In arrivo le bollette della Tari: incassi per 8 miliardi

Lo studio di Federconsumatori: in quattro anni lo smaltimento dei rifiuti è cresciuto il triplo dell'inflazione

Nelle case degli italiani stanno arrivando i bollettini della Tari, la tassa sui rifiuti. L'esborso complessivo sarà pari a 8 miliardi di euro, secondo uno studio di Federconsumatori. L’aumento medio per quest’anno sarà del 2,84%. Per un appartamento di circa 100 metri quadri e un nucleo familiare di 3 persone l’aumento medio, tra il 2010 e il 2014, è stato pari al 20,65%: a conti fatti circa 50 euro, molto superiore all’inflazione (7%). Lo studio ha preso in esame gli importi della Tari 2014 nelle 110 città capoluogo e mette in evidenza la giungla tributaria prevista per questo prelievo: "Città che vai - sintetizza la Federconsumatori - Tari che trovi". L’impatto della nuova tassa sui bilanci delle famiglie risulta rilevante, non solo perché le cifre previste sono considerevoli ma soprattutto perchè nelle ultime settimane dell’anno si concentrano anche i termini di pagamento di altri tributi.

"Proprio in questi giorni, infatti, oltre alle scadenze di Tasi, Imu e addizionale Irpef - spiega la nota - i cittadini stanno ricevendo anche bollette di acconto o di saldo della nuova Tari 2014. Secondo le nostre previsioni l’incasso complessivo dei comuni ammonterà, per la Tari, a 8 miliardi, con un aumento medio per le famiglie italiane del +2,84% rispetto al 2013, senza considerare la componente servizi indivisibili". L’incremento, in valore assoluti, è di 8 euro, per una spesa complessiva media per una famiglia tipo che passa dai 282 euro della Tares 2013 ai 290 Euro per la Tari 2014.

L’aumento aumenta se si considerano gli ultimi quattro anni: sale al 20,65%, a fronte di un’inflazione nazionale nello stesso lasso di tempo del 7%. "Significa che l’aumento è stato il triplo del’inflazione", denuncia il vice presidente di Federconsumatori Mauro Zanini. L’incremento è particolarmente alto in alcuni comuni: del 165% a Reggio Calabria, del 105% a Sanluri, del 73% a Cagliari, del 63% a L’Aquila, del 61% a Palermo, Messina, Matera e Avellino, del +58% a Pisa, del +56% a Pescara e a Trapani e del +54% a Carbonia. In calo, invece, gli importi registrati a Cremona (-14%), a Verbania (-13%), a Caserta (-11%), a Cuneo (-9%) ed a Napoli e Udine (-8%).

La classifica delle 10 città più care vede in testa Cagliari, con una spesa di 532 Euro. Seguono Siracusa con 502 Euro, Reggio Calabria con 496 Euro, Salerno con 473 euro, Napoli con 463 euro, Catania con 434 euro, Grosseto con 414 euro, Carbonia con 412 euro, Benevento con 409 euro e Carrara con 406 euro. Si paga di meno, invece, a Cremona (con una spesa di 136 Euro), Isernia (155 euro), Udine (161 euro), Brescia e Belluno (175 euro), Vibo Valentia e Ascoli (185 euro), Mantova (186 euro), Verona (190 euro) e Trento (192 euro).

Tra le città più grandi Roma è al 17° posto, con una spesa annua di 372 euro, Palermo al 24° con 351 euro, Genova al 27° con 344 euro, Torino al 28° con 342 euro e Venezia al 29° con 341 euro. Alla 36 posizione troviamo Milano, (spesa annua di 320 euro) mentre Bari occupa il 40°, con una spesa di 317 euro. Bologna (56° posto) e Firenze (85° posto) si collocano al di sotto della media nazionale, rispettivamente con 277 euro e 222 euro di spesa annua.

Commenti
Ritratto di dbell56

dbell56

Gio, 18/12/2014 - 14:39

Beh certo che è aumentato! Con tutte le mazzette e magna magna che ci girano attorno nel prossimo futuro la spesa per la "monnezza" decuplicherà!

nerinaneri

Gio, 18/12/2014 - 15:23

...bene arrivati!...primo modo di'tosare'il popolino...

ex d.c.

