Ecco i governatori di Regione che ci hanno aumentato l'Irpef

Dal 2015, i governatori hanno la possibilità di elevare l'addizionale Irpef sino al 3,33%. Ecco chi l'ha sfruttata per fare cassa

Nel 2015 la stragrande maggioranza dei governatori italiani ha deciso di non aumentare l’addizionale regionale Irpef. Rispetto al 2014 in tredici Regioni la situazione è rimasta inalterata, in due, Calabria e Molise, le aliquote sono addirittura diminuite e in altre tre, Emilia Romagna; Lombardia e Provincia Autonoma di Trento, il ritocco è stato leggerissimo. Solo in tre territori, Lazio, Liguria e Piemonte, gli aumenti sono abbastanza consistenti, soprattutto per i contribuenti con redditi che superano i 35mila euro.

"La quasi totalità delle Regioni ha deciso di non aumentare l’aliquota fino al livello massimo - spiega il segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi - dal 2015, infatti, i governatori hanno la possibilità di elevarla sino al 3,33%: opzione che è stata sfruttata solo dal Piemonte, per i redditi oltre i 75mila euro, e dal Lazio". Come ricorda Bortolussi, infatti, la legge di Stabilità ha tagliato 3,5 miliardi di euro di trasferimenti alle Regioni a statuto ordinario. "Nonostante ciò - continua - non aver agito sulla leva fiscale dimostra che la stragrande maggioranza dei Presidenti ha operato con un grande senso si responsabilità nei confronti dei propri residenti". Le Regioni che hanno aumentato le addizionali Irpef sono il Lazio, la Liguria e il Piemonte, mentre quelle che le hanno ritoccato leggermente sono l'Emilia Romagna, la Lombardia e la Provincia autonoma di Trento. Le Regioni che hanno addirittura diminuito le addizionali Irpef sono la Calabria e il Molise. Tutte le altre Regioni (ben tredici) hanno, invece, deciso di non modificare le addizionali Irpef.

Come ricorda la Cgia di Mestre, alcune regioni sono state obbligate per legge a ritoccare le aliquote. Per differenziare le aliquote delle addizionali, da quest’anno i governatori hanno l’obbligo di fare riferimento ai medesimi scaglioni di reddito Irpef. Di conseguenza, l’Emilia Romagna, la Liguria e la Lombardia hanno dovuto modificare il meccanismo di differenziazione vigente sino al 2014. Calabria e Molise, invece, hanno ridotto l’imposta: a differenza dell’anno scorso, nel 2015 non hanno applicato la maggiorazione dello 0,3% prevista per legge per le regioni che sono sottoposte ai piani di rientro a causa del deficit sanitario. Nella Provincia Autonoma di Trento, dove viene applicata l’aliquota base del 1,23% su tutti i livelli di reddito, dal 2015 è stata eliminata l’aliquota dello 0,5% che si applicava sui redditi al di sotto dei 15mila euro. Sotto questa soglia di reddito, pertanto, si verificano degli aumenti di imposta che, però, non interessano i pensionati, per i quali la Provincia Autonoma ha azzerato l’aliquota, procurando per questi contribuenti un risparmio di imposta.

Commenti

aldoroma

Sab, 09/05/2015 - 10:37

poi parlano che non ci saranno nuove tasse..........ma grazie, siete solo dei gran bugiardi...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 09/05/2015 - 10:43

toh... guarda caso, nella regione lazio c'è zingaretti, del PD! toh... guarda caso, nella regione liguria e piemonte ci sono giunte del PD al governo! a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca :-) che razza di bestie siete, comunisti della malora!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 09/05/2015 - 11:01

No mortimermouse, le bestie sono quelli che li votano. Loro sono solo furbi, e ladri, ovvio.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Sab, 09/05/2015 - 11:09

In Piemonte, da quando abbiamo il "buon" Chiamparino, la mia addizionale regionale è aumentata del 300%. Forse le mutande verdi costavano meno di quelle rosse. Sekhmet.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 09/05/2015 - 12:08

Piangono,piangono,per poi batter cassa."tanto tuonò che piovve" ,appunto.

Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Sab, 09/05/2015 - 12:09

....Oh ..mi raccomando O miei concittadini genovesi.... Votate tutti come al solito compatti per i compagni!!!! Se no' poi come potete mugugnare?????? Vergogna!!!

Ernestinho

Sab, 09/05/2015 - 12:38

Certamente non è simpatico vedersi depredare lo stipendio o la pensione anche di più di €. 500 ed oltre. E ben sappiamo la fine che fanno questi "prelievi"

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 09/05/2015 - 12:50

Il Piemonte rosso è pigro quando c'è nebbia e voglioso di vacanze e di mare in primavere ed estate.E così ogni volta votano credendo di votare i "lavoratori" mentre votano i "padroni",gli stessi di "Repubblica","La Stampa" ed il Corsera".

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 09/05/2015 - 13:23

RENZI HA PERMESSO DI AUMENTARE, LA COLPA E' SOLO SUA E DEI TAGLI PER FAR BELLA FIGURA CON I SUOI PADRONI DEL N:W:O: NON FATEVI PRENDERE IN GIRO USATE LA TESTA E RAGIONATE. PAGATE 3 VOLTE LE TASSE IN ITALIA + IVA ED ACCISE. LAVORATE PER NIENTE

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 09/05/2015 - 16:46

E per chi come me Lombardo residente all'Estero e come tale iscritto all'AIRE, faccio sapere che l'Iscrizione comporta lo spostamento del domicilio fiscale a Roma!!! E quindi CORNUTI e MAZZIATI da una Regione il Lazio che non solo è la piu cara,ma che inoltre si "BECCA" le addizionali IRPEF di tutti quelli che erano residenti in altre regioni Italiane!!! Le quali regioni OVVIAMENTE non ricevendo piu le addizionali SOSPENDONO il diritto sanitario del medico di base!! Cosi fanno le leggi i FURBACCIONI che ci hanno S/governato e che ci stanno S/governando. EVVIVA I S/GOVERFURBI (copyright) Saludos dal Leghista Monzese