabile. Come al solito pagheranno i cittadini e i lavoratori. Problemi di soldi? Che usassero quelli di Riva, come fanno per i beni confiscati ai mafiosi. Con quei miliardi non solo si possono pagare i disoccupati, ma si può bonificare tutta l'area siderurgica che, qualora non lo sappiate, è grande il doppio della città. Ci vorranno 30anni per bonificare tutto, senza contare le pecore ammazzate, la miticultura andata a pu...ne e che solo ora si sta riprendendo con mille sacrifici, ecc ecc ecc.

Alex Ge

Gio, 12/09/2013 - 17:56

@Kaleigh Ricordo che a Taranto, non c'è solo l'ILVA, ma anche una raffineria dell'Eni e l'arsenale militare; quindi l'unica fonte di inquinamento non può essere solo l'acciaieria. Il resto delle suo commento mi fa letteralmente vomitare. Ha pensato ai poveri operai, molti dei quali con famiglia e magari anche con mutui da pagare o figli da mantenere, che lavorano in tutti gli stabilimenti del Gruppo? E non mi venga a tirar fuori la menata del ricatto di Riva tra lavoro e salute, le due cose devono andare di pari passo. Abbiamo visto tutti cosa è successo a Bagnoli: chiudiamo tutto e bonifichiamo l'area per impiantare nuove attività produttive e reimpiegare gli operai; non se ne è fatto più nulla, tanto che c'è un'inchiesta in corso sul sperpero di soldi pubblici per le bonifiche mai avvenute! IN PRIMIS BISOGNA GARANTIRE I LAVORATORI E IL LORO POSTO DI LAVORO CON ANNESSO STIPENDIO, E CONTESTUALMENTE PROCEDERE CON I LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DEGLI APPARATI DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE. Solo l'intoccabile casta dei magistrati non ha capito questo. Il sequestro preventivo (a quale ignoto scopo poi?) dei CC del Gruppo Riva, non è altro che l'ultimo tassello per voler in ogni modo eliminare uno dei più grandi colossi dell'acciaio presenti in Italia e fare un favore ai tedeschi e alle loro acciaierie, mal gradisco la nostra concorrenza sul mercato, così saremo costretti a comprarlo da loro a prezzo esorbitante.

baio57

Gio, 12/09/2013 - 17:56

@ Kayleig (ore 17,18) - Fino al 1996 ,anno della cessione da parte dello Stato ai privati ,invece tutti sani a respirare aria pura , nessun caso di cancro o di silicosi . Addirittura vi si invitavano comitive da tutt'Italia per usufruire di suffumigi benefici gratuiti ....

entropy

Gio, 12/09/2013 - 18:02

Importante che adesso non paghi pantalone come al solito, ovvero non si proferisca nemmeno la parola CIGS. Non spetta; non ci nessuna di queste le condizioni: a) ristrutturazione, riorganizzazione, riconversione aziendale /ovviamente non ci azzecca b) crisi aziendale / le aziende non erano in crisi b) procedure concorsuali un sequestro cautelativo non è procedura concorsuale Comoda fare i sinistri politicogiuridicamente corretti e poi andare a mungere sempre la solita vacca. I sindacati è ora che muovano il culo e decidano da che parte stare.

canaletto

Gio, 12/09/2013 - 18:21

Bene, li mantengano i giudici. Berlusconi dovrebbe chiudere mediaset e mandare tutti a casa dei giudici maledetti a mangiare. Siamo veramente un paese di buffoni maneggiati da 4 luridi giudici rossi

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 12/09/2013 - 18:27

L'unica consolazione e' che si si fallisce non ci sono piu' soldi per pagare gli stipendi ai giudici.

