Ben 900mila italiani sono ricchi. Ma non lo sanno: ecco perché

Istituto di vigilanza per le assicurazioni (IVASS) sta analizzando i contratti e le polizze dormienti. Già scovate 187mila persone che non sapevano di dover incassare dei soldi

Trenta miliardi (30) di euro non sono pochi. E si tratta di una sorta di tesoro rinchiuso nei cassetti delle assicurazioni che in alcuni potrebbero tornare alla luce e finire nelle tasche o nei conti correnti di tanti italiani che, per un motivo o per un altro, non sanno di dover incassare un piccolo patrimonio.

Andiamo con ordine. Secondo quanto scrive Libero, l'Istituto di vigilanza per le assicurazioni (IVASS) nel dicembre del 2017 ha dato il via ad un monitoraggio sulle assicurazioni italiane. Al maggio 2018 ci sono circa 900mila contratti ancora da controllare "e vedere se i legittimi proprietari sono ancora in vita o i legittimi eredi possono incassare" una bella sommetta.

Il presidente dell'Ivass, Salvatore Rossi, ha voluto mettere il naso su quelle polizze che le assicurazioni avrebbero fatto "impropriamente" ammuffire nei propri forzieri. Si tratta delle cosiddette "polizze dormienti". E così ha chiesto i dati degli intestatari e li ha incrociati con quelli dell’Agenzia delle entrare, riuscendo per il momento a scovare ben 187mila polizze che dovranno essere versate a ignari cittadini. Si tratta per ora di una cifra complessiva di 3,5 miliardi di euro. Mica male. Nel 62% dei casi erano prodotti di risparmio giunti a scadenza (1,5 miliardi di valore) e poi c’è un 38% di contratti di assicurati deceduti mai reclamati dagli eredi (valore da quasi 2 miliardi di euro).

"Entro il 30 ottobre 2018 - si legge però in una nota ufficiale diffusa nei giorni scorsi dall'Istituto per la vigilanza e riportata da Libero - le imprese dovranno comunicare all'Ivass i codici corretti per un nuovo incrocio con l'anagrafe Tributaria; sarà richiesto anche di inviare ulteriori codici fiscali relativi alle polizze scadute nel 2017 e nel quinquennio 2001-2006, arrivando così a coprire in totale 16 anni di possibile dormienza". Da questo confronto potrebbero uscire altri intestatari fortunati tra quei 900mila contratti ancora da analizzare.

Commenti

Yossi0

Mer, 05/09/2018 - 13:33

rara avis in terris, il Sig. Rossi, direbbe qualcuno comunque apprezzabile iniziativa in un paese dove normalmente succede il contrario

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 05/09/2018 - 14:59

Assicurazioni e banche, tutte brave personcine.

VittorioMar

Mer, 05/09/2018 - 16:41

...e lo STATO NON DIRITTO DI PRELAZIONE ?...SONO SUOI CITTADINI DECEDUTI O SMEMORATI....oltre gli EREDI legittimi !!

Una-mattina-mi-...

Mer, 05/09/2018 - 17:35

E PERCHE' NON GLI MANDANO UN AVVISO PER RACCOMANDATA?

sparviero51

Mer, 05/09/2018 - 18:56

ASSICURAZIONI,BANCHE E TASSINARI SONO I PEGGIORI LADRI NEL MONDO !!!

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mer, 05/09/2018 - 19:01

L'equivalente di una finanziaria lacrime e sangue.