Gio, 18/12/2014 - 15:49

Cosa dire degli immobili adibiti ad ufficio? Più di 900,00 euro per un locale di 100 mt dove naturalmente non viene prodotto nessun rifiuto. Ma sono protesta vane, la federconsumatori dovrebbe organizzare un rifiuto al pagamento

Ernestinho

Gio, 18/12/2014 - 15:55

In Italia la "munnezza" è un affare per molti! Comumque tra poco sentiremo l'ineffabile ministro Padoan affermare che il costo è diminuito!

Ernestinho

Gio, 18/12/2014 - 15:55

In Italia la "munnezza" è un affare per molti! Comunque tra poco sentiremo l'ineffabile ministro Padoan affermare che il costo è diminuito!

Ernestinho

Gio, 18/12/2014 - 16:00

Non dobbiamo lamentarci. Debbono pur vivere i politici, gli amministratori ecc., che vi pascolano intorno come le iene. Per loro la "munnezza" è oro, come i Rom, più della droga, come sosteneva uno degli ultimi indagati di Roma "caput mundi"!

Ernestinho

Gio, 18/12/2014 - 16:05

Ho calcolato che ogni volta che porto la busta della "munnezza" nell'apposito contenitore, mi costa sui 7-8 €. Peggio di noi stanno coloro che, avendo una casa al mare, come a Baia Domitia, sono costretti a pagarla per l'intero anno, anche se vi vivono, ed è facilente dimostrabile, solo per 2-3 mesi all'anno. Un bell'affare per molti, non c'è che dire!

rossono

Gio, 18/12/2014 - 16:13

la parola d'ordine sinistra: abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,abbiamo dato 80 euro,......

Ernestinho

Gio, 18/12/2014 - 16:40

Caro "rossono". Mi sembra di aver capito dal tuo commento: "abbiamo dato 80 euro". Hai perfettamente ragione: tanta pubblicità per quegli inutili, (vero "fumo negli occhi"), incostituzionali €. 80. Per tutti gli altri aumenti, tra cui ultimamente anche quello dell'IMU su TUTTI i terreni, nessun accenno. Anzi l'ineffabile ed insostituibile (!!!) ministro padoan (volutamente in minuscolo, non merita di meglio) sostiene pure che le tasse sono diminuite! Che faccia tosta!

vince50_19

Gio, 18/12/2014 - 17:28

Certo che è aumentata. Qui tutto aumenta ma di diminuzione di tasse solo si chiacchiera e di aumento del Pil .. aria fritta! La Troika detta e i soliti noti, inchinati, eseguono senza fiatare. Tanto nel c@@o ce l'abbiamo solo noi, popolo italiano, tranne i soliti "fortunelli" che fanno politica, soprattutto ad elevati livelli. E i pensionati d'oro che se la ridono alla grande!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di .MAFIAcapitale..

.MAFIAcapitale..

Gio, 18/12/2014 - 18:05

GRAZIE pd, GRAZIE pdl, GRAZIE p2

serg

Gio, 18/12/2014 - 18:58

ci vuole una rivolta sociale,sono un commerciante di biancheria e non faccio spazzatura ma pago 1300 euro al comune di Catania e mi sento derubato ma chiudero il prossimo anno come hanno fatto tutti e Catania sta diventando una citta deserta cosa fare ?una rivolta ma sono solo ho la mia eta meglio chiudere che rovinarsi le mani.la mafia sono loro i politici e i sindaci non pensano ai giovani tanto i loro figli sono gia occupati nei loro uffici.Povera italia !!!!!!!!!!!!

ilbarzo

Gio, 18/12/2014 - 19:04

D'altronde è necessario dover aumentare le tasse sulle bollette , per poter incamerare ancora milioni di euro,poichè tutto aumenta e guarda caso sono aumentate a dismisura anche le tangenti e le mazzette ai politici.Ai voglia Benigni ,di recitare in tv i dieci comandamenti,soffermandoti a lungo sul settimo.I politici non ci sentono,anzi fanno alla gara a chi ruba di piu'.

Ritratto di marione1944

marione1944

Gio, 18/12/2014 - 19:16

Quello che non riesco a capire è che se abito in un appartamento di, diciamo 200 mq. e ci abitiamo in due, pago uguale ad una famiglia che vive in 200 mq. e ci abitano in sei. Faranno pur loro che sono in cinque più rifiuti di noi due?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 18/12/2014 - 20:05

aumenta di poco.

Duka

Ven, 19/12/2014 - 08:02

QUESTO NON E' UNO STATO BENSI' UNA MEGA-MAFIA LEGALIZZATA