Cirilla

Gio, 12/09/2013 - 18:35

ECCO COME SI FABBRICANO I POVERI! I COMUNISTI SONO INVINCIBILI IN QUESTO MESTIERE E COSI DOPO PER I SOPPRAVISSUTI CI SARà LAVORO SUBITO PER TUTTI ANCHE PER I PROFESSORI E LAUREATI E NIENTE PIù PRECARI,ESODATI DISOCCUPATI. CHE BELLO NO?!

scipione

Gio, 12/09/2013 - 18:49

Andate a firmare i referendum radicali sulla GIUSTIZIA.O si estirpa ora questo CANCRO CRIMINALE o l'Italia sara' perduta.

st.it

Gio, 12/09/2013 - 19:16

adesso chi paga per questo danno? Quei buffoni che hanno messo sotto sequestro lo stabilimento ilva di taranto? per fortuna che si dovrebbe uscire dalla recessione......con quali risorse? Quei soloni del diritto ci daranno una risposta?

giovanni PERINCIOLO

Gio, 12/09/2013 - 19:44

Non credo che in questo caso si possa più nemeno parlare di destra o sinistra! qui siamo di fronte all'arroganza e alla certezza di impunità della magistratura! Ormai il magistrato VUOLE avere ragione a prescindere e le sole cose che contano sono la sua vanagloria e il senso di onnipotenza. E' quanto mai più attuale il famoso: "io sono io e tu sei nu cazzo!" di Sordi. Riforma immediata della magistratura e se i grullini non sono d'accordo, vadano al diavolo!

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Gio, 12/09/2013 - 19:47

Quella"magistrata"di Taranto va fermata,cocciuta e tigna,sono cinquant'anni che il siderurgico inquina e ora questa Giovanna d'Arco al contrario sta facendo crollare quel poco di economia che è rimasta in piedi,ora chiediamo agli epifani,ai landini ,alle camusso,che si mobilitino e la smettano di difendere i privilegi degli statali,radunino tutti gli operai che da domani saranno a spasso e li portino con la loro organizzazione,con o senza bandiere rosse,sotto le finestre di costei e se necessario i paesi coinvolti blocchino strade,ponti,negozi e scuole.Bisogna finirla con questa magistratura che grazie a un disgraziato periodo in mano al trattorista molisano deborda da tutte le parti.Forza Camuni,fuori le palle,fatevi sentire perbacco!!!

Ritratto di niki 75

niki 75

Gio, 12/09/2013 - 20:04

Dopo le reiterate, sconsiderate, irresponsabili, distruttive azioni di sindacati , verdi e magistratura ci si poteva forse aspettare che i Riva aprissero altri stabilimenti in ITALIA????? Soggetti e fatti del genere sono più dannosi di una qualsiasi immane catastrofe ambientale, naturale e non. Ormai per gli investimenti nostrani ed esteri in Italia si è fatta terra bruciata. Poveri noi e poveri figli nostri!!!!!

vaigfrido

Gio, 12/09/2013 - 20:11

Non ho parole . ma ha fatto bene la società ! Mi dispiace pewr coloro che perdono il lavoro ma che si credono questi giudici ? che tanto i ssalari scenderanno dal cielo come i loro ? ma che v adano per un pò davanti ad un altoforno ..........

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 12/09/2013 - 20:12

Più che di "imbecilli", credo che qui si tratti di piano preciso per desertificare lavorativamente e moralmente l'Italia e impadronirsi delle macerie causate. La prova di forza tra istituzioni, che han perso i propri limiti costituzionali, o, meglio, la strafottenza di uno degli organi del sedicente stato, ci ha ormai portati, un giorno dopo l'altro e un abuso (fatto passare per legale) dopo l'altro, alla rovina. Ormai non ci resta molto da fare. Piano piano i comunisti (che non esistono più, a sentire certuni bontemponi) ci stanno espropriando di tutto, anche del giusto lavoro per i nostri figli, oltre che di quel po' po' di proprietà che i nostri padri ci han lasciato o che abbiamo acquistato coi nostri enormi sacrifici.

ptck135

Gio, 12/09/2013 - 20:13

Cari operai, oggi finalmente vi sarete accorti che le aziende senza quello che voi chiamate "padrone" non esistono. I Riva saranno anche delinquenti come pretende il magistrato che ha bloccato tutto ma almeno davano da mangiare a tutti voi. Adesso ci pensa Nichi che è tutto tranne il governatore della Puglia? Ci pensano i sindacati o i giudici sinistri che pensano solo a distruggere il nemico? Finalmente la realtà italiana è svelata. Continuate a votarli.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 12/09/2013 - 20:16

QUESTO E' IL RISULTATO VOLUTO DAI GIUDICI, BRAVI SIETE LA ROVINA DELL'ITALIA, E VI VA BENE PERCHE' SIETE INTOCCABILI MA DOVRESTE VERGOGNARVI...ROVINATE FAMIGLIE IMPRESE E PERSONE, NON AVETE RISPETTO PER NESSUNO...

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 12/09/2013 - 20:21

RIVA FA BENE A CHIUDERE, I SINDACATI VADANO A PRENDERSELA COI GIUDICI INCAPACI CHE CI SONO IN ITALIA, LORO NON GUARDANO IN FACCIA A NESSUNO E SE QUALCUNO OSA CRITICARLI E' UN UOMO MORTO. SE SIAMO NELLA MERDA DOBBIAMO DIRE GRAZIE ALLA MAGISTRATURA ITALIANI CHE, SPERO NON SI OFFENDANO, NON VALE UN CAZZO, E CI SONO TANTI ESEMPI CHE LO DIMOSTRANO.SONO GENTE INUTILE CHE COMBINA DANNI A DESTRA E A MANCA, VERGOGNA

meloni.bruno@ya...

Gio, 12/09/2013 - 20:23

Maggistratura e comunisti hanno fatto un patto d'ACCIAIO,scusate il gioco di parola! Noi vi garantiamo la vostra incolumità personale ma voi ci dovete lasciare le mani libere per il potere governativo,detto fatto!Gli attentati dei compagni che sbagliavano contro di loro sono finiti, il feeling con la maggistratura ( sindacale)democratica và a gonfie vele,cosa c'è d'aggiungere, e vissero felici e contenti!

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Gio, 12/09/2013 - 20:26

Adesso vadano a casa dei giudici a farsi dare da mangiare. Per il bene del paese i magistrati devono essere sottoposti a test psichiatrici trimestrali.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 12/09/2013 - 20:31

Una parte della magistratura è la 'longa manus' della Germania,che vuole distruggere l'industria italiana.

jeanlage

Gio, 12/09/2013 - 20:50

Questi magistrati, accaniti contro tutto e contro tutti (tranne che con il governatore della Regione che evidentemente poteva non sapere, fanno perdere vari punti di PIL e vari milioni di entrate in tasse delle aziende e dei lavoratori. Sarebbe ore, finalmente di ridurre i loro stratosferici stipendi che vengono pagati con le tasse.

bruna.amorosi

Gio, 12/09/2013 - 20:54

Imprenditori vi do un consiglio scappate dal'ITALIA tanto quì non avrete futuro con questa sinistra sindacal dipendente . se poi per caso vincessero allora addio perciò scappate più lontano possibile .

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Gio, 12/09/2013 - 21:32

Rien ne va plus, les jeux sont faits.Dalton Russell.

comase

Gio, 12/09/2013 - 21:40

Adesso mandare tutti gli operai a casa dei giudici

comase

Gio, 12/09/2013 - 21:42

I magistrati sono degli esseri geneticamente e antropologicamente diversi dal resto della razza umana!

elio2

Gio, 12/09/2013 - 21:57

Chissà chi ha intascato la tangente per far chiudere l'Ilva?

Beaufou

Gio, 12/09/2013 - 22:33

Caro Antonio Gozzi, gli unici strumenti da mettere in campo sarebbero quelli che permettessero di azzerare completamente questa magistratura autoreferenziale e impunita. Ma per toccare la magistratura, oggi, ci vorrebbe una guerre civile: non c'è altro modo.

rossono

Gio, 12/09/2013 - 22:47

Brutto segnale!! E poi i rossi con i compari sindacalisti rompono i coglioni con la frase: "chi e ricco diventa piu ricco chi e povero diventa sempre piu povero" SE gli Italiani non avranno la forza di spazzare via questi comunisti sara' la fine.

Rombo.Di.Tuono

Gio, 12/09/2013 - 23:35

La Cina RINGRAZIA !!

Ritratto di Markos

Markos

Gio, 12/09/2013 - 23:44

Kayleigh - non si capisce se sei donna o uomo ma capendo che sei comunista forse sei sicuramente un culattone parass-statale , ma guarda che qui si parla di cose serie non del tuo vecchio buco.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 12/09/2013 - 23:59

L'irresponsabilità di certi giudici che emettono sentenze, fingendo di ignorarne l'effetto sui lavoratori, ha trovato finalmente un contraltare degno delle loro azioni sconsiderate. Loro si beccano comunque i lauti stipendi ALLA FACCIA DEI LAVORATORI CHE OGGI SONO SENZA LAVORO. ANCORA COMPLIMENTI A UNA MAGISTRATURA CHE REMA CONTRO IL NOSTRO PAESE.

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Ven, 13/09/2013 - 00:09

Chissà perché le mie risposte a baio e alex ge non sono state riportate. Eppure ho tentato di farlo molto più di una volta. Mi dispiace, avrei voluto potermi spiegare meglio. Ora bloccate pure questo post. Saluti.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 13/09/2013 - 00:13

Perchè non li facciamo pagare ai giudici i 1400 stipendi? Una casta che lavora contro il proprio Paese merita di finire male... molto male! Mi chiedo chi li sta pagando, perchè non c'è altra spiegazione. killkoms scrive: "i giudici stanno distruggendo l'industria in Italia" Non è esatto! Stanno distruggendo L'ITALIA INTERA, non solo l'industria... e i compagni sono tutti contenti, perchè stanno per distruggere definitivamente il loro grande nemico Berlusconi. Quando si renderanno conto che le prossime vittime saranno loro?

marco lambiase

Ven, 13/09/2013 - 00:17

Nessuno dei commentatori abita al rione Tamburi? Fate una gita http://www.youreporternews.it/2012/lilva-tra-diossina-e-lavoro-reportage-da-taranto/

taranto libera

Ven, 13/09/2013 - 00:31

Siamo tutti bravi a parlare non vivendo la situazione in prima persona. quando la smetterete di difendere i terroristi ve ne saremo grati,w la magistratura. Taranto Libera basta morte per la ricchezza dei pochi burattinai. VERGOGNA. ps se vi piace l acciaio trasferitelo nelle vostre città da subito

roberto zanella

Ven, 13/09/2013 - 00:41

spero che gli operai invece di bloccare strade e rompere le balle ad altri lavoratori vadano sotto la procura,dentro la procura e menino i forconi. Nella azienda chimica dove lavoravo io,ho assistito come resp.della sicurezza sul lavoro a porcate della procura pompata da Lega Ambiente,poi hanno scoperto questi imbecilli di magistrati che c'era più inquinante nelle rotonde cittadine ma l'azienda rimase sotto tiro per degli anni nonostante ci fosse chi dallo stabilimento comunicava che stavano dicendo imbecillità,ma sono dei cretini patentati,per la miseria se io dovessi scegliere chi buttare dalla torre,certamente salvo Berlusconi anche se è discutibile,ma dalla torre sempre e solo i magistrati veri ignoranti...

Marco bruno

Ven, 13/09/2013 - 01:25

È chi controlla i controllori? Orribile sospetto, e se la magistratura fosse "spinta" dalla concorrenza a eliminare l'ILVA ? Non esiste azienda senza colpe, soprattutto in Italia, se la magistratura vuole può mettere in ginocchio chiunque, persona o azienda, se poi risulterà innocente intanto il danno resta.

gianni59

Ven, 13/09/2013 - 02:31

ma ci siete o ci fate? Sono anni che si invita a mettere a norma (come nel resto d'Europa) gli impianti, ma non è stato fatto nulla anzi si è nascosto tutto...nel frattempo in Austria, a Linz, una delle più grandi acciaierie d'Europa sotto la minaccia del sindaco di chiudere tutto (siccome lì sanno che fanno sul serio) ha riconvertito tutto e oggi produce uno dei migliori acciai del mondo, con emissioni praticamente nulle e controllate ogni mese da vari organismi cittadini..pensate che ora hanno ricominciato a fare nelle vicinanze ALLEVAMENTI BIOLOGICI! Quindi non date la colpa ai magistrati che dopo anni d'attesa e frodi macroscopiche (grazie alla solita politica corrotta e compiacente) non hanno potuto far altro che applicare la legge...(per non parlare di questa storia dei comunisti...non se ne può più...siete proprio ossessionati)

Tipperary

Ven, 13/09/2013 - 04:03

Thank you very much Italian,Vielen Dank Italien, merci beaucoup Italie ,bol'shoye spasibo ital'yanskim. Allez allez ! Plus fort !

Andrea Cucina

Ven, 13/09/2013 - 04:35

Oggi, navigando su internet ho letto che in Messico, durante un comizio, hanno ammazzato a colpi di machete un deputato della sinistra........mica succederà anche questo in Italia, magari con la roncola visto che il macete da noi non si usa?????? Non lo auguro, ma ho paura che pian piano ci si possa arrivare. Attenzione a scherzare col fuoco, ci si potrebbe bruciare.

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Ven, 13/09/2013 - 07:43

i giudici hanno già distrutto il tessuto industriale italiano.

tanax

Ven, 13/09/2013 - 08:35

Ma quanti miliardi ha incamerato la famiglia riva? e il tutto non adottando le norme più elementari, intossicando cittadini e lavoratori. Ed ora passa al solito ricatto occupazionale!! E cmq complimenti al giornale, col titolo sulla home page, è riuscito a scatenare l'odio dei suoi lettori,indotto pavlovianamente, contro la magistratura. Ma non tutte le sentenze della magistratura si possono festeggiare allo stesso modo...come l'archiviazione del caso razzi-scilipoti............ma ancora a dx non se ne sono fatti una ragione.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Ven, 13/09/2013 - 08:51

Quella"magistrata"di Taranto va fermata,cocciuta e tigna,sono cinquant'anni che il siderurgico inquina e ora questa Giovanna d'Arco al contrario sta facendo crollare quel poco di economia che è rimasta in piedi,ora chiediamo agli epifani,ai landini ,alle camusso,e al prsidente indaffarato tra cariatidi e senatori a vita,che si mobilitino e la smettano di difendere i privilegi degli statali,radunino tutti gli operai che da domani saranno a spasso e li portino con la loro organizzazione,con o senza bandiere rosse,sotto le finestre di costei e se necessario i paesi coinvolti blocchino strade,ponti,negozi e scuole.Bisogna finirla con questa magistratura che grazie a un disgraziato periodo in mano al trattorista molisano deborda da tutte le parti.Forza Camuni,fuori le palle,fatevi sentire perbacco!!!

ciannosecco

Ven, 13/09/2013 - 09:03

“Quando il giudice si considera legibus solutus e piega le leggi al suo fine, foss’anche per intenti nobili, mette lo stato sullo stesso piano delle organizzazioni criminali” Corrado Carnevale (magistrato)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 13/09/2013 - 23:35

# tanax Prima di sedersi sul seggiolone e pontificare cerchi di informarsi. L'ILVA era di proprietà dello stato e nessun giudice ha mai osato ficcare il naso nelle "intossicazioni" statali. Quanto all'odio per la magistratura non occorre tirare in ballo i lavoratori dell'ILVA. CI HANNO GIA' PENSATO I GIUDICI DI MILANO CON LE PORCATE CONTRO BERLUSCONI E LA DEMOCRAZIA DEL NOSTRO PAESE.