Arriva la tassa sui viaggiatori

Chi deciderà di viaggiare su aerei o navi in partenza dalle grandi città dovrà pagare un’imposta aggiuntiva che non dovrebbe superare i due euro a passeggero

Chi deciderà di viaggiare su aerei o navi in partenza dalle grandi città dovrà pagare un’imposta aggiuntiva che non dovrebbe superare i due euro a passeggero. La misura è stata messa nero su bianco dall’Associazione dei Comuni che l’ha inserita nella bozza di decreto enti locali, ora al vaglio del Governo (e che dovrebbe essere approvata in prossimità della Pasqua).

Aeroporti e porti dei maggiori centri saranno, dunque, più cari. La nuova tassa servirà a finanziare le città metropolitane, soprattutto alla luce del debito ereditato dalle Provincie di cui hanno preso il posto e che, se non sanato, rischierebbe di mettere già in pre-dissesto i nuovi enti locali. Per quanto riguarda gli aerei, l’imposta sarà riscossa all’atto dell’imbarco a cura dei gestori dei servizi aeroportuali. Per le navi, invece, si tratterà invece di un’imposta di sbarco che toccherà alle compagnie di navigazione riscuotere.

Dovrebbero dormire sonni tranquilli i residenti, i lavoratori e i pendolari, per i quali sono previste delle esenzioni. Oltre a tali categorie di soggetti, potrebbero entrare nelle esclusioni anche altre ipotesi che, però, dovranno essere regolate a livello locale, sulla base delle singole scelte delle città metropolitane. La nuova tassa sui viaggiatori, dunque, scatterà per Roma, Napoli, Milano, Torino, Bari, Firenze, Bologna, Genova, Venezia e Reggio Calabria; l’addizionale aeroportuale e l’imposta di sbarco saranno applicate negli aeroporti e nei porti di Cagliari, Messina, Palermo e Catania.

Commenti

Palumbo

Sab, 21/03/2015 - 13:07

Vorremmo conoscere il nome di quello scienziato ministeriale che ha scoperto un nuovo metodo per mettere le mani ancora una volta nelle tasche degli italiani. La vergogna ormai non tacco nessuno dei vertici che i poveri italiano illusi hanno eletto. Quando finirà tutto questo? Dovrà a mio parere scorrere il sangue per cambiare l'Italia.

kayak65

Sab, 21/03/2015 - 13:19

Questa nuova rapina serve a mantenere le risorse della sboldrina e dello struzzo Renzi

Luis53

Sab, 21/03/2015 - 13:41

Grazie oggi non avevo ancora visto una nuova tassa ero preuccupato

SanSilvioDaArcore

Sab, 21/03/2015 - 15:55

Io metterei anche una tassa su chi in ferie non ci va... direi una decina di euro l'anno, così imparano a non far girare l'economia

cgf

Sab, 21/03/2015 - 15:57

*** Dovrebbero dormire sonni tranquilli i residenti, i lavoratori e i pendolari, per i quali sono previste delle esenzioni **** Quindi chi parte da Genova ma risiede... che so a Recco dovrà pagare perché non residente? SE SI allora anche tutti i Romani residenti nella capitale in quanto NON risiedono a Fiumicino oppure è considerato aeroporto di Roma e sono esentati ma pagano invece i residenti di Fiumicino? Un altro balzello per fare cassa che farà invece spendere più di quanto s'incasserà, invece di ridurre costi e personale, si continua [più che assumere] ad inventare lavori nuovi.

cgf

Sab, 21/03/2015 - 15:59

Parto da Milano con scalo a Fiumicino, devo pagare due volte visto che risiedo a Como? OK, la prossima volta parto da Zurigo allora che a conti fatti [soprattutto la certezza di partire ed arrivare] conviene.

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 21/03/2015 - 16:33

LADRI E POI LADRI.

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 21/03/2015 - 16:36

ohhhhhh finalmente iniziano ad abbassare le tasse!votate sinistra votate

Ettore41

Sab, 21/03/2015 - 16:47

Questo nuovo balzello ci riporta indietro al Medioevo quando, per attraversare un territorio, bisognava pagare l'obolo al signorotto locale. Vorrei sapere a Milano e Roma come vengono spesi i soldi dei cittadini quando i servizi sono fatiscenti e le starde piene di buche? Ridurre le spese no? Mettere piu' controlli sui mezzi pubblici, per esempio, e far pagare tutti quelli, specialmente immigrati, che non hanno il biglietto? Nel solo mese di Febbraio su Roma c'e' stato un movimento passeggeri di 2.778.000 unita', moltiplicato per Euro 2 fa 5.556.000.In un anno sono 66.672.000 euro. Cosa ci fara' Marino con questi soldi? Complimenti all'associazione dei Comuni, un'altra rapina autorizzata ai danni dei cittadini.

freud1970

Sab, 21/03/2015 - 16:48

NON SANNO PIU' COME DERUBARE GLI ITALIANI. QUESTA GENTE NON CAPISCE CHE IL GIORNO CHE IL POPOLO SCENDERA' IN PIAZZA, SARANNO AUGELLI SENZA ZUCCHERO

cgf

Sab, 21/03/2015 - 17:19

Pagare le tasse all'imbarco è una pratica che viene usata in [sempre meno] aeroporti/porti del terzo mondo. Vorrei solo far notare che a Fiumicino, oltre a circa 25Euro x l'aeroporto *in linea con i maggiori scali*, ci sono ANCHE sovraprezzi per al diritto d'imbarco per i controlli di sicurezza sui passeggeri e sul bagaglio a mano e security bag charge per circa altri 5/6 Euro, ci sono ANCHE 7,50 in più di competenza comunale, del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e del Ministero dell'Interno....

unosolo

Dom, 22/03/2015 - 14:40

mentre le compagnie e gli armatori erogano sconti o promozioni per incentivare i viaggi il governo permette una tassa per fermare o rallentare il turismo o in previsione del giubileo si sono avvantaggiati per tassare i pellegrini , praticamente tolgono soldi al popolo . La politica si mantiene ancora quello schifo di rimborso per i porta cellulari , scusate , portaborse . Questo come esempio terra terra , ma tutti quei strani diritti che si sono regalati ,,,,,